Università statale di Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Università statale di Mosca
Panoramio - V&A Dudush - МГУ.jpg
Stato Russia Russia
Città Mosca
Motto Наука есть ясное познание истины, просвещение разума
Fondazione 1755
Tipo pubblica
Rettore Viktor Sadovničij
Studenti 47 000
Dipendenti 15 000
Sito web www.msu.ru/
 

L'Università statale Lomonosov di Mosca (in russo: Московский государственный университет имени М.В.Ломоносова[?]), fondata nel 1755, è la più grande e la più antica università della Russia.

Nel 2004 vi erano iscritti circa 38.000 studenti, a fronte di un corpo docente di circa 4.000 persone. L'attuale rettore è Viktor Sadovničij.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Università venne fondata dall'imperatrice Elisabetta di Russia, che con decreto del 25 gennaio 1755 accolse le istanze di Ivan Šuvalov e Michail Lomonosov. Le prime lezioni si tennero il 26 aprile dello stesso anno.

Situata originariamente sulla Piazza Rossa, fu trasferita nell'attuale sede neoclassica di via Mochovaja sotto il regno di Caterina II di Russia (17621796). L'edificio principale fu costruito tra il 1782 e il 1793, e interamente ristrutturato dopo l'incendio di Mosca del 1812 da Domenico Gilardi.

Nel diciottesimo secolo, l'università aveva tre facoltà: filosofia, giurisprudenza e medicina. Quest'ultima fu articolata nel 1804 in tre distinte facoltà: medicina clinica, chirurgia ed ostetricia. Tra il 1884 e il 1897 il Dipartimento di Medicina fece costruire un vasto campus a Devič'e pole, che nel 1918 fu separato dall'università e successivamente affidato alla Accademia medica di Mosca.

L'edificio centrale dell'università in via Mokhovaya (1798).

Nel 1905, nell'università si costituì un'organizzazione socialdemocratica che sosteneva la necessità di destituire lo zar e trasformare la Russia in una repubblica. Il governo zarista dispose ripetutamente la chiusura dell'università e l'espulsione di migliaia di studenti. Nel 1911 centotrenta professori e scienziati, tra cui Nikolaj Dmitrievič Zelinskij, Pëtr Nikolaevič Lebedev e Sergej Alekseevič Čaplygin, rassegnarono le dimissioni come protesta contro l'occupazione del campus da parte di truppe armate.

Dopo la rivoluzione d'ottobre, l'università venne aperta anche ai figli dei proletari e dei contadini. Nel 1919 fu istituita un'apposita struttura per la formazione dei proletari, allo scopo di permettere loro di passare gli esami di ammissione.

Nel 1940, l'università fu intitolata al suo fondatore Michail Lomonosov.

Durante la seconda guerra mondiale, gruppi di studenti e professori si arruolarono volontari nell'esercito, ed una divisione formata da studenti dell'università combatté eroicamente per la difesa di Mosca. Poiché il rischio di una presa della capitale da parte dei tedeschi era notevole, professori, studenti ed impiegati dell'università furono evacuati prima a Aşgabat, in Turkmenistan, poi a Sverdlovsk. L'università tornò a Mosca solo nel 1943, quando le truppe tedesche furono allontanate a sufficienza dalla città.

Nel corso della guerra, l'università continuò comunque a formare oltre 3.000 studenti, e non interruppe le ricerche scientifiche.

Nel dopoguerra vennero incrementati i fondi a disposizione dell'università e tra il 1948 e il 1953 fu costruito un nuovo complesso universitario a Vorob'ëvy gory sotto la direzione dell'architetto Lev Rudnev, al quale nel 1949 venne assegnato il Premio Stalin per la progettazione dell'edificio principale. Il nuovo campus era dotato di aule e di laboratori equipaggiati con i migliori strumenti disponibili all'epoca.

Dopo il 1991 sono state fondate nove nuove facoltà. Dal 1992 l'università è finanziata direttamente dal bilancio dello Stato, e quindi non dipende più neppure finanziariamente dal ministero dell'educazione.

Il campus[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Edificio principale dell'Università statale di Mosca.
L'edificio di via Mochovaja ospita oggi le facoltà di giornalismo e psicologia.

Nel secondo dopoguerra, Stalin ordinò la costruzione di sette torri, le cosiddette Sette Sorelle attorno a Mosca. La più alta di tali costruzioni (240 m, per 36 piani) fu adibita a sede principale dell'università.

La torre dell'università era, al tempo della sua costruzione, la più alta costruzione al mondo fuori dall'area di New York, e restò il più alto edificio d'Europa sino al 1988.

L'edificio contiene oltre 5.000 stanze, affacciate su circa 33 km di corridoi. Ospita, tra l'altro, un teatro, una sala per concerti, un museo, molti servizi dell'amministrazione, una biblioteca, una piscina, una stazione di polizia, un ufficio postale, una lavanderia e una banca.

Il campus di Vorob'ëvy gory è stato nel tempo ingrandito, e vi sono stati costruiti vari impianti sportivi, tra cui l'unico campo da baseball esistente in Russia. Un nuovo edificio è stato costruito di recente per ospitare la biblioteca, che è la seconda biblioteca russa per numero di volumi.

Lo storico edificio di via Mochovaja ospita oggi le facoltà di giornalismo e psicologia, oltre all'istituto di studi asiatici ed africani.

Studenti celebri[modifica | modifica sorgente]

Tra gli studenti dell'ateneo moscovita divenuti famosi si annoverano:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
Ordine della Bandiera rossa del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del lavoro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]