Central London

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa della Central London.

Il termine Central London (Londra Centrale in italiano) si riferisce a quella parte di Londra che è vicina al nucleo centrale della città. Benché non vi sia una definizione convenzionale né ufficiale che definisca questa zona, sono le caratteristiche di questa, ossia l'alta densità abitativa, gli elevati valori dei terreni, l'elevata popolazione diurna e l'alta concentrazione di organizzazioni rilevanti a livello regionale, nazionale e internazionale, a definirla.
Nel corso del tempo una serie di definizioni, utilizzate per statistiche, pianificazione urbanistica e governo locale, hanno definito l'area del centro di Londra: secondo quest'ultima definizione, Central London copre una superficie di circa 26 km² distribuita su entrambe le rive del Tamigi e può essere suddivisa in tre distinte zone, la Città di Londra, il West End e South Bank.

Le distanze stradali a Londra sono tradizionalmente misurati da un punto centrale situato presso Charing Cross, contrassegnato dalla statua del re Carlo I all'incrocio tra lo Strand, Whitehall e Cockspur Street, appena a sud di Trafalgar Square.[1]

Tipologia di costruzione[modifica | modifica sorgente]

London 360° Panorama from the London Eye.jpg

Magnify-clip.png
Panorama a 360° del centro di Londra

Per comprendere cosa si intenda per Central London è importante ricordare che Londra non è costituita da un nucleo centrale circondato da sobborghi a bassa densità abitativa. La questione è sensibilmente più articolata. L'area urbana di Londra è circondata da una zona suburbana molto estesa che si estende al di là di quanto costruito prima del 1914. Anteriormente alla prima guerra mondiale, la maggior parte delle abitazioni di Londra, comprese quelle situate nei distretti più esclusivi, erano costituite da palazzetti affiancati. I sobborghi con abitazioni a bassa densità abitativa sorsero nei primi anni del XIX secolo ma non divennero predominanti per un altro secolo.

Durante il XX secolo, e specialmente dopo la seconda guerra mondiale, la dimensione dell'area più elegante di Londra si ridusse a seguito dell'abbandono di parte dell'aristocrazia e perché molti membri della borghesia decisero che vivere in centro città non era più così interessante. Poiché una larga parte delle abitazioni della Central London vennero distrutte dai bombardamenti, una parte considerevole della classe operaia decise di spostarsi nei sobborghi o in nuove città che sorsero al di fuori della cinta urbana. Intorno agli anni ottanta una nuova tendenza fece sì che si verificasse un nuovo interesse per queste zone e venne dato nuovo impulso alla ricostruzione di unità abitative nel centro città. Una gran parte della zona ovest della città è ora costituita da aree che rappresentano le zone più costose di Londra e sono Mayfair, Knightsbridge, Brompton, Kensington, Chelsea, South Kensington, Fulham, Belgravia, Holland Park, Notting Hill, St John's Wood, Marylebone e Soho.

Cambiamenti[modifica | modifica sorgente]

Introduzione dei distretti postali[modifica | modifica sorgente]

Nel 1858 Londra venne divisa in distretti postali per facilitare la distribuzione della corrispondenza. I due distretti più centrali erano "EC" (East Central) che comprendeva la Città di Londra e "WC" (West Central) che insisteva sull'area immediatamente a ovest compresa fra Charing Cross Road e Tottenham Court Road.

L'arrivo dei treni[modifica | modifica sorgente]

Quando vennero costruite le prime linee ferroviarie agli inizi del XIX secolo, venne definita un'area sulla quale non era consentito costruire linee ferroviarie, almeno in superficie. Questa restrizione venne poi un po' ridotta consentendo la costruzione di alcune stazioni all'interno di detta area. Sorsero così le stazioni di Waterloo (che andava a sostituire Nine Elms), di Fenchurch Street (lungo Minories) e di di Liverpool Street (lungo Bishopsgate). Venne così creato un anello di stazioni che esiste ancora al giorno d'oggi.

Il censimento del 1901[modifica | modifica sorgente]

Il censimento del 1901 definì come "Central area" le seguenti aree: St George Hanover Square, Westminster, Marylebone, St Giles, Strand, Holborn, la Città di Londra, Shoreditch e St Olave, Southwark.[2]

Tempi moderni[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni settanta, quando la popolazione della Grande Londra toccò il più basso livello dagli anni venti, la Central London comprendeva:

Questi cinque distretti erano tutti costituiti da edifici adibiti, per la maggior parte, a impieghi diversi da quello abitativo e occupata da uffici di grandi aziende, palazzi governativi, università, negozi, grandi magazzini, musei, biblioteche, teatri, ristoranti e altre attività commerciali. Vi era comunque anche una certa quantità di edifici residenziali fra i più cari al mondo.

A partire dagli anni settanta vi è stata una tendenza ad allargare la zona detta Central London, costruendo attività commerciali e alberghi in altri adiacenti borghi, tant'è che alla stesura del Piano di Londra negli anni duemila, oltre all'intera Città di Londra, l'intera Città di Westminster, l'intero borgo di Kensington e Chelsea, l'intero borgo di Camden e l'intero borgo di Islington, sono state incluse nella Central London anche i borghi di Lambeth, di Southwark e di Wandsworth (quest'ultimo, tuttavia, a partire dal 2011, è diventato parte della subregione Sud).
Quest'area è descritta come "un unico gruppo di attività di vitale importanza, tra cui uffici governativi centrali, sedi e ambasciate, con la più grande concentrazione del settore finanziario e dei servizi commerciali e degli uffici del commercio di Londra, con ordini professionali, istituzioni, associazioni, comunicazione, editoria, pubblicità e mass-media".[3]

Central London e Londra interna[modifica | modifica sorgente]

La Inner London inserita nell'area della Greater London.

La Londra interna (Inner London in inglese) è l'area costituita dai borghi che costituiscono la zona interna della Grande Londra ed è contornata dalla Londra esterna (Outer London in inglese). L'area, definita per la prima volta nel 1965[4] ai soli fini statistici, non comprende solamente i borghi del Centro di Londra[5] (Camden, Kensington e Chelsea, Islington, Lambeth, Southwark, Westminster) ma anche alcuni borghi circostanti, ossia Greenwich, Hammersmith e Fulham, Lewisham, Tower Hamlets (e occasionalmente Newham[6]).[Chiarire ed esplicitare le relazioni con Central London]

Altre definizioni[modifica | modifica sorgente]

Mappe[modifica | modifica sorgente]

La Geographer's A-Z Street Atlas e altre mappe comprendono una sezione a scala maggiorata della Central London. Detta area varia però da editore a editore.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Zona 1 della Metropolitana.
  • L'area all'interno della Circle line della Metropolitana di Londra. Essa è una vecchia divisione che ignora completamente l'area di recente sviluppo della Dockland.
  • La zona 1 nel sistema dei trasporti pubblici, che è un po' più allargata, comprende alcune aree a sud del Tamigi. Anche se le zone non sono perfettamente circolari, il centro della zona 1 è situato nei pressi di Piccadilly Circus.
  • La Central London della Journey Planner considera una zona un poco diversa da quelle sopra descritte.

Distretti postali[modifica | modifica sorgente]

L'East Central e il West Central creati nel 1858 vennero poi divisi nel 1917 negli attuali distretti postali EC1, EC2, EC3, EC4, WC1 e WC2.

Aree del Centro di Londra[modifica | modifica sorgente]

Quartieri[modifica | modifica sorgente]

La Città di Londra è sicuramente la zona più centrale della città. Seguono altri distretti considerati anch'essi centrali e altri confinanti considerati alla stessa stregua.

Borghi di Londra Distretti considerati centrali Confinanti
Tower Hamlets Tower Hill Whitechapel, Wapping
Hackney Shoreditch, Old Street A nord ed est di City Road
Islington Clerkenwell A nord di Angel
Camden Holborn, Bloomsbury, Fitzrovia A nord di Euston Road, Kings Cross, Camden Town
Westminster Tutti a eccezione di nord ovest Bayswater, St John's Wood, Maida Vale
Kensington e Chelsea Chelsea, Knightsbridge Kensington, Notting Hill, Earls Court
Lambeth South Bank, Waterloo, North Lambeth Vauxhall, Kennington
Southwark The Borough Elephant & Castle, Bermondsey, Walworth

South Bank e i suoi dintorni[modifica | modifica sorgente]

South Bank

Londra si sviluppò nella zona a nord del Tamigi, e il centro di gravità è tuttora lì anche se negli ultimi anni si è sviluppata anche la zona a sud del fiume. Le aree di South Bank e Bankside sono ora considerate parte della Central London e qualcuno vorrebbe inserire altri distretti posti in questa zona della città.

L'East End[modifica | modifica sorgente]

Anche se oggi l'East End di Londra è completamente urbanizzato, rispetto al West End è stato storicamente la parte più povera della città. A seguito delle notevoli ricostruzioni, del cambiamento dei residenti e del conseguente aumento delle aree fabbricabili, il divario fra le due parti della città si è andato riducendo negli anni.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ OS MapZone - From where, exactly, are distances from London measured?, Ordnance Survey. URL consultato il 10 marzo 2010.
  2. ^ Vision of Britain - 1901 Census: Preliminary Report
  3. ^ Mayor of London, Central activities zone policies in London Plan, Greater London Authority, 2008. URL consultato il 10 marzo 2010.
  4. ^ Saint, A., Politics and the people of London: the London County Council (1889-1965), (1989)
  5. ^ A eccezione della Città di Londra che non è designata come borgo della Londra Interna
  6. ^ Newham London Borough Council - Positively Inner London
Londra Portale Londra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Londra