Boulevard of Broken Dreams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boulevard of broken dreams
BOBD video.png
Screenshot tratto dal videoclip del brano.
Da sinistra: Tre Cool, Billie Joe Armstrong, Mike Dirnt.

Artista Green Day
Tipo album Singolo
Pubblicazione 30 novembre 2004
Durata 4 min : 20 s
Album di provenienza American Idiot
Genere[1] Alternative rock
Pop punk
Etichetta Reprise Records
Produttore Rob Cavallo
Green Day
Green Day - cronologia
Singolo precedente
(2004)
Singolo successivo
(2004)
(EN)
« My shadow's the only one that walks beside me
My shallow heart's the only thing that's beating
Sometimes I wish someone out there will find me
'Till then I'll walk alone »
(IT)
« La mia ombra è l'unica che cammina di fianco a me
Il mio cuore debole è l'unica cosa che batte
Talvolta spero che qualcuno mi trovi
Fino ad allora camminerò solo »
(Green Day - Boulevard of Broken Dreams)

Boulevard of Broken Dreams è una canzone della band punk rock Green Day, secondo singolo estratto dall'album American Idiot, ed è stata il pezzo più fortunato e di maggior successo dell'intero album. Il video del pezzo si è aggiudicato ben 7 premi su 8 agli MTV Video Music Awards 2005.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il brano presenta chitarre fortemente distorte e vibranti, a formare un'atmosfera malinconica; più lenta della media dei brani dei Green Day, presenta un cantato estremamente melodico e un uso del basso più scarso del solito; lo strumento infatti si limita a seguire schemi lineari e piuttosto ripetitivi.

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Per molti versi la canzone ricorda inevitabilmente Wonderwall degli Oasis, sostanzialmente per via degli accordi di base. Alla fine del 2006 Noel Gallagher, chitarrista degli Oasis, dichiarò: "Dovrebbero avere la decenza di aspettare che muoia [prima di rubarmi le canzoni]. Io, almeno, alla gente cui rubo le canzoni pago la cortesia",[2]. La reazione di Gallagher è dovuta probabilmente alla diffusione di Boulevard of Broken Songs, mixaggio del dj e produttore di San Francisco Party Ben, che nel 2004 fuse Boulevard of Broken Dreams, Wonderwall, Writing to Reach You dei Travis e Dream On degli Aerosmith.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il testo cita per la prima volta Jimmy, di cui si parlerà più esplicitamente nel singolo St. Jimmy; egli è un ragazzo che si trova in un periodo di confusione psicologica, di tristezza e solitudine. Egli si trova in una strada solitaria e deserta, immersa nel silenzio e cammina da solo come può evidenziare la strofa, ripetuta più volte:""I walk alone, I walk alone..."", ovvero: ""Cammino solo, cammino da solo..."". Il ragazzo considera questa strada (Boulevard) come una casa e come l'unico posto che abbia mai conosciuto. In quella strada le uniche cose che si muovono sono il suo cuore e la sua ombra e lui a volte ha il desiderio che accanto a lui ci sia qualcuno ma:""Til then I walk alone"", fino ad allora camminerà da solo.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip della canzone nel 2004, periodo di estrazione del singolo, è stato trasmesso su MTV con una frequenza elevatissima tant'è che si è aggiudicato ben 7 premi al Video Music Awards di MTV nello stesso anno; Nel video appaiono i tre componenti, per la maggior parte in sequenza al rallentatore, i quali scendono da una macchina e si aggirano per una città apparentemente uscita da qualche film western; per dare maggiormente quest'impressione, in una sequenza appare un grosso condor (appartenente ad uno dei tecnici che hanno lavorato al filmato); frequenti distorsioni e strisce nere appaiono sullo schermo poiché Samuel Bayer ha usato tecniche poco ortodosse per raggiungere questi effetti, come la retro-proiezione e il danneggiamento del negativo attraverso schegge e sigarette accese.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD 1[modifica | modifica wikitesto]

  1. Boulevard of Broken Dreams
  2. Letterbomb (Live)

CD 2[modifica | modifica wikitesto]

  1. Boulevard of Broken Dreams
  2. American Idiot (Live)
  3. She's a Rebel (Live)

CD 3[modifica | modifica wikitesto]

  1. Boulevard of Broken Dreams
  2. Letterbomb (live)

7" Picture Disc[modifica | modifica wikitesto]

A-side[modifica | modifica wikitesto]

  1. Boulevard of Broken Dreams

B-side[modifica | modifica wikitesto]

  1. Letterbomb (live)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Chart Posizione
U.S. Billboard Hot 100 2
U.S. Billboard Pop 100 1
U.S. Billboard Modern Rock Tracks 1
U.S. Billboard Mainstream Rock Tracks 1
U.S. Billboard Hot Ringtones 5
U.S. Billboard Top 40 Mainstream 1
U.S. Billboard Top 40 Tracks 6
U.S. Billboard Adult Top 40 1
U.S. Billboard Adult Contemporary 30
Argentina Top 40 Singles 1
Australia Top 50 Singles 5
Austria Top 75 Singles 8
Brasile Top 100 Singles 3
Canada BDS Airplay Chart 1
Cile Top 20 Singles 1
Cina Top 20 Singles 1
Danimarca Top 20 Singles 8
Danimarca Top 20 Airplay 3
Finlandia Top 40 Singles 16
Francia Top 100 Singles 19
Chart (2005) Posizione
Germania Top 100 Singles 13
Germania Top 100 Airplay 58
America latina Top 40 Singles 20
India Top 20 Singles 1
Irlanda Top 50 Singles 2
Israele 100FM Singles 1
Messico Top 20 Singles 1
Olanda Top 40 Singles 34
Nuova Zelanda RIANZ Top 40 Singles 5
Norvegia Top 20 Singles 4
Spagna Top 20 Singles 12
Svezia Top 40 Singles 2
Svizzera Top 100 Singles 12
Taiwan Top 10 Singles 6
'Tokio Hot 100' 8
U.K. Top Singles 5
Ucraina Top 40 Singles 29
Eurochart Hot 100 Singles 4
World Top 100 Airplay 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda sul singolo da allmusic.com
  2. ^ Elizabeth Goodman, Noel Gallagher Turns Loathing of Green Day Into Personal Pastime, Rolling Stone, 20-12-2006.
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk