Coventry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Coventry (disambigua).
City of Coventry
Metropolitan Borough, City (1345)
City of Coventry – Stemma
City of Coventry – Veduta
Dati amministrativi
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Midlands Occidentali
Contea Flag of the West Midlands County.svg West Midlands
Esecutivo Labour
Territorio
Coordinate 52°24′N 1°30′W / 52.4°N 1.5°W52.4; -1.5 (City of Coventry)Coordinate: 52°24′N 1°30′W / 52.4°N 1.5°W52.4; -1.5 (City of Coventry)
Superficie 98,64 km²
Abitanti 304 200
Densità 3 083,94 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale CV1-CV8 (COVENTRY)
Prefisso 024
Fuso orario UTC+0
Codice ONS 00CQ
Localizzazione

City of Coventry – Localizzazione

Sito istituzionale

Coventry è una città del Regno Unito e un distretto metropolitano d'Inghilterra con status di città nel Regno Unito delle West Midlands, Inghilterra, Regno Unito.

La città è stata vittima di un bombardamento da parte della Luftwaffe tedesca avvenuto nella notte tra il 14 e il 15 novembre 1940 e che è ricordato come uno degli eventi più tragici della seconda guerra mondiale. Da tale bombardamento deriva il termine coventrizzare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Coventry è un'antica città antecedente a molte delle grandi città vicine tra cui Birmingham e Leicester. È probabile che Coventry sia nata da un insediamento dell'età del bronzo nei pressi del centro dell'odierna città dove prende forma l'avvallamento di Coventry. All'epoca, si trattava di una zona ideale per un insediamento, grazie alla presenza di grandi fiumi e laghi: il clima era mite, vi era disponibilità di legna, cibo, acqua e riparo. Le persone della zona di Coventry erano probabilmente i corieltauvi, un popolo di agricoltori che aveva pochi siti ben difesi e segni di governo centralizzato.

I romani insediatisi a Baginton fondarono un altro insediamento. Un altro insediamento si formò nei pressi di un convento sassone, fondato nell'VIII secolo da Sant'Osburga[1], e raso al suolo nel 1016 dall'esercito invasore danese di Canuto I d'Inghilterra. Leofrico di Coventry e sua moglie Lady Godiva costruirono sui resti del convento e fondarono un monastero dell'ordine benedettino nel 1043 dedicato a Maria.[2][3] Nel tempo, si instaurò un mercato ai cancelli dell'abbazia e l'insediamento si sviluppò.

Nel XIV secolo Coventry era divenuto un centro importante nel commercio dei tessuti, e durante tutto il Medioevo fu una delle più grandi e più importanti città dell'Inghilterra. I vescovi della diocesi di Lichfield erano spesso definiti vescovi di Coventry e Lichfield, o Lichfield e Coventry (dal 1102 al 1541). Coventry richiese lo status di city mediante un antico uso normativo, le fu riconosciuto un regio decreto legge nel 1345, e nel 1451 divenne contea di diritto.[4][5]

Si ritiene che gli atteggiamenti ostili dei cittadini nei confronti dei prigionieri Cavalier tenuti a Coventry durante la guerra civile inglese siano all'origine della frase "to be sent to Coventry", che in Gran Bretagna significa "essere ostracizzato"; sebbene ai Cavalier veniva dato cibo per provvedere ai loro bisogni, non gli fu letteralmente mai rivolta parola da nessuno.

Nel XVIII e XIX secolo, Coventry divenne uno dei maggiori centri britannici di produzione di orologi da polso e orologi ed era classificato insieme a Prescot, vicino a Liverpool e Clerkenwell a Londra.[6][7] Dato il declino di tale industria, dovuto principalmente alla concorrenza di produzioni svizzere di orologi da polso e orologi, l'abile manodopera di operai si dimostrò fondamentale per fondare l'industria manifatturiera di biciclette ed infine di motociclette, macchine, macchine utensili e aeromobili.

Nel tardo XIX secolo, Coventry divenne uno dei centri maggiori per la produzione di biciclette. Essendo tale industria alimentata dall'invenzione da parte di James Starley e suo nipote John Kemp Starley della Rover Safety Bicycle, che era molto più sicura e popolare della pioniera Penny Farthing. L'azienda divenne poi la Rover. All'iniziio del XX secolo, l'industria della bicicletta si era evoluta in industria automobilistica, e Coventry divenne uno dei centri maggiori dell'industria automobilistica britannica. La sede del design della Jaguar è ancora in città allo stabilimento di Whitley e, sebbene abbiano cessato l'assemblaggio dei veicoli nel loro stabilimento di Browns Lane nel 2004, la sede legale della compagnia è ancora là. Attualmente la Jaguar è controllata dalla Tata Motors.

Una Tiger Hillman Avenger del 1972, prodotta a Coventry dalla Chrysler.
Zona di Coventry con la guglia della cattedrale danneggiata sullo sfondo.

Nel 1902 Coventry divenne sede di uno dei primi servizi di ambulanza locale in Gran Bretagna. L'industria di divertimento locale fu supportata nel 1910 dall'apertura del primo cinema della città. Il trasporto pubblico fu sostenuto nel 1914 quando gli autobus motorizzati iniziarono a percorrere le strade locali.

Essendo molte proprietà antiche della città sempre meno adatte per l'abitazione, le prime case popolari vennero affittate ai loro inquilini nel 1917. Continuando la base industriale di Coventry ad aumentare un anno dopo la fine della prima guerra mondiale, molti sviluppi di case private e popolari ebbero luogo in tutta la città negli anni 1920 e 1930. Lo sviluppo di una tangenziale a sud della città, iniziata negli anni 1930 e completata nel 1940, migliorò l'urbanizzazione di alcune aree della città che prima erano rurali.

Quartieri e parrocchie[modifica | modifica sorgente]

I quartieri della città sono:

La città ha due parrocchie civili: Allesley e Keresley.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Coventry è oggi gemellata con le seguenti città del mondo:

Persone legate a Coventry[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Coventry's beginnings in the Forest of Arden
  2. ^ Fox (1957), p. 3.
  3. ^ La storia della cattedrale di Coventry sul sito internet della cattedrale
  4. ^ Home Office List of English Cities by Ancient Prescriptive Right, 1927, cited in J V Beckett, City status in the British Isles, 1830–2002, Aldershot, Ashgate, 2005, p. 12. ISBN 0-7546-5067-7.
  5. ^ The City of Coventry: Local government and public services: Local government to 1451 in A History of the County of Warwick: Volume 8: The City of Coventry and Borough of Warwick, British History Online, 1969. URL consultato il 15 gennaio 2009.
  6. ^ Coventry Watch Museum Project, Coventry Watch Museum.
  7. ^ John Suddens, watchmaker. URL consultato il 25 giugno 2009.
  8. ^ città gemellate dal sito di Graz. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  9. ^ città gemellate dal sito di Galaţi. URL consultato il 23 marzo 2011.
  10. ^ città gemellate dal sito di Volgograd. URL consultato il 30 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito