Ivan V di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan V di Russia
Lo zar Ivan V.
Lo zar Ivan V.
Zar di tutte le Russie
In carica 23 maggio (C.G. 2 giugno) 1682 - 29 gennaio (C.G. 8 febbraio) 1696
Incoronazione 6 luglio 1682 [1]
Predecessore Fëdor III
Successore Pietro I
Nascita Mosca, 27 agosto (C.G. 6 settembre) 1666
Morte Mosca, 29 gennaio (C.G. 8 febbraio) 1696
Casa reale Romanov
Padre Alessio
Madre Marija Il'inična Miloslavskaja

Ivan V Alekseevič Romanov, in russo: Иван V Алексеевич Романов? (Mosca, 27 agosto 1666[2]Mosca, 29 gennaio 1696[3]), fu zar di Russia dal 1682 alla propria morte.

Una successione incerta[modifica | modifica sorgente]

Ivan era il secondo figlio maschio dello zar Alessio I e della sua prima moglie Marija Il'inična Miloslavskaja. Dopo il decesso del fratello più anziano, lo zar Fjodor, Ivan gli succedette sul trono. Essendo egli un minorato mentale ed affetto da salute cagionevole, la Duma dei boiari decise dietro suggerimento del patriarca Joachim di nominare reggente il decenne fratellastro Pietro, il che condusse a contestazioni per il trono.

Le cause sono da ricercare nei due matrimoni del padre di Ivan, lo zar Alessio I, poiché la famiglia della prima moglie Maria Miloslavskaja, madre di Ivan, e quella della seconda Natal'ja Kirillovna Naryškina, madre di Pietro, si combattevano con tutti i mezzi per assicurare la successione al trono al proprio discendente. Giuridicamente nulla ostava all'ascesa al trono di Ivan, mancando una legge od una consuetudine sulle successioni da poter applicare al caso.

Gli Strelizi[modifica | modifica sorgente]

Ivan V

Già intorno al 1540 la fedeltà allo zar degli Strelizi era stata messa alla prova. Essi si consideravano uno speciale corpo di tiratori dello zar. Tuttavia, nel loro modo di agire, non andavano molto per il sottile, ed avevano fama di essere ubriaconi e sensibili alla corruzione.

Nella vicenda della successione al trono essi si schierarono dalla parte di Sof'ja, la sorella di Ivan. Iniziò così una brutale e sanguinosa azione di pulizia ed in occasione della rivoluzione moscovita del maggio 1682 furono giustiziati dagli Strelizi circa settanta appartenenti alle famiglie del partito avverso, in un bagno di sangue.

Un compromesso per la successione al trono[modifica | modifica sorgente]

A seguito della rivolta dei parenti di Ivan, specialmente dei seguaci dei Miloslavskij, condotta dalla sorella di Ivan e di Pietro, Sof'ja Alekseevna Romanova, contro la scelta di Pietro come zar, la Duma dei boiari definì Ivan come primo zar e Pietro come secondo mentre la sorella Sof'ja fu nominata reggente. Ivan e Pietro furono incoronati insieme il 25 luglio 1682.

Ma Ivan, a causa delle sue condizioni di salute fisica e mentale non ebbe alcun ruolo nel governo reale del paese, che spettò inizialmente a Sofia e poi al fratello Pietro che le succedette.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Ivan sposò nel 1684 Praskovia Feodorovna Saltykova (1664–1723) che gli diede cinque figlie:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 16 luglio secondo il Calendario gregoriano
  2. ^ 6 settembre secondo il calendario gregoriano
  3. ^ 8 febbraio secondo il calendario gregoriano

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Zar di Russia Successore
Fëdor III dal 1682 al 1696 Pietro I

Controllo di autorità VIAF: 267655264 LCCN: n88261238