Ana Konjuh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ana Konjuh
Konjuh WM17 (23) (36183607035).jpg
Ana Konjuh nel 2017
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 174 cm
Peso 65 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 141 – 93 (60,26%)
Titoli vinti 1 WTA, 1 ITF
Miglior ranking 20ª (31 luglio 2017)
Ranking attuale 385ª (29 ottobre 2018)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2016, 2017)
Francia Roland Garros 2T (2015, 2016, 2017)
Regno Unito Wimbledon 4T (2017)
Stati Uniti US Open QF (2016)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 12 – 14 (46,15%)
Titoli vinti 0 WTA, 0 ITF
Miglior ranking 176ª (24 luglio 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2017)
Francia Roland Garros 2T (2016, 2017)
Regno Unito Wimbledon 3T (2017)
Stati Uniti US Open 1T (2015, 2017)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 4 gennaio 2019

Ana Konjuh (Ragusa, 27 dicembre 1997) è una tennista croata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha tre sorelle; il padre è un uomo d'affari, la madre una casalinga. Risiede da tempo negli Emirati Arabi Uniti, a Dubai.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Juniores[modifica | modifica wikitesto]

Raggiunge ottimi risultati a livello giovanile, a Wimbledon 2012 ha raggiunto la finale del doppio ragazze insieme a Belinda Bencic ma sono state sconfitte da Eugenie Bouchard e Taylor Townsend.[1] Nel mese di dicembre 2012 vince il titolo under-18 all'Orange Bowl sconfiggendo tre teste di serie sulla sua strada, tra cui in finale Kateřina Siniaková.

La striscia positiva continua nel 2013 dove nel primo Slam stagionale, gli Australian Open, raggiunge la finale sia del singolare che del doppio ragazze in coppia con la canadese Carol Zhao. In singolo sconfigge nuovamente la Siniakova in due set mentre nel doppio ha la meglio sulla coppia Korashvili / Krejčíková per 5-7, 6-4, [10-7]. Grazie a questo risultato scavalca la stessa Siniakova e Taylor Townsend nella classifica juniores raggiungendo la prima posizione mondiale.[2] Si presenta al Roland Garros come prima testa di serie ma viene eliminata in semifinale dalla tedesca Antonia Lottner.

Agli US Open 2013 conquista il secondo Slam stagionale superando in quasi tre ore la statunitense Tornado Alicia Black per 3-6, 6-4, 7-66.

Professionista[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

Nel circuito ITF raggiunge a novembre la finale del GD Tennis Academy 27 dove viene sconfitta da Jovana Jakšić e la settimana successiva si ferma in semifinale al GD Tennis Academy 28.

2013[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio 2013 ottiene la prima convocazione in Fed Cup con la squadra croata e contribuisce alla vittoria del girone A grazie a due punti in singolare e uno nel doppio. Nei playoff contro la Polonia sconfigge a sorpresa la top-30 Urszula Radwańska in tre set combattuti.[3]

Torna in campo a maggio dopo essere stata a riposo per un infortunio alla spalla nei mesi precedenti. A Maribor supera le qualificazioni senza cedere set e nel tabellone principale si avventura fino alla finale dove viene sconfitta dalla slovena Polona Hercog.

Il 23 giugno 2013 vince il suo primo torneo ITF di 25.000 $, l'Open GDF SUEZ Montpellier contro la russa Irina Chromačëva per 6-3, 6-1.

A metà luglio partecipa all'Open 88 Contrexéville dove in singolare elimina due teste di serie prima di arrendersi, in semifinale e in tre set combattuti, alla spagnola Beatriz García Vidagany. Nel doppio invece avanza fino alla finale insieme alla connazionale Silvia Njirić ma vengono sconfitte per 7-63, 6-4 da Vanesa Furlanetto e Amandine Hesse.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'anno partecipando al suo primo torneo WTA, l'ASB Classic di Auckland grazie ad una wildcard per il tabellone principale[4], e al primo turno supera la testa di serie numero uno Roberta Vinci dopo aver recuperato un set di svantaggio.[5] Tuttavia viene eliminata al secondo turno da Lauren Davis che le rimonta il set di vantaggio chiudendo l'incontro con il punteggio di 2-6, 6-2, 6-2. Partecipa alle qualificazioni per l'Australian Open e concede solo un set, a Mathilde Johansson, nei tre match giocati ottenendo così l'accesso al suo primo Slam tra le professioniste. Il sorteggio le assegna come avversaria la cinese Na Li, già finalista due volte a Melbourne, che la sconfigge nettamente con il risultato di 6-2, 6-0. Appena conclusa l'avventura australiana annuncia che si sottoporrà a un intervento al gomito che la terrà lontana dai campi per diversi mesi.[6]

Poco dopo il suo rientro partecipa alle qualificazioni di Wimbledon dove riesce a vincere i tre incontri e quindi ad accedere al suo secondo Slam in carriera. Nel mese di luglio partecipa alla Istanbul Cup vincendo cinque match consecutivi (due nelle qualificazioni) e avanzando fino alla semifinale dove si arrende alla testa di serie numero due Roberta Vinci.[7]

2015: Il primo titolo WTA[modifica | modifica wikitesto]

Il 2015 della Konjuh comincia in Nuova Zelanda: a Aukland disputa il primo torneo dell'anno, dove raggiunge il secondo turno, venendo battuta da Elena Vesnina in 2 set. Agli Australian Open perde all'esordio contro Magdaléna Rybáriková, per 4-6 4-6. A Dubai, Indian Wells, Miami e Stoccarda non riesce a superare le qualificazioni. Al contrario, a Praga, passa le quali e batte Belinda Bencic per 7-5 66-7 7-63. Tuttavia perde al secondo turno dalla padrona di casa Klára Koukalová, per 4-6 6-2 2-6. A Madrid esce al primo turno delle qualificazioni contro Paula Badosa Gibert mentre al Roland Garros esce di scena al secondo turno per mano di Irina-Camelia Begu per 0-6 2-6. Comincia la stagione sull'erba, nella quale Ana Konjuh, al Nottingham Open, raggiunge per la prima volta quest'anno i quarti di finale, sconfiggendo Shelby Rogers (6-0 6-3) e Casey Dellacqua (6-4 6-2). Ai quarti sconfigge la sorpresa Sachia Vickery, per 6-2 6-2 mentre in semifinale elimina un'altra americana, Alison Riske, per 6-4 6-3. Così il 15 giugno disputa la prima finale WTA della carriera dove affronta la rumena Monica Niculescu. Il primo set è una disfatta per la croata, che vince solo un game e perde il set malamente. Nel secondo set cambia lo spartito e la Konjuh ottiene un break all'inizio. Questo viene recuperato dalla Niculescu nel finale ma Ana strappa il servizio nel 10° game, vincendo il set. La partita si protrae così al terzo set, dove la croata comanda e, con 2 break di vantaggio, porta a casa il match ed anche il primo torneo WTA della sua giovanissima carriera.

Statistiche WTA[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 15 giugno 2015 Regno Unito Nottingham Open, Nottingham Erba Romania Monica Niculescu 1-6, 6-4, 6-2

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 7 gennaio 2017 Nuova Zelanda ASB Classic, Auckland Cemento Stati Uniti Lauren Davis 3-6, 1-6

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 23 giugno 2013 Francia Open GDF SUEZ Montpellier, Montpellier Terra rossa Russia Irina Chromačëva 6-3, 6-1

Sconfitte (2)[modifica | modifica wikitesto]

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 12 novembre 2012 Turchia GD Tennis Academy, Antalya Terra rossa Serbia Jovana Jakšić 3-6, 1-6
2. 2 giugno 2013 Slovenia Infond Open, Maribor Terra rossa Slovenia Polona Hercog 6-3, 3-6, 3-6

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2014 2015 V--S
Australia Australian Open 1T 1T 0-2
Francia Open di Francia A 0-0
Regno Unito Wimbledon 3T 2-1
Stati Uniti US Open A 0-0
Totale 2-2 0-1 2-3

Doppio nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna partecipazione

Doppio misto nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna partecipazione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ wimbledon.com, Ana Konjuh - Wimbledon Profile, su wimbledon.com. URL consultato il 9 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2013).
  2. ^ australianopen.com, Konjuh wins girls' title and No.1 junior ranking, su australianopen.com, 26 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2013).
  3. ^ fedcup.com, Ana Konjuh - FedCup Profile, su fedcup.com. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  4. ^ ASB Classic, Rising star Ana Konjuh gets wildcard, su festivaloftennis.co.nz, 26 dicembre 2013. URL consultato il 26 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2013).
  5. ^ ubitennis.com, WTA Auckland: Vinci abbagliata dalla nuova stella Konjuh, su ubitennis.com, 31 dicembre 2013. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  6. ^ ubitennis.com, Lungo stop per la Konjuh: dopo l'AO intervento al gomito, su ubitennis.com, 9 gennaio 2014. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  7. ^ Tennis, Vinci in finale a Istanbul contro Wozniacki: battuta la Konjuh 6-4 6-2, gazzetta.it, 19 luglio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]