Norman (Oklahoma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norman
city
(EN) City of Norman
Norman – Bandiera
Norman – Veduta
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Oklahoma.svg Oklahoma
ConteaCleveland
Amministrazione
SindacoLynne Miller
Territorio
Coordinate35°13′18″N 97°25′06″W / 35.221667°N 97.418333°W35.221667; -97.418333 (Norman)Coordinate: 35°13′18″N 97°25′06″W / 35.221667°N 97.418333°W35.221667; -97.418333 (Norman)
Altitudine357 m s.l.m.
Superficie490,54 km²
Abitanti110 925 (2010)
Densità226,13 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale73019, 73026, 73069, 73070, 73071, 73072
Prefisso405
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Norman
Norman
Norman – Mappa
Sito istituzionale

Norman è un comune (city) degli Stati Uniti d'America e capoluogo della contea di Cleveland nello Stato dell'Oklahoma. La popolazione era di 110,925 abitanti al censimento del 2010, il che la rende la terza città più popolosa dello stato e la 236ª città più popolosa della nazione. Si trova 20 miglia (30 km) a sud dal centro di Oklahoma City nella sua area metropolitana.

Norman fu colonizzata durante la corsa alla terra del 1889, che aprì le terre non assegnate del Territorio indiano agli insediamenti dei pionieri americani. La città prende questo nome in onore di Abner Norman, l'agrimensore iniziale dell'area, e venne formalmente incorporata il 13 maggio 1891. Economicamente la città ha un'istruzione superiore di primo piano e industrie di ricerca correlate, dato che è la sede dell'Università dell'Oklahoma, la più grande università dello stato, con circa 30.000 studenti iscritti. L'università è ben nota per i suoi eventi sportivi da parte di squadre sotto la bandiera del soprannome "Sooners", con oltre 80.000 persone che frequentano regolarmente partite di football americano. L'università è sede di numerosi musei, tra cui il Fred Jones Jr. Museum of Art, che contiene la più grande collezione di opere sull'Impressionismo francese mai assegnata ad un'università americana, così come il Sam Noble Oklahoma Museum of Natural History.

Il National Weather Center, situato a Norman, ospita una collezione unica di organizzazioni universitarie, statali, federali e private che collaborano per migliorare la comprensione degli eventi legati all'atmosfera terrestre. Norman si trova all'interno del Tornado Alley, una regione geografica in cui l'attività di tornado è particolarmente frequente e intensa. L'area metropolitana di Oklahoma City, incluso Norman, è l'area più soggetta a tornado del mondo. Il Storm Prediction Center (SPC), una filiale del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) si trova presso il NWC. Il SPC prevede gravi esplosioni di tempeste e tornado su tutto il territorio nazionale. Inoltre, la ricerca è condotta presso il co-situato National Severe Storms Laboratory (NSSL), che comprende ricerche sul campo e gestisce vari radar meteorologici sperimentali.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo United States Census Bureau, ha un'area totale di 189,4 mi² (490,54 km²).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La regione dell'Oklahoma divenne parte degli Stati Uniti con l'Acquisto della Louisiana nel 1803. Prima della guerra civile americana il governo degli Stati Uniti iniziò a trasferire le Cinque Tribù Civilizzate - le cinque tribù native americane che gli Stati Uniti riconoscevano ufficialmente tramite trattato - nell'Oklahoma. I trattati del 1832 e del 1833 assegnarono l'area oggi nota come Norman alla nazione Creek.[1]

In seguito alla guerra civile, i Creek furono accusati di aiutare la Confederazione e, come risultato, cedettero la regione agli Stati Uniti nel 1866.[1] Nei primi anni 1870, il governo federale decise di mappare queste terre non assegnate. Abner Ernest Norman, un geometra di 23 anni del Kentucky, venne assunto per supervisionare parte di questo progetto.[1] Il gruppo di lavoro di Norman allestì un campo vicino a quello che è oggi l'angolo delle strade Classen e Lindsey; è lì che gli uomini, forse scherzosamente, incisero un cartello su un olmo che recitava "Norman's Camp", in onore del loro giovane capo.[1][2] Nel 1887, la Atchison, Topeka and Santa Fe Railway iniziò il servizio nell'area,[1] che fu successivamente aperto all'insediamento come parte della corsa alla terra del 1889;[1][3] i primi coloni decisero di mantenere il nome "Norman".[1][2]

Il 22 aprile 1889, la corsa alla terra vide la fondazione di Norman, con almeno 150 residenti che passavano la notte in campeggi di fortuna;[1] dal mattino seguente il centro della città era già in costruzione.[1] Quasi immediatamente due importanti uomini d'affari di Norman, l'ex agente di trasporto ferroviario Purcell Delbert Larsh e il capo cassiere della stazione ferroviaria Thomas Wagoner, iniziarono a fare pressioni affinché il governo territoriale fondasse la sua prima università aNorman.[1] I due erano interessati a far crescere la città e avevano pensato che, piuttosto che cercare di influenzare le legislature per localizzare la capitale territoriale pesantemente contesa a Norman, aveva senso cercare di assicurarsi la prima università dello stato (una mossa che sarebbe molto meno controversa).[1] Il 19 dicembre 1890, Larsh e Wagoner riuscirono con il passaggio del Council Bill 114, a fondare l'Università dell'Oklahoma a Norman, circa diciotto anni prima che l'Oklahoma diventasse uno stato.[1]

La città di Norman venne formalmente incorporata il 13 maggio 1891.[4] La città continuò a crescere nel corso dei decenni. Nel 1902 il distretto del centro della città comprendeva due banche, due hotel, un mulino e altre attività commerciali; nel 1913 c'erano più di 3.700 residenti a Norman quando la Oklahoma Railway Company decise di estendere il suo tram interurbano tra Oklahoma City e Moore a Norman, stimolando un ulteriore crescita della popolazione.[5] Le linee ferroviarie alla fine passarono al trasporto merci durante gli anni 1940, quando si sviluppò il sistema delle U.S. Routes. La popolazione della città raggiunse i 11.429 abitanti nel 1940.[6]

Nel 1941, l'Università dell'Oklahoma e i funzionari della di Norman fondarono il Max Westheimer Field, una pista di atterraggio dell'università, e poi la affittarono alla U.S. Navy come Naval Flight Training Center nel 1942.[5] Il centro di addestramento fu usato per addestrare i piloti durante seconda guerra mondiale. Un secondo centro di addestramento, noto come Naval Air Technical Training Center, e un ospedale navale furono in seguito creati a sud.[5] Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale la pista di atterraggio fu trasferita al controllo dell'università.[7] Oggi la pista di atterraggio si chiama University of Oklahoma Westheimer Airport. Dopo la guerra, la presenza militare rimanente e veterani del dopoguerra venuti a Norman per ottenere un'educazione di nuovo crebbero la popolazione della città, che fu di 27.006 abitanti nel 1950.[5][6] La Navy utilizzò nuovamente le basi in una minore capacità dal 1952 al 1959 a sostegno dello sforzo della guerra di Corea.[5]

Con il completamento della Interstate 35 nel giugno 1959,[8] Norman trovò il suo ruolo di comunità dormitorio di Oklahoma City che portò alla sua crescita; nel 1960 la popolazione di Norman era di 33.412 abitanti, ma alla fine del decennio era aumentata fino a 52.117 abitanti.[5][6] Durante gli anni 1960 la massa terrestre di Norman aumentò di 174 miglia quadre (450 km²) annettendo le aree circostanti.[5] Le tendenze di crescita della città continuarono all'inizio del XXI secolo, con una popolazione che raggiungeva i 95.694 abitanti nel 2000[5][6] e di 110.925 abitanti nel 2010.[6][9]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[10] del 2010, la popolazione era di 110,925 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 79,68% di bianchi, il 4,32% di afroamericani, il 4,74% di nativi americani, il 3,83% di asiatici, lo 0,08% di oceanici, l'1,89% di altre razze, e il 5,46% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 6,38% della popolazione.

Persone legate a Norman[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Persone legate a Norman (Oklahoma)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l David W. Levy, The University of Oklahoma: A History (Volume I), University of Oklahoma Press. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  2. ^ a b About the City, City of Norman. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  3. ^ Oklahoma's Land Runs, Oklahoma Genealogy Web. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  4. ^ Norman: Our History, City of Norman. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  5. ^ a b c d e f g h O'Dell, Larry, Norman, Encyclopedia of Oklahoma History. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  6. ^ a b c d e Census of Population and Housing, U.S. Census Bureau. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2006).
  7. ^ Max Westheimer Field, rv-9.com. URL consultato il 14 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2010).
  8. ^ Cockerell, Penny. "50 Years: As the intersection of Interstates 35, 40, and 44, Oklahoma is at America's crossroads." The Daily Oklahoman June 29, 2006: 2A.
  9. ^ Biggest Cities in Oklahoma, GeoNames. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  10. ^ Norman, Oklahoma Population: Census 2010 and 2000 Interactive Map, Demographics, Statistics, Quick Facts, CensusViewer. URL consultato il 14 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126668620 · LCCN (ENn80090009 · GND (DE4281402-9 · BNF (FRcb124910696 (data)
Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America