Bombardamento di Coventry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bombardamento di Coventry
Parte Battaglia d'Inghilterra
La cattedrale di Coventry oggi
La cattedrale di Coventry oggi
Data 14 novembre - 15 novembre 1940
Luogo Coventry (Regno Unito)
Tipo Aereo
Forze in campo
Eseguito da Germania Germania
Ai danni di Regno Unito Regno Unito
Forze attaccanti 449 bombardieri
Comandate da Albert Kesselring e Hugo Sperrle
Bilancio
Perdite infrastrutturali 4.330 abitazioni
Perdite difensori 1.236 civili

[senza fonte]

voci di bombardamenti aerei presenti su Wikipedia

Il bombardamento della città di Coventry da parte della tedesca Luftwaffe avvenne nella notte tra il 14 e il 15 novembre 1940 ed è ricordato come uno degli eventi più tragici della seconda guerra mondiale.

Il bombardamento[modifica | modifica sorgente]

Il bombardamento di Coventry, grosso centro storico e industriale nelle Midlands occidentali inglesi, si collocò nella seconda fase della battaglia aerea d'Inghilterra iniziata dalla Luftwaffe l'11 agosto 1940 con l'obiettivo di annientare l'aviazione inglese in preparazione di uno sbarco in Inghilterra e proseguì successivamente contro i centri abitati allo scopo di minare il morale della popolazione civile.

I primi bombardamenti di Coventry vennero effettuati il 25 agosto 1940 e vennero seguiti, nell'ottobre dello stesso anno, da diversi attacchi di breve durata che tuttavia causarono 176 vittime e danni all'aeroporto e all'ospedale.

Il bombardamento passato alla storia ebbe luogo la sera del 14 novembre 1940, sera di plenilunio, quando Coventry fu investita da ondate ininterrotte di incursioni aeree che si protrassero dalle ore 19.20 fino alle 6.15 del mattino successivo. Il raid avvenne per rappresaglia al bombardamento di Monaco di Baviera effettuato dalle forze inglesi l'8 novembre 1940 e venne denominato in codice dal comando tedesco Sonata al chiaro di luna.

Dei 500 bombardieri inizialmente decollati da aeroporti della Francia occupata dalle forze tedesche, 449 raggiunsero Coventry, guidati dal rudimentale sistema di radio navigazione X-Gerät, e parteciparono alle dieci ore del bombardamento sganciando indiscriminatamente sulla città 500 tonnellate di esplosivo e circa 30.000 spezzoni incendiari, volando ad alta quota a causa dell'intenso fuoco di sbarramento della contraerea inglese.

I primi bombardieri lanciarono dei bengala paracadutati per l'identificazione del bersaglio; successivamente vennero lanciate bombe incendiarie al fosforo che resero i bersagli più evidenti alle successive ondate di bombardieri tedeschi comandati da Albert Kesselring e Hugo Sperrle. Violente esplosioni cominciarono a scuotere il centro della città mentre le bombe incendiarie, esplosive e non, continuavano a cadere causando una tempesta di fuoco su tutta l'area sottostante.

Alle 19.59 tutti i mezzi antincendio erano all'opera per tentare di circoscrivere gli incendi sotto una pioggia di bombe sganciate dai bombardieri che continuavano ad arrivare sul cielo di Coventry. Al bombardamento si aggiunsero anche mine aeree costituite da esplosivo in grosse scatole metalliche sospese a paracadute che discendevano lentamente ed esplodevano prima dell'impatto col terreno. L'effetto era devastante spianando completamente tutto quanto compreso sotto il loro raggio d'azione. La chiesa di S. Nicola in Redford fu rasa al suolo da una di queste mine che provocò anche morti e feriti nella cripta sottostante.

Alle 2 del mattino cessò il fuoco della contraerea inglese per mancanza di munizioni.

La maggior parte delle industrie era ridotta ad un ammasso di rovine in fiamme, le vie erano impraticabili per i crolli delle abitazioni adiacenti, il centro della città era in fiamme. Oltre duecento incendi avevano formato un unico gigantesco rogo con una temperatura di circa 1 500 °C. Le fiamme si elevavano a più di trenta metri in un cielo annerito da alte colonne di fumo che rendevano visibile la città agli altri bombardieri in avvicinamento da una distanza di 200 chilometri. Il bombardamento continuò incessante fino all'alba per rallentare verso le ore 5 e cessare del tutto alle 6.15 quando fu suonato il cessato allarme.

Danni causati[modifica | modifica sorgente]

Il centro città dopo il bombardamento

Il bombardamento, nonostante la popolazione si fosse rifugiata a inizio dell'attacco in ricoveri spesso di fortuna, costò la vita a 1.236 persone oltre a migliaia di feriti di cui molti gravi. I danni materiali risultarono notevoli e commisurati all'entità del bombardamento: 4.330 abitazioni distrutte, più del 75% delle industrie (essenzialmente automeccaniche ed aeronautiche) gravemente danneggiate, distrutti due ospedali, tre chiese, rifugi antiaerei, stazioni ferroviarie, di polizia, uffici postali, cinema e teatri. L'intera rete dei trasporti tramviari e stradali risultò completamente distrutta.

Ulteriori gravi disagi derivarono alla popolazione per la distruzione delle centrali elettriche, della rete di distribuzione del gas e dell'acqua che creò la necessità di dover bollire le scarse riserve d'acqua per evitare il dilagare di infezioni.

Della cattedrale di Coventry, patrimonio artistico risalente al XIV secolo e simbolo della città, colpita da 12 bombe incendiarie, restarono in piedi solo alcune pareti annerite dal fumo tuttora visitabili insieme alla nuova cattedrale.

La terribile devastazione di Coventry ha introdotto nella lingua inglese corrente il termine to coventrate, traducibile con coventrizzare, che sta appunto a indicare il bombardamento a tappeto di una città.

La pratica di coventrizzare una città fu in seguito ripresa dal Vice Maresciallo dell'Aria Arthur Travers Harris sulla città di Dresda che dal 13 al 15 febbraio 1945 fu sottoposta a bombardamento "totale" da parte della RAF e USAAF.

Coventry e Ultra[modifica | modifica sorgente]

Winston Churchill cammina tra le macerie della cattedrale un anno dopo il bombardamento, nel 1941

Nel suo libro The Ultra Secret, edito nel 1974, Frederick William Winterbotham affermò che il governo britannico era venuto a conoscenza dei piani tedeschi per Coventry grazie a Ultra, l'insieme dei sistemi di decodifica delle comunicazioni radio tedesche crittate tramite il dispositivo Enigma, messe in atto dagli specialisti di crittoanalisi di Bletchley Park; Winterbotham, che durante la guerra era stato colonnello della RAF e supervisore degli ufficiali di collegamento incaricati di trasmettere le informazioni di Ultra ai comandi sul campo[1], dichiarò che Churchill, informato dell'imminente raid, diede ordine di non predisporre alcuna misura protettiva della città, onde non indurre in sospetto i tedeschi e non far capire loro che il sistema Enigma era stato violato dal Secret Intelligence Service britannico, abbandonando quindi Coventry al suo destino[2]. Queste affermazioni furono poi riprese dallo storico italiano Arrigo Petacco nel suo L'armata nel deserto[3].

Le affermazioni di Winterbotham furono messe in discussione da più autori, storici e testimoni diretti dei fatti: la maggioranza sostenne che sebbene Churchill fosse a conoscenza del fatto che una massiccia operazione di bombardamento aereo era imminente, nessuno ai vertici britannici era a conoscenza del luogo in cui essa si sarebbe verificata[4][5]. Peter Calvocoressi, ufficiale dell'intelligence britannica e capo della sezione aeronautica di Bletchley Park durante la guerra (e quindi responsabile della traduzione e analisi dei messaggi della Luftwaffe decrittati), scrisse che "Ultra non menzionò mai Coventry... Churchill, lontano dal decidere se salvare Coventry o salvaguardare Ultra, ebbe sempre l'impressione che l'obiettivo del raid fosse Londra"[6].

Lo scienziato Reginald Victor Jones, che durante la guerra fu un esperto dei servizi segreti britannici in materia di disturbo della radionavigazione nemica, scrisse che "i segnali di Enigma alle stazioni a raggi-X non furono interrotti in tempo", e che non era a conoscenza che Coventry fosse il bersaglio designato; inoltre Jones notò che Churchill rientrò a Londra il pomeriggio del 14 novembre 1940, segno che il primo ministro riteneva che l'obiettivo del raid fosse la capitale[7]. Lo storico francese Marc Ferro[8] parimenti sostiene che Ultra aveva sì decrittato le comunicazioni tedesche ma potendo unicamente ricavare da queste che il nome in codice dell'obiettivo del bombardamento era "Corn", che l'intelligence britannica non sapeva rappresentare Coventry; inoltre, un'ulteriore comunicazione giunta poco prima dell'inizio del raid indicava invece Londra come obiettivo della Luftwaffe (non a caso, Churchill si recò subito lì per condividere la sorte dei suoi abitanti).

Il termine "coventrizzare"[modifica | modifica sorgente]

Il bombardamento della città è la causa del neologismo coniato in epoca contemporanea "coventrizzare" (in inglese to coventrate, in tedesco coventrieren/coventrisierung).

Il livello di distruzione raggiunto fu tale da indurre ad usare il nome di Coventry per formare un verbo (appunto "coventrizzare", ovvero radere al suolo) che desse un'idea precisa di come si svolgevano e di quali effetti arrivavano a produrre i primi veri e propri bombardamenti a tappeto, sperimentati per la prima volta sempre dai tedeschi solo tre anni prima, durante la guerra civile spagnola, a Guernica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Ray, The Night Blitz, Cassel & Co 1996, p. 155. ISBN 0-304-35676-X.
  2. ^ F. W. Winterbotham, The Ultra Secret, London, Weidenfeld & Nicolson, 1974. ISBN 0-297-76832-8.
  3. ^ Arrigo Petacco, L'armata nel deserto, pp. 6-8
  4. ^ Defending Coventry in historiccoventry.co.uk. URL consultato l'8 luglio 2013.
  5. ^ David Hunt, The raid on Coventry, in "The Times", 28 agosto 1976, 11.
  6. ^ Peter Calvocoressi, Top Secret Ultra, New York, Ballantine Books, 1981, pp. 85–86. ISBN 0-345-30069-6.
  7. ^ R. V. Jones, Most Secret War: British Scientific Intelligence 1939–1945, Londra, Hamilton, 1978, p. 149. ISBN 0-241-89746-7.
  8. ^ Marc Ferro, Sette uomini in guerra, p. 73

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]