Archiatra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'archiatra (o archiatro, dal tardo latino archiatrus o archiater, dal greco ἀρχίατρος archìatros, composto dalla particella ἀρχ- arch- che designa il capo[1] e ἰατρὸς "medico") è il medico principale o protomedico; termine di corte, è ancora in uso per indicare il medico personale del Papa, l'archiatra pontificio. Pio XII, morto nel 1958, ci teneva a usare la forma etimologicamente più corretta "archiatro"; dopo di lui i successivi Papi si adeguarono all'imperante, meno giusto "archiatra". Altri termini consimili (pediatra, psichiatra, geriatra) avevano da tempo scalzato l'uscita in -iatro, che resiste solo nei composti, tipo iatrogeno.

Nel periodo classico era il medico personale di un sovrano. Archiatro palatino era il titolo ufficiale del medico personale dell'imperatore.

Archiatri popolari nell'antica Roma e nel mondo occidentale, erano specie di medici condotti che curavano la gente del popolo gratuitamente.

Attualmente l'Archiatra Pontificio è il dottor Patrizio Polisca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Confronta con il verbo ἄρχω àrchō, essere a capo, comandare, e il sostantivo ἀρχός archòs, capo, comandante. Da: Lorenzo Rocci, Vocabolario Greco-Italiano, 39ª ed., Società editrice Dante Alighieri, 1998.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]