Sid & Nancy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sid & Nancy
Sid&Nancy.JPG
Una scena del film
Titolo originale Sid & Nancy
Paese di produzione Gran Bretagna, USA
Anno 1986
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere drammatico, biografico
Regia Alex Cox
Soggetto Alex Cox, Abbe Wool
Sceneggiatura Alex Cox, Abbe Wool
Fotografia Roger Deakins
Montaggio David Martin
Musiche Joe Strummer,
Pray for Rain,
The Pogues
Scenografia Linda Burbank,
J. Rae Fox,
Andrew McAlpine
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edizione originale

Ridoppiaggio (2010)

Sid & Nancy è un film del 1986 diretto da Alex Cox, dedicato alla vita sregolata di Sid Vicious, bassista dei Sex Pistols, e della sua compagna Nancy Spungen.

È stato presentato nella Quinzaine des Réalisateurs al 39º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sid Vicious fu il secondo bassista dei Sex Pistols, famosa band londinese che diede i natali al punk britannico. Proprio a Londra incontra Nancy Spungen, una groupie di Philadelphia dapprima interessata a Johnny Rotten, che la presenterà all'amico, ma successivamente lei si lega a Sid e non lo lascerà più. Sid Vicious, proprio durante la relazione con la Spungen, si lascerà trascinare nel baratro della droga. Dopo una tournée negli Stati Uniti e lo scioglimento della band, i due si trasferiscono a New York. In seguito, il giovane fu imputato per l'assassinio della Spungen, accusa che lo porterà alla totale autodistruzione.

Note di produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è ampiamente basato sulla tragica relazione sentimentale tra Vicious e la Spungen. La madre di Vicious, Anne Beverley, inizialmente cercò di bloccare la lavorazione del film. Tuttavia, dopo essersi incontrata con il regista Alex Cox, decise di acconsentire aiutando la produzione. Alcuni dei personaggi di contorno sono di pura fantasia, inventati per esigenze di sceneggiatura.

Per interpretare il giovane ed emaciato Vicious, Oldman si sottopose ad una rigida dieta a base di "pesce bollito e melone", tanto estrema da causargli un ricovero in ospedale a causa dei troppi chili persi.

Courtney Love registrò un celebre video-provino per la parte della ragazza di Sid, nel quale esclamò in maniera perentoria: «Io sono Nancy Spungen.» Cox rimase impressionato dall'audizione della Love, ma aveva già promesso alla produzione di scritturare un'attrice professionista esperta per la parte della co-protagonista. Cox avrebbe comunque scritturato Courtney Love per una parte secondaria nel film, il personaggio di "Gretchen", una delle amiche tossiche di Sid e Nancy a New York, e successivamente la chiamò per uno dei ruoli principali nel suo film Diritti all'inferno. Curiosamente, la Love sarebbe stata in seguito paragonata alla Spungen in diverse occasioni durante il suo futuro matrimonio con Kurt Cobain.

Il film dà per scontatata la tesi che sia stato proprio Vicious ad uccidere la Spungen. La scena dell'accoltellamento è basata solo su congetture e la ricostruzione ipotetica dei fatti. Cox disse al New Musical Express di non aver voluto girare un film strettamente biografico sulla storia reale di Sid Vicious e Nancy Spungen, bensì una dichiarazione contro le droghe, che mostrasse la degradazione causata dalle stesse alle persone.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Sid & Nancy ricevette recensioni complessivamente positive dalla critica. Nonostante le molte imprecisioni nella storia, venne particolarmente lodata l'interpretazione di Sid Vicious ad opera di Gary Oldman.[2][3][4][5][6]

Anche l'interpretazione di Chloe Webb nel ruolo di Nancy Spungen fu ben accolta. Nel suo libro Sid Vicious: Rock N' Roll Star, Malcolm Butt descrive la performance recitativa della Webb "intensa, potente, e cosa più importante di tutte, credibile".

Non tutte le recensioni del film furono positive. Le critiche maggiori furono quelle nei confronti di Andrew Schofield, l'attore che interpretava Johnny Rotten nel film. Schofield venne addirittura classificato al primo posto nella classifica dei "10 peggiori attori in film sul rock" redatta dalla rivista Uncut, dove la sua prova d'attore venne descritta "penosa" e per nulla somigliante al vero Rotten.[7] Anche Paul Simonon dei Clash ebbe da ridire sul personaggio di Rotten nel film, secondo lui ridotto ad una sorta di "marionetta", senza un briciolo del "sense of humor" posseduto dal vero Johnny Rotten; e si lamentò anche del ritratto dato di Paul Cook, il batterista dei Pistols, il cui personaggio nel film sembra essere solo "un grasso, bevitore di birra idiota".[8]

Reazioni di John Lydon al film[modifica | modifica sorgente]

Lydon commentò il film nella sua autobiografia del 1994, Rotten: No Irish, No Blacks, No Dogs:

« Non riesco proprio a capire come si faccia a voler girare un film come Sid & Nancy e a non preoccuparsi neanche di interpellarmi; Alex Cox, il regista, non lo fece minimamente. Usò come suo punto di riferimento - tra tutte le persone di questa Terra - Joe Strummer! Il gutturale cantante dei Clash? Che cazzo ne poteva sapere lui di Sid e Nancy? Probabilmente lui è tutto ciò che riuscì a trovare, il che equivale a raschiare il fondo del barile. L'unica volta in cui Alex Cox cercò un approccio nei miei riguardi fu quando mandò il tizio che doveva interpretarmi a New York dove stavo io. Questo attore mi disse che voleva parlare del copione. Durante i due giorni nei quali rimase, non fece altro che dirmi che ormai il copione non si poteva più cambiare e che il film era pressoché completato. L'intera questione era una vergogna. Fu semplicemente un tentativo di avere l'autorizzazione per usare il mio nome nel film, in modo da promuoverlo meglio.

Per me il film è la forma più bassa di vita che esista. In tutta onestà credevo veramente che celebrasse i tossicodipendenti d'eroina. Il film glorifica la droga nel finale idiota quando quello stupido taxi vola in cielo. Totalmente senza senso. Le scene nello squallido hotel di New York sono buone, anche se avrebbero dovuto essere ancora più squallide. Tutte le scene a Londra con i Pistols sono assurde. A nessuno importava niente della realtà dei fatti. Il tipo che interpreta Sid, Gary Oldman, penso fosse abbastanza bravo. Ma persino lui recita la parte del "Sid personaggio" e non quella del "Sid persona reale". Non la considero una colpa di Gary Oldman perché lui è un attore dannatamente bravo. Se solo avesse avuto l'opportunità di parlare con qualcuno che conosceva vermamente Sid. Non penso che abbiano mai cercato di fare un film seriamente accurato. Fu fatto solo per i soldi, no? Veder sminuire così la vita di qualcuno - riuscendoci in pieno - mi fece davvero arrabbiare. L'ironia finale è che mi chiedono ancora del film. Devo spiegare ogni volta che è tutto sbagliato. Si tratta della fottuta fantasia di qualcun altro, qualche laureato ad Oxford che si è perso l'epoca del punk rock. Il bastardo.

Quando tornai a Londra, mi invitarono alla proiezione privata del film in anteprima. Così andai a vederlo e rimasi completamente sconvolto. Dissi ad Alex Cox, che era la prima volta che incontravo in vita mia, che avrebbero dovuto sparargli, e che poteva ritenersi fortunato che non lo avessi già fatto io. Ho ancora oggi la più bassa stima di lui come persona.

E per quanto riguarda come venni impersonato sullo schermo, beh, senza offesa. Era così "fuori" e ridicolo. Era assurdo. Champagne e fagioli a colazione? Per favore. Io non bevevo champagne. L'attore non parla neanche come me. Ha un accento scozzese. Peggio ancora, viene insinuato nel film che io fossi "geloso" di Nancy, che io invece trovavo ripugnante. C'è questo sottinteso torbido che penso proprio abbiano voluto deliberatamente inserire. Direi che così Alex Cox rivelò le sue radici borghesi. Tutto troppo liscio, tutto troppo facile.[9] »

Secondo Alex Cox, invece, sia lui che Andrew Schofield (che interpreta Lydon nel film) si incontrarono con Lydon prima dell'inizio delle riprese. Sempre secondo Cox, Lydon notò che Schofield era di Liverpool, non di Londra come lui, e quindi lo incoraggiò ad interpretare la parte più come uno scozzese che come un londinese. Cox interpretò la cosa come un segno del fatto che entrambi fossero d'accordo sarebbe stato meglio creare versioni dei personaggi soltanto ispirate alle loro controparti reali. Cox affermò inoltre che Lydon beveva pesantemente durante i loro incontri, e che questa probabilmente fu la ragione per la quale egli non li richiamò più e si disinteressò del processo creativo del film.[10]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora ufficiale del film, non contiene nessuna canzone eseguita dai Sex Pistols o da Sid Vicious, anche se nel film appaiono reinterpretazioni di brani dei Pistols ad opera di turnisti di studio, mentre I Wanna Be Your Dog e My Way furono cantate da Gary Oldman stesso. Gran parte dei pezzi musicali che appaiono nel film furono appositamente composti da Joe Strummer, che per contratto avrebbe dovuto limitare il suo contributo a due canzoni. Tuttavia, Strummer continuò a contribuire alla pellicola con altro materiale anche senza ricevere compensi extra, dato il suo grande interesse per il progetto. Questi brani aggiuntivi furono accreditati a band dal nome fittizio nei titoli di coda. Tra gli altri artisti che fornirono materiale presente nel film figurano The Pogues, Circle Jerks, Steve Jones, e John Cale.[10]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Love Kills (Joe Strummer)
  2. Haunted (The Pogues)
  3. Pleasure and Pain (Steve Jones)
  4. Chinese Choppers (Pray for Rain)
  5. Love Kills (Circle Jerks)
  6. Off the Boat (Pray for Rain)
  7. Dum Dum Club (Joe Strummer)
  8. Burning Room (Pray for Rain)
  9. She Never Took No for an Answer (John Cale)
  10. Junk (The Pogues)
  11. I Wanna Be Your Dog (The Stooges) (cantata da Gary Oldman)
  12. My Way (Claude François & Paul Anka) (cantata da Gary Oldman)
  13. Taxi to Heaven (Pray for Rain)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Prima che venisse cambiato, il titolo provvisorio del film era Love Kills. Infatti questo è il nome del singolo di Joe Strummer che sta a capo della colonna sonora.
  • Nel film compare anche una giovane Courtney Love, nel ruolo di un'amica della coppia.
  • Parte delle scene di New York furono girate davvero nell'ultima residenza di Sid e Nancy: il Chelsea Hotel, famoso quanto malfamato albergo di New York.
  • Verso la fine del film, appaiono in un breve cameo Iggy Pop e la moglie Suchi sulle scale del Chelsea Hotel.
  • Nella sua autobiografia del 2007, l'ex chitarrista dei Guns N' Roses Slash rivelò di aver preso parte alla pellicola come comparsa durante una scena in un club.[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1986, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 24 giugno 2011.
  2. ^ Listology: Premiere Magazine's 100 Greatest Performances of All Time
  3. ^ Sid & Nancy
  4. ^ Roger Ebert's Four Star Movie Guide by Roger Ebert. (1988, Andrews & McMeel) p.280.
  5. ^ Roger Ebert's Four Star Movie Guide by Roger Ebert. (1988, Andrews & McMeel) p.383.
  6. ^ Winning, Josh. Best Movies: The film chameleon’s greatest moments. Total Film. 11 April, 2011. Retrieved 4 October, 2011.
  7. ^ Uncut magazine, issue #117, febbraio 2007
  8. ^ 3am Interview: AN INTERVIEW WITH PAUL SIMONON
  9. ^ Rotten: No Irish, No Blacks, No Dogs by John Lydon, with Keith & Kent Zimmerman. (1994, Hodder & Staughton Ltd) pp.150-151.
  10. ^ a b Alex Cox, X Films: True Confessions of a Radical Filmmaker, Soft Skull Press, 2008, p. 89, ISBN (10) 1-59376-193-7.
  11. ^ http://www.imdb.com/title/tt0091954/trivia&usg=ALkJrhj5ZViG6-bKb2ihmg4Q6QVo3FlAuA

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]