Collettivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La parola collettivo indica, in politica, un insieme di persone accomunate da una qualsiasi caratteristica o interesse, che arriva a formare un'associazione o comunque un gruppo.[1]

Collettivi politici[modifica | modifica sorgente]

Il collettivo è importante nella politica di molti gruppi sociali, spesso di sinistra, come possono essere un gruppo di lavoratori dipendenti, o l'insieme delle persone addette alle attività di un centro sociale autogestito, ma anche chi si occupa di femminismo.

Collettivi studenteschi[modifica | modifica sorgente]

In una scuola, può indicare sia una riunione di classe cui partecipano solo gli studenti per discutere problemi comuni o prepararsi ad attività più ampie come quella dell'Assemblea d'Istituto, sia un'organizzazione studentesca vera e propria, di solito facente parte di una sola scuola, che si occupa di problematiche e di attività interne, e a volte anche di lotta sociale e politica.

Significati[modifica | modifica sorgente]

Un nome è collettivo quando indica un insieme di persone, animali, o cose, ed è sempre singolare. Esempi: "una flotta (nome collettivo) di navi"; "la gente (nome collettivo)".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ De Mauro - collettivo. (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]