Bianca Andreescu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bianca Andreescu
Andreescu WM17 (12) (36183654685).jpg
Bianca Andreescu nel 2017
Nazionalità Canada Canada
Altezza 170 cm
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 117 - 46 (71,78%)
Titoli vinti 1 WTA, 1 WTA 125s, 5 ITF
Miglior ranking 23ª (25 marzo 2019)
Ranking attuale 23ª (25 marzo 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2019)
Francia Roland Garros 2T (2019)
Regno Unito Wimbledon 1T (2017)
Stati Uniti US Open Q1 (2017, 2018)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 29 - 15 (65,91%)
Titoli vinti 0 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 147ª (16 luglio 2018)
Ranking attuale 534ª (18 marzo 2019)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 18 marzo 2019

Bianca Vanessa Andreescu (Mississauga, 16 giugno 2000) è una tennista canadese.

In carriera ha vinto un titolo WTA, ovvero il Premier Mandatory di Indian Wells nel 2019, torneo disputato grazie ad una wildcard. Inoltre, vanta tre titoli ITF in singolare e uno in doppio. Il 25 marzo 2019 ha raggiunto la posizione n° 23, suo best ranking, mentre il 16 luglio 2018 ha raggiunto la posizione 147 nel doppio. Con la finale nel torneo di Auckland, diventa la quarta tennista nata nel nuovo millennio a raggiungere tale traguardo: prima di lei solo Olga Danilović, Dajana Jastrems'ka e Anastasija Potapova.

Ha riportato vittorie contro giocatrici ex numero uno del mondo come Caroline Wozniacki, Venus Williams, Garbiñe Muguruza e Angelique Kerber.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bianca Andreescu è nata nella città canadese Mississauga. Ha origini rumene ed ha iniziato a giocare a tennis all'età di sette anni. I suoi idoli sono Kim Clijsters e Simona Halep. Nel circuito juniores ha vinto l'Australian Open in singolare, mentre in doppio il Roland Garros, entrambi nel 2017. E' allenata da Sylvain Bruneau.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2015-2017: circuito ITF[modifica | modifica wikitesto]

A soli 15 anni, nel 2015, la tennista raggiunge la sua prima finale ITFa Gatineau, dove viene sconfitta dalla statunitense Alexa Glatch con il risultato di 4-6, 3-6 e partecipa alle qualificazioni del torneo Premier 5 di Toronto. Nel 2016 al torneo di Gatineau vince il suo primo titolo ITF nel singolare e nel doppio, ma successivamente perde entrambe le finali al torneo ITF di Saguenay. Nello stesso anno partecipa alle qualificazioni del torneo Premier 5 di Montreal ma al secondo turno perde dall'ucraina Kateryna Bondarenko. Nel 2017 vince i tornei ITF di Rancho Santa Fe e di Santa Margherita di Pula, rispettivamente contro le statunitensi Kayla Day e Bernarda Pera e l'anno si conclude con la vittoria anche nel doppio al torneo di Saguenay.

2017-2018: prima finale WTA in doppio[modifica | modifica wikitesto]

Bianca Andreescu a Washington nel 2017

Prende parte alle qualificazioni per il Roland Garros, ma viene sconfitta nel primo turno da Tereza Smitková con il punteggio di 1-6 6-3 3-6. A Wimbledon riesce ad estromettere tutte e tre le avversarie nelle qualificazioni, per poi uscire di scena nel primo turno per mano di Kristína Kučová (4-6 3-6). Dispunta il torneo di Washington eliminando Camila Giorgi per 5-7 6-3 6-4 e Kristina Mladenovic per 6-2 6-3, prima di cedere in rimonta ad Andrea Petković (7-6(3) 1-6 2-6). Nel doppio, in coppia con l'americana Louisa Chirico, raggiunge i quarti di finale, perdendo poi dalla coppia Jessica Moore e Jocelyn Rae. A Toronto viene sconfitta in due sets da Tímea Babos all'esordio, mentre nel doppio raggiunge il secondo turno. Tenta di entrare nel main draw agli US Open, ma fallisce venendo sconfitta da Liu Fangzhou. Nel torneo del Quebec, in patria, supera facilmente Jennifer Brady, ma viene estromessa da Lucie Hradecká per 6-2 2-6 5-7. Tuttavia, in doppio raggiunge la prima finale WTA in carriera con la connazionale Carson Branstine, dove vengono sconfitte nettamente dalla coppia Babos/Sestini Hlaváčková. Nei tornei di Linz e Lussemburgo non va oltre il primo turno di qualificazione.

Il 2018 inizia con l'eliminazione al primo turno di qualificazioni agli Australian Open, mentre al Roland Garros non va oltre il terzo turno di qualificazione, come a Wimbledon. Agli US Open viene sconfitta al primo turno di qualificazione.

2019: primo Premier Mandatory e Top 30[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la stagione come la 152a tennista del ranking e prende parte al torneo di Auckland. Dopo aver superato le qualificazioni, dove è stata costretta a rimontare nell'ultimo turno contro Laura Siegemund, elimina rispettivamente: Tímea Babos per 6-4 7-6(6); Caroline Wozniacki, numero tre del mondo, con un doppio 6-4 e Venus Williams, numero trentanove del mondo ed ex numero uno, per 6(1)-7 6-1 6-3[1]. Successivamente, si impone anche su Hsieh Su-wei con un doppio 6-3, approdando alla prima finale WTA in singolare in carriera. La finale la vede opposta a Julia Görges, ex top ten, contro la quale perde in rimonta con il punteggio di 6-2 5-7 1-6. Allo slam australiano, dopo essere passata dalle qualificazioni, raggiunge il secondo turno, perdendo dalla lettone Anastasia Sevastova per 3-6, 6-3, 2-6. A fine gennaio vince il suo primo torneo WTA 125s, il torneo di Newport Beach, sconfiggendo in finale l'americana Jessica Pegula con il punteggio di 0-6, 6-4, 6-2. Partecipa al torneo di Acapulco, dove arriva in semifinale perdendo contro Sofia Kenin, che si impone in tre sets.

Raggiunge la finale agli Indian Wells, eliminando in ordine: Irina-Camelia Begu per 6(3)-7 6-3 6-3; Dominika Cibulková per 6-2 6-2; Stefanie Vögele per 6-1 6-2; Wang Qiang, numero diciotto del ranking, per 7-5 6-2; Garbiñe Muguruza, ventesima tennista in classifica, alla quale lascia un solo game ed Elina Svitolina, numero sei del mondo, per 6-3 2-6 6-4. In finale sfiderà Angelique Kerber. Grazie a queste vittorie, entra di diritto nella Top 40, precisamente alla posizione numero trentatre, migliorando di ventisette posizioni il proprio ranking. Inoltre, è la prima tennista a raggiungere tale traguardo da wildcard.[2] Precedentemente, solo tenniste del calibro di Kim Clijsters (2006) e Serena Williams (2015) hanno raggiunto la semifinale.[3] Il 17 marzo si sbarazza della Kerber con il punteggio di 6-4 3-6 6-4, diventando la prima tennista nata nel nuovo millennio a vincere un Premier Mandatory. In seguito, sale alla posizione numero ventiquattro.

A Miami supera nuovamente la Begu con una splendida rimonta da 4-6 1-5 a 7-6(2) nel secondo parziale e 6-2 nel set decisivo. Inoltre, riesce a salvare anche un match point sul servizio dell'avversaria sul punteggio di 2-5.[4] Nel turno successivo sfida Sofia Kenin, liquidandola con un doppio 6-3. In seguito, estromette Angelique Kerber (6-4 4-6 6-1), in un remake della finale degli Indian Wells. Tuttavia, questo match è ricordato per il saluto a rete della visibilmente scossa Kerber, in quanto definisce la canadese "drama queen", ovvero regina delle sceneggiate. Negli ottavi è opposta ad Anett Kontaveit, contro la quale si ritirerà sul punteggio di 1-6 0-2 per problemi alla spalla destra. Per quanto riguarda il ranking, sale di una posizione (23a).

Statistiche WTA[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (2)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (0)
WTA 125s (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 27 gennaio 2019 Stati Uniti Oracle Challenger Series - Newport Beach, Newport Beach Cemento Stati Uniti Jessica Pegula 0-6, 6-4, 6-2
2. 17 marzo 2019 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Germania Angelique Kerber 6-4, 3-6, 6-4

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda:
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 6 gennaio 2019 Nuova Zelanda ASB Classic, Auckland Cemento Germania Julia Görges 6-2, 5-7, 1-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda:
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 17 settembre 2017 Canada Coupe Banque Nationale, Québec Sintetico (i) Canada Carson Branstine Ungheria Tímea Babos
Rep. Ceca Andrea Sestini Hlaváčková
3-6, 1-6

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (5)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (5)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 14 agosto 2016 Canada Challenger Banque Nationale de Gatineau, Gatineau Cemento Stati Uniti Elizabeth Halbauer 6-2, 7-5
2. 26 febbraio 2017 Stati Uniti Del Mar Financial Partners Inc. Open, Rancho Santa Fe Cemento Stati Uniti Kayla Day 6-4, 6-1
3. 2 aprile 2017 Italia Forte Village International Tournament, Pula Terra rossa Stati Uniti Bernarda Pera 6(8)-7, 6-2, 7-6(8)
4. 21 ottobre 2018 Stati Uniti Florence Open, Florence Cemento Giappone Mari Ōsaka 6-4, 2-6, 6-3
5. 18 novembre 2018 Stati Uniti Sooner Open, Norman Terra Battuta Colombia María Camila Osorio Serrano 6-1, 6-0

Sconfitte (4)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (3)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 2 agosto 2015 Canada Challenger Banque Nationale de Gatineau, Gatineau Cemento Stati Uniti Alexa Glatch 4-6, 3-6
2. 24 ottobre 2016 Canada National Bank Challenger Saguenay, Saguenay Cemento (i) Stati Uniti Catherine Bellis 4-6, 2-6
3. 1º aprile 2018 Giappone Kōfu International Open Tennis, Kōfu Cemento Thailandia Luksika Kumkhum 3-6, 3-6
4. 8 aprile 2018 Giappone Kashiwa Open, Kashiwa Cemento Thailandia Luksika Kumkhum 3-6, 6(4)-7

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (3)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (1)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
No. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 14 agosto 2016 Canada Challenger Banque Nationale de Gatineau, Gatineau Cemento Canada Charlotte Robillard-Millette Giappone Mana Ayukawa
Regno Unito Samantha Murray
4-6, 6-4, [10-6]
2. 29 ottobre 2017 Canada National Bank Challenger Saguenay, Saguenay Cemento (i) Canada Carol Zhao Stati Uniti Francesca Di Lorenzo
Nuova Zelanda Erin Routliffe
w/o
3. 22 luglio 2018 Canada Challenger Banque Nationale de Gatineau, Gatineau Cemento Canada Carson Branstine Taipei Cinese Hsu Chieh-yu
Messico Marcela Zacarías
4-6, 6-2, [10-4]

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
No. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 23 ottobre 2016 Canada National Bank Challenger Saguenay, Saguenay Cemento (i) Canada Charlotte Robillard-Millette Romania Elena Bogdan
Romania Mihaela Buzarnescu
4-6, 7-6(4), [6-10]

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato a fine Miami Open 2019

Torneo 2017 2018 2019 Titoli V-P
Grande Slam
Australia Australian Open, Melbourne A LQ 2T 0 / 1 1-1
Francia Roland Garros, Parigi LQ LQ 0 / 0 0-0
Regno Unito Wimbledon, Londra 1T LQ 0 / 1 0-1
Stati Uniti US Open, New York LQ LQ 0 / 0 0-0
Giochi Olimpici
Giochi Olimpici Non disputati 0 / 0 0-0
WTA Finals
WTA Finals Non qualificata 0 / 0 0-0
WTA Premier Mandatory
Stati Uniti Indian Wells A A V 1 / 1 7-0
Stati Uniti Miami A A 4T1 0 / 1 3-1
Spagna Madrid A A 0 / 0 0-0
Cina Pechino A A 0 / 0 0-0
WTA Premier 5
Emirati Arabi Uniti Dubai / QatarDoha A A A 0 / 0 0-0
Italia Roma A A 0 / 0 0-0
Canada Toronto/Montréal A A 0 / 0 0-0
Stati Uniti Cincinnati 1T A 0 / 1 0-1
Giappone Tokyo / Cina Wuhan A A 0 / 0 0-0
Statistiche totali
Tornei giocati 2 0 3 N/A 5
Finali 0 0 2 N/A N/A
Titoli 0 0 1 1/5 1
V-P Totali 0–2 94-41 31-4 1/5 120-47
V % 0% 70% 89% N/A N/A
Ranking a fine anno 182 178 N/A N/A

1 si ritira nel quarto turno del torneo.

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna partecipazione

Doppio misto[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna partecipazione

Vittorie contro giocatrici Top 10[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2019 Totale
Vittorie 4 4
# Giocatrice Ranking Evento Superficie Turno Punteggio
2019
1. Danimarca Caroline Wozniacki 3 Nuova Zelanda Auckland Open, Auckland Cemento 2T 6-4, 6-4
2. Ucraina Elina Svitolina 6 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento SF 6-3, 2-6, 6-4
3. Germania Angelique Kerber 8 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento F 6-4, 3-6, 6-4
4. Germania Angelique Kerber (2) 4 Stati Uniti Miami Open, Miami Cemento 3T 6-4, 4-6, 6-1

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]