Pussy Riot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pussy Riot
Fotografia di Pussy Riot
Paese d'origine Russia Russia
Genere Riot grrrl
Punk rock
Periodo di attività 2011 – in attività
Sito web

Pussy Riot è un collettivo riot grrrl e punk rock russo, femminista e politicamente impegnato che agisce sotto rigoroso anonimato.

Pussy è un termine equivocabile in quanto significa sia gatto, sia, volgarmente, indica le parti intime femminili; riot significa rivolta.

Il gruppo è attivo a Mosca, città che fa da palcoscenico ai flash mob e alle performance estemporanee attraverso cui il gruppo dà espressione a provocazioni politiche nei confronti dell'establishment politico e istituzionale, su argomenti come la situazione delle donne in Russia, o, più recentemente, contro la campagna, e i presunti brogli elettorali, con cui, nel 2012, il primo ministro Vladimir Putin si sarebbe assicurato la rielezione per la seconda volta a presidente della Russia.

Nel mese di marzo 2012, tre donne del gruppo sono state arrestate con l'accusa di "teppismo e istigazione all'odio religioso"[1] per aver messo in scena, durante una celebrazione religiosa nella Cattedrale di Cristo Salvatore, un'esibizione non autorizzata contro Putin.

Il loro caso ha attratto notevole interesse, sia in Russia, sia nella comunità internazionale, a causa dei presunti abusi a cui sarebbero state sottoposte durante la custodia, e per la minaccia incombente di una sentenza severa, fino a sette anni di detenzione, secondo le misure previste dalla leggi varate in Russia in tempi recenti rispetto ai fatti[2].

La loro performance, tuttavia, ha guadagnato loro anche l'ostilità di una parte della società russa, che vi ha percepito un'offesa alla propria sensibilità religiosa e alle proprie tradizioni[3][4]: sollecitando l'intervento pubblico di condanna della massima autorità religiosa russa, il patriarca Cirillo I, che, durante una liturgia nella Chiesa della Deposizione della Veste, auspicando una risposta severa nei confronti di un gesto blasfemo[5].

Il 17 agosto 2012, ha avuto luogo la lettura della sentenza, durante la quale sono state dichiarate colpevoli rispetto ai capi d'accusa di cui erano imputate[1] e condannate a una pena di 2 anni di reclusione[6], pari al minimo edittale.

Performance e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Le Pussy Riot a Lobnoe Mesto, sulla Piazza Rossa

Il loro abbigliamento usuale è costituito da indumenti vivacemente colorati, costituiti da vestiti leggeri su collant, indossati anche quando il freddo è più intenso. Inoltre, per nascondere la propria identità, utilizzano un travestimento ottenuto calandosi sul viso dei balaclava colorati, indossati sia nelle esibizioni, sia nelle interviste, durante le quali dissimulano la loro identità utilizzando sempre degli pseudonimi al fine di tutelare l'anonimato. Il collettivo è composto da circa 10 artiste, oltre a una quindicina di persone che si occupano degli aspetti tecnici della ripresa e dell'editing dei video, ai fini della loro pubblicazione e diffusione attraverso la rete Internet[7][8]. Tra le principali fonti di ispirazione, il collettivo cita gruppi musicali punk rock e Oi!, come Angelic Upstarts, Cockney Rejects, Sham 69, Era e The 4-Skins[9][10]

Altre fonti dichiarate di ispirazione sono le band punk rock statunitensi Bikini Kill e il movimento Riot grrrl degli anni novanta. A tale proposito, hanno affermato: "quello che abbiamo in comune è l'impudenza, testi che si nutrono di argomenti politici, l'importanza delle tematiche femministe, e un'immagine femminile non-standard"[11].

Protesta anti-Putin nella Cattedrale di Cristo Salvatore[modifica | modifica wikitesto]

Nadezhda Tolokonnikova, condotta alla sbarra davanti alla corte distrettuale di Taganskij
Yekaterina Samutsevitch durante il processo
Maria Alyokhina nella gabbia degli imputati

Il 21 febbraio 2012, nell'ambito di una protesta contro la rielezione di Vladimir Putin, tre artiste del gruppo si sono introdotte nella Cattedrale di Cristo Salvatore, tempio della Chiesa ortodossa russa a Mosca e, dopo essersi fatte il segno della croce, hanno cercato di mettere in scena una canzone. In meno di un minuto, sono state scortate fuori dalle guardie[12]. Le riprese della performance sono state poi usate per creare un video clip della performance.

La canzone mette in scena una sorta di preghiera punk, con un'invocazione a Theotókos (Madre di Dio, cioè la Beata Vergine Maria; in russo, Bogoroditse), affinché "mandi via Putin". Il ritornello è su musica di Sergej Rachmaninov (Bogoroditse Dievo, radusya, dai Vespri, in russo: Богородице Дево, радуйся?)[13]. La canzone menziona anche il Patriarca russo Cirillo I, indicandolo come qualcuno che crede più in Putin che in Dio[14] e dandogli esplicitamente della puttana.[15]

Nel libro “Una preghiera punk per la libertà. Lettere dal carcere, poesie, canzoni, dichiarazioni al processo del gruppo punk che ha scosso il mondo", un testo sostanzialmente agiografico, e dunque non sospetto di parzialità, edito dalla casa editrice "Il saggiatore", nel 2012, è riportato l'intero testo - non edulcorato - della contestata canzone, in cui, fra l'altro, le Pussy Riot così si esprimevano:

“Merda, merda, merda del Signore.

Merda, merda, merda del Signore” (ib., pag. 19).

Arresto e procedimento giudiziario[modifica | modifica wikitesto]

Indagini e arresto[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2012, a seguito di operazioni di indagine che hanno visto in campo reparti della polizia antiterrorismo[2], le autorità russe hanno arrestato due presunte appartenenti al gruppo, Maria Alëchina (23 anni all'epoca dei fatti) e la siberiana Nadežda Tolokonnikova (22 anni), accusate di teppismo. Entrambe le donne hanno dapprima negato l'affiliazione del gruppo e hanno iniziato uno sciopero della fame per protesta contro il regime di detenzione[16]. Il 16 marzo, è stata arrestata un'altra donna, Ekaterina Samucevič (29 anni), già ascoltata in precedenza come testimone del caso[17]

Sottoposte a interrogatori, le tre donne non hanno mai rivelato agli inquirenti i nomi delle altre componenti coinvolte nell'azione di protesta[2].

Profilo delle accusate[modifica | modifica wikitesto]

  • Marija Alëchina, nata a Mosca il 6 giugno 1988, è studentessa al quarto anno dell'Istituto di giornalismo e scrittura creativa e ha esperienze di volontariato umanitario e di attivismo ambientalista con Greenpeace Russia. Ha un bambino nato nel 2007, Philip[18] ed ha svolto un ruolo attivo nel processo, contro-interrogando i testimoni e mettendo aggressivamente in dubbio la natura delle accuse e lo stesso procedimento.[19]
  • Ekaterina Samucevič, nata il 9 agosto 1982, è una programmatrice di computer interessata a tematiche LGBT. Si è diplomata alla Scuola di fotografia e multimedia "Alexander Rodčenko" di Mosca. Ha un passato di attivismo politico nel gruppo di street-art Voina. A presenziare alle sessioni del processo vi era anche suo nonno, Stanislav Samucevič.[20]
  • Nadežda Tolokonnikova , nata a Noril'sk il 7 novembre 1989, è cresciuta nella sua città natale per poi trasferirsi a Krasnojarsk, Mosca e nuovamente a Noril'sk dove ha conseguito il diploma.[21] Studentessa di filosofia all'Università statale di Mosca, è sposata con Pëtr Verzilov e ha una figlia nata nel 2008[22]. Ha un passato di attivismo politico nel gruppo di street-art Voina (in russo: Война?, traslitterato: Voyna, Guerra) di cui ha fatto parte dal 2008, partecipando a numerosi eventi, tra cui la protesta del 29 febbraio 2008, contro l'elezione a presidente di Dmitrij Medvedev[senza fonte], organizzata nel "Museo biologico di Timiryazev di Mosca", durante la quale è stata messa in scena un'orgia di circa 20 persone. Nadezhda, allora diciottenne, era al nono mese di gravidanza e partorì 4 giorni dopo la protesta[23][24][25][26]. Nadežda possiede il permesso di soggiorno canadese (fatto da lei negato, anche se conferma che è stata in Canada)[27]. Suo marito Pëtr Verzilov è considerato il produttore ed ispiratore del gruppo Pussy Riot e possiede la cittadinanza canadese.[28].

Svolgimento del processo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo quasi tre mesi di detenzione, solo il 4 giugno 2012 è stato depositato un formale atto d'accusa nei loro confronti, composto di 2.800 pagine[29].

Il 4 luglio, le imputate sono state improvvisamente avvisate che avrebbero dovuto concludere e presentare le loro memorie difensive entro il 9 luglio. In risposta, le tre donne hanno annunciato uno sciopero della fame, sostenendo che i pochi giorni assegnati dalla corte non erano sufficienti a elaborare una linea difensiva in grado di far fronte ai ponderosi atti d'accusa[30]. Il 21 luglio, la corte ha prolungato di ulteriori sei mesi la loro carcerazione preventiva[31].

Dibattimento[modifica | modifica wikitesto]

Il processo alle tre donne è iniziato a Mosca il 30 luglio 2012. Accusate di "teppismo premeditato realizzato da un gruppo organizzato di persone motivate da odio o ostilità verso la religione o un gruppo sociale" (ovvero, i cristiani ortodossi[4]).

L'accusa così formulata le espone alla possibilità di una condanna fino a sette anni di carcere[32], con un minimo edittale commisurato a due anni[33].

Richieste dell'accusa[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 agosto 2012, durante la requisitoria avanti al Tribunale distrettuale di Mosca, il procuratore Alexander Nikiforov ha esplicitato le sue richieste, sollecitando la corte a pronunciarsi per una condanna a tre anni di detenzione[2][4]. Il procuratore ha motivato la sua pretesa di condanna delle presunte ree con considerazioni basate sulla loro condotta, da lui valutata come un'offesa premeditata ai danni della confessione ortodossa, e come lesiva di tradizioni nazionali millenarie[4]. Tale comportamento è stato aspramente stigmatizzato dal magistrato dell'accusa, che lo ha definito come socialmente pericoloso e fomentatore di un clima da guerra civile[4].

Nonostante la durezza della comminazione, almeno se giudicata secondo gli standard dei paesi giuridicamente avanzati, la pena ventilata dal pubblico ministero è stata giudicata più mite rispetto alle attese e ai timori dei sostenitori delle tre donne[2]. Secondo alcune fonti, dalla misura della pena non verranno scontati i mesi di carcerazione preventiva già inflitti[2], mentre secondo altri quel periodo verrà detratto come avviene di norma[34].

L'8 agosto 2012, il processo è entrato in una breve pausa, che prelude all'emissione del verdetto finale: infatti, conclusi in pochi giorni le fasi procedurali e dibattimentali riservate all'accusa e alla difesa, il tribunale ha annunciato la pronuncia della sentenza per il successivo 17 agosto[35].

Sentenza e detenzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2012, è iniziata la lettura del lungo dispositivo della sentenza durante la pronuncia della sentenza. Nel clima di attesa, si è creata un assembramento di persone nei pressi del tribunale distrettuale moscovita, con dispiegamento di una decina di autobus carichi di agenti in assetto antisommossa[36]. L'innesco di tensioni e tafferugli ha portato all'arresto di un centinaio di manifestanti[37], tra cui due esponenti dell'opposizione: Sergej Udal'cov[38], leader del Fronte della sinistra, e Garri Kasparov[39], pluricampione del mondo di scacchi, proveniente dalla coalizione L'Altra Russia. Tutti i fermati sono stati successivamente rilasciati ma vi è chi, come Kasparov, secondo l'agenzia giornalistica russa Interfax, rischia un processo e una condanna fino a 5 anni di reclusione[37].

La giudice Marina Syrova, incaricata della laboriosa lettura del lunghissimo dispositivo, ha dichiarato le tre donne colpevoli dei reati contenuti nei capi d'accusa formulati[1], con condanna delle ree a due anni di reclusione[6], in misura pari al minimo edittale. Il magistrato ha negato ogni connotazione politica alla sentenza, affermando che i motivi che stanno alla base del verdetto risiedono interamente nell'offesa ai danni della confessione religiosa ortodossa, perpetrata dalle tre donne in maniera consapevole e premeditata[1].

Gli avvocati della difesa si sono attivati per avocare a sé stessi la custodia legale dei figli di due delle condannate, al fine di scongiurare il rischio concreto che i minori vengano ceduti in adozione dalle autorità russe[36].

Il 10 ottobre 2012, in appello, Ekaterina Samucevič è stata scarcerata mediante cauzione, perché non prese parte alla protesta siccome era stata fermata e portata via prima che venisse attuata. Il 19 ottobre è stato rivelato che Yekaterina ha presentato un reclamo presso la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo, affermando che i suoi diritti sono stati violati durante i sei mesi di custodia cautelare. In alcuni casi, secondo la donna, non avrebbe ricevuto i pasti e le sarebbe stato impedito di dormire.[40]

È stata invece confermata la pena di due anni per Maria Alyokhina e la siberiana Nadezhda Tolokonnikova. Gli avvocati difensori hanno svelato i nuovi luoghi di detenzione delle due Pussy Riot: Nadezhda sconterà la pena nel campo di lavoro 14 di Partsa in Mordovia, 500 km a est di Mosca mentre Maria nel campo 28 della città di Berezniki, nei pressi dei monti Urali, a 1100 km a est della capitale.[41] La difesa ha chiesto la sospensione della pena per Maria e Nadezhda fino a quando i figli non avranno 14 anni.[42] Il 24 luglio 2013 le autorità russe hanno negato la sospensione della pena per Maria[43] ed il 26 luglio l'hanno negata anche a Nadezhda.[44]

Nel luglio 2013 Maria Alyokhina viene trasferita da Berezniki ad un'altra colonia penale, il campo 2 di Nižnij Novgorod dove sconterà il resto della pena.[45][46]

Nel settembre 2013 Nadezhda Tolokonnikova incomincia uno sciopero della fame per denunciare le dure condizioni di lavoro e le minacce di morte che afferma di aver ricevuto. In una lettera pubblicata sul blog della band la donna sostiene che le detenute del Campo 14 sono costrette a lavorare fino a 17 ore al giorno in una fabbrica che produce uniformi per la polizia e di essere stata minacciata dal vice direttore del carcere, che da parte sua oltre a rigettare le accuse ribadisce che le giornate di lavoro nel campo sono di sole 8 ore.[47][48] Per proteggerla dalle presunte intimidazioni, la Tolokonnikova è stata tuttavia trasferita a scopo precauzionale in una cella singola ed esonerata dal lavoro.[49] Successivamente è stata ricoverata in ospedale.[50] Il 21 ottobre 2013, dopo quasi tre settimane di ospedale dopo il digiuno e dopo aver nuovamente minacciato di riprendere lo sciopero della fame, Nadezhda ottiene il trasferimento nel vicino carcere di Alatyr', in Ciuvascia[51][52] ma a due settimane dal trasferimento non era ancora stata comunicata l'ubicazione esatta del nuovo carcere. Secondo i legali della ragazza, Nedezhda poteva essere nel più lontano campo di lavoro 1 di Čeljabinsk ma dopo un'ispezione la detenuta non è stata trovata lì.[53] Il 5 novembre viene rivelato dal marito della detenuta che Nadezhda è stata trasferita nel campo di lavoro 50 di Nižnij Ingaš, nel distretto omonimo, in Siberia centrale.[54] L'amministrazione penitenziaria ha motivato questo trasferimento dichiarando che riportando la detenuta nella sua regione di origine (Territorio di Krasnojarsk), si possa favorire il suo processo di risocializzazione. Nadezhda infatti ha ancora la residenza a Noril'sk, sua città natale, in Siberia settentrionale.[55] Il 14 novembre viene però rivelato che la detenuta non ha mai raggiunto Nižnij Ingaš. È stata invece trasferita provvisoriamente in un ospedale carcerario del capoluogo Krasnojarsk, a causa delle sue precarie condizioni di salute.[56]

La Scarcerazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 dicembre 2013 viene approvata all'unanimità dalla Duma, nonostante la contrarietà di Vladimir Putin, l'amnistia per Marija Alëkhina e Nadežda Tolokonnikova. Questo per il 20º anniversario della Costituzione russa che ha permesso la scarcerazione di altre 25 mila persone in tutta la nazione. La liberazione viene effettuata per entrambe le donne il 23 dicembre, circa 2 mesi e mezzo in anticipo rispetto quanto stabilito dalla sentenza.[57][58][59] Il 24 dicembre Marija Alëkhina ha raggiunto Nadežda Tolokonnikova a Krasnojarsk, dove hanno trascorso il Natale, per discutere su un nuovo progetto legato alla difesa dei diritti umani.[60] Il 27 dicembre, durante la loro prima conferenza stampa a Mosca, Maria e Nadezhda dichiarano che la loro posizione contro Vladimir Putin non è cambiata e di voler iniziare un progetto di difesa dei diritti dei detenuti nelle carceri e nei campi di lavoro russi.[61]

Commenti sulla sentenza[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la diffusione della notizia della sentenza, sono giunte alle tre condannate manifestazioni di solidarietà dal mondo occidentale[62].

L'amministrazione statunitense si è espressa negativamente sulla sentenza, definendo "sproporzionata" la condanna rispetto ai fatti contestati[62]; la Russia è stata invitata a una revisione del caso e a garantire la libertà di espressione[62]. Sullo stesso tenore il governo francese, il cui ministro degli esteri, Laurent Fabius, ha diramato una nota ufficiale.

Negativo anche il commento dell'OSCE-Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, con sede a Vienna, che si è fatta sentire attraverso la rappresentante per la libertà di stampa, la bosniaca Dunja Mijatovic[63]. Nel giudizio dell'OSCE, la sentenza da considerarsi come lesiva dei diritti fondamentali dell'uomo: «Le accuse di vandalismo a scopo religioso non possono essere utilizzate per limitare la libertà d'espressione. Le dichiarazioni, anche se provocatorie o satiriche, non dovrebbero essere soppresse e non dovrebbero essere condannate con la prigione»[63].

La cancelliera federale tedesca, Angela Merkel, ha definito la condanna "sproporzionatamente severa" e "non conforme ai valori europei di democrazia e stato di diritto, ai quali la Russia è legata in virtù della sua appartenenza al Consiglio d'Europa"[62].

Alcuni esponenti del clero ortodosso hanno assunto posizioni concilianti all'indomani della condanna. Due di essi, che pure avevano appoggiato il processo, hanno concesso il perdono alle condannate[37]: si tratta di Tichon Ševkunov, del Monastero di Sretensky di Mosca, ritenuto il consigliere spirituale di Putin, e dell'arciprete Maksim Kozlov[37].

Piotr Verzilov, il marito di Nadežda Tolokonnikova e ispiratore delle Pussy Riot, ha definito le colonie penali della Mordovia come l’inferno delle prigioni.[64]

Reazioni all'arresto e al processo[modifica | modifica wikitesto]

Sostegno manifestato al CSD 2012 di Berlino

Numerose sono state le reazioni pubbliche, di vario segno, sia sul piano interno, sia a livello internazionale.

Reazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tutte e tre le esponenti delle Pussy Riot finite sotto processo sono state riconosciute come prigionieri politici dalla Union of Solidarity with Political Prisoners (SPP)[65].

Amnesty International le ha nominate prigioniere di coscienza, in ragione della "severità della risposta delle autorità russe"[66]. Infatti, si fa notare, la Corte europea dei diritti dell'uomo è ripetutamente intervenuta per affermare che la libertà di espressione si applica non solo alle idee inoffensive, "ma anche a quelle che offendono, scandalizzano o disturbano lo Stato o settori della popolazione"[66].

Le accusate hanno ricevuto pubblico sostegno da molti artisti e personalità anglosassoni e di fama internazionale, come Anti-Flag,[67] Corinne Bailey Rae,[68] The Beastie Boys,[69] Björk,[70][71] Jarvis Cocker,[68] Cornershop,[68] Die Antwoord,[69] Faith No More,[72] Franz Ferdinand e Alex Kapranos,[68] Peter Gabriel,[73] Genesis,[74] Peter Hammill,[75] Kathleen Hanna,[76] Zola Jesus,[69] The Joy Formidable,[68] Courtney Love,[77] Madonna[2][78], Johnny Marr[68], Paul McCartney[79][80], Kate Nash[68], Yoko Ono[73][81], Peaches,[72] Pet Shop Boys e Neil Tennant,[68] Propagandhi,[82] Iiro Rantala,[74] Red Hot Chili Peppers,[83] Refused, Billie Joe Armstrong, Rise Against,[74] Patti Smith,[84][85] Sting,[83] Tegan and Sara,[86] Pete Townshend[68][87]. In Italia, come in quasi tutto il resto d'Europa, la vicenda è molto poco conosciuta, ma si possono annoverare tra coloro che hanno preso posizione in loro difesa Elio e le storie tese e Vasco Rossi[88]. L'attore britannico Stephen Fry[89] e Jón Gnarr, sindaco della capitale islandese Reykjavík ed ex stand-up comedian, hanno espresso il loro sostegno al gruppo[90].

Alla schiera dei sostenitori, il 17 agosto 2012, si è aggiunto il movimento ucraino FEMEN, che, al centro di Kiev, ha messo in atto una performance dissacratoria a sostegno delle tre donne, che ha avuto come obiettivo un Crocifisso dedicato alle vittime dello stalinismo[91]

Il 31 luglio 2012, il Financial Times ha pubblicato un editoriale in cui si sostiene che quello delle donne è diventato una "cause célèbre internazionale" a causa del trattamento da loro ricevuto[92] che prevede, tra l'altro, l'isolamento dai parenti a cui si aggiunge per due di esse, che sono madri, il divieto di incontrare i propri bambini. Le dichiarazioni del Financial Times parrebbero tuttavia essere smentite almeno da una visita che la Tolokonnikova ha ricevuto da una giornalista di Radio Svoboda, che l'ha intervistata, e dai suoi familiari, il marito Petr e la figlioletta Gera, che hanno accompagnato la reporter e che hanno potuto incontrare la congiunta.[93]

Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione europea ha fatto sentire la sua voce tramite l'Alto rappresentante per la politica estera e di difesa, Catherine Ashton, che ha espresso preoccupazione «per le irregolarità segnalate», «per le condizioni di detenzione» e per «la maniera in cui si svolge il processo, tenuto conto delle informazioni su atti di intimidazione contro gli avvocati, i giornalisti e gli eventuali testimoni»[94].

La rappresentante UE ha richiamato il paese al rispetto degli obblighi internazionali in materia di diritti civili e umani, invitando la Russia a garantire alle accusate un giusto processo[94].

Reazioni in Russia[modifica | modifica wikitesto]

Opinioni sfavorevoli a Pussy Riot[modifica | modifica wikitesto]

In Russia, alcune opinioni espresse da personalità prominenti sono state molto più severe.

La Chiesa ortodossa russa, ad esempio, si è espressa sulla questione ai suoi massimi livelli: il 21 marzo, officiando la liturgia nella Chiesa della Deposizione della Veste di Mosca, il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Cirillo I, ha condannato severamente l'azione delle Pussy Riot's, bollandola come blasfema e demoniaca:

«il Diavolo ci ha irrisi [...] Non abbiamo futuro se permettiamo che ci si prenda gioco di grandi luoghi sacri, e se alcuni vedono queste prese in giro come una sorta di valore, come un'espressione di protesta politica, come un'azione accettabile o uno scherzo innocuo»[5].

Il patriarca ha anche espresso parole di condanna nei confronti di quei credenti che hanno chiesto alla Chiesa ortodossa russa di perdonare le autrici[3]

Il regista Nikita Michalkov, presidente dell'Unione dei cineasti russi, si è attestato su posizioni vicine al Cremlino, quando, in un'intervista, ha affermato che sarebbe felice di firmare una lettera aperta contro le Pussy Riot[95].

La presa di posizione pubblica di Madonna in favore delle accusate, manifestata anche durante un concerto a Mosca, avrebbe seminato nervosismo tra molti funzionari dell'amministrazione russa[96], e innescato la reazione nervosa del vicepremier Dmitrij Rogozin, il quale, su Twitter, ha diffuso un testo che è stato interpretato dai media come un rozzo apprezzamento rivolto all'artista americana, in cui, pur senza mai citare esplicitamente la popstar, Rogozin faceva riferimento a una non meglio specificata donna, "in tournée all'estero", incline, a suo dire, come "ogni ex p.", a "dispensare in giro lezioni di morale"[97].

Reazioni in favore di Pussy Riot[modifica | modifica wikitesto]
Manifestazione di solidarietà a Mosca, il 6 maggio 2012
Marija Alëchina e Nadežda Tolokonnikova a Washington nel 2014.

A fine giugno 2012, una crescente inquietudine sulla detenzione del trio in attesa del processo, e la preoccupazione su quello che veniva avvertito come un trattamento arbitrario ed eccessivo, ha portato alla redazione di una lettera aperta. Il documento è stato firmato da figure di spicco dell'opposizione, ma anche da personalità di segno diverso, come il direttore Fëdor Bondarčuk, supporter di Putin, o come gli attori Čulpan Chamatova ed Evgenij Mironov, entrambi apparsi in video in favore della rielezione di Putin[98].

Anche gruppi di aderenti alla religione ortodossa hanno chiesto alla loro chiesa di perdonare le autrici[3]. L'atteggiamento conciliante di questi credenti è stato però condannato dallo stesso patriarca russo[3].

La cantante pop Alla Pugačëva si è appellata, a nome delle donne, affinché le accusate fossero adibite allo svolgimento di servizi sociali, piuttosto che condotte in prigionia[99].

Secondo il corrispondente della BBC, Daniel Sandford, "il loro trattamento ha causato profonda inquietudine tra molti russi, che – prendendo a prestito una frase dal processo del 1967 contro i Rolling Stones – percepiscono le donne come farfalle spezzate su una ruota"[100][101].

Nel luglio 2012, a sostegno del trio, il sociologo russo Alek D. Epstein ha pubblicato una silloge di opere di vari artisti russi, intitolata "Art on the barricades: Pussy Riot, the Bus Exhibit and the protest art-activism"[102].

Sondaggi tra la popolazione russa[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio di luglio, prima che il processo avesse inizio, un sondaggio condotto a Mosca ha rivelato che metà degli interrogati si schiera contro il processo, mentre il 36 per cento si esprime a favore, con i rimanenti che si dichiarano indecisi[3] Chi le difende, perora la loro innocenza, insistendo sul fatto che, con la loro protesta, non intendevano procurare offesa[32].

Un altro sondaggio condotto il 10-13 agosto 2012 dal Centro Analitico LEVADA tra le 1601 persone in 130 località e 45 regioni delle Russia ha prodotto i seguenti risultati:[103]

  • State seguendo lo svolgimento del processo riguardo al gruppo Pussy Riot che ha messo in scena un'esibizione nella Cattedrale di Cristo Salvatore prima delle elezioni presidenziali?
con grande attenzione 4%
con attenzione 14%
senza una particolare attenzione 39%
non seguo per niente 25%
non ho sentito niente a riguardo 14%
difficile rispondere 4%
  • Quali sentimenti vi suscitano i partecipanti del gruppo Pussy Riot?
Rispetto < 1%
Compassione 6%
Non posso dire nulla di male 5%
Neutrale, indifferenza 20%
Non posso dire nulla di buono 20%
Irritazione 14%
Ripugnanza 17%
Difficile rispondere 19%
  • Contro chi era rivolta la protesta della Cattedrale di Cristo Salvatore?
Contro la partecipazione della Chiesa in politica 16%
Contro la Chiesa e i credenti 14%
Conto Vladimir Putin 13%
Sono vere tutte e tre 20%
Difficile rispondere 36%
  • Quale è la ragione principale alla base del processo?
Indignazione della comunità ortodossa 41%
Un tentativo del governo di screditare e impaurire l'opposizione 12%
L'offesa/vendetta di patriarca Cirill I 8%
L'offesa/vendetta di Vladimir Putin 5%
Altro 2%
Difficile rispondere 32%
  • Chi è stato il promotore del processo contro le Pussy Riot?
Larga comunità ortodossa 23%
La Chiesa ortodossa russa 19%
Amministrazione del Presidente della Repubblica Russia 9%
Il patriarca Cirill I personalmente 6%
Il Presidente Vladimir Putin personalmente 4%
Altro 1%
Difficile rispondere 38%
  • Secondo voi il processo avviene in modo giusto, oggettivo ed imparziale?
Sicuramente si 11%
Probabilmente si 33%
Probabilmente no 13%
Sicuramente no 4%
Difficile rispondere 39%
  • Secondo voi la pena verrà comminata secondo le prove dimostrate durante il processo oppure secondo l'ordine dall'"alto"?
Secondo le prove dimostrate 36%
Secondo l'ordine dall'"alto" 18%
Sia la prima che la seconda in egual misura 15%
Difficile rispondere 31%
  • Come è cambiata la vostra fiducia nel sistema giudiziario Russo dopo il processo alle Pussy Riot?
Aumentata 5%
Invariata 55%
Abbassata 9%
Non c'era e non c'è 12%
Difficile Rispondere 19%
L'atteggiamento di Vladimir Putin[modifica | modifica wikitesto]

La crescente popolarità del caso giudiziario all'estero, sembra essere una manovra volta a procurare "imbarazzo"[2] al presidente Vladimir Putin, per il possibile danno alla sua immagine pubblica internazionale.

Secondo gli osservatori, il leader russo apparirebbe combattuto tra l'auspicio per una soluzione più morbida, che attenui l'esposizione mediatica della sua immagine, e l'esigenza di salvaguardare gli ottimi rapporti con le autorità religiose, non deludendo le aspettative della «sempre più presente e invadente»[2] Chiesa ortodossa russa, irrigidita su posizioni intransigenti di condanna, come quella espressa dalla persona dello stesso patriarca[5], Cirillo I.

Un esempio di questo imbarazzo trasparirebbe da un atteggiamento che Vladimir Putin, in una determinata occasione, ha esibito al cospetto dei mass media internazionali[104]. Interrogato a Londra, dove si era recato per assistere agli incontri olimpici di judo dei Giochi della XXX Olimpiade, il presidente russo ha risposto ai giornalisti auspicando, nei confronti delle tre indagate, una decisione improntata a clemenza[104].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Russia, processo a band: 'Pussy Riot colpevoli', ANSA, 17 agosto 2012
  2. ^ a b c d e f g h i Pussy Riot, l'accusa chiede 3 anni. Madonna dal palco: "Liberatele" in la Repubblica, 7 agosto 2012.
  3. ^ a b c d e Pussy Riot trial: A glance case against anti-Putin feminist rockers in New York Daily News, 30 luglio 2012. URL consultato il 30 luglio 2012.
  4. ^ a b c d e Lucia Sgueglia, Madonna: liberate Pussy Riot. Accusa chiede 3 anni, ANSA, 7 agosto 2012
  5. ^ a b c Pussy Riot reply to Patriarch, Russia Today, 27 marzo 2012.
  6. ^ a b Pussy Riot condannate a due anni di carcere, Rainews24, 17 agosto 2012
  7. ^ Corey Flintoff, In Russia, Punk-Rock Riot Girls Rage Against Putin, National Public Radio, 8 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  8. ^ Miriam Elder, Feminist punk band Pussy Riot take revolt to the Kremlin in The Guardian, 2 febbraio 2012.
  9. ^ (FI) Veli Itäläinen, Pimppimellakka omin sanoin in Fifi, Voima, 26 marzo 2012.
  10. ^ Henry Langston, A Russian Pussy Riot in Vice, marzo 2012.
  11. ^ Sergey Chernov, Female Fury in The St. Petersburg Times, 1º febbraio 2012, 1693 (4).
  12. ^ Интервью | Гости | Русская служба новостей, Rusnovosti.ru, 19 aprile 2012. URL consultato il 4 agosto 2012.
  13. ^ Carl Gardner, Свободу Pussy Riot!, 1º agosto 2012. URL consultato il 19 agosto 2012.
  14. ^ Pussy Riot, The text of the song in Russian, 21 febbraio 2012. URL consultato il 31 luglio 2012.
  15. ^ Tempi
  16. ^ Russian punk band Pussy Riot go on hunger strike in Moscow in The Week, 6 marzo 2012.
  17. ^ Third member of Pussy Riot charged over punk prayer, Russia Today, 16 marzo 2012.
  18. ^ One Year After Pussy Riot Verdict, Children Still Coming To Grips With Mothers' Jailing
  19. ^ Miriam Elder, Pussy Riot profile: Maria Alyokhina: Unofficial spokeswoman for Pussy Riot, Maria Alyokhina has challenged witnesses and remains defiant over the charges in The Guardian (Mosca), 8 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2012.
  20. ^ Miriam Elder, Pussy Riot profile: Yekaterina Samutsevich: Art lover Yekaterina Samutsevich, 29, warns of government campaign to instil fear among Russians with 'opposition' views in The Guardian (Mosca), 8 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2012.
  21. ^ "Mia figlia nel giorno del suo compleanno" | Russia Beyond the Headlines
  22. ^ Miriam Elder, Pussy Riot profile: Nadezhda Tolokonnikova: Philosophy student Nadezhda Tolokonnikova, 22, has been described as the evil genius behind Pussy Riot in The Guardian (Mosca), 8 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2012.
  23. ^ L'intervista con Nadezhda Tolokonnikova
  24. ^ Le foto della performance (Nadezhda Tolokonnikova al nono mese di gravidanza.
  25. ^ L'articolo su wikipedia in russo, traduzione automatica)
  26. ^ LiveLeak.com - Voina fucks for the heir Puppy Bear Video della protesta (Contiene scene di sesso esplicito)]
  27. ^ Google Translate
  28. ^ Google Translate
  29. ^ Участниц Pussy Riot официально обвинили в хулиганстве по мотивам религиозной ненависти (I membri delle Pussy Riot ufficialmente accusate di condotta disordinata motivata da odio religioso, in russo). traduzione Google
  30. ^ Jonathan Earle, Pussy Riot Suspects Go on Hunger Strike in The Moscow Times, 4 luglio 2012. URL consultato il 4 luglio 2012.
  31. ^ Russia extends jailing of Pussy Riot activists, Reuters, 21 luglio 2012. URL consultato il 21 luglio 2012.
  32. ^ a b Pussy Riot trial over Putin altar protest begins in The Guardian, 30 luglio 2012. URL consultato il 30 luglio 2012.
  33. ^ Catherine Belton, Khodorkovsky decries Pussy Riot trial in The Financial Times, 6 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  34. ^ Il Sole 24 Ore
  35. ^ Russia: il 17 agosto la sentenza contro le tre Pussy Riot, Adnkronos, 8 agosto 2012
  36. ^ a b Pussy Riot, colpevoli di "teppismo religioso", condannate a due anni di carcere, Corriere della Sera, 17 agosto 2012
  37. ^ a b c d Pussy Riot, rilasciati tutti gli arrestati. Kasparov rischia fino a cinque anni, la repubblica, 18 agosto 2012
  38. ^ Russia/ Pussy Riot, fermato oppositore Udaltsov davanti al tribunale, TM News, 17 agosto 2012
  39. ^ Russia: Pussy Riot, davanti al tribunale arrestato Kasparov, Agenzia Giornalistica Italia-AGI, 17 agosto 2012
  40. ^ http://news.yahoo.com/russia-pussy-riot-scarcerata-fa-ricorso-corte-europea-122225146.html
  41. ^ Pussy Riot, le ragazze sono già nelle famigerate colonie penali
  42. ^ Russia: avvocato conferma trasferimento Pussy Riot | News | La Repubblica.it
  43. ^ Pussy Riot: negata liberta' provvisoria a Maria Alyokhina - ASCA.it
  44. ^ Pussy Riot, niente scarcerazione anticipata per Nadezhda Tolokonnikova | Blitz quotidiano
  45. ^ Pussy Riot: domani 'Masha' cambia carcere in ANSA, 15 luglio 2013. URL consultato il 22 luglio 2013.
  46. ^ http://www.agi.it/estero/notizie/201308051454-est-rt10148-russia_pussy_riot_alyokhina_in_campo_lavoro_nizhni_novgorod
  47. ^ La drammatica testimonianza di una donna in un campo di rieducazione in Russia - [IFE Italia]
  48. ^ Pussy Riot, sciopero fame per la leader in carcere "Troppe minacce e lavoro durissimo" - Quotidiano Net
  49. ^ Pussy Riot: sciopero della fame, Nadezhda Tolokonnikova in isolamento
  50. ^ http://www.corriere.it/esteri/13_settembre_27/russia-pussy-riot-ricoverata-ospedale_9a5d7532-2795-11e3-94f0-92fd020945d8.shtml
  51. ^ La Pussy Riot Nadia vince la battaglia: sarà trasferita | Le persone e la dignità
  52. ^ Pussy Riot, Nadia Tolokonnikova trasferita in un altro carcere | Russia Beyond the Headlines
  53. ^ Giallo Pussy Riot: perse le tracce dopo trasferimento di carcere
  54. ^ Pussy Riot, Nadia spedita in Siberia, in un campo di lavoro a 5mila km da Mosca - Repubblica.it
  55. ^ Consigliere Cremlino: Pussy Riot Tolokonnikova in carcere Siberia
  56. ^ http://www.cdt.ch/mondo/cronaca/95579/la-pussy-riot-nadia-sta-bene.html
  57. ^ Putin firma la grazia per Khodorkovski / VIDEO "Pussy Riot? Hanno umiliato dignità donne" - Quotidiano Net
  58. ^ La Stampa - Russia, arriva l’amnistia In libertà due Pussy Riot e gli attivisti di Greenpeace
  59. ^ Russia, liberate le Pussy Riot Nadia e Maria: «Pronte a cantare di nuovo in Chiesa» - Il Messaggero
  60. ^ Pussy Riot liberate al lavoro in Siberia su progetto diritti umani
  61. ^ La Stampa - Pussy Riot, la battaglia continua: “Vogliamo ancora cacciare Putin”
  62. ^ a b c d Pussy Riot condannate a 2 anni di carcere Proteste e solidarietà in Occidente, Adnkronos, 17 agosto 2012
  63. ^ a b Russia: Osce su Pussy Riot, a rischio libertà espressione, Agenzia Stampa Cattolica Associata-ASCA, 17 agosto 2012
  64. ^ La Stampa - Pussy Riot trasferite in colonie penali Gli attivisti: Una decisione brutale
  65. ^ (RU) Троих предполагаемых участниц Pussy Riot признали политзаключенными [Three of the alleged participants of Pussy Riot recognized as political prisoners] in Росбалт, 25 marzo 2012. traduzione Google
  66. ^ a b Russia: Release punk singers held after performance in church, Amnesty International, 3 aprile 2012. URL consultato il 4 aprile 2012.
  67. ^ Russian punk band Pussy Riot needs your help, 10 agosto 2012.
  68. ^ a b c d e f g h i Jarvis Cocker exhorts Putin over Pussy Riot case, BBC News, 2 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  69. ^ a b c (RU) КАК PUSSY Riot СТАЛИ СВОИМИ В МИРОВОМ шоу-бизнесе, http://interviewrussia.ru. URL consultato l'11 agosto 2012 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2012).
  70. ^ "here comes a statement in defense of pussy riot" - Björk's official Facebook profile, Björk, 10 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  71. ^ Statement in defense of pussy riot, 10 agosto 2012, dal sito ufficiale di Björk
  72. ^ a b Canadian artist Peaches to release 'Free Pussy Riot' video, Google News, 9 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  73. ^ a b Henry Meyer, Madonna Urges Freedom For Anti-Putin Punk Girls At Concert, Bloomberg, 8 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  74. ^ a b c Kira Kalinina, Western artists weigh in on Pussy Riot case, The Voice of Russia, 1º agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  75. ^ "Защита в стиле «рок». Гэбриэл, Стинг и Хэммил — о суде над Pussy Riot".
  76. ^ Lindsay Eanet, Kathleen Hanna: 'We Are All Pussy Riot' in BlackBook, 9 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  77. ^ Love, Courtney (12 agosto 2012). Twitter / Courtney: BBC News - Russian girl band Pussy Riot deny hooliganism charge Retrieved 2012-08-16
  78. ^ Madonna asks for leniency for Pussy Riot in Australian Associated Press, Yahoo News, 7 agosto 2012. URL consultato l'8 agosto 2012.
  79. ^ "Paul sends his support to Russian band Pussy Riot." - Paul McCartney's official Twitter profile, Paul McCartney, 16 agosto 2012. URL consultato il 16 agosto 2012.
  80. ^ Russia: Paul McCartney scrive alle Pussy Riot, avete il mio sostegno, Agenzia Stampa Cattolica Associata-ASCA, 17 agosto 2012
  81. ^ Yoko Ono yesterday called for the young women’s release on her Twitter Inc. account
  82. ^ Support Russian Band PUSSY RIOT!, Propagandhi, 1º agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  83. ^ a b 'Set them free': Sting calls for Pussy Riot release from 'appalling' detention, RT, 26 luglio 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  84. ^ Madonna, Patti Smith, Sting and Red Hot Chili Peppers calling for Pussy Riot's release
  85. ^ Khristina Narizhnaya, Pussy Riot Trial Nears Verdict in Moscow in Rolling Stone, 7 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  86. ^ Tegan and Sara, Twitter, Tegan and Sara, 8 agosto 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  87. ^ Pop stars line up to support jailed Russian female punk band Pussy Riot who dared to criticise Putin, Daily Mail. URL consultato il 4 agosto 2012.
  88. ^ Vasco Rossi come Madonna Solidarietà per le Pussy Riot, La Stampa, 8 agosto 2012. URL consultato il 17 agosto 2012.
  89. ^ George Stroumboulopoulos, I Wanna Riot: This Russian Punk Band May Get Seven Years In Prison, CBC, 30 luglio 2012. URL consultato il 10 agosto 2012.
  90. ^ Reykjavik Mayor Supports Jailed Pussy Riot in RIA Novosti, 11 agosto 2012. URL consultato l'11 agosto 2012.
  91. ^ Femen, a seno nudo per Pussy Riot, ANSA, 17 agosto 2012
  92. ^ Editoriale:, The Pussy Riot act (per accedere interamente ai contenuti, è richiesta la registrazione), The Financial Times, 31 luglio 2012. URL consultato il 1º agosto 2012.
  93. ^ Russia Oggi
  94. ^ a b "Tre anni di carcere per le Pussy Riot". La richiesta del pm per il trio punk, La Stampa, 7 agosto 2012
  95. ^ (RU) Mikhalkov against Pussy Riot in echomsk.spb.ru, 25 luglio 2012. (traduzione Google)
  96. ^ Madonna: dopo Pussy Riot i gay. L'ira di Mosca: "è una puttana", Agenzia Giornalistica Italia-AGI, 10 agosto 2012
  97. ^ Nel testo russo (Каждая бывшая б. с возрастом стремится читать всем лекции о морали. Особенно во время зарубежных турне и гастролей...), Rogozin un'abbreviazione puntata che è stata generalmente intesa come a voler indicare l'equivalente russo dell'italiano puttana. Si veda, ad esempio: Madonna: dopo Pussy Riot i gay. L'ira di Mosca: "è una puttana", Agenzia Giornalistica Italia-AGI, 10 agosto 2012
  98. ^ Miriam Elder, Russians join in call for Pussy Riot trio's release in The Guardian, 30 giugno 2012. URL consultato il 30 giugno 2012.
  99. ^ Russia's Pop Queen Wants Freedom for Pussy Riot, RIA Novosti, 16 aprile 2012. URL consultato il 16 aprile 2012.
  100. ^ Daniel Sandford, Pussy Riot trial: Muscovites reflect on divisive case in BBC News Online, 30 luglio 2012. URL consultato il 30 luglio 2012.
  101. ^ la frase ha origine da una citazione tratta dall'epistolario del poeta inglese Alexander Pope. In "Epistle to Dr. Arbuthnot", del gennaio 1735, Pope usava la frase "Who breaks a butterfly upon a wheel?" volendosi riferire a un inutile accanimento, paragonato al voler sottoporre le farfalle al supplizio della ruota.
  102. ^ Valery Ledenev, Борьба продолжается!, artchronika.ru, 23 luglio 2012. URL consultato il 25 luglio 2012.
  103. ^ Google Translate | Il sondaggio (tradotto automaticamente dal Russo)
  104. ^ a b Miriam Elder, Pussy Riot trial: Vladimir Putin calls for leniency, The Guardian, 3 agosto 2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]