Case (hardware)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il case del computer (termine mutuato dall'inglese computer case),[1] anche noto come scocca, cabinet, chassis o semplicemente cassa, è il contenitore preposto ad accogliere la maggior parte dei componenti di un computer (escludendo schermo, tastiera e mouse) di cui i principali sono: la scheda madre, la CPU, l'alimentatore, i moduli di memoria primaria e la memoria di massa, più eventualmente altre schede preposte a funzioni accessorie o complementari (per esempio una o più schede video[2]).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Vista interna di un case

Normalmente il telaio di un case è in lamiera metallica SECC (dall'inglese "Steel Electrogalvanized Cold-rolled Coil", un tipo di acciaio dal basso costo ed elevata conducibilità termica) oppure in alluminio, esistono tuttavia anche telai artigianali fatti con altri materiali (vedi Modding).

I case normalmente hanno nella loro parte superiore o inferiore un alloggio per l'alimentatore, nella parte centrale sono presenti diversi alloggi atti a contenere le periferiche di archiviazione di massa e di lettura. Nei computer desktop a torre verticali la scheda madre è avvitata sul pannello destro - da un punto di vista frontale - del case. In genere un case ha varie drive bay da 5,25" e da 3,5" che permettono l'installazione di dischi rigidi, lettori floppy, lettori e masterizzatori CD/DVD e lettori di schede di memoria. Il pulsante d'accensione e di reset (che permette di riavviare il PC) sono normalmente situati in una posizione accessibile all'utente. Nei pressi dei due pulsanti possono esserci due piccole spie, alimentate da appositi connettori collegati direttamente alla scheda madre, per indicare lo stato di accensione del computer e l'attività del disco rigido. Sul frontale possono essere presenti i cassetti scorrevoli per l'inserimento ed il disinserimento di CD e dischetti floppy.

Anche le porte USB "frontali" e le prese per cuffie e microfono sono normalmente installate in una posizione accessibile all'utente, così da agevolarlo nell'inserimento dei relativi dispositivi. Sul retro sono accessibili tutte le porte e interfacce di connessione con le altre periferiche presenti sulla scheda madre, come per esempio la tastiera, il mouse, il monitor e altri. Il case di un computer può anche giocare un ruolo importante nel raffreddamento dei componenti che ospita: su questo possono essere montate apposite ventole (raffreddamento attivo), anche tramite dei fori posti sulle paratie laterali o sulla parete posteriore. Alcuni case sono equipaggiati con delle unità che misurano la temperatura interna al computer, rilevano la velocità di calcolo del processore o variano la velocità delle ventole di raffreddamento, esse possono trovare posto nelle drive bay comunemente destinate ai lettori di CD e floppy, rispettivamente da 3,5" e da 5".

Il pannello sinistro - da un punto di vista frontale - del case, permette l'accesso alla componentistica e per tale motivo spesso è facile da rimuovere. Nel caso di case personalizzati, parte della lamiera che costituisce la paratia laterale è asportata e sostituita da plexiglas; questo consente di mettere in risalto le presunte migliorie estetico-strutturali che l'utente apporta al sistema.

Dimensioni e forma[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la forma e la dimensione possano differire da un produttore all'altro, esistono degli standard preposti a cui ogni costruttore si adatta, per esempio nei computer da scrivania è diffuso lo standard ATX.

Case in versione desktop

I case predisposti per accogliere una scheda madre di tipo ATX possono avere forme diverse e per convenzione vengono distinti tra:

  • da scrivania: orizzontali, pensati per essere posizionati sopra la scrivania;
  • a torre: verticali, pensati per essere posizionati sotto la scrivania.[3]

Questi ultimi sono ulteriormente classificabili in:

  • microtorre (anche detti microtower);
  • minitorre (minitower);
  • mezzatorre (middle tower o mid tower);
  • a torre piena (full tower o tower).
Case in versione tower

L'altezza nei case a microtorre varia tra i 33 e 36 cm (tipicamente 35 cm), nei minitorre tra i 36 e 40 cm (in genere 39 cm), nei mezzatorre tra i 40 e 46 cm (in genere 43 cm), e negli elaboratori a torre piena a partire da circa 56 cm, nonostante si possano raggiungere altezze superiori ai 70 cm.

Versioni con dimensioni maggiori sono solitamente utilizzate per i server, per i quali nei brevi periodi può essere necessario un ampliamento e potenziamento della componentistica. Quando sono previste condizioni di lavoro gravose ed è richiesta alta affidabilità (come in una stanza che ospita decine di server costantemente in funzione), viene preferito al case tradizionale un altro tipo di telaio adottato in campo elettronico: l'armadio (o rack), concepito come un ripiano multiplo in cui infilare, sovrapposti come cassetti, i più svariati tipi di apparecchiature, elaboratori compresi.

Estetica[modifica | modifica wikitesto]

Un case equipaggiato con luci al neon

I case tradizionali generalmente erano beige, bianchi o neri e di forma rettangolare. Nel tempo tuttavia si è assistito a una vera e propria rivoluzione stilistica: molti utenti si dilettano a personalizzare il case del computer aggiungendovi luci interne al neon, guaine avvolgicavo multicolore, finestre laterali in plexiglas, ventole illuminate aggiuntive, nonché impianti di raffreddamenti a liquido, questi ultimi, oltre ad assolvere alla mera funzione estetica, mirano anche ad un incremento prestazionale, molto diffuso anche l'uso di adesivi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella lingua inglese "case" ha varie accezioni tra cui "contenitore, cassa e scatola".
  2. ^ La sezione video può essere integrata nella CPU
  3. ^ Bertolacci, p. 2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica