Caroline Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caroline Records
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1973
Fondata da Richard Branson
Gruppo Universal Music Group
Filiali Londra
New York
Settore Editoriale
Prodotti Discografici
Sito web www.caroline.com

La Caroline Records è un'etichetta musicale statunitense[1] con filiali a New York e a Londra. Nonostante pubblichi musica indipendente è in realtà un sotto-marchio del gruppo Universal Music Group, che nel 2012 ha acquistato il gruppo britannico EMI. Nacque nella prima metà degli anni settanta come sussidiaria della Virgin Records di Richard Branson ed era inizialmente specializzata in riedizioni a basso costo di album di rock progressivo e jazz.

L'etichetta passò sotto il controllo della EMI nei primi anni novanta, quando la Virgin fu ceduta da Branson al colosso britannico. Le due branche della Caroline Records, quella americana e quella britannica, fanno parte della Caroline Music, che comprende anche la casa di distribuzione Caroline Distributions, tutte di proprietà della EMI prima e della Universal Music Group ora. Sia attualmente che in passato, la Caroline Records ha a sua volta avuto diverse etichette sussidiarie, tra le quali Astralwerks, Gyroscope, Caroline Blue Plate, Rocks the World, Scamp e Passenger.[1]

In catalogo (tra le altre pubblicazioni)[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Caroline Records, su Discogs