Foo Fighters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fenomeno ufologico della II G.M., vedi Foo fighter.
Foo Fighters
Fotografia di Foo Fighters
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
(Seattle)
Genere Alternative rock[1]
Hard rock[1]
Post-grunge[1]
Periodo di attività 1994in attività
Album pubblicati 8
Studio 6
Live 1
Raccolte 1
Gruppi e artisti correlati Nirvana, Sunny Day Real Estate, Slash, The Fire Theft, Killing Joke, Scream, Them Crooked Vultures, Germs, Queens of the Stone Age, Probot, Bad Religion, Me First and the Gimme Gimmes, No Use for a Name
Sito web
Foo Fighters (Logo).png

I Foo Fighters sono un gruppo musicale post-grunge statunitense fondato dal musicista Dave Grohl nel 1994. Il loro nome deriva dal termine foo fighter, espressione usata per indicare, durante la seconda guerra mondiale, quegli strani avvistamenti aerei riferiti da alcuni piloti alleati, simili a quelli che generalmente vengono chiamati UFO.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Primi anni (1992–1995)[modifica | modifica sorgente]

I Foo Fighters nacquero originariamente come progetto solista di Dave Grohl quando era ancora membro dei Nirvana. Grohl iniziò a scrivere diverse canzoni, fra cui Marigold, pubblicata come lato B del singolo Heart-Shaped Box nel 1993, unico pezzo di tutto il repertorio dei Nirvana ad esser stata scritta e cantata da lui e non da Cobain.

Nel 1992, sotto lo pseudonimo di "Late!", Grohl pubblica una musicassetta intitolata Pocketwatch e pubblicata dalla Simple Machines. Di questa cassetta fa parte il brano Friend of a Friend che troverà spazio anche nell'album In Your Honor e nell'album dal vivo Skin and Bones.

Dopo la morte di Cobain e al conseguente scioglimento dei Nirvana, Grohl iniziò a incidere alcuni di questi brani nello studio di Robert Lang a Seattle, sotto la guida dell'amico produttore Barrett Jones. Ad eccezione di alcune parti di chitarra in X-Static, suonate da Greg Dulli degli Afghan Whigs, Grohl si occupò di tutti gli strumenti e delle parti vocali. Il demo piacque alla Capitol Records, che sotto la guida del presidente Gary Gersh, già A&R dei Nirvana, decise di incidere il primo album dei Foo Fighters, dal titolo omonimo. Dall'album furono estratti quattro singoli: This Is a Call (pubblicato un mese prima dell'album), I'll Stick Around, For All the Cows e Big Me.

Nonostante la pubblicazione dell'album, l'intento di Grohl non fu quello di rendere i Foo Fighters un progetto one-man band: pertanto si impegnò a cercare alcuni musicisti in grado di aiutarlo. Inizialmente la scelta sembrò ricadere su Krist Novoselic, ex compagno nei Nirvana, ma entrambi erano preoccupati che in questo modo i Foo Fighters sarebbero stati visti come una pallida reincarnazione del loro gruppo precedente. Più tardi, Grohl venne a sapere che un gruppo di Seattle, i Sunny Day Real Estate, si stavano per separare; decise quindi di reclutare Nate Mendel e William Goldsmith, rispettivamente al basso e alla batteria. La formazione venne completata dall'entrata nel gruppo del chitarrista Pat Smear, già turnista dei Nirvana dopo la pubblicazione dell'album In Utero.

The Colour and the Shape (1996–1997)[modifica | modifica sorgente]

Dopo un tour in supporto a Foo Fighters, nella primavera del 1996 i Foo Fighters tornarono negli studi di registrazione insieme al produttore Gil Norton per incidere il secondo album. Nel corso delle sessioni di registrazione, nacquero dei conflitti tra Grohl e Goldsmith, culminate con la dipartita di quest'ultimo dal gruppo. Il gruppo andò quindi ai Grandmaster Recorders nei primi due mesi del 1997 per registrare nuovamente le parti di batteria, curate da Grohl. L'album, The Colour and the Shape, venne pubblicato nel maggio dello stesso anno e riscosse un notevole successo, tanto da essere considerato addirittura il migliore album del gruppo.

In cerca di un batterista, Grohl chiamò Taylor Hawkins, batterista in tour con Alanis Morissette, per avere un consiglio su chi chiamare. Grohl fu sorpreso quando Hawkins stesso si offrì volontario; Hawkins esordì in tempo per la pubblicazione dell'album.

L'abbandono di Smear e There Is Nothing Left to Lose (1997–2001)[modifica | modifica sorgente]

In occasione degli MTV Video Music Awards 1997, Pat Smear annunciò la sua intenzione di lasciare il gruppo, rivelando Franz Stahl (proveniente dagli Scream) come suo successore. Prima delle registrazioni del terzo album, There Is Nothing Left to Lose, Stahl abbandonò il gruppo per "divergenze creative". La band fece diversi provini per un nuovo chitarrista, e ripiegò su Chris Shiflett, già chitarrista dei 22 Jacks e dei No Use for a Name. Inizialmente si unì alla band per suonare nei tour, ma fu successivamente assunto a tempo pieno, prima delle registrazioni del quarto album.

Prima dell'uscita di There Is Nothing Left to Lose, il presidente della Capitol Records Gary Gersh venne licenziato dall'etichetta; vista l'amicizia di Grohl e Gersh, il contratto dei Foo Fighters prevedeva una clausola che li autorizzava a lasciare la Capitol in caso di abbandono di Gersh. Pertanto lasciarono la Capitol e firmarono con la RCA.

One by One e In Your Honor (2001–2005)[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del 2001, la band si riunì per incidere il quarto album. Dopo quattro mesi in studio a Los Angeles, Grohl aiutò i Queens of the Stone Age nel loro album del 2002, Songs for the Deaf. Dopo le registrazioni dell'album per i Queens of the Stone Age, Grohl, ispirato dalle sessioni, decise di radunare la band per lavorare ulteriormente su qualche pezzo del loro album. In realtà l'album venne completamente re-inciso in dieci giorni nello studio di Grohl in Virginia. La versione definitiva venne alle stampe nell'ottobre 2002 con il titolo One by One.

Per gran parte della loro storia, i Foo Fighters decisero di rimanere al di fuori della politica. Tuttavia, durante la campagna elettorale del 2004 di George W. Bush, poiché questi utilizzava la canzone Times Like These durante i suoi convegni, Grohl decise di rendere pubblica la sua adesione alla campagna di John Kerry. Grohl partecipò a diversi incontri con Kerry, e in alcune occasioni suonò delle versioni acustiche alle convention. Tutta la band si unì a Grohl in Arizona per suonare durante un dibattito. Più tardi Grohl confessò che l'esperienza con Kerry lo aveva ispirato per il titolo del successivo album.

Il quinto album della band si intitola In Your Honor, uscito il 14 giugno 2005. Grohl dice che il doppio disco - uno con canzoni rock, l'altro con tracce acustiche - è la perfetta occasione per celebrare i dieci anni di attività della band. Al disco acustico hanno collaborato alcuni personaggi dalle provenienze musicali più disparate, come Norah Jones, John Paul Jones (bassista dei Led Zeppelin) e Josh Homme dei Queens of the Stone Age.

Skin and Bones, Echoes, Silence, Patience & Grace e Greatest Hits (2006–2009)[modifica | modifica sorgente]

Nel novembre 2006 esce l'album dal vivo Skin and Bones, il quale racchiude vari successi del brano riarrangiati in chiave acustica e il brano Skin and Bones, la cui versione in studio era stata pubblicata nell'EP Five Songs and a Cover (2005). La registrazione dell'album è stata effettuata durante il tour acustico nei teatri di tutto il mondo, con i Foo Fighters in formazione allargata, con il rientro di Pat Smear, l'apporto di Rami Jafee dei Wallflowers alle tastiere e fisarmonica, di Petra Haden al violino e di Drew Hester alle percussioni.

Il 25 settembre 2007 è stato pubblicato il sesto album Echoes, Silence, Patience & Grace, anticipato dal singolo The Pretender, il quale è rimasta in testa alla classifica Alternative Songs per 18 settimane consecutive, superando Green Day, Staind e Red Hot Chili Peppers.

Il 10 febbraio 2008 il gruppo ha vinto due Grammy Award nelle categorie Miglior album rock (con Echoes, Silence, Patience & Grace) e Miglior canzone hard rock (con The Pretender).[2]

Il 2 novembre 2009 i Foo Fighters hanno pubblicato la raccolta Greatest Hits, contenente i loro brani di maggior successo, gli inediti Wheels e Word Forward e una versione acustica di Everlong. Oltre alla versione standard è stata pubblicata anche un'edizione speciale contenente un DVD che racchiude tutti i videoclip del gruppo e alcune performance dal vivo. In occasione del lancio di Greatest Hits, il 30 ottobre 2009 i Foo Fighters si sono esibiti nel proprio studio privato (Studio 606 di Los Angeles) per un'esibizione dal vivo visibile esclusivamente in streaming. Durante il concerto, gli spettatori hanno avuto la possibilità di interagire con il gruppo inviando dei brevi messaggi tramite i propri profili Twitter e Facebook. Durante questa particolare esibizione, durata per quasi tre ore, i Foo Fighters hanno suonato per la prima volta Word Forward.

Nello stesso periodo, Grohl ha partecipato con John Paul Jones e Josh Homme alla formazione del supergruppo Them Crooked Vultures.

Wasting Light (2010–2012)[modifica | modifica sorgente]

Nell'agosto 2010 la band ha iniziato le registrazioni per un nuovo album atteso per la primavera dell'anno successivo. A produrlo sarebbe stato Butch Vig. L'"FF7" (acronimo di Foo Fighters 7th Album) è stato interamente registrato nel garage della casa di Dave Grohl a Encino (California) utilizzando esclusivamente materiale analogico. Inoltre Dave Grohl ha annunciato che alla realizzazione dell'album avrebbe partecipato Pat Smear, rientrato ufficialmente in formazione in quel periodo.

L'album, intitolato Wasting Light, è stato pubblicato il 12 aprile 2011 e ha visto la partecipazione di vari artisti come Bob Mould degli Hüsker Dü e l'ex-bassista dei Nirvana Krist Novoselic. Anticipato dai singoli Rope e White Limo, Wasting Light ha ottenuto un buon successo, conquistando le prime posizioni di Regno Unito, Australia, Canada, Germania, Austria, Svizzera, Nuova Zelanda, Singapore, Finlandia, Norvegia e Svezia. Il successo dell'album è stato tale da stupire persino Dave Grohl, il quale attraverso il profilo Twitter del gruppo ha ringraziato personalmente gli acquirenti delle nazioni dove Wasting Light ha conquistato la prima posizione.

I Foo Fighters hanno annunciato di partecipare durante l'estate come headliner a numerosi festival europei, tra cui ad esempio Rock in Idrho, T In The Park, Oxegen, Isle of Wight Festival, Hurricane Festival e Pinkpop Festival. Oltre agli stadi e ai vari festival, ad aprile il gruppo si è esibita nei garage dei fan statunitensi collocati fra New York e Seattle, con una tappa speciale a Toronto. Per ospitare il gruppo nel proprio garage bisognava partecipare a un contest scrivendo, in 25 parole, il motivo per cui il gruppo dovrebbe esibirsi a casa propria. L'iniziativa, singolare ma di sicuro impatto, non è nuova ai Foo Fighters, abituati già anni fa ad esibirsi negli scantinati: "isolavamo il nostro garage cosicché i vicini non potevano chiamare la polizia", ha detto Grohl.

I primi due concerti del Tour 2011 ad essere annunciati sono stati quelli al National Bowl di Milton Keynes (Regno Unito). Tutti i 130.000 biglietti disponibili totali per le due date del 2 e 3 luglio 2011 vennero venduti in prevendita online in soli 35 minuti raccogliendo ordini da tutte le parti del mondo. La tappa del 2 luglio vide, oltre alla partecipazione come gruppo spalla dei Biffy Clyro, anche Bob Mould degli Hüsker Dü, il quale si è esibito con il gruppo nel brano Dear Rosemary, al quale ha partecipato anche durante le sessioni di registrazione di Wasting Light (Grohl ha dichiarato al riguardo: "La cosa bella di questo disco è che ho registrato una canzone con una persona che posso davvero considerare un mio eroe, la persona che è responsabile dell'esistenza dei Foo Fighters"). Il batterista dei Queen Roger Taylor si è nuovamente seduto dietro le pelli di Taylor Hawkins prestandosi come sostituto di Hawkins mentre quest'ultimo ha cantato il brano acustico Cold Day in the Sun, tratto dal secondo disco del doppio album In Your Honor. Alice Cooper ha invece sfoderato assieme alla band, alcuni pezzi del suo repertorio: School's Out, datato 1972 e tratto dal quinto album in studio del cantante e poi il celebre I'm Eighteen. Nella tappa del 3 luglio invece, sempre preceduti dai Biffy Clyro, sono presenti: lo storico bassista dei Led Zeppelin John Paul Jones il quale, oltre ad avere un'affinità musicale con Dave, è particolarmente legato al leader dei Foo Fighters con cui suona nel gruppo Them Crooked Vultures, in cui milita anche Josh Homme dei Queens of the Stone Age.

Il 16 aprile 2011, in occasione del Record Store Day, venne pubblicato esclusivamente in formato vinile l'album di cover Medium Rare mentre ai Grammy Award del 12 febbraio 2012 i Foo Fighters vinsero cinque premi: "Miglior Album Rock" con Wasting Light, "Miglior Performance Rock" e "Migliore Canzone Rock" per Walk, "Miglior Performance Hard Rock/Metal" per White Limo e "Best Long Form Music Video" per Back & Forth. I Foo Fighters concorrevano per 6 premi e, hanno ceduto la statuetta di "Miglior Disco Dell'Anno" ad Adele.

Il 29 settembre 2012 il gruppo si è esibito al Global Citizens' Festival e, al termine del concerto, Grohl ha annunciato una pausa momentanea del gruppo, senza avere alcuna idea di quando e se avessero potuto ritrovarsi di nuovo.

Eventi recenti, nuovo album (2013–presente)[modifica | modifica sorgente]

Nonostante Grohl avesse annunciato una pausa a tempo indeterminato del gruppo, lo stesso dichiarò nel mese di gennaio 2013 che i Foo Fighters stavano preparando del nuovo materiale per l'ottavo album in studio.[3]

Il 21 febbraio, in occasione dei BRIT Award, Grohl affermò che il giorno successivo sarebbe andato negli Stati Uniti per iniziare a lavorare al nuovo album.[4]

Il 16 gennaio 2014, tramite una foto postata sul profilo Instagram, il gruppo annuncia che ha iniziato a registrare l'ottavo album in studio.[5]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale
Turnisti
Ex componenti
Ex turnisti

Timeline della formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Foo Fighters.

Colonne sonore e videogiochi[modifica | modifica sorgente]

  • Il singolo Times Like These è presente in una sequenza del film American Pie.
  • Il singolo A320 è stato inserito nella colonna sonora del film Godzilla (1998)[6].
  • Il singolo My Hero è stato utilizzato nella colonna sonora di Non è un'altra stupida commedia americana, anche se non è stato incluso nel cd della colonna sonora originale[7], nel film del 2010 Somewhere[8] e inoltre nel film I poliziotti di riserva (2010).
  • Il singolo Monkey Wrench fa parte della colonna sonora del videogioco Guitar Hero 2.
  • Il singolo Everlong fa parte della colonna sonora del videogioco Guitar Hero World Tour.
  • La canzone Stacked Actors fa parte della colonna sonora del videogioco Guitar Hero: Metallica.
  • Il singolo Best of You fa parte della colonna sonora del videogioco Guitar Hero: Van Halen.
  • Uno dei song-pack acquistabili per Guitar Hero 3 su PlayStation Store appartiene ai Foo Fighters e contiene i brani The Pretender, All My Life, e This Is a Call.
  • Nel Music Store interno al videogioco Rock Band, è possibile acquistare tutto l'album The Colour and the Shape e alcuni song-pack contenenti The Pretender, Wheels e Word Forward.
  • Il singolo Come Alive è stato utilizzato da ESPN per gli highlights delle Finals NBA 2010 tra Boston Celtics e Los Angeles Lakers.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Foo Fighters in Allmusic, All Media Network. URL consultato l'11 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) 50th Annual Grammy Awards Winners List, Grammy.com. URL consultato il 14 febbraio 2008.
  3. ^ (EN) James Montgomery, Dave Grohl Says Foo Fighters 'Have A Plan' For Their Next Album, MTV.com, 23 gennaio 2013. URL consultato il 24 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Dave Grohl: 'Foo Fighters to begin work on new album this week', NME.com, 21 febbraio 2013. URL consultato il 24 marzo 2013.
  5. ^ (EN) Chad Childers, Foo Fighters on New Album: ‘It’s F—ing On’, Loudwire, 17 gennaio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  6. ^ Colonna sonora di Godzilla
  7. ^ Colonna sonora di Non è un'altra stupida commedia americana
  8. ^ Colonna sonora di Somewhere

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock