Aprilia (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aprilia
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1945 a Noale
Fondata da Alberto Beggio
Sede principale Noale
Gruppo Piaggio
Filiali Scorzè
Persone chiave Roberto Colaninno (presidente)
Settore Motoveicoli
Prodotti Motociclette
Scooter
Slogan «#be a racer»
Sito web www.aprilia.com

L'Aprilia è una azienda motociclistica italiana fondata nel 1945 a Noale, dal 2004 fa parte del Gruppo Piaggio. Dal punto di vista sportivo è particolarmente attiva tra i costruttori italiani e attualmente detiene 52 [1] titoli mondiali conquistati nei vari campionati da diversi piloti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Aprilia è stata fondata subito dopo la fine della seconda guerra mondiale dal Cavalier Alberto Beggio, come produttore di biciclette, a Noale in provincia di Venezia; la sua sede è ancor oggi situata a Noale, ma dal 1996 la produzione fu spostata nel nuovo stabilimento Aprilia nel vicino comune di Scorzè.

Il figlio del fondatore, Ivano Beggio, prese le redini dell'azienda nel 1968 iniziando subito a costruire un ciclomotore con un ristretto numero di collaboratori. I primi modelli con cui l'Aprilia uscì sul mercato furono i Colibrì, Daniela e Packi, seguiti dalla prima motocicletta da fuoristrada la Scarabeo, presentata nel 1970 in due cilindrate, da 50 e 125 cm³ e rimasta in produzione per quasi un decennio.

Nel 1977 si assistette alle prime vittorie significative nel campo delle competizioni, con la vittoria nel campionato italiano di motocross nelle classi 125 e 250 da parte del pilota bergamasco Ivan Alborghetti. Lo stesso pilota partecipò, l'anno successivo, al Campionato mondiale di motocross giungendo al sesto posto assoluto della classifica finale con due terzi posti conquistati nelle singole gare.

Una Aprilia RS 125 del 1998

Il passo successivo nell'evoluzione dell'Aprilia fu, negli anni ottanta, quello di ampliare la gamma dei modelli offerti in vendita, dedicandosi anche ai settori del trial dell'enduro e delle moto da strada, prodotte in varie cilindrate tra i 50 e i 600 cm³. Nel 1985 venne firmato un accordo di collaborazione con l'austriaca Rotax per la fornitura di motori alla casa veneziana. È del 1986 la presentazione della Tuareg la prima moto derivata da quelle in uso nei Rally Africani.

Quattro Aprilia RS 125, di differenti modelli

Sulla scia dei successi ottenuti, vennero messi in vendita modelli in varie cilindrate: nella classe 50cc l'Aprilia RS 50 (stradale), la RX 50 (enduro) e la Red Rose 50 (custom), tutte con motorizzazione Minarelli raffreddata a liquido; nella classe 125 celeberrima l'Aprilia RS 125 (stradale), la RX 125 (enduro) e la Red Rose 125 (custom), tutte con un motore Rotax, dotato di una valvola di scarico passiva a controllo pneumatico (denominata RAVE e RAVE2, successivamente sostituita con una a controllo elettronico); infine nella classe 250 la RS 250 motorizzata Suzuki, messa in commercio con le livree delle motociclette da competizione e che ottenne un vasto seguito, soprattutto tra i più giovani appassionati delle due ruote.

RS 50 Chesterfield, una replica della moto da corsa di Max Biaggi

Per quanto riguarda la produzione di serie, gli anni novanta videro la presentazione di altri modelli destinati ad un buon successo sul mercato; si passava dalle Aprilia Pegaso, offerte nelle cilindrate 50, 125 e 650, allo scooter tradizionale Amico o a quello con ruote alte, che riprendeva il nome storico della casa, lo Scarabeo. Un altro scooter di successo è il Leonardo, motorizzato Rotax per le cilindrate 125 e 150. Successivamente, con la fornitura di motori Yamaha, il Leonardo viene prodotto con cilindrate 250 e 300.

Verso la fine del decennio, nel 1998, si registrò l'entrata della casa nel settore delle maximoto con la presentazione delle Aprilia RSV Mille e della Falco, entrambe utilizzanti i motori Rotax da 990 cm³ di cilindrata con l'innovativa disposizione a v di 60°, che permette una distribuzione dei pesi a tutto vantaggio della maneggevolezza e delle ottime doti di guidabilità di questa bicilindrica. L'anno successivo venne prodotta l'RSV Mille SP, una versione in tiratura limitata di 150 esemplari, necessari per l'omologazione nel Campionato mondiale Superbike, che fu pilotata dall'australiano Troy Corser e dal padovano Alessandro Antonello.

Aprilia Leonardo

Il nuovo secolo si apre con l'acquisizione, nel 2000, da parte della casa veneziana di due dei marchi più famosi della storia del motociclismo italiano, la Moto Guzzi e la Moto Laverda.

La produzione di serie vede invece il lancio di modelli come la Aprilia Caponord, che richiama lo spirito di avventura dei lunghi raid, della Futura, sport tourer dal design futuristico, e della Tuono, ovvero naked sportiva su base Aprilia RSV 1000.

Nel 2004 si ha l'ultima e più recente modifica dell'assetto societario, con l'acquisizione della Aprilia e delle sue controllate da parte della Piaggio, che controlla anche la Gilera e la spagnola Derbi; da questa fusione è nato il quarto gruppo industriale più importante al mondo nel campo della fabbricazione delle 2 ruote, con una capacità produttiva di 600.000 veicoli annui ed un giro di affari di 1,5 miliardi di euro.

Dal 2006 Aprilia inizia a progettare, sviluppare e produrre in proprio i motori che equipaggiano le moto di serie, interrompendo il lungo rapporto di collaborazione con la Rotax; da quel momento tutte le moto prodotte sono, quindi, motorizzate con propulsori italiani al 100%, di tecnologia Piaggio.

Oggi a capo dell'azienda, come presidente ed amministratore delegato, vi è Roberto Colaninno (Presidente anche della Piaggio). Ivano Beggio è stato per un breve periodo "Presidente onorario", ma dal 2006 non riveste più alcun ruolo nell'azienda fondata dal padre.

Impegni sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aprilia Racing.

Dal 1974 ha iniziato le sue attività nel mondo del motociclismo con la divisione Aprilia Racing, presentandosi al via in competizioni di varie categorie, sia su pista che in fuoristrada, e ottenendo, fino al 2013, 52 titoli iridati.

La gamma[modifica | modifica wikitesto]

Gamma scooter

  • Sportcity ONE 50 - 125
  • Atlantic 125 - 250 i.e.
  • Atlantic Sprint 500 - 400
  • Atlantic 300 Sport

Gamma Scarabeo

  • Scarabeo 50 Street
  • Scarabeo 50 - 100 quattro tempi
  • Scarabeo 125 - 200
  • Scarabeo 500 GT ABS (fuori produzione)
  • Scarabeo 250 i.e.- 500-400 Light

Gamma fuoristrada

Gamma strada

Gamma competizione

  • SXV 4.5 VDB Replica
  • SXV 5.5 VDB Replica
  • RXV 4.5 Merriman Replica
  • RS 125 sport production

Modelli fuori produzione

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]