Cavalier (realista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cavalier fu il nome che venne dato, in opposizione a parlamentarista, ad un seguace di re Carlo I durante la guerra civile inglese (1642–1651). Il principe Rupert del Palatinato, comandante della cavalleria di Carlo I, è spesso considerato un archetipo di Cavalier[1].

Origini[modifica | modifica sorgente]

Cavalier deriva dallo spagnolo caballeros, anch'esso derivato dal volgare latino caballarius (cavaliere). Shakespeare usò il termine cavaleros per descrivere un fanfarone altezzoso o un gentiluomo che si pavoneggia nel suo dramma to describe an overbearing swashbuckler or swaggering gallant in Enrico IV, parte II, in cui Shallow dice: «Berrò alla salute di Master Bardolph, e di tutti i cavaleros di Londra.»[2]

Guerra civile inglese[modifica | modifica sorgente]

Anthony van Dyck ca.1638, Lord John Stuart e suo fratello Lord Bernard, entrambi caduti combattendo per il Re.

Il termine Cavalier, in Inghilterra, è sinonimo di realista, ovvero seguace di re Carlo I nella sua guerra contro i seguaci del Parlamento detti parlamentaristi, durante la guerra civile inglese. Sulle prime parve un termine spregiativo dato ai seguaci di re Carlo I dai suoi oppositori nell'estate del 1642.

Cavalier, in quel tempo, non era un termine per descrivere il modo di vestirsi, ma per palesare un concetto globale di attitudine sociale e politica. In ogni modo, nella prima metà del XVII secolo il termine divenne sinonimo di eleganza di Corte che prevedeva capelli lunghi, abiti elaborati, realizzati in tessuti preziosi, di colori sgargianti e arricchiti da pizzi e merletti e cappelli con le piume[3]. Questo contrastava con l'abbigliamento dei più estremi seguaci parlamentaristi che portavano i capelli corti e vestiti molto semplici.

Il termine venne coniato dai parlamentaristi come termine dispregiativo per additare il modo di essere licenziosi, beoni e frivoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ , Manganiello, p. 476
  2. ^ OED. "Cavalier"
  3. ^ OED "Cavalier", Meaning 4. attrib., First quotation "1666 EVELYN Dairy 13 Sept., The Queene was now in her cavalier riding habite, hat and feather, and horseman's coate."

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]