Billie Joe Armstrong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billie Joe Armstrong
Billie Joe Armstrong in concerto con i Green Day nel 2013
Billie Joe Armstrong in concerto con i Green Day nel 2013
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop punk[1][2][3][4][5]
Punk revival[1]
Alternative rock[1]
Post-grunge[1]
Periodo di attività 1989 – in attività
Strumento voce, chitarra, pianoforte, batteria, sassofono, armonica, mandolino, basso, violino
Etichetta Reprise Records
Lookout! Records
Adeline Records
Gruppo attuale Green Day
Album pubblicati 11 (con i Green Day)
1 (con i Network)
1 (con i Foxboro Hot Tubs)
7 (con i Pinhead Gunpowder)
Studio 20
Live 6
Raccolte 3
Sito web

Billie Joe Armstrong[6] (Oakland, 17 febbraio 1972[7]) è un cantautore e polistrumentista statunitense, frontman e chitarrista delle pop punk band Green Day e Foxboro Hot Tubs, di cui è anche il principale autore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Billie Joe in un concerto

Nato da una famiglia povera a Oakland[8], California, Billie Joe è il più giovane di sei fratelli. A quattro anni, si trasferì con la famiglia a Rodeo, un quartiere di Berkeley.

All'età di cinque anni registrò la sua prima canzone dal titolo Look for Love, brano che successivamente uscì come singolo in edizione limitata di ottocento copie. Inoltre a quest'età si recava spesso all'ospedale della sua città a cantare canzoncine per rallegrare i pazienti[9]. Il padre, Andy, al quale è dedicata Wake Me Up When September Ends, era un camionista e musicista part-time di musica jazz; morì di cancro all'esofago il 16 settembre 1982, quando Billie Joe aveva solo 10 anni. Fu cresciuto quindi dalla madre, Ollie, una cameriera al Rod's Hickory Pit e dalla sorella Anna. In quinta elementare conobbe Michael Ryan Pritchard (Mike Dirnt) con il quale, all'età di 15 anni, fondò il gruppo Sweet Children con Al Sobrante come batterista. La sua prima vera canzone scritta fu Why Do You Want Him?, indirizzata a sua madre che dopo la morte di Andy aveva trovato un nuovo compagno.

Il padre gli lasciò l'ultimo e più significativo regalo: una chitarra chiamata da lui Blue, che ha poi sostituito con Blue2, una Fender Stratocaster. Oltre che alla Blue, Billie è molto legato ad un'altra chitarra, Frankenstein, chiamata così perché è una combinazione di diverse parti acquistate presso un negozio Fender.

A scuola invece aveva acquisito il nomignolo di "Two Dollar Bill" perché la riforniva con spinelli di marijuana per soli 2 dollari[9]. Inoltre veniva spesso sospeso perché aveva varie liti con gli insegnanti.

Il 17 ottobre 1987, a 15 anni, i Sweet Children si esibirono nel loro primo concerto dal vivo al Rod's Hickory Pit, dove la madre di Billie lavorava come cameriera e dove finirono per lavorare Mike Dirnt e lo stesso Billie Joe. Il 16 febbraio 1990 Billie Joe prese una decisione molto importante per la sua futura carriera: si ritirò dal liceo un giorno prima di compiere i diciotto anni per dare inizio al primo tour dei Sweet Children che cambiarono nome in Green Day, a causa della somiglianza di quello dei Sweet Baby. Alla fine di questo primo tour americano della band, il batterista Al Sobrante decise di lasciare il gruppo per andare al college e il suo posto nella band venne preso da Frank Edwin Wright III, in arte Tre Cool, che da allora è lo stabile batterista della band.

Oltre che per i Green Day, Billie Joe scrive, produce e suona pezzi anche per i Pinhead Gunpowder, ha suonato anche con i The Influents, Corrupted Morals, Rancid, Lookouts, Goodbye Harry, Blatz e gli U2. Inoltre è proprietario assieme a sua moglie Adrienne dell'etichetta discografica Adeline Records che aiuta per lo più artisti rock emergenti a farsi conoscere. Oltre alla chitarra suona anche l'armonica, il mandolino, la batteria, il piano e recentemente il sassofono. Insieme a lui nella band ci sono Mike Dirnt, Tre Cool e Jason White.

Nel 2007 la Gibson ha commercializzato negli Stati Uniti una chitarra Les Paul Junior che porta il suo nome e usata da lui stesso nei concerti.

Il 26 gennaio 2014, si esibisce ai Grammy Awards con Miranda Lambert cantando When Will I Be Loved, brano dei The Everly Brothers.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La fidanzata di lunga data di Billie, Adrienne Nesser, si è unita a lui in matrimonio in California il 2 luglio 1994 all'età di 22 anni, dopo aver conseguito la laurea in psicologia alla Mankato State University, in Minnesota. I due si erano incontrati a un concerto dei Green Day, Adrienne era tra il pubblico. Hanno avuto due figli, Joseph Marciano (Joey in onore di Joey Ramone) nato il 28 febbraio 1995, e Jakob Danger nato il 12 settembre 1998.

Armstrong si identifica come bisessuale,[10][11][12] come dichiarato in un'intervista del 1995 sulla rivista The Advocate: "Penso di essere stato sempre bisessuale. Voglio dire, è qualcosa di cui mi sono sempre interessato. Penso che tutti facciano certe fantasie riguardo al proprio sesso. Penso che le persone nascano bisessuali e che siano i nostri genitori e la società che in un certo senso fanno deviare bruscamente i nostri sentimenti in "Oh, non posso". Dicono che è tabù. È radicato nelle loro teste che è sbagliato, quando non è sbagliato per niente. È una cosa bellissima".[13]

Il 24 settembre 2012 il cantante entra in riabilitazione per disintossicarsi[14]. Il 10 marzo intraprende il nuovo tour: 99 Revolutions Tour.

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Chitarre[modifica | modifica wikitesto]

  • Gibson Les Paul Jr. Billie Joe Armstrong Signature
  • Fernandes Stratocaster (Blue)
  • Gibson Les Paul Junior
  • Gibson Les Paul Custom
  • Gibson Les Paul Jr. Doublecut Billie Joe Armstrong Signature
  • Gibson ES-175
  • Gibson SG Standard
  • Gibson Billie Joe Armstrong J-180
  • Gretsch Hollowbody
  • Fender Stratocaster
  • Fender Telecaster
  • Guild D55
  • Taylor 514C
  • Epiphone Les Paul junior
  • Rickenbacker 360
  • Fender Stratocaster
  • Gibson Flying V
  • Ibanez RG

Amplificatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Marshall 1959 SLP (master volume mod, dookie mod)
  • marshall jcm 800

Accessori[modifica | modifica wikitesto]

  • Tracolla Fort Bryan[15]
  • Corde Ernie Ball
  • Ferma tracolla Schaller

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Billie Joe Armstrong in concerto al forum di Assago nel 2009
Billie Joe Armstrong in un live a Barcellona nel 2010

con i Green Day[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Green Day.

Con i Pinhead Gunpowder[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991Tründle and Spring EP
  • 1992Fahiza EP
  • 1994Jump Salty
  • 1995Carry the Banner
  • 1997Goodbye Ellston Avenue
  • 1999Shoot The Moon EP
  • 2000Pinhead Gunpowder EP
  • 2000 – 8 Chords, 328 Words EP
  • 2003Compulsive Disclosure
  • 2008West Side Highway EP

Con i The Network[modifica | modifica wikitesto]

Con i Foxboro Hot Tubs[modifica | modifica wikitesto]

Con i The Boo[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011Peace and Love for the New Year

Con Norah Jones[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Green Day in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  2. ^ Biografia dei Green Day su about.com
  3. ^ punkmusic.about.com su about.com
  4. ^ (EN) Punk-Pop in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  5. ^ scaruffi.com
  6. ^ (EN) Biografia di Billie Joe Armstrong, greendayauthority.com.
  7. ^ (EN) Billie Joe Armstrong in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  8. ^ Imdb.com
  9. ^ a b Green Day Authority: biografia di Billie Joe Armstrong
  10. ^ (EN) John D. Luerssen, Green Day's Billie Joe Armstrong Says Bisexuality Shouldn't Be an Issue, spinner.com, 25 marzo 2010. URL consultato il 15 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2012).
  11. ^ (EN) Billie Joe Armstrong: Idiot Savant, out.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  12. ^ Billie Joe Armstrong è bisessuale, gay.tv, 27 febbraio 2013. URL consultato il 21 giugno 2013.
  13. ^ Penso di essere sempre stato bisessuale, facebook.com. URL consultato il 21 giugno 2013.
  14. ^ Billie Joe Amstrong entra in rehab
  15. ^ L'equipaggiamento di Billie Joe Armstrong - Accordo.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84246660 LCCN: no99085546