Stephen Fry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stephen Fry nel 2008

Stephen John Fry (Hampstead, 24 agosto 1957) è un comico, attore, scrittore, autore televisivo, regista e sceneggiatore britannico.

Descritto una volta come "un uomo il cui cervello ha le dimensioni del Kent" in un'intervista con Michael Parkinson. Nel dicembre 2006 si è classificato sesto nel premio Top Living Icon della rete britannica BBC.

Dopo un'infanzia e un'adolescenza problematiche, durante le quali è stato espulso da diverse scuole e ha passato tre mesi in prigione per truffa con carta di credito, è stato in grado di assicurarsi un posto al Queen's College, a Cambridge, dove ha studiato letteratura inglese.
È giunto all'attenzione del pubblico nella presentazione di "The Cellar Tapes" della Cambridge Footlights Revue nel 1981, la quale includeva anche Hugh Laurie, Emma Thompson e Tony Slattery. Con Hugh Laurie, come nella commedia a doppio atto Fry and Laurie, è stato co-autore e co-attore in A Bit of Fry & Laurie, e ha ricoperto il ruolo di Jeeves (con Laurie che interpretava Wooster) in Jeeves and Wooster.
Come attore, Fry ha recitato la parte del protagonista nel film Wilde, è stato Melchett nella serie TV della BBC Blackadder, ha interpretato il personaggio di Peter Kingdom della serie TV Kingdom della ITV. Ha un ruolo da guest star ricorrente come Dott. Gordon Wyatt nella serie crime della Fox, Bones, ed è apparso come Gordon Deitrich, presentatore TV nel thriller distopico V per Vendetta. Ha anche scritto e presentato numerose serie di documentari tra cui Stephen Fry in America del 2008, in cui viaggia attraverso gli Stati Uniti d'America. Dal 2003 è il conduttore del quiz show QI.

Fry ha collaborato con giornali e riviste scrivendo articoli; ha inoltre scritto quattro romanzi e due volumi autobiografici: Moab Is My Washpot e Stephen Fry Chronicles. Inoltre è spesso ospite su BBC Radio 4, recita nella serie comica Absolute Power, è un guest star ricorrente in giochi come Just a Minute, e ha ricoperto il ruolo di conduttore in I'm Sorry I Haven't a Clue, dove faceva parte di un trio di presentatori succeduti a Humphrey Lyttelton. In Gran Bretagna Fry è anche conosciuto per le sue registrazioni di audiobook, specialmente per aver letto tutti e sette i libri di Harry Potter.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stephen Fry nel 2009

Stephen Fry è figlio di Alan Fry, un medico ed inventore britannico, e Marianne Neumann, figlia di una coppia di immigrati ungheresi d'origine ebraica. Ha un fratello maggiore, Roger, e una sorella minore, Joanna. Quando era ancora un ragazzo la sua famiglia si trasferì in campagna, nel villaggio di Booton, vicino a Reepham, nel Norfolk.

Fry ha frequentato brevemente la Cranston Primary School nel Norfolk[1]; all'età di sette anni si iscrive alla Stouts Hill School, poi frequenta la Uppingham School nel Rutland, dove si unisce alla Fircroft house e viene descritto come un "genio un po' asmatico".[2] Espulso dalla Uppingham a quindici anni, viene successivamente espulso anche dalla Paston School.
A diciassette anni, dopo aver lasciato il Norfolk College of Arts and Technology, Fry scappa con una carta di credito rubata a un amico di famiglia, viene arrestato a Swindon, e come risultato passa tre mesi nella Pucklechurch Prison in custodia cautelare.
In seguito al suo rilascio riprende la carriera scolastica presso il City College Norwich, promettendo agli amministratori che avrebbe studiato rigorosamente per accedere agli esami d'ammissione a Cambridge. Ottiene un punteggio sufficiente e nel 1979 vince una borsa di studio per il Queen's College di Cambridge dove si laurea in Inglese a pieni voti. Qui incontra e stringe amicizia con Emma Thompson e Hugh Laurie, con i quali collaborerà negli anni seguenti nel Cambridge Footlights, gruppo teatrale comico dell'università.

La sua fama cresce durante gli anni ottanta e novanta grazie a diverse collaborazioni televisive con l'amico e co-autore Hugh Laurie (A Bit of Fry and Laurie) e alla fortunata serie Blackadder.

È noto al pubblico italiano soprattutto per le sue apparizioni nei film Gli amici di Peter diretto da Kenneth Branagh e Gosford Park con la regia di Robert Altman, ma soprattutto per la sua interpretazione di Oscar Wilde nel film Wilde del 1997. Tra le sue ultime interpretazioni si ricordano V per Vendetta e Sherlock Holmes - Gioco di ombre per il grande schermo e lo psicologo della polizia nella serie televisiva Bones.

Partecipa nel disco di Kate Bush 50 Words for Snow, nell'omonima canzone. Inoltre interpreta il primo ministro inglese nell'ultima serie televisiva 24 con Kiefer Sutherland.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Per anni, durante l'adolescenza, Fry tiene segreta la sua omosessualità, praticando il celibato (o astinenza sessuale, come lui stesso ammette) per sedici anni. Nel 1995 incontra Daniel Cohen, suo attuale compagno, dopo un difficile periodo di depressione, dovuta ad un disordine bipolare che non gli era mai stato diagnosticato. È stato sostenitore del British Labour Party per molti anni.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Doppiatore[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Stephen Fry è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stephen Fry, Hugh Laurie, A Bit of Fry and Laurie. Mandarin, 1990, ISBN 9780749307059
  • Stephen Fry, The Liar, Soho, 1991, ISBN 9780939149827 - Il bugiardo in edizione italiana
  • Stephen Fry, The Hippopotamus, Soho Press, 1994, ISBN 9781569470541 - L'ippopotamo in edizione italiana
  • Stephen Fry, Making History, Arrow, 1997, ISBN 9780099464815
  • Stephen Fry, Moab Is My Washpot: An Autobiography, Soho Press, 2000, ISBN 9781569472026
  • Stephen Fry, The Stars' Tennis Balls, Hutchinson, 2000, ISBN 9780091801519 - Le palle da tennis delle stelle in edizione italiana
  • Stephen Fry, Revenge: A Novel, Random House, 2003, ISBN 9780812968194
  • Stephen Fry, The Ode Less Travelled: Unlocking the Poet Within, Hutchinson, 2005, ISBN 9780091796617
  • John Lloyd, Stephen Fry, John Mitchinson, The Book of General Ignorance. Faber and Faber, 2006, ISBN 9780571233687
  • Mark Carwardine, Stephen Fry, Last Chance to See. HarperCollins Publishers Limited, 2009, ISBN 9780007290727
  • Stephen Fry, The Fry Chronicles: An Autobiography. Michael Joseph, 2010, ISBN 0718154835

Audiolibri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cawston Parish in Norfolk, Cawstonparish. info. URL consultato il 4 febbraio 2009.
  2. ^ Fry and Laurie Reunited, 2010 (GOLD)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39518907 LCCN: n92115518