Adele (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adele
Adele in concerto a Seattle nel 2011
Adele in concerto a Seattle nel 2011
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Soul[1]
Pop[1]
Blues[1]
Art rock[1]
Periodo di attività 2006 – in attività [1]
Etichetta XL, Columbia
Album pubblicati 3
Studio 2
Live 1
Sito web
Adele 21.png
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore canzone 2013

Adele Laurie Blue Adkins[2], conosciuta semplicemente come Adele (/əˈdɛl/) (Londra, 5 maggio 1988), è una cantautrice britannica.

Debutta nel 2008 con l'album 19, che viene pubblicato il 26 gennaio dello stesso anno.[3] Riceve subito una buona accoglienza da parte dei critici musicali, e perciò riesce ad arrivare alla prima posizione della classifica britannica e olandese.[4][5] Il suo secondo album, 21, viene pubblicato il 21 gennaio 2011.[6] Anche quest'album viene accolto positivamente dalla critica e raggiunge la prima posizione in 25 paesi. In tutta la sua carriera Adele ha venduto oltre 20 milioni di singoli digitali negli Stati Uniti.[7]

Assieme a Duffy ed alla scomparsa Amy Winehouse, è considerata una delle esponenti della nuova generazione del soul bianco.[8] Nel 2011 la rivista statunitense Billboard ha premiato Adele con il titolo di Artista migliore dell'anno,[9] mentre la rivista americana TIME ha elogiato Adele come una delle donne più influenti del mondo.[10] Alla cerimonia degli Oscar 2013 si è aggiudica la statuetta per la migliore canzone con Skyfall. Per i successi ottenuti in carriera, nello stesso anno è stata insignita dell'onorificenza di Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico.[11]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Adele Laurie Blue Adkins è nata il 5 maggio 1988 nel quartiere di Tottenham,[12] situato nell'area di North London, da Penny Adkins e Mark Evans. La madre, che era una studentessa diciottenne al momento della nascita di Adele, si separò dal compagno due anni più tardi, e da quel momento si occupò da sola della figlia,[13] con la quale si trasferì prima a Brighton, poi a Brixton.[14] I rapporti tra Adele e Evans, poco frequenti sin dalla separazione dei genitori, si incrinarono ulteriormente quando, nel 1999, l'uomo divenne dipendente dall'alcol;[15] i due si sarebbero poi riavvicinati solamente dopo il raggiungimento della fama da parte della cantante.[16]

Il 29 giugno 2012 annuncia di aspettare un figlio dal fidanzato Simon Konecki,[17] dato alla luce il 19 ottobre successivo e chiamato Angelo James.[senza fonte]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Il suo interesse per la musica ha iniziato a svilupparsi durante l'infanzia, grazie all'ascolto di gruppi come le Spice Girls e le Destiny's Child.[18][19] All'età di 13 anni si è appassionata alla musica soul e ad artisti come Ella Fitzgerald e Etta James.[18] Un anno più tardi si è iscritta alla BRIT School di Croydon, una nota scuola di musica, frequentata negli stessi anni da Jessie J, altra futura cantante inglese.[20]

Una giovane Adele Adkins si esibisce alla chitarra nel 2007

Nel 2006 Adele si è diplomata e ha iniziato a inseguire il suo sogno di diventare cantante registrando e caricando sul suo MySpace alcuni brani. In questo modo ha attirato l'attenzione del pubblico ed è stata invitata a diversi show televisivi britannici, guadagnando in poco tempo una grande notorietà[21]. Ha così firmato un contratto con l'etichetta discografica XL Recordings.

Il successo di 19[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio del 2008 è stato pubblicato il suo primo singolo, Chasing Pavements, che ha riscosso un buon successo in tutta Europa e negli Stati Uniti, raggiungendo la prima posizione in classifica in Norvegia e la seconda in Regno Unito. Il singolo è stato seguito il mese successivo dal disco di debutto 19, titolo che riporta la sua età al momento della pubblicazione del disco. L'album, registrato con la collaborazione del produttore Mark Ronson (lo stesso di Back to Black di Amy Winehouse) è un concentrato di romantiche canzoni pop soul che parlano di amore, delusioni, amicizia e di tutte le altre emozioni che agitano l'animo di una ragazza tra i 18 e i 19 anni.

Ha riscosso un ottimo consenso commerciale, con oltre 6.500.000 copie vendute,[22] raggiungendo buone posizioni nelle classifiche di numerosi stati e il primo posto in Regno Unito e Paesi Bassi[23]. Ciò ha permesso alla cantante di vincere il Premio della critica ai BRIT Awards 2008, e nel 2009 il Grammy Award al miglior artista esordiente[24]. Dal disco sono stati estratti come singoli anche i brani Cold Shoulder e Make You Feel My Love, mentre il brano Hometown Glory era stato diffuso solo in alcune copie in formato vinile nel 2007.

Adele ad Amsterdam nel 2008

Questi tre singoli hanno comunque avuto un minor seguito rispetto a Chasing Pavements, raggiungendo posizioni più basse nelle classifiche[25][26][27]. Il 10 maggio 2011 si diffuse la notizia secondo cui l'ex fidanzato di Adele fosse intenzionato a intentare causa contro la cantante per ottenere una parte dei proventi relativi ai diritti delle canzoni di 19 ispirate alla loro storia d'amore, sostenendo che la sofferenza da lui causata ad Adele è stata alla base della scrittura dei brani[28][29][30][31].

L'affermazione con 21[modifica | modifica sorgente]

La cantante è tornata in sala d'incisione durante il 2010 per lavorare al suo secondo album. Nel novembre dello stesso anno è stato presentato il singolo Rolling in the Deep, primo brano trascritto dal secondo lavoro della cantante[32], la cui pubblicazione è avvenuta nel gennaio 2011 con il titolo 21, che riprende l'idea sfruttata con la prima opera della cantante di utilizzare come titolo l'età della cantante al momento dell'uscita del disco[33].

Il singolo ha ottenuto un grande successo a livello europeo, raggiungendo la vetta di diverse classifiche, tra cui quella italiana, con ottimi risultati ovunque[34]; per la prima volta Adele si impone nella classifica americana Billboard Hot 100, raggiungendo anche lì la prima posizione per sette settimane. Anche 21 si è rivelato un successo commerciale e di critica, vendendo oltre quattro milioni di copie solo nel Regno Unito[35] e riportando ai vertici della classifica degli album anche il suo precedente disco, 19. Questo apprezzamento è dovuto anche al successo ottenuto in patria dal secondo singolo Someone Like You, che ha raggiunto la vetta della classifica dei singoli[36], ottenendo la certificazione di Platino (600.000 copie) e diventando il primo singolo del decennio a superare il milione di copie vendute solo qui.

Adele in concerto nel 2009

In settembre Someone Like You raggiunge la vetta anche della Billboard Hot 100 diventando il secondo singolo della cantante in prima posizione in America[37]. La canzone arriva anche in cima alle classifiche in parecchi paesi europei. Nel frattempo 21 riesce a raggiungere la vetta della Billboard 200, mantenendola per 24 settimane non consecutive. Il suo successo negli States è stato tale da fargli avere la certificazione di nove dischi di platino per aver venduto 9 milioni di copie solo in questo mercato[38]. A fine 2011 l'album ha raggiunto quota 15 milioni di copie vendute mondialmente[39]. Nel 2011 ottiene sei nomination per gli MTV Video Music Awards diventando, insieme a Kanye West, l'artista ad averne ricevute di più in questa edizione, dietro a Katy Perry che ha ricevuto nove nomination.

Sulle sei nomination, Adele riesce a vincerne tre, seppur minori, per Best Editing, Best Cinematography e Best Art Direction, tutti per Rolling in the Deep. Nel novembre 2011 la cantante è costretta a cancellare tutte le date del suo tour in America per via di un'emorragia alle corde vocali, che la costringe a sottoporsi a un intervento chirurgico[40]. Nelle classifiche di fine anno Rolling in the Deep è risultata una delle canzoni più vendute dell'anno a livello mondiale con 8.200.000 copie secondo i dati dell' IFPI[41], così come negli Stati Uniti, con quasi 6 milioni di copie[42] mentre l'album 21 ha superato entro la fine dell'anno i quindici milioni venduti, risultando anch'esso il più venduto dell'anno[41]; inoltre 21 risulta essere il quinto album più venduto di sempre in Regno Unito[43]. Secondo dati ufficiali, risulta che nel 2011 una persona ogni 7 secondi ha comprato il secondo album di Adele[44].

Adele a Seattle nel 2011

Il 12 febbraio 2012, alla cerimonia di consegna dei Grammy Awards, si aggiudica ben 6 statuette: Best Short Form Music Video, Record of the Year, Song of the Year, Album of the Year, Pop Solo Performance e Pop Vocal Album[45], stabilendo così, insieme a Beyoncè il record per il maggior numero di statuette vinte in una sola serata da un'artista femminile. 21 ha venduto più di 25.000.000 di copie nel mondo[46]. Il 21 febbraio vince 2 premi ai Brit Awards: cantante femminile britannica e album britannico dell'anno per 21.

Skyfall e l'Oscar[modifica | modifica sorgente]

Nell'ottobre 2012 Adele viene scelta per interpretare Skyfall, la title track dell'omonimo film, 23º capitolo della serie cinematografica di James Bond[47][48]. Il brano, scritto dalla stessa Adele assieme a Paul Epworth, raggiunge la vetta delle classifiche in numerosi Paesi, ed ottiene prestigiosi riconoscimenti internazionali, tra cui, all'inizio del 2013, il Golden Globe per la migliore canzone originale[49] e un BRIT Award come miglior singolo britannico.

Oltre ad altri importanti premi, il 24 febbraio successivo grazie a Skyfall Adele vince, alla sua prima nomination, l'Oscar alla migliore canzone (il primo assoluto in questa categoria nella storia dei film di 007). Intanto, il 10 febbraio dello stesso anno, la cantante trionfa nuovamente ai Grammy nella sezione miglior performance pop solista, per la versione live del singolo Set Fire to the Rain. Il 19 maggio viene poi di nuovo premiata ai Billboard Music Awards nella categoria Top Album, sempre per 21. Il 14 giugno seguente, la regina Elisabetta II del Regno Unito le assegna l'onorificenza di Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico.[11] Nel 2014 Adele vince il suo decimo Grammy ancora grazie a Skyfall, candidata come miglior canzone scritta per un media visivo.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Adele.

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Tour[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Premio Oscar
Golden Globes
Grammy Awards
American Music Awards
  • 2011 – Miglior artista Adult Contemporary[56]
  • 2011 – Miglior artista femminile Pop/Rock[56]
  • 2011 – Miglior album Pop/Rock per 21[56]
  • 2012 – Miglior artista Adult Contemporary[57]
Billboard Music Awards
BRIT Awards
  • 2008 – Premio della critica[59]
  • 2012 – MasterCard British album per 21[60]
  • 2012 – Cantante femminile britannica[61]
  • 2013 – Miglior singolo per Skyfall
Critics' Choice Movie Awards
Echo Awards
  • 2012 – Album dell'anno per 21[63]
  • 2012 – Artista donna rock-pop internazionale[63]
European Border Breakers Awards
  • 2009 – Premio ricevuto per il successo europeo dell'album 19[64]
Ivor Novello Awards
Juno Awards
  • 2012 – Miglior album internazionale per 21[67]
MOBO Awards
  • 2011 – Best R&B/Soul Act[68]
MTV Europe Music Awards
MTV Video Music Awards
NRJ Music Awards
Q Awards
UK Video Music Awards
Swiss Music Awards

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 2013[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Adele in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  2. ^ Frehsée, Nicole (22 January 2009), "Meet Adele, the U.K.'s Newest Soul Star", Rolling Stone. (1070):26
  3. ^ (EN) Chris Long, BBC, 18 gennaio 2008, http://www.bbc.co.uk/music/reviews/6pf9. URL consultato l'8 agosto 2009.
  4. ^ (EN) Adele - 19, Chart Stats.com. URL consultato il 3 febbraio 2010.
  5. ^ (NL) Dutch Charts - Adele - 19 (album), Dutchcharts.nl. URL consultato il 2 marzo 2012.
  6. ^ Rachele Maggiolini, 21 - Adele, Elle, 31 gennaio 2011. URL consultato il 6 marzo 2012.
  7. ^ (EN) TOP ARTISTS (DIGITAL SINGLES). URL consultato il 6 febbraio 2013.
  8. ^ (EN) Dan Cairns, Blue-eyed soul: Encyclopedia of Modern Music in entertainment.timesonline.co.uk, 1º febbraio 2009. URL consultato il 18 agosto 2011.
  9. ^ (EN) The Year in Pop: Adele Makes History. URL consultato il 9 agosto 2012.
  10. ^ (EN) The 100 Most Influential People in the World, TIME. URL consultato il 9 agosto 2012.
  11. ^ a b c (EN) Peter Griffiths, Adele honored in Queen Elizabeth's birthday list in reuters.com, 14 giugno 2013.
  12. ^ (EN) Emily Hill, Adele's father admits: I was a rotten dad. I was so drunk I made Oliver Reed look teetotal, The Daily Mail, 15 maggio 2011. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  13. ^ (EN) Barbara David, I can't listen to my daughter sing - it reminds me how badly I let her down: Adele's father reveals torment over their rift, The Daily Mail, 18 febbraio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  14. ^ (EN) Teenage mum, cramped flats and truancy... the truth behind Adele’s brave struggle to stardom, The Sun, 17 marzo 2011. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  15. ^ (EN) Dominic Herbert, I'm begging Adele to forgive me": Singer's estranged dad fears he will never see his grandchild, The Daily Mirror, 14 luglio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  16. ^ E all'improvviso Adele ritrova il padre, Rockol.it, 16 marzo 2011. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  17. ^ (EN) Adele Is Pregnant!, 29 giugno 2012. URL consultato il 30 giugno 2012.
  18. ^ a b (EN) Jon Bream, Music: Chasing Adele, Minneapolis Star Tribune, 15 gennaio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  19. ^ (EN) Marie Walker, Adele: I love the Spice Girls!, Now Magazine, 2 marzo 2011. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  20. ^ Adele: Why I will never be a pampered pop diva - The Daily Record
  21. ^ Sandra Cesarale, Adele, baby popstar triste e procace in Corriere della Sera, 15 febbraio 2008, p. 61. URL consultato il 27 marzo 2010.
  22. ^ (EN) Andrew Dagnell, Adele says she won't change herself for any man (we give her a little high five), The Mirror, 18 febbraio 2012. URL consultato il 6 settembre 2012.
  23. ^ (EN) Adele - 19, aCharts.us. URL consultato il 27 marzo 2010.
  24. ^ (EN) Best New Artist Grammy.
  25. ^ (EN) Adele - Make You Feel My Love, aCharts.us. URL consultato il 27 marzo 2010.
  26. ^ (EN) Adele - Hometown Glory, aCharts.us. URL consultato il 27 marzo 2010.
  27. ^ (EN) Adele - Cold Shoulder, aCharts.us. URL consultato il 27 marzo 2010.
  28. ^ (EN) Adele's Ex-Boyfriend Wants Cut Of Her Royalties, MTV.co.uk, 10 maggio 2011. URL consultato il 10 maggio 2011.
  29. ^ (EN) Adele's ex wants cut of royalties, RTÉ.ie, 10 maggio 2011. URL consultato il 10 maggio 2011.
  30. ^ (EN) Adele's ex-boyfriend demands '19' album royalties - Tabloid Hell, NME.com, 10 maggio 2011. URL consultato il 10 maggio 2011.
  31. ^ (EN) Adele’s ex-boyfriend wants a cut of her royalties, The Sun.co.uk, 10 maggio 2011. URL consultato il 10 maggio 2011.
  32. ^ Adele: "Rolling in the Deep", ascolta il primo singolo del nuovo album "21", SoundsBlog.it, 16 novembre 2010. URL consultato il 24 novembre 2010.
  33. ^ (EN) Kevin O'Donnell, Adele: New Record is 'Quite Different', Spin.com, 2 novembre 2010. URL consultato il 24 novembre 2010.
  34. ^ ADELE - ROLLING IN THE DEEP (SONG), Italian Charts.com. URL consultato il 31 gennaio 2011.
  35. ^ Adele: 21 raggiunge il milione di copie vendute nel Regno Unito
  36. ^ 2011-02-26 Top 40 Official UK Singles Archive | Official Charts
  37. ^ http://www.billboard.com/#/news/adele-makes-billboard-hot-100-history-with-1005345742.story
  38. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  39. ^ Music Week - Music Week - Music business magazine - Beyoncé's 4 overtakes Adele to top the world sales chart
  40. ^ «Adele non ha un cancro alla gola» in corriere.it, 1º novembre 2011. URL consultato il 2 novembre 2011.
  41. ^ a b Gli album più venduti nel mondo nel 2011: Adele domina in soundsblog.it, 30 dicembre 2011. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  42. ^ (EN) Adele Leads SoundScan 2011 Year-End Charts With Top Selling Album, Song in Billboard.
  43. ^ Adele overtakes Michael Jackson in all-time biggest selling albums cha
  44. ^ Adele, un album venduto ogni sette secondi nell’ultimo anno | Musickr - Video e Testi Canzoni
  45. ^ «Adele si aggiudica 6 Grammy Awards.» in rainews24.it, 13 febbraio 2012. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  46. ^ (EN) Adele’s ’21′ Surpasses Sales Of 22 Million Copies Worldwide, That Grape Juice, 9 giugno 2012. URL consultato il 6 settembre 2012.
  47. ^ (EN) Emma-Victoria Farr, Adele's James Bond theme for Skyfall to premiere this week in telegraph.co.uk, 1º ottobre 2012. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  48. ^ (EN) Jordan Zakarin, Adele, 'Skyfall' Singer: Grammy-Winner Confirms Her 007 Role in hollywoodreporter.com, 1º ottobre 2012. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  49. ^ (EN) Nick Allen, Golden Globes 2013: Adele triumphs with Skyfall theme in telegraph.co.uk, 14 gennaio 2013. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  50. ^ (EN) Phil Gallo, Adele Wins Best Song at Golden Globes, Billboard, 13 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  51. ^ a b (EN) Grammy Awards 2009: The full list of winners, The Daily Telegraph, 9 febbraio 2009. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  52. ^ a b c d (EN) Grammy glory for returning Adele, BBC, 13 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  53. ^ a b Adele pigliatutto, RAI. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  54. ^ Grammy, il trionfo dei giovani Fun. Babel disco dell'anno, bene Gotye, la Repubblica, 11 febbraio 2013. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  55. ^ http://fansided.com/2014/01/26/grammy-awards-2014-adele-wins-best-original-song-skyfall/.
  56. ^ a b c (EN) American Music Awards: Full List of winners includes Adele, Jennifer Lopez, and more, The Washington Post, 21 novembre 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  57. ^ (EN) AMAs 2012: Full Winners List, Billboard, 18 novembre 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  58. ^ a b c d e f g h i j k l Adele regina dei Billboard Music Awards 2012, MTV Italia, 21 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  59. ^ (EN) Adele receives Critics' Choice award at the Brits, New Musical Express, 20 febbraio 2008. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  60. ^ Brit Awards 2012, i vincitori, Rockol.it, 22 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  61. ^ (EN) Brit Awards: Adele cut short amid triumph, BBC, 22 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  62. ^ (EN) The Critics’ Choice Movie Awards are bestowed annually by the Broadcast Film Critics Association to honor the finest in cinematic achievement, Critics' Choice Movie Award. URL consultato il 13 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2013).
  63. ^ a b Adele, Bruno Mars, Rammstein e gli altri: i vincitori degli Echo Music Awards, Rockol.it, 23 marzo 2012. URL consultato il 23 marzo 2012.
  64. ^ (EN) The laureates of the 2009 European Union Border Breakers Awards (EBBA'S) have been chosen., Ec.europa.eu. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  65. ^ Ivor Novello Awards, due premi a Adele, Rockol.it, 17 maggio 2012. URL consultato il 17 maggio 2012.
  66. ^ (EN) Adele wins Ivor Novello Awards double, BBC, 17 maggio 2012. URL consultato il 17 maggio 2012.
  67. ^ (EN) Karen Bliss, Adele, Feist, Melanie Fiona, Gary Slaight Honored at Juno Awards Gala Dinner, Billboard, 31 marzo 2012. URL consultato il 3 aprile 2012.
  68. ^ (EN) Andrei Harmsworth, Jessie J trumps Adele with quartet of Mobo gongs, Metro, 5 ottobre 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  69. ^ (EN) Adele: Best of UK and Ireland, Heart.co.uk. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  70. ^ a b c d MTV Video Music Awards 2011, l'elenco dei vincitori, Rockol.it, 29 agosto 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  71. ^ a b (EN) Scott Shelter, Adele, LMFAO, Justin Bieber Win 2012 NRJ Awards, Popcrush.com. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  72. ^ a b (EN) Adele, Coldplay, U2, Bon Iver, Noel Gallagher, Tinie Tempah... Q Awards 2011: the winners, Q The Music, 24 ottobre 2011. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  73. ^ a b (EN) Ukmva 2011 winners. (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2012).
  74. ^ a b Cristina Sforzani, Swiss Music Awards 2012, Il Giornale.ch, 3 marzo 2012. URL consultato il 5 marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 21955977 LCCN: no2008088179