Elisabetta di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Elisabetta di Russia
Elisabetta di Russia
Imperatrice di Russia
Stemma
In carica 6 dicembre 1741 – 5 gennaio 1762
Incoronazione 6 marzo 1742
Predecessore Ivan VI
Successore Pietro III
Nascita Kolomenskoye, 29 dicembre 1709
Morte San Pietroburgo, 5 gennaio 1762 (52 anni)
Casa reale Romanov
Padre Pietro I di Russia
Madre Caterina I di Russia
Consorte Alexey Razumovsky
Firma SignatureElizabethPetrovna.jpg
Zar di Russia
Romanov

Coat of Arms of Russian Empire.svg

Elisabetta I (1741 - 1762)

Elisabetta di Russia, Elizaveta Petrovna, in lingua russa Елизаве́та Петро́вна IPA jɪlʲɪzʌvʲetə pʲɪtrɔvnə (Kolomenskoe, 29 dicembre 1709San Pietroburgo, 5 gennaio 1762), fu Imperatrice di Russia dal 1741 fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'infanzia[modifica | modifica sorgente]

Elisabetta Petrovna in tenera età dipinta nei panni di Venere.

Elisabetta, seconda figlia di Pietro il Grande e di Caterina I di Russia, nacque a Kolomenskoe, presso Mosca, il 18 dicembre 1709 (secondo il calendario giuliano). Dal momento che i suoi genitori non erano ancora sposati, all'epoca, la sua illegittimità venne utilizzata poi dai suoi oppositori per tentare di escluderla dalla successione al trono.

Da ragazza era molto intelligente, anche se la sua istruzione risultava talvolta lacunosa. Suo padre la adorava, ma non riusciva a dedicarle il tempo che avrebbe voluto, e sua madre era di estrazione troppo bassa ed illetterata per sovrintendere ai suoi studi. Ebbe una governante francese che le consentì di apprendere comunque l'italiano, il tedesco e lo svedese, tanto che poteva discutere fluentemente in queste tre lingue. Per quanto riguarda la sua giovinezza era nota per la propria bellezza e vivacità.

Era intenzione di Pietro far sposare questa sua figlia a Luigi XV di Francia, ma l'onore dei Borboni si oppose contro una qualsiasi alleanza. A questo si aggiunsero una serie di speculazioni matrimoniali che gli stessi Borboni avevano in progetto e per questo motivo, alla morte della madre (maggio 1727) ed alla partenza dell'amata sorella Anna alla volta di Holstein per matrimonio, l'unica relazione che le rimase fu quella con l'amante diciottenne Aleksandr Danilovič Menšikov, appartenente ad una delle famiglie influenti di corte.

Malgrado questa sua situazione, venne trattata con rispetto e devozione anche durante il governo del giovane nipote Pietro II, che si diceva fosse stato suo amante. Ai Menšikov si sostituirono però i Dolgorukov, che avevano in odio Pietro il Grande e che praticamente la bandirono da corte. Elisabetta aveva ereditato il temperamento sensuale del padre e, essendo libera da ogni controllo esterno, si abbandonò ai suoi amori senza riserve.

Ancora adolescente, fu amante di Aleksej Šubin, un attraente sergente del reggimento delle Guardie Semyonovsky, e dopo il suo esilio in Siberia per ordine della Zarina Anna, si consolò con un giovane cosacco, Aleksej Grigor'evič Razumovskij, che, molto probabilmente, seppur la documentazione comprovante fu bruciata da quest'ultimo su ordine di Caterina II di Russia, successivamente diventò suo marito.

La Rivoluzione di Palazzo del 1741[modifica | modifica sorgente]

L'imperatrice Elisabetta

Durante il regno della cugina Anna Ioannovna (1730 – 1740), Elisabetta divenne una presenza secondaria; ma alla morte della zarina, la reggenza di Anna Leopoldovna per l'infante Ivan VI venne contraddistinta da un'eccessiva tassazione e da problemi economici. Il governo, meditava già da tempo di spodestare la sovrana. Elisabetta, nella sua scalata al potere, essendo la figlia di Pietro il Grande, ottenne grande supporto da parte del popolo russo, mentre l'idea le venne dall'ambasciatore Jacques-Joachim Trotti, Marchese de La Chetardie, che stava segretamente complottando per scacciare l'influenza austriaca dalla corte russa. Sarebbe un errore, comunque, credere che La Chetardie abbia preso parte alla rivoluzione che portò la figlia di Pietro il Grande sul trono russo. Un dato di fatto, dietro pagamento di 2000 ducati, invece di 15.000 che ella aveva richiesto per lui, egli non prese parte al colpo di stato. Il merito e la gloria di questa azione andarono quindi alla sola Elisabetta. Il terrore di essere catturata dai suoi oppositori e di essere confinata a vita in un monastero (pena che era spettata ad esempio alla prima moglie di Pietro il Grande, Evdokija) fu la causa scatenante della vita attiva di Elisabetta.

Alla mezzanotte del 6 dicembre 1741, con l'aiuto di amici personali, incluso l'archiatra di corte Jean Armand de Lestocq, il suo ciambellano, Michail Illarionovič Voroncov, il suo futuro marito, Aleksej Razumovskij, e Aleksandr e Pëtr Šuvalov, due gentiluomini di palazzo, Elisabetta si recò nella caserma di Preobraženskij dove aveva sede il reggimento delle guardie d'onore e si attirò le loro simpatie con un discorso efferato e li convinse a seguirla al Palazzo d'Inverno, dove la reggente si trovava in assoluta sicurezza. Avendo arrestato tutti i ministri fedeli alla zarina, Elisabetta sorprese Anna e suo figlio nei loro letti, e convocò tutti i notabili laici ed ecclesiastici alla loro presenza. La rivoluzione si protrasse sino alle otto del mattino successivo quando intervennero anche alcuni cittadini che erano stati informati della congiura.

Per quest'azione, all'età di trentadue anni, questa donna con poca conoscenza degli affari di stato, ma con grande spirito, si trovò ben presto a capo di uno dei più grandi imperi del mondo in uno dei momenti più critici della sua esistenza. Fortunatamente per lei e per la Russia, Elisabetta Petrovna, aveva ereditato dal padre l'ingegno nel governare. Durante tutte le sue azioni politiche, si richiamò spesso allo spirito del padre. Caratterialmente era predisposta al sacrificio per la patria ed era disposta ad accantonare i pregiudizi sulle donne, di modo da potersi assicurare il pieno potere riconosciutole all'unanimità.

La politica di Bestužev[modifica | modifica sorgente]

Elisabetta di Russia
Elisabetta in un ritratto di Heinrich Buchholz del 1768

Dopo aver abolito il Gabinetto di Consiglio dei ministri che aveva assistito la reggente Anna, e dopo aver ricostituito il senato, come era stato sotto Pietro il Grande, con i capi di dipartimento di stato, non un rappresentante tedesco venne posto a capo delle posizioni di governo, prediligendo invece uomini di fiducia svedesi. Il 23 gennaio 1743, furono aperti negoziati tra le due potenze sul possesso di Åbo (Turku) e, con il 7 agosto, 1743 (Trattato di Åbo), la Svezia cedeva alla Russia tutta la parte a sud della Finlandia, ad est del fiume Kymmene, che divenne la linea di demarcazione tra i due stati, incluse le fortezze di Villmanstrand e Fredrikshamn.

Questa trionfante azione diplomatica era dovuta soprattutto all'abilità del Vice Cancelliere Aleksej Petrovič Bestužev-Rjumin, che Elisabetta, sebbene lo detestasse personalmente, aveva posto a capo del ministero degli affari esteri subito dopo la sua ascesa al trono. Egli rappresentava la fazione anti francese ed anti prussiana del consiglio dei ministri, e il suo progetto era quello di progettare un'alleanza tra Inghilterra, Austria e Russia la quale, per il tempo, era indubbiamente la più conveniente per la Russia. Numerosi attentati di mano russa contro Federico il Grande e Luigi XV furono tentati dalla polizia di Bestužev, che nel frattempo protesse la corte ed Elisabetta stessa durante i suoi primi anni di regno, quando si trovava al centro di continui intrighi e cospirazioni.

Alla fine il ministro prevalse, sostenuto in questo dall'imperatrice e, forte di 30.000 uomini del Reno, raggiunse la pace sottoscrivendo il Trattato di Aquisgrana (18 ottobre 1748). Con propositi tenaci, Bestuzhev aveva estraniato la Russia dalla questione svedese; riconciliò inoltre la propria amante imperiale con le corti di Vienna e Londra; risolse le questioni che coinvolgevano la Russia in Polonia, Turchia e Svezia, e isolò il solitario Re di Prussia dall'attaccare l'impero russo con ulteriori alleanze. Ma questo sarebbe stato impossibile senza il notevole supporto di Elisabetta, che riponeva in lui implicitamente la sua fiducia, malgrado le continue maligne insinuazioni del Cancelliere su molti dei suoi amici personali.

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

Elisabetta in un ritratto di ignoto

Elisabetta si dimostrò degna erede di suo padre. E nondimeno lo dimostrò nel campo delle scelte della politica interna. Proseguendo la linea riformatrice che si era attenuata sotto i precedenti regni, Elisabetta continuò la colonizzazione della Siberia, cercando di estendere il più possibile l'influenza russa su quelle regioni. Risanò con sagge riforme amministrative l'erario dello stato che era allo sbando e incrementò i commerci all'interno dell'impero, rivitalizzando così la giovane industria russa.

Ottenne nuovi sbocchi commerciali ed industriali non solo grazie ai ricchi giacimenti degli Urali, ma anche alle vastissime risorse di legname presenti nella Finlandia meridionale e nella Siberia. Ma ad Elisabetta va principalmente il merito di aver ristabilito l'ordine interno dopo tanti colpi di stato e di aver ripulito la corte dagli intriganti principi stranieri presenti a San Pietroburgo, soprattutto il malvagio ed intrigante Bhuren, amante di Anna Ivanovna.

Sul piano culturale, Elisabetta modernizzò l'università di Mosca e aprì quella di San Pietroburgo, facendo attirare intellettuali e artisti da tutta Europa fra i quali ebbe un ruolo di rilievo l'architetto italiano Bartolomeo Rastrelli al quale furono affidate la realizzazione di residenze, rimaste celebri, a San Pietroburgo. L'Università in questa città fu voluta però fortemente più dal circolo illuminista presente a corte, che dalla Zarina, donna di scarsa cultura sebbene fosse grande ammiratrice degli sfarzi della corte di Luigi XV con gli artisti e i letterati che vi davano lustro e nelle arti minori dell'avvenuta fondazione della manifattura di porcellana a Vincennes.

Infatti il fascino per le nuove nuove scoperte avvenute in Francia e in Sassonia a Meissen, la portarono a fondare nel 1744 una manifattura di porcellana di ottima qualità a San Pietroburgo.

La sua figura carismatica, amata dal popolo e dalla aristocrazia, riuscì a tenere insieme la Russia riconquistandole il ruolo di grande potenza durante la guerra dei sette anni.

La Guerra dei Sette anni[modifica | modifica sorgente]

Il grande evento degli ultimi anni di governo di Elisabetta fu la Guerra dei Sette anni. Elisabetta si oppose fervidamente al Trattato di Westminster (16 gennaio 1756, (secondo il quale Gran Bretagna e Prussia si accordavano per unire le proprie forze per opporsi all'entrata, od al passaggio, in Germania delle truppe di qualsiasi altra potenza straniera), pur mantenendo la Gran Bretagna le precedenti convenzioni con la Russia. Le grandi potenze europee avevano interesse a mantenere la Prussia entro i propri confini, e questo spinse Elisabetta ad aderire al Trattato di Versailles, una lega franco-austriaca contro la Prussia, e per questo, il 17 maggio 1757 parte dell'armata russa, consistente di 85.000 uomini, avanzò contro i prussiani a Königsberg.

La malattia della zarina, che andava aggravandosi, la costringeva alla residenza di Carskoe Selo e molti erano gli intrighi che andavano tessendosi sulle sorti della guerra e la sconfitta prussiana avvenne nella Battaglia di Kunersdorf (12 agosto 1759). Federico di Prussia venne risparmiato solo dal fatto che la guerra venne compromessa dalle gelosie createsi tra i comandanti russi e quelli austriaci sul come condurre le azioni militari.

Tra l'altro fu proprio la malattia dell'Imperatrice russa, tra il 1759 e la fine del 1761, a intensificare una politica anti prussiana. Dal punto di vista russo, Elisabetta era colei che poneva la propria attenzione al bene della Russia e la sua determinazione contava sopra ogni cosa. Ella si prodigò per assicurare il confine russo, ritenendo che l'unica maniera per fermare il Re di Prussia fosse quella di promulgare il disarmo per lo stato prussiano di modo che divenisse innocuo per i propri vicini e soprattutto auspicava una riduzione al titolo di Principe Elettore.

Elizaveta Petrovna a Tsarskoe Selo (1905), in un dipinto di Eugene Lanceray, ora nella Galleria Tret'jakov

Federico stesso era consapevole di questo rischio e delle problematiche che questa guerra aveva apportato alla situazione internazionale ed a quella del suo paese. Il 21 maggio 1760 venne confermata una nuova convenzione tra Russia ed Austria, di cui una clausola segreta, che non venne mai comunicata alla corte di Versailles, garantiva la Prussia dell'Est alla Russia, come indennità per le spese di guerra. Il fallimento della campagna del 1760, dovuta all'inettitudine del Conte Buturlin, indusse la corte di Versailles, la sera del 22 gennaio 1761, a presentare a San Pietroburgo un dispaccio secondo il quale il Re di Francia desiderava assolutamente la pace, anche per assicurare la situazione europea. La replica della Zarina venne fatta pervenire il 12 febbraio da due ambasciatori. Elisabetta non intendeva cedere ad alcun trattato di pace sin quando l'iniziale progetto della lega anti prussiana non fosse stato completato.

Simultaneamente, Elisabetta inviò a Luigi XV una lettera confidenziale nella quale ella si proponeva di firmare un nuovo trattato di alleanza di natura più comprensiva ed esplicita dei precedenti trattati stipulati dalle due potenze, senza mettere l'Austria a conoscenza di tutto questo. Il progetto segreto di Elisabetta era quello di riappacificare Francia e Gran Bretagna e quindi, con il loro appoggio, riversare il proprio esercito in Prussia. Questo progetto si basava sulla volontà di Luigi XV di frenare l'influenza russa sull'Europa dell'est, ma allo stesso tempo lo accompagnava il terrore di una guerra contro l'Impero di Russia. Egli concluse quindi, infine, un concordato a Parigi con i propri alleati per un concordato di pace, mentre proseguiva la guerra contro la Prussia.

La campagna del 1761 fu inutile quanto quella del 1760. Federico resisteva strenuamente con tutte le proprie forze e la conquista della fortezza di Kolberg (Kołobrzeg), il giorno di Natale del 1761, dal Generale Rumjancev, fu il solo successo russo. Federico, comunque, si trovava ora agli sgoccioli. Il miracolo che salvò il Brandeburgo da una sicura rovina fu la morte dell'Imperatrice russa il 5 gennaio 1762.

Elisabetta nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Elisabetta di Russia

La Zarina Elisabetta è apparsa in numerose opere teatrali sulla vita di Caterina II. Nel film del 1934, Caterina la Grande (basato sull'opera La Zarina di Lajos Biro e Melchior Lengyel), con Flora Robson nel ruolo di Elisabetta, e la miniserie televisiva del 1991 dal titolo E Caterina regnò..., con Vanessa Redgrave nel ruolo. Jeanne Moreau dipinse una nuova Elisabetta nel film televisivo del 1995 intitolato Caterina di Russia. Ella è anche una dei personaggi principale della serie giapponese Le Chevalier D'Eon.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Sant'Andrea
Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky
Gran Maestro e Dama di Gran Croce dell'Ordine di Santa Caterina - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Dama di Gran Croce dell'Ordine di Santa Caterina
Dama dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine dell'Aquila Nera

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Daria Olivier, Elisabetta di Russia, Milano, Dall'Oglio Editore, 1962

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Imperatrice di Russia Successore
Ivan VI 1741 - 1762 Pietro III

Controllo di autorità VIAF: 66436390 LCCN: n50047895