Zar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi ZAR.

Zar, a volte scritto[1] come czar o tzar (in russo: царь[?], traslitterato: car' ascolta[?·info], in bulgaro цар; dal latino Caesar, poi C'zar, infine zar), fu il titolo usato per i governanti dell'Impero Russo dal 1561 al 1721. Il primo ad adottare ufficialmente il titolo fu Ivan IV il Terribile (1547-1584), come simbolo del cambiamento della natura della monarchia russa; fino a quel momento il titolo era quello di principe di Moscovia. Nel 1721 Pietro I il Grande (1682-1725) adottò il titolo di imperatore con cui lui ed i suoi discendenti sono conosciuti e che era considerato interscambiabile con il termine zar.
Nelle lingue slave spesso è stato usato il termine zar per tradurre la parola imperatore; per esempio il titolo di Imperatore del Giappone veniva tradotto come Zar del Giappone.[senza fonte] Il termine è stato usato anche in altri stati come la Serbia, la Croazia e la Bulgaria.

Titolatura completa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista dei sovrani di Russia.

La titolatura completa degli zar di Russia iniziava con: Per grazia di Dio, Imperatore e Autocrate di tutte le Russie, in in russo: Божию Милостию, Император и Самодержец[?] Всероссийский [Božiju Milostiju, Imperator i Samoderžec Vserossijskij], seguiva poi una lista delle terre governate.

Ad esempio, in accordo con l'articolo 56 della Costituzione russa del 23 aprile 1906, il titolo completo della Sua Maestà Imperiale è il seguente:

Per grazia di Dio, Noi ------- ed Imperatore ed Autocrate di tutte le Russie
di Mosca, Kiev, Vladimir, Novgorod,
Zar di Kazan', Zar di Astrachan', Zar di Polonia, Zar di Siberia, Zar del Chersoneso Taurico, Zar di Georgia,
Signore di Pskov e
Granduca di Finlandia, Smolensk, Lituania, Volinia, e Podolia;
Principe di Estonia, Livonia, Curlandia e Semigallia, Samogitia, Bielostock, Carelia,
Tver', Jugra, Perm', Kirov, Bulgaria e altri territori;
Signore e GranDuca di Novgorod, Černigov; sovrano di Rjazan', Polotsk,
Rostov, Jaroslavl', Bielozero, Udoria, Obdorsk, Kondia, Vicebsk, Mstilav e
di tutti i territori del nord; e
Sovrano di Iveria, Cartalia e delle terre di Kabardinia e dei territori Armeni;
Sovrano ereditario e Signore della Circassia e principe delle montagne e altro;
Signore del Turkestan,
Erede di Norvegia,
Duca di Schleswig-Holstein, Stormarn, Ditmarsch, Oldenburg, e così via, così via, così via.

con l'alfabeto cirillico allora in uso:

Божію Поспѣшествующею Милостію МЫ, ------- и САМОДЕРЖЕЦЪ ВСЕРОССІЙСКІЙ
Московскій, Кіевскій, Владимірскій, Новгородскій,
Царь Казанскій, Царь Астраханскій, Царь Польскій, Царь Сибирскій, Царь Херсонеса Таврическаго, Царь Грузинскій,
Государь Псковскій, и
Великій Князь Смоленскій, Литовскій, Волынскій, Подольскій и Финляндскій;
Князь Эстляндскій, Лифляндскій, Курляндскій и Семигальскій, Самогитскій, Бѣлостокский, Корельскій,
Тверскій, Югорскій, Пермскій, Вятскій, Болгарскій и иныхъ;
Государь и Великій Князь Новагорода низовскія земли, Черниговскій, Рязанскій, Полотскій,
Ростовскій, Ярославскій, Бѣлозерскій, Удорскій, Обдорскій, Кондійскій, Витебскій, Мстиславскій и
всея Сѣверныя страны Повелитель; и
Государь Иверскія, Карталинскія и Кабардинскія земли и области Арменскія;
Черкасскихъ и Горскихъ Князей и иныхъ Наслѣдный Государь и Обладатель;
Государь Туркестанскій;
Наслѣдникъ Норвежскій,
Герцогъ Шлезвигъ-Голстинскій, Стормарнскій, Дитмарсенскій и Ольденбургскій, и прочая, и прочая, и прочая.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

La parola Zar deriva dal titolo latino Cæsar, attraverso l'antico slavo cĕsarĭ (цѣсарь). La contrazione della parola deriva dall'abitudine di abbreviare i titoli nei manoscritti ecclesiastici in antico slavo. Durante il fascismo, in Italia il termine zar veniva sostituito dal termine "Cesare".
Anche il termine tedesco Kaiser e Kaisar (nella lingua dei goti) derivano da Cæsar.

Titolatura della famiglia imperiale[modifica | modifica sorgente]

  • Zarina o Tsariza, Царица, (Zariza, in italiano trasformato in Zarina) era il termine utilizzato per la consorte dello Zar.
  • Cesarevič o Tsesarevič, Цесаревич, (letteralmente figlio dello zar) era usato per primogenito maschio. Il titolo completo era Naslednik Cesarevič (erede dello zar), in modo informale veniva abbreviato in Nadlednik (Erede). Poteva indicare anche un figlio che non era erede al trono aveva formalmente il titolo di Velikij Knjaz (GranDuca). In seguito il termine fu anche utilizzato per i nipoti (solo per linea maschile).
  • Zarevič o Tsarevič , Царевич, era il termine per un figlio maschio. In origine il termine veniva usato al posto di
  • Zarevna o Tsarevna ', Царевна, era il termine utilizzato per indicare la figlia di uno zar, o di una zarina.
  • Cesarevna o Tsesarevna ', Цесаревна, era il termine per indicare la nuora dello zar, la moglie dell'erede (Cesarevič).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo la traslitterazione anglosassone

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia