Courtney Love

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Courtney Love
Courtney Love al Carnegie Hall nel 2009.
Courtney Love al Carnegie Hall nel 2009.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Grunge
Alternative rock
Riot grrrl
Periodo di attività 1985 – presente
Album pubblicati 1 solista
Studio 1 solista, 4 con la sua band Hole
Live 1 con le Hole

Courtney Michelle Love nata Courtney Michelle Harrison (San Francisco, 9 luglio 1964) è una cantante e attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni settanta[modifica | modifica sorgente]

Nasce a San Francisco (California) con il nome di Courtney Michelle Harrison. Figlia di Hank Harrison e Linda Carroll, separati quando Courtney aveva 5 anni, passa un'infanzia turbolenta spesso con la madre e un'adolescenza fra riformatori e case di correzione. A 15 anni comincia a esibirsi come spogliarellista e, contemporaneamente, debutta nel mondo musicale con il suo primo gruppo, le Sugar Babylon. Si trasferisce prima a Dublino, dove conosce Julian Cope, poi a Londra e a Liverpool, prima di tornare negli Stati Uniti.

La musica[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi degli anni ottanta, Courtney canta per un breve periodo con i Faith No More e, nel 1985, fonda le Sugar Baby Doll con Kat Bjelland e Jennifer Finch. Il gruppo ha vita breve, gettando però le basi per le band che le tre ragazze formeranno di lì a poco: rispettivamente, Hole, Babes in Toyland e L7. Nel 1990 esce il primo singolo delle Hole, Retard Girl, a cui fa seguito un anno dopo l'album Pretty on the Inside.

Nel 1994 esce il secondo album delle Hole dal titolo Live Through This, pubblicato qualche giorno dopo la morte di Kurt Cobain. L'album si rivela un grandissimo successo sia dal punto di vista commerciale che di critica, risultando ancora oggi un cult di riferimento del rock moderno. Il disco è stato stimato dalle riviste Rolling Stone e Billboard come miglior album del 1994.

Nel 1998 esce l'album di maggior successo commerciale della band: Celebrity Skin. Per promuovere il disco Courtney accetta di seguire come band di supporto il Mechanical Animals Tour di Marilyn Manson, ma l'esperienza non ha lunga durata a causa dei continui litigi tra la Love e Manson. Tra il 1998 e il 1999, infatti, diventano memorabili gli scontri, le provocazioni e le minacce che le due rockstar si scambiano sui palchi di tutto il mondo e nei backstage. Un'altra polemica riguardò il titolo dell'album, omonimo di una nota rivista americana che minacciò azioni legali contro il gruppo per l'abuso del loro nome. Nonostante le varie polemiche, l'album supera il successo di Live Through This, grazie specialmente al primo singolo estratto Celebrity Skin, ad oggi una delle più famose canzoni del gruppo. L'immagine di Courtney Love in questo periodo appare molto più ripulita esteticamente e lontana dagli eccessi dei primi anni novanta.

L’avventura con le Hole termina poi nel 2002. Quattro anni dopo il successo di Celebrity Skin, Courtney tenta, senza fortuna, di creare una nuova band, le Bastard, fino al debutto come solista nel 2004, quando esce America's Sweetheart, accompagnato dal primo singolo Mono. L'album si rivelerà un flop e in seguito la Love afferma in varie interviste che la produzione di America's Sweetheart è stata un incubo, aggiungendo che scrisse alcuni pezzi validi con Linda Perry, ma il risultato fu terribile e che inoltre anche l'artwork non fu una sua idea. Ammette che la causa fu sia il fatto che lei stessa era troppo intenta a drogarsi, sia che i vari produttori che si sono alternati alla produzione del disco non sapevano cosa stavano facendo spendendo solo i suoi soldi. Dopo un periodo molto travagliato, in cui la Love dopo aver violato le leggi contro la detenzione e l'uso di sostanze stupefacenti, nel 2005 è stata condannata a trascorrere sei mesi in un centro di riabilitazione. Durante il periodo di cura, l'amica e produttrice Linda Perry le ha fatto visita incoraggiandola a comporre nuove canzoni. Ritorna sulla scena musicale nel 2010 con l'album Nobody's Daughter. Il disco si rivela un buon successo, nonostante l'abbandono di tutti i membri originari, tranne appunto Courtney Love.

Nel 2014 ritorna sulle scene musicali con un nuovo progetto solista: la pubblicazione di un doppio singolo dal nome You Know My Name/Wedding Day.

Il cinema[modifica | modifica sorgente]

Courtney Love durante un concerto

L'esordio cinematografico avviene nel 1985, quando Courtney si presenta a un'audizione per la parte di Nancy Spungen in Sid & Nancy di Alex Cox. Ottiene solo la parte di un'amica di Nancy, ma il regista, l’anno successivo, la sceglie come protagonista di Diritti all'inferno. Il 1996 è l'anno d'oro di Courtney, che gira tre film, tra cui Basquiat e, soprattutto, Larry Flint - Oltre lo scandalo di Milos Forman.

La parte di Althea, moglie eroinomane di Larry Flint, le vale diversi riconoscimenti, tra cui una nomination ai Golden Globe, e rappresenta il salto di qualità che le consente una carriera cinematografica parallela a quella musicale; durante le riprese del film intraprende una relazione sentimentale, che durerà 4 anni, con l'attore Edward Norton. Alla fine degli anni novanta interpreta la fidanzata di Jim Carrey (che veste il ruolo di Andy Kaufman) nel film Man on the Moon diretto dallo stesso Milos Forman e nel 2000 interpretò Joan Vollmer, la moglie di William S. Burroughs, nel film Beat. La più recente interpretazione di Courtney Love è quella di Cheryl Tilly, moglie del capo di una banda criminale, in 24 ore di Luis Mandoki. Di recente è apparsa nel sequel di Diritti all'inferno: Straight to Hell Returns sempre nel ruolo di Velma.

Kurt & Courtney[modifica | modifica sorgente]

La tormentata e controversa relazione con Kurt Cobain, leader dei Nirvana comincia nel 1990. Nel 1986 Courtney Love aveva già sposato Falling James Moreland, leader travestito del gruppo punk Leaving Trains, ma il matrimonio era stato annullato subito dopo. È in questi anni che Courtney si innamora del cantante dei Nirvana. I due si sposano il 24 febbraio 1992 a Waikiki nelle Hawaii e il 18 agosto dello stesso anno nasce la figlia Frances Bean. Il matrimonio dura solo poco più di due anni, perché l'8 aprile del 1994 Cobain viene trovato morto da Gary Smith, un elettricista della Veca Electric, nella serra presso il garage nella sua casa a Seattle, suicidatosi con un colpo di fucile.

Problemi giudiziari[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 ha citato in causa Dave Grohl e Krist Novoselic per il controllo del catalogo dei Nirvana, e la Geffen Records per il suo contratto con le Hole. Nel 2004 invece ha aperto una causa contro la sua banca per un buco di 40 milioni di dollari nel suo conto. Nel 2010, la pubblicazione di Nobody's Daughter (all'inizio previsto come suo secondo album solista) con il nome Hole senza il consenso dell'altro membro fondatore della band, Eric Erlandson, è stata oggetto di scontro tra i due. Nel 2013 la cantante annuncia un nuovo album, questa volta di nuovo a nome Courtney Love.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Courtney Love e Terry Richardson

Tra le sue altre storie d'amore si ricordano quella con Edward Norton, Dave Navarro e Billy Corgan.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • All'età di cinque anni compare sul retro dell'album Aoxomoxoa dei Grateful Dead.
  • È stata una buddista praticante dal 1989, e ha studiato e praticato sia il Buddismo tibetano che quello di Nichiren Daishonin.
  • Ha anche un secondo complesso musicale: le Chelsea.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Con le Hole[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 1990 - Retard Girl
  • 1991 - Dicknail
  • 1991 - Teenage Whore
  • 1993 - Beautiful Son
  • 1994 - Miss World
  • 1994 - Doll Parts
  • 1994 - Violet
  • 1995 - Softer, Softest
  • 1995 - Gold Dust Woman
  • 1998 - Celebrity Skin
  • 1998 - Malibu
  • 1999 - Awful
  • 2000 - Be a Man
  • 2004 - Mono
  • 2004 - Hold on to me
  • 2011 - Skinny Little Bitch
  • 2011 - Pacific Coast Highway
  • 2011 - Letter to God
  • 2012 - Samantha
  • 2014 - You Know My Name/Wedding Day

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Videografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Regista
1991 "Garbadge Man" Kevin Kerslake
1994 "Miss World" Sophie Muller[1]
"Doll Parts" Samuel Bayer[2]
1995 "Violet" Mark Seliger e Fred Woodward[3]
"Softer, Softest" (Unplugged) Milton Lage[4]
1996 "Gold Dust Woman" Matt Mahurin[5]
1998 "Celebrity Skin" Nancy Bardawil[6]
"Malibu" Paul Hunter[7]
1999 "Awful" Jeff Richter[8]
2000 "Be a Man" Joseph Kahn e Joe Rey[9]
2004 "Mono" Chris Milk[9]
2011 "Samantha" Alphan Eseli[10]
  • Esistono due versioni del video di "Doll Parts", la seconda è conosciuta come "Producer's Version."[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Miss World" by Hole | Music Videos | VH1.com in VH1, 30 luglio 2008. URL consultato il 20 aprile 2012.
  2. ^ Motion List | Samuel Bayer in samuelbayer.com. URL consultato il 20 aprile 2012.
  3. ^ Sal Cinquemani e Ed Gonzalez, 100 Greatest Music Videos | Music | Slant Magazine in Slant Magazine, 30 giugno 2003. URL consultato il 20 aprile 2012.
  4. ^ "Softer, Softest" by Hole | Music Video | VH1.com in VH1, 3 luglio 1996. URL consultato il 20 aprile 2012.
  5. ^ "Gold Dust Woman" by Hole | Music Video | VH1.com in VH1, 3 luglio 1996. URL consultato il 20 aprile 2012.
  6. ^ "Celebrity Skin" by Hole | Music Video | VH1.com in VH1, 13 agosto 1998. URL consultato il 20 aprile 2012.
  7. ^ "Malibu" by Hole | Music Video | VH1.com in VH1, 30 luglio 2008. URL consultato il 20 aprile 2012.
  8. ^ "Awful" by Hole | Music Video | VH1.com in VH1, 12 luglio 2005. URL consultato il 20 aprile 2012.
  9. ^ a b CMT : Video : Courtney Love : Be a Man in CMT. URL consultato il 20 aprile 2012.
  10. ^ PRESENTING "SAMANTHA" VIDEO | ISNTABUL'74 in istanbul74.com, 12 dicembre 2011. URL consultato il 20 aprile 2012.
  11. ^ iTunes - Music Videos - Doll Parts (Producer's Version) by Hole in iTunes. URL consultato il 20 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 294057323 LCCN: no96010504