Marc Cohn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marc Cohn
Fotografia di Marc Cohn
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Folk rock
Periodo di attività 1991 – in attività
Album pubblicati 5
Sito web

Marc Cohn (Cleveland, 5 luglio 1959) è un cantautore statunitense, noto in particolare per il brano Walking in Memphis, tratto dal suo album omonimo del 1991 e per aver vinto nel 1992 un Grammy Award come miglior artista esordiente.[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si diplomò nella Beachwood High School di Beachwood (Ohio), un sobborgo di Cleveland. Poi frequentò l'Oberin College. Avendo come ispirazione Van Morrison, Joni Mitchell e Jackson Browne fonda una cover band (Doanbrook Hotel). Dopo frequenzazione all'UCLA di Los Angeles torna a New York dove forma con la fidanzata il gruppo dei Supreme Court, formato da 14 elementi, che grazie all'apprezzamento fatto da Carly Simon riesce a suonare al matrimonio di Caroline Kennedy.[2]

Cohn chiude l'esperienza con il gruppo e decide di inviare dei nastri all'Atlantic Records. Coprodotto da Ben Wisch esce nel 1991 l'album eponimo d'esordio, Marc Cohn. Il successo avviene grazie al singolo estratto Walking in Memphis che raggiunge il 13º posto nella 100 di Billboard.

Ha vinto il Grammy Award per il 'Miglior Nuovo Artista' (Best New Artist) nel 1992. Nel 1993 ha vinto il 'one-hit-wonder' premio dalla VH1.[senza fonte] Successivamente ha pubblicato: The Rainy Season (1993) e Burning the Daze (1998), entrambi nell'Atlantic Records. Un'auto-prodotta live compilation, 'Live 04-05' (2005), era in vendita durante il tour dell'anno.

Il 7 agosto del 2005, Cohn è stato colpito da un colpo di pistola in testa mentre era in corso un tentativo di furto di un'automobile,[2] mentre seguiva un concerto con Suzanne Vega a Denver, in Colorado. Venne ricoverato e poi dimesso nei giorni seguenti. I tour che avrebbe dovuto avere nei giorni seguenti vennero cancellati.

Il 9 ottobre 2007 viene distribuito dalla Decca il suo nuovo e lungamente atteso (9 anni) album, dal titolo Join the Parade. Nel 2010 pubblica Listening Booth: 1970, album di cover di brani usciti nel 1970.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Cohn è sposato con la giornalista della ABC Elizabeth Vargas che incontrò nel 1999, all'US Open, dopo essere stati presentati da Andrè Agassi.

La coppia ha due figli: Zachary Raphael, (2003), e Samuel Wyatt, (2006). Cohn ha altri due figli, un bambino di nome Max ed una bambina di nome Emily, dal matrimonio precedente.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Past Winners Search | GRAMMY.com
  2. ^ a b Marc Cohn | AllMusic

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79172285 LCCN: n91069764