Case motociclistiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Casa motociclistica)

Le Case motociclistiche sono le aziende specializzate nella costruzione di motoveicoli.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia dell'industria motociclistica internazionale può essere fatta risalire agli anni a cavallo tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX.

Per molti anni, fino alla seconda guerra mondiale la produzione di mezzi a due ruote motorizzati è stata perlopiù una prerogativa dell'industria europea, soprattutto tedesca, inglese ed italiana, con qualche eccezione riguardante gli Stati Uniti.

Dal dopoguerra la produzione si è intensificata in tutto il mondo, con l'apparizione sul mercato di marchi dall'Europa orientale e soprattutto con la sempre maggiore presenza delle industrie giapponesi, le quattro sorelle che hanno sempre più preso possesso del mercato mondiale delle motociclette.

Nello stesso tempo un fenomeno di regressione ha colpito le industrie del vecchio continente, in particolare per quanto riguarda le aziende britanniche, fino agli anni settanta tra le più apprezzate dai centauri di tutto il mondo.

Come per le industrie automobilistiche si è anche assistito ad un progressivo raggruppamento delle industrie del ramo in gruppi omogenei, per poter offrire anche delle economie di scala e poter competere in qualche modo con i colossi dell'estremo oriente. Un esempio italiano del fenomeno potrebbe essere quello della Cagiva che, negli anni ottanta cercò di raggruppare attorno a sé alcuni dei marchi nazionali più prestigiosi dell'epoca come Aermacchi, Ducati e MV Agusta, nonché la svedese Husqvarna. L'operazione non ebbe il successo sperato ed il gruppo creato si andò man mano sfaldando con varie dismissioni.

In tempi più recenti abbiamo assistito dapprima all'acquisto da parte dell'Aprilia degli altri noti marchi nazionali Moto Guzzi e Moto Laverda e, nel 2004, all'assorbimento del gruppo di Noale da parte della Piaggio, a sua volta già acquirente in precedenza della Gilera e della Derbi. Da questa operazione di fusione è risultato un gruppo industriale che riesce a piazzarsi ai primi posti al mondo, con una capacità produttiva di circa 600.000 pezzi all'anno e un giro d'affari di circa 1,5 miliardi di Euro.

Case motociclistiche italiane[modifica | modifica sorgente]

In attività[modifica | modifica sorgente]

Azienda Inizio produzione
motocicli
Note
Aprilia 1962
Benelli 1911
Beta Motor 1948
Bimota 1973
Borile 1988
Cagiva 1978
CR&S 1992
Di Blasi 1974
Ducati 1946
Fantic Motor 1968
Ghezzi & Brian 1995
Gilera 1909
Italjet 1960
Magni 1977
Morini Franco Motori 1954
Moto Guzzi 1921
Moto Morini 1937
MV Agusta 1945
Piaggio 1946
Polini 1946
TM Racing 1977
Vertemati 1993
Vyrus 2004

Non più attive[modifica | modifica sorgente]

Essendo in taluni casi la produzione motociclistica semplicemente una delle molteplici attività di un'azienda, in questi casi le date indicate si riferiscono al periodo in cui vennero prodotte "anche" motociclette.

Azienda Inizio produzione
motocicli
Termine produzione
motocicli
Accossato 1976 1990
Aermacchi 1950 1972
Aerocaproni/Aeromere 1946 1963
Agrati-Garelli 1961 1995
Aim 1972 1987
Aldbert 1951 1958
Alfa 1923 1926
Alpino 1944 1962
Altea 1939 1941
AMISA 1946 1950
Ancillotti 1968 1985
Angelino 1925 1927
APE 1923 1925
Ardito 1951 1954
Aspes 1961 1982
Astoria 1934 1958
Astra 1931 1940
Atala 1938 2002
Augusta 1924 1933
Autozodiaco 1968 1981
Bartali 1953 1961
BB 1927 1930
Berneg 1955 1961
Bertoni 1951 1954
Bianchi 1897 1964
BIMM 1962 1985
B.M. 1930 1933
B.M. 1950 1972
Borgo 1899 1926
Breda 1946 1951
Bücher & Zeda 1906 1920
Caproni Vizzola 1953 1959
Carcano 1898 1901
Carnielli 1931 1980
Casalini 1939 1969
Ceccato 1950 1961
C.F. 1928 1936
Cimatti 1937 1985
CM 1930 1964
CNA 1929 1936
Comet 1952 1957
Deca 1955 1960
Dei 1946 1950
Della Ferrera 1909 1939
DEMM 1952 1982
Devil O.C.MA. 1953 1958
Doniselli 1934 1972
Falchetto 1956 1960
Fassi 1946 1950
FBM 1951 1956
Ferrari 1952 1957
Fiorelli 1951 1962
Fongri 1910 1930
Franchi 1954 1958
Frera 1905 1936
Frisoni 1951 1957
Fusi 1932 1958
Gabbiano 1952 1956
Galbusera 1932 1955
Galloni 1919 1932
Ganna 1923 1957
Gaoma 1951 1956
Garabello 1922 1930
Garelli 1919 2012
GBR 1926 1927
G.D. 1923 1938
Gerosa 1953 1984
Gianca 1946 1949
Gitan 1950 1985
Gloria-Focesi 1949 1954
GS Motori 1950 1954
Guazzoni 1950 1976
Guia 1950 1954
HRD Motor 1980 1986
IMN 1952 1958
Innocenti 1947 1998
Intramotor Gloria
Iso 1946 1961
Iso Rivolta 1939 1974
Ital 1950 1951
Italemmezeta 1960 1967
Itom 1944 1976
Jonghi 1930 1957
Kram-it
Ladetto & Blatto 1927 1932
Lamborghini
Laverda 1949 2006
Lecce 1929 1932
Legnano
LEM
Leprotto 1955 1960
Linx
Maffeis 1895 1932
Malaguti 1930 2011
Malanca 1956 1986
Mancini
Marchand-Orio 1899 1910
MAS 1922 1959
Maserati 1953 1960
MAV
Mazzilli 1970 1976
MBA 1975 1990
MBM
MDS 1954 1962
Mello
MFB
MI-VAL 1950 1967
Mignon 1921 1931
Milani 1964 1979
Miller Balsamo 1919 1959
Minarelli
MM 1924 1957
Molaroni 1921 1927
Molteni
Mondial Moto 1929 2012
Mondial Moto 1948
Morbidelli 1967 1992
Moretti (Torino) 1925 1989
Moretti (Macerata) 1932 1940
Moto Gori 1969 1983
Moto Meteora 1953 1980
Motobi 1950 1977
Motoflash
Motom 1947 1970
Motor Union
Motron 1976 2000
Müller 1949 1979
MZV
Nagas & Ray 1925 1930
Nassetti 1951 1960
NCR 1967
Negrini 1950 1985
O. Garanzini 1922 1931
Ollearo 1923 1952
Olmo
OMC 1924 1934
OMER 1948 anni Ottanta
OPRA 1927 1929
Orione 1923 1928
Oscar
Ottino
Paglianti
Palmieri & Gulinelli 1955 1961
Parilla 1946 1967
Paton 1964
Pegaso 1955 1961
Peripoli 1957 2000
Peroglio
Perugina 1952 1965
Piazza-S.A.M.P. 1923 1939
Pirotta 1948 1959
Prina
Prinetti & Stucchi 1898 1926
Ranzani 1918 1940
Rizzato
Romeo 1961 1975
Rondine 1923 1928
Rondine 1934 1935
Rondine 1952 1957
Rondine-Copeta 1967 1972
Rosselli FAM 1899 1910
Rumi 1949 1960
S. Cristoforo 1949 1954
Santamaria 1951 1963
Sanvenero 1980 1982
Schneller Fuchs 1953 1957
Sei 1938 1938
Seiling 1938 1938
Sertum 1932 1952
Shifty 1975 1978
Siamoto 1995
SIAMT 1905 1914
SIAT 1924 1927
Siata 1945 1953
SIM-Moretti 1952 1955
SIM-Pegaso 1955 1961
Simonini 1970 1983
Simplex 1922 1950
Sirza 1945 1948
Somaschini 1953 1958
Sterzi 1939 1962
Super-Moto 1925 1927
SVM 1984 1987
SWM 1971 1984
Tansini
Tappella 1953 1957
Taurus 1931 1966
Tecnomoto 1964 1978
Temperino 1908 1918
Teodoro Carnielli 1968 1979
Terra Modena 2003
Testi 1949 1993
TGB
TGM 1973 1985
Titan
Tommaselli
Torpado
Unimoto 1986
Vi-Vi 1966
Villa 1966 1987
Vittoria 1931 1939
Vor 1998 2002
WRM Motorcycles 2004
Zanetti 1960 1964
Zanzi 1953 1960
Zenit 1952 1956
Zoppoli 1946 1948

Case produttive del resto del Mondo[modifica | modifica sorgente]

L'industria motociclistica è stata ed è ancora oggi diffusa un po' in tutto il mondo e tra i nomi più famosi possiamo citare:

In Austria[modifica | modifica sorgente]

In Belgio[modifica | modifica sorgente]

In Bielorussia[modifica | modifica sorgente]

In Cina[modifica | modifica sorgente]

In Corea[modifica | modifica sorgente]

In Danimarca[modifica | modifica sorgente]

In Francia[modifica | modifica sorgente]

In Germania[modifica | modifica sorgente]

In Giappone[modifica | modifica sorgente]

Nel Regno Unito[modifica | modifica sorgente]

In India[modifica | modifica sorgente]

In Malaysia[modifica | modifica sorgente]

Nei Paesi Bassi[modifica | modifica sorgente]

In Polonia[modifica | modifica sorgente]

In Repubblica Ceca[modifica | modifica sorgente]

attive

non più attive

In Russia[modifica | modifica sorgente]

In Slovenia[modifica | modifica sorgente]

In Spagna[modifica | modifica sorgente]

In Svezia[modifica | modifica sorgente]

In Svizzera[modifica | modifica sorgente]

In Taiwan[modifica | modifica sorgente]

In Ucraina[modifica | modifica sorgente]

In USA[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]