Xbox One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xbox One
Logo Xbox One 2014-04-23 17-08.jpg
[[File:
Xbox One Console Set.png|frameless|center|260x300px]]
Produttore Microsoft
Tipo Console
Generazione Ottava
Presentazione
alla stampa
21 maggio 2013[1]
In vendita Stati Uniti 22 novembre 2013[2]
Europa 22 novembre 2013[2]
Giappone 4 settembre 2014[3]
Cina 29 settembre 2014[4]
Supporto di
memorizzazione
Blu-ray Disc
CD-ROM
DVD-ROM
HDD 500 GB / 1 TB(in edizione limitata)
Dispositivi
di controllo
Gamepad
Kinect One
tastiera
Servizi online Xbox Live
Skype (messaggistica, chiamate e videochiamate)
Facebook
Twitter
MSN (messaggistica istantanea)
YouTube
Twitch.tv
Bing
OneDrive
Premium Play
Sky Online
Mediaset Infinity (solo in Italia)
Internet Explorer
Upload (solo in Italia)
Netflix
IGN
MLGtv
Unità vendute 21.84 milioni (24 luglio 2016)[5]
Gioco più diffuso Call of Duty: Black Ops III 6,99 milioni (26 marzo 2016)[6]
Predecessore Xbox 360

Xbox One è una console per videogiochi prodotta da Microsoft. Essa dispone di varie funzioni multimediali oltre a quelle di intrattenimento videoludico e fa parte dell'ottava generazione di console, competendo commercialmente con la PlayStation 4 di Sony e il Wii U di Nintendo.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il kit di sviluppo della console era conosciuto inizialmente come Xbox 720, poi rinominato dalla casa con il nome in codice di Durango; il termine "One" sta per "All in One", ovvero "Tutto in Uno".

La console è stata ufficialmente annunciata il 21 maggio 2013 durante l'evento Xbox Reveal a Redmond e messa in commercio in 13 paesi (tra cui l'Italia) il 22 novembre 2013. In altri paesi, è arrivata nel 2014.

Xbox One ha una CPU con otto core x86-64 (due moduli da 4 core utilizzati contemporaneamente[7][8]), 8 Gigabyte di RAM DDR3, (di cui 3 GB vengono impiegati per le applicazioni e il sistema operativo), 32 MB di ESRAM a completa disposizione della GPU, un hard drive da 500 GB, una memoria flash da 20GB; la console è in grado di leggere i dischi Blu-Ray e supporta la risoluzione 4K (3840x2160), ha un'uscita audio surround 7.1 e, grazie ad un aggiornamento firmware pubblicato nel mese di giugno 2014, è possibile collegarla a un hard disk esterno USB 3.0.

La console dispone inoltre di due porte HDMI 1.4, una in entrata e una in uscita, ma non ha uscite per il video composito o il component.[9] Alcuni dettagli essenziali non sono stati ancora divulgati, come le reali caratteristiche del chip video, tuttavia, durante l'evento HotChips 2013, Microsoft ha dichiarato che CPU e GPU sono supportati da 15 processori "special purpose", tra i quali un chip audio dedicato, dotato di due core vettoriali.[10] La console è stata anche presentata all'E3 2013[11] e alla GamesCom 2013 di Colonia.[12] Al lancio, la Microsoft ha inoltre annunciato che sono in sviluppo 15 titoli esclusivi per Xbox One, di cui 8 sono nuove IP.

Nel corso di marzo 2014, a seguito di alcune indiscrezioni,[13] Microsoft ha annunciato ufficialmente che la Xbox One sarà completamente compatibile con le nuove librerie grafiche DirectX 12.[14]

Il 13 maggio 2014, dopo aver analizzato i dati di mercato e l'essenzialità dell'uso del Kinect da parte dei giocatori, Microsoft ha deciso di introdurre dal 9 giugno una versione di Xbox One non dotata di Kinect, al prezzo di 399 euro/dollari.[15]

Con la riapertura totale del mercato cinese nel 2013, il 30 luglio 2014, Microsoft annuncia l'arrivo di Xbox One anche in Cina, inizialmente per il 23 settembre 2014 (il governo cinese chiuse le frontiere al mercato console nel 2000, e lo riaprì parzialmente solo nel 2004 per PlayStation 2; questo fa dell'Xbox One la prima console a raggiungere il mercato cinese dal 2004).[16] Nei mesi successivi il Governo Popolare Cinese ha autorizzato Microsoft per la vendita sul territorio cinese di massimo 5 milioni di Xbox One;[17] a distanza di poco tempo dal lancio però venne reso noto che Microsoft aveva posticipato la data di uscita della console in Cina,[18] al 29 settembre.[4] Nonostante un taglio di prezzo di 100 dollari, la console ha continuato a rimanere seconda alla PlayStation 4, anche negli Stati Uniti[19]; ad agosto 2014 alcune voci divulgarono che l'intero progetto "Xbox One" ha fatto perdere a Microsoft qualcosa come 1 milioni di dollari, tuttavia l'azienda, negò l'effettività della cosa dicendo che le analisi di quegli ultimi giorni partivano da un dato parziale.[20]

Il 4 settembre 2014 Xbox One è arrivata anche in Giappone: nonostante una buona accoglienza durante l'evento di lancio della console, con oltre l'84% di commenti positivi,[21] quest'ultima ha venduto molto poco. Tra il 4 e il 7 settembre, solo 23.500 unità sono state vendute, non riuscendo neppure a superare la precedente console Microsoft; difatti, in ancora meno giorni, di Xbox 360 ne erano state vendute più di 60.000.[22] A commentare il mancato successo di Xbox One in Giappone, nelle settimane seguenti, si è aggiunto Takashi Sensui (capo della sezione Xbox in Giappone), che ha confermato la sincera insoddisfazione di Microsoft riguardo ai risultati ottenuti dalla console, con appena più di 1300 unità vendute nella terza settimana di permanenza sul mercato giapponese.[23]

Con l'arrivo del 2015 e di Windows 10[24], si sono presentate novità essenziali per Xbox One: il passaggio del sistema operativo, tramite aggiornamento, dai kernel di Windows 8 a Windows 10[25]; il completo supporto alle librerie grafiche DirectX12 (a cui, secondo le dichiarazioni di Microsoft, dovrebbe conseguire un notevole incremento delle prestazioni della console)[26] ed un'app dedicata alla console da utilizzare con Windows 10.[27]

Il 13 giugno 2016 durante la conferenza Microsoft all'E3 viene presentata la Xbox One S: più piccola del 40%, avrà un HDD da 2 TB, gaming HDR, riproduzione video in 4K, alimentatore interno e un nuovo controller wireless. Viene inoltre annunciata una nuova versione della console, Project Scorpio, capace di riprodurre contenuti 4K e con potenza grafica di 6 TeraFLOPS. Sempre all'E3 viene annunciato il servizio Xbox Play Anywhere, mediante il quale sia i giocatori Xbox One che i giocatori PC Windows 10 possano giocare insieme; i titoli che avranno questa funzionalità sono: Forza Horizon 3, Scalebound, Sea of Thieves, Gears of War 4, Dead Rising 4.

Sistema operativo[modifica | modifica wikitesto]

La console ha 3 differenti sistemi operativi: il primo è l'Xbox OS, il secondo un OS basato sul kernel di Windows 10 mentre il terzo sistema operativo si occupa della comunicazione in multitasking dei primi due OS (ad esempio, tramite questi sistemi operativi è possibile ricevere una chiamata Skype, mentre si sta giocando, senza che il gioco si interrompa).

Controller[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo game controller ha un design molto simile a quello in bundle con l'Xbox 360. I pad direzionali sono stati resi più "tradizionali" rispetto a quelli della precedente console; le batterie durano più a lungo e la precisione dei grilletti analogici è stata migliorata, a detta degli sviluppatori, del 50%, grazie a un innovativo sistema di vibrazione, che li rende più solidi rispetto al passato. Il controller dispone di un vano per due batterie stilo, sostituibili poi con il Recharge Kit originale (pacco batteria e cavo USB per la ricarica). Con la tecnologia next-gen si utilizza un trigger più ergonomico che dona all'utente esperienze di gioco uniche e due pad analogici che permettono una giocabilità migliorata del 25%.

I progetti per il controller sono costati 100 milioni di dollari. Nelle intenzioni iniziali, era previsto che il controller fosse dotato di altoparlanti, luci integrate, e persino di un'apparecchiatura in grado di emulare odori; era stata esplorata anche la possibilità di fabbricare la periferica di gioco con uno speciale materiale in grado di adattarsi alla forma delle mani. Tutte queste tecnologie, avrebbero tuttavia ridotto notevolmente la durata della batteria e aumentato la distrazione dell'utente nei momenti di gioco, per questo si è preferito semplicemente evolvere il precedente controller della Xbox 360.[28]

Durante l'E3 2015 viene presentato da Microsoft l'Elite Controller con un nuovo D-pad e delle levette posteriori al corpo del pad che nei giochi di corse si useranno per scalare le marce (come nei volanti su alcune auto dietro ai quali vi sono le levette delle marce al posto della leva del cambio). Inoltre gli analogici e il d-pad saranno personalizzabili, intercambiabili e rimappabili, è stato aggiunto il trigger, sarà possibile aumentare la sensibilità dei comandi e, come il DualShock 4 di Sony, presenterà il jack standard per le cuffie.

Xbox Live[modifica | modifica wikitesto]

I server del nuovo Xbox Live sono stati potenziati dai 5.000 di Xbox 360 fino a 300.000 ed è disponibile un sistema di salvataggio in cloud per musica, film, giochi e altri contenuti.

Esiste anche una rete di server dedita al calcolo remoto di operazioni per aumentare qualitativamente la grafica dei giochi, aumentando la resa grafica di oltre 20%.

Questione sulla connessione obbligatoria e sui giochi usati[modifica | modifica wikitesto]

Xbox 360 (modello E-super slim) ed Xbox One in esposizione all'E3 2013.

Il 7 giugno 2013, a pochi giorni dalla conferenza dell'E3, Microsoft ha pubblicato delle FAQ in cui spiegava alcune funzionalità della sua nuova console; questo in seguito alle indiscrezioni circolante in rete, definite "inaccurate e incomplete" da Larry Hyrb, riguardo ad una possibile connessione obbligatoria alla rete e al modo in cui la console avrebbe gestito i giochi di seconda mano.

La nuova Xbox richiederà l'installazione obbligatoria dei giochi, che verranno poi collegati in modo univoco all'account e una volta inseriti nella libreria giochi, non ci sarà più necessità del disco. Microsoft ha pensato alla Xbox One come una console obbligatoriamente connessa alla rete, per sfruttare al meglio tutte le proprie funzionalità. Sarà comunque possibile giocare offline per un tempo massimo di 24 ore dall'ultima connessione, quando si è sulla console contrassegnata come "principale" dell'account, mentre questo tempo scenderà a 1 ora, nel momento in cui si sta giocando su un'altra console. Questo controllo è necessario per verificare le licenze dei prodotti. È stato specificato che, trascorso questo tempo offline, la console sarà comunque utilizzabile per guardare la TV e un film in Blu-Ray o DVD.

Sulla console "principale" sarà possibile condividere i propri titoli con i propri familiari, per un massimo di 10 account, ma questa caratteristica deve essere ancora approfondita e spiegata nei dettagli.

Per quanto riguarda la possibilità di prestare e vendere i propri giochi, Microsoft ha affermato che tale decisione sarà "a discrezione dei publisher" (ne consegue che tale opportunità potrebbe anche essere impedita); per quelli che lo permetteranno, il prestito di un titolo sarà possibile solo verso un account presente nella propria lista di amici da almeno 30 giorni, e potrà avvenire una sola volta. In pratica, più che di un prestito si tratterà di una cessione gratuita della licenza.

Il mercato dell'usato, sempre per i publisher che lo concederanno, avverrà tramite partner commerciali selezionati e abilitati alla compravendita delle licenze. Diversi editori, interpellati a tal proposito, hanno dichiarato di essere rimasti spiazzati da questo sistema che verrà introdotto e di non essere ancora pronti al riguardo.

Microsoft non ha comunque ufficializzato come si comporterà con i propri titoli, prendendo una posizione attendista.

Critiche e cambio di politica[modifica | modifica wikitesto]

Le particolari scelte di marketing di Microsoft, hanno suscitato non poche polemiche in tutto il mondo, portando l'azienda perfino a bloccare i commenti sul suo canale ufficiale di YouTube, a causa dell'elevato numero di critiche negative da parte degli utenti.[29] Oltre ai responsi estremamente negativi, sarebbero circolate in rete notizie secondo le quali Microsoft avrebbe in un primo momento corrotto alcuni critici in modo da far guadagnare al nuovo prodotto un aspetto "commercialmente" più positivo;[30] e successivamente avrebbe addirittura pagato publisher e sviluppatori per non mostrare i loro titoli alla conferenza E3 di PlayStation 4, così da ridurne l'impatto sul pubblico.[31]

A peggiorare la situazione, si è aggiunto un commento di Don Mattrick, pubblicato l'11 giugno e che recita: "Fortunatamente noi abbiamo un prodotto per persone che non sono in grado di avere una connessione ad Internet; si chiama Xbox 360".[32][33] Questa espressione di Mattrick, ha sia ingigantito le polemiche, che suscitato grande ilarità, poiché, a detta di molti, Mattrick ha trascurato il fatto che molte persone preferirebbero giocare con una PlayStation 4 o un PC, piuttosto che usare una Xbox 360.

Difatti, a causa delle pressioni e critiche del web in fermento e dei continui trolling da parte di Sony,[34][35] il 19 giugno 2013, Microsoft, nella persona di Don Mattrick, ha pubblicato un comunicato dove dichiara che la console non richiede più una connessione obbligatoria ogni 24 ore, ma solo al momento del setup iniziale. Inoltre si conferma la non presenza del blocco dei giochi usati.[36]

La console è anche region free, ma nonostante ciò, i servizi a pagamento online sono limitati.[37]

Connettività[modifica | modifica wikitesto]

La Xbox One permette l'accesso istantaneo e simultaneo a film, TV in diretta, musica e internet. Come per il predecessore, Xbox One supporta, a partire dall'11 dicembre 2013, la visione dei canali a pagamento di Mediaset Premium in Italia, tramite l'applicazione Premium Play.[38]

Attraverso un set-top-box esterno, la console permette di guardare canali TV in diretta, in modo simile a quanto fatto da Google con la Google TV. La nuova divisione Xbox Entertaiment Studios inoltre, si occupa di sviluppare contenuti esclusivi per la nuova Xbox, tra cui una serie televisiva basata sul franchise di Halo (prodotta da Steven Spielberg).

Controllo vocale[modifica | modifica wikitesto]

La Xbox One dispone di un sistema di comandi vocali da usare tramite il Kinect One. Questa funzione permette agli utenti di controllare tutta l'interfaccia Xbox tramite la propria voce: si può ad esempio cambiare canale televisivo, mettere in pausa un film, o controllare le schermate Skype e internet tramite input vocali. Questa tecnologia permette di giocare in modalità cooperativa, mentre si parla con gli amici o con chiunque altro, utilizzando come connessione Skype. Tutte le funzioni di Xbox One sono gestibili con la voce. L'aggiornamento di giugno 2014 ha abilitato il controllo dei canali TV del decoder (SKY, Mediaset, etc), delle funzioni di registrazione (MySky) e di tutte le funzioni TV tramite comandi vocali.

Kinect One[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo Kinect, chiamato Kinect One ha una risoluzione di 1080p e lavora processando 2 GB di dati al secondo. Inoltre è in grado di riconoscere fino a 6 giocatori e riesce a monitorare dati come il battito cardiaco e i movimenti dei muscoli facciali.

Riguardo alla privacy, è stato dichiarato che è facilmente riconoscibile quando il Kinect è acceso o spento, e che l'utente ha il pieno controllo su questa periferica, la quale non deve neanche restare sempre connessa alla console. Il nuovo Kinect ha una giocabilità molto superiore al modello precedente, grazie ad un "lag time" di soli 40 millisecondi.

Retrocompatibilità[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del lancio della console, la Microsoft ha dichiarato che la Xbox One non sarebbe stata retrocompatibile con i giochi delle precedenti console Xbox e Xbox 360. Tuttavia, nell'annuale riunione degli sviluppatori per le piattaforme Microsoft, tenutasi ad aprile 2014, l'idea di un emulatore per i giochi della Xbox 360 è tornata in auge ed è stata confermata ufficialmente da Frank Savage, Partner Development Manager della Microsoft [39], anche se quest'ultimo ha chiarito che non bisogna aspettarsi di avere un emulatore perfetto nell'immediato futuro.

Durante l'E3 2015, Microsoft ha confermato la retrocompatibilità dei giochi Xbox 360[40]. Tale funzionalità è totalmente gratuita: se si è acquistato un gioco Xbox 360 in versione digitale, sarà possibile scaricarlo automaticamente dallo Store; al contrario, occorrerà inserire il relativo DVD nel lettore dell'Xbox One per sbloccarne il download. In realtà il download che viene effettuato è quello di una versione del gioco riadattata: il titolo scaricato viene rilevato come un titolo Xbox One. La retrocompatibilità è stata resa disponibile inizialmente ai soli iscritti al programma Preview, mentre è stata resa disponibile per tutti il 12 novembre 2015. Al momento sono 100 i titoli Xbox 360 ufficialmente compatibili con la nuova console, i quali ogni mese, a detta di Microsoft, se ne aggiungeranno altri 100.[41]

Specifiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Versione originale (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Versione One S (2016)[modifica | modifica wikitesto]

(in attesa di comunicazioni ufficiali)

  • Archiviazione:
    • 500 GB/1 TB/2TB HDD @ 5400 rpm, 8 Mb Cache
    • 8 GB Memoria Flash
  • Comunicazione:
    • Wi-Fi IEEE 802.11 b/g/n dual-band 2,4 & 5 GHz
    • Wi-Fi Direct per periferiche (Smartglass, etc.)
    • Bluetooth
    • Ethernet
    • USB 3.0
    • Uscite Audio/Video che va da 720p a 2160p
    • 2 x HDMI 2.0a (in & out)
    • S/PDIF
    • IR blaster
  • DirectX 11.x - DirectX 12 (Da novembre 2015, con il nuovo sistema operativo basato su Windows 10)
  • Unità disco:
    • Blu-Ray 4K ready

Revisioni hardware[modifica | modifica wikitesto]

Xbox One S[modifica | modifica wikitesto]

Durante la conferenza del 13 giugno 2016 in occasione dell'E3 2016, Microsoft annuncia Xbox One S in arrivo per Agosto 2016. È una versione revisionata di Xbox One con un form factor revisionato. Il nuovo chassis si presenta il 40% più piccolo rispetto al modello originale, supporta uno stand verticale, rivede la connettività del sistema (manca la porta Kinect One, che dovrà essere collegato tramite adattatore USB), non richiede un alimentatore esterno e supporta la risoluzione 4K per video (Blu-Ray e streaming) e HDR (High Dynamic Range). Inoltre presenta una revisione del controller: grip in gomma nelle impugnature, supporto allo standard Bluetooth e compatibilità con Windows 10 mobile.

Sono inizialmente emersi dettagli sul sistema Xbox One S (fonte), secondo i quali la console presenta un hardware migliorato che potrebbe portare a prestazioni differenti rispetto al modello originale. La stessa Microsoft, tuttavia ha chiarificato questo aspetto: per poter garantire la visione fluida di contenuti in 4K e la funzionalità HDR, il chip del sistema è lievemente più potente rispetto al modello precedente di Xbox One; questo tuttavia non migliorerà significativamente le prestazioni dei giochi.

Xbox One S sarà rilasciata in tre edizioni che differiscono per la capacità dell'hard disk: 500GB a 299€euro, 1TB a 349€ e 2TB a 399€.

Project Scorpio[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft, sempre durante la conferenza E3 2016, ha annunciato un nuovo modello di Xbox One con il nome in codice Project Scorpio, che sarà rilasciata nel tardo 2017. La console sarà un modello high-end con hardware potenziato, circa 6TFlops di potenza. L'hardware è stato costruito per supportare i giochi in 4K e la VR ad alto livello di dettagli e si scontrerà con la rivale PS4 NEO (confermata da Sony, ma ancora non ufficiosamente presentata).

Contenuto della confezione[modifica | modifica wikitesto]

Xbox One (2013)[modifica | modifica wikitesto]

  • Console Xbox One
  • Kinect One (solo nella confezione che lo contiene)
  • Alimentatore
  • Controller (controller celebrativo per DayOne Edition)
  • Obiettivi esclusivi (solo per la DayOne Edition)
  • Cavo HDMI 4K ready
  • Xbox One Headset
  • Una versione digitale di FIFA 14, Ryse: Son of Rome, Forza Motorsport 5 (solo per quanto riguarda la DayOne Edition) o diversi giochi a seconda del bundle (vedi Bundle e edizioni speciali)

A partire dal 9 giugno 2014, è stata messa in vendita una confezione sprovvista del Kinect One [47], al prezzo di 399 €.

Il prezzo è stato ulteriormente abbassato: a giugno 2016 il prezzo ammonta a 279€.

Xbox One S (2016)[modifica | modifica wikitesto]

  • Console Xbox One S
  • Hard Disk interno a diverse capacità (500GB a 299€euro, 1TB a 349€ e 2TB a 399€)
  • Controller (edizione 2016) con jack 3.5
  • Cavo HDMI 4K ready
  • Cavo AC
  • Stand verticale
  • Prova 14 giorni Xbox Live Gold

Bundle ed edizioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Per Xbox One sono stati annunciati diversi bundle, la cui particolarità consiste nella presenza di giochi esclusivamente scaricabili tramite un codice all'interno del bundle, non fornendo così una classica copia fisica del gioco. I bundle sono venduti in tutti il mondo e sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Microsoft presenta Xbox One
  2. ^ a b c d e f Il 22 novembre arriva Xbox One
  3. ^ Xbox One ha una data di lancio ufficiale in Giappone, 48 software house impegnate nel supporto
  4. ^ a b Xbox One sarà lanciata in Cina il 29 settembre
  5. ^ Platform Totals - VGChartz
  6. ^ [1]
  7. ^ I giochi e le prestazioni
  8. ^ AMD’s Jaguar Architecture: The CPU Powering Xbox One, PlayStation 4, Kabini & Temash
  9. ^ Xbox One - Tutte le caratteristiche
  10. ^ a b c d e HOTCHIPS 2013-Xbox One Slides
  11. ^ IGN - Xbox One: le parole che non hanno detto
  12. ^ xbox one. Tutta la copertura di ign italia
  13. ^ DirectX 12 anche su Xbox One?
  14. ^ Presentate ufficialmente le DirectX 12, saranno compatibili con Xbox One
  15. ^ È ufficiale: Xbox One verrà venduta anche senza Kinect, a 399 euro
  16. ^ Xbox One in Cina: data di lancio e giochi disponibili
  17. ^ Il governo cinese ha approvato la vendita di cinque milioni di Xbox One
  18. ^ Xbox One arriva in ritardo in Cina
  19. ^ Negli Stati Uniti, PlayStation 4 vende più di Xbox One nonostante il taglio di Kinect
  20. ^ Xbox One ha fatto perdere 400 milioni di dollari a Microsoft? In realtà no
  21. ^ L'evento del lancio giapponese di Xbox One è stato un successo, ha ottenuto l'84% di feedback positivi
  22. ^ Xbox One ha venduto meno della metà di Xbox 360 nella prima settimana di distribuzione in Giappone
  23. ^ Simone Tagliferri, Microsoft non è soddisfatta delle vendite di Xbox One in Giappone, su Multiplayer.it, 2 ottobre 2014. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  24. ^ Giorgio Melani, Windows 10 unisce PC, dispositivi mobile e console, multiplayer.it, 21 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  25. ^ Tommaso Pugliese, Xbox One passerà dal kernel di Windows 8 a quello di Windows 10 grazie a un aggiornamento, multiplayer.it, 23 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  26. ^ Tommaso Pugliese, Le DirectX 12 miglioreranno sostanzialmente le prestazioni di Xbox One, multiplayer.it, 23 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  27. ^ Giorgio Melani, Presentata l'app ufficiale Xbox per Windows 10, ecco un video sull'integrazione tra le due piattaforme, multiplayer.it, 22 gennaio 2015. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  28. ^ Xbox.com - Controller wireless Xbox One, accresci il livello del tuo gioco
  29. ^ Multiplayer: Troppe critiche a Xbox One, Microsoft blocca i commenti sul canale YouTube
  30. ^ Microsoft: assunte persone per dare commenti positivi a Xbox One su Reddit?
  31. ^ E3 2013: Microsoft paga per non far mostrare giochi su PS4?
  32. ^ Microsoft consiglia Xbox 360 a chi è offline
  33. ^ Top 10: il meglio e il peggio dell'E3 2013
  34. ^ Top 10: il meglio e il peggio dell'E3 2013
  35. ^ Multiplayer: PS4 Vs. Xbox Next, Sony trolla Microsoft su Google
  36. ^ Connessione non più obbligatoria e niente più blocco dell'usato per Xbox One, news.xbox.com. URL consultato il 19 giugno 2013.
  37. ^ Xbox One è region-free, ma pagamenti e servizi saranno limitati
  38. ^ Comunicato collaborazione [Microsoft e Mediaset Premium
  39. ^ Xbox One Will Have An Officiai Xbox 360 Emulator When Microsoft Finishes 'Thinking It Through'
  40. ^ Microsoft Unleashes Xbox One Backward Compatibility, Game Streaming in Preview
  41. ^ Xbox One Backward Compatibility | Xbox
  42. ^ Xbox One Cpu improved
  43. ^ XBOX ONE GPU
  44. ^ CNET-Xbox One
  45. ^ ExtremeTech - Xbox One: Hardware and software specs detailed and analyzed
  46. ^ Inside Xbox One: riflessioni sulla ESRAM e sulla memoria, tmag.it. URL consultato il 7 luglio 2015.
  47. ^ Xbox One senza Kinect: confermata anche in Europa – disponibile dal 9 giugno

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]