Applicazione (informatica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine applicazione in informatica individua un programma o una serie di programmi in fase di esecuzione su un computer con lo scopo e il risultato di rendere possibile un servizio, una serie di servizi o strumenti utili e selezionabili su richiesta dell'utente, spesso attraverso un'elaborazione a partire da un input fornito dall'utente interagendo con esso. È dunque il risultato a livello utente dalla combinazione di risorse software e rispettive risorse hardware di processamento per la loro esecuzione.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Soltanto i sistemi operativi e i loro componenti non sono considerati applicazioni[senza fonte], in quanto necessari al funzionamento intrinseco degli strumenti di base della piattaforma informatica. La componente hardware, nei tempi moderni ha perso la sua rilevanza, tanto che un sinonimo di applicazione è software per ... fare qualcosa[evasivo e non chiaro].[senza fonte] L'assunto di partenza può quindi anche essere espresso in termini di software applicativo, ossia programmi non necessari al funzionamento del computer (come la suite Microsoft Office), in contrapposizione al software di base, cioè tutte le istruzioni di base di cui un computer ha bisogno (ad esempio il sistema operativo Microsoft Windows).

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

I criteri di classificazione del software applicativo possono essere diversi, ad esempio a seconda del tipo di licenza concessa dall'autore verso il fruitore, oppure a seconda dell'uso a cui è destinato.

Nel primo caso si tratta di software libero o software proprietario, con tutte le sfumature intermedie.

  • Desktop. Anche definito software di produttività personale o di office automation. Rientrano in questa categoria: elaborazione di testi, fogli di calcolo, presentazioni, grafica tecnica, grafica artistica, fotoritocco, musica, agenda, PIM, ecc.
  • Games. Giochi, nel senso più ampio del termine.
  • Education. Applicazioni utili alle scuole di tutti i gradi, ad esempio per l'autoapprendimento
  • Science. Applicazioni utili nei vari campi della scienza applicata, quali, ad esempio Intelligenza Artificiale, Astronomia, Biologia, Chimica, ecc. È corretto notare che oggi qualsiasi disciplina scientifica dispone di applicazioni dedicate.
  • Software development. Sviluppo di applicazioni (ma anche di software di base), ad es. IDE.
  • Business o Enterprise. Grandi categorie che comprendono le cosiddette applicazioni "aziendali", suddivise in subcategorie del tipo: Financial, CRM, ERP, OLAP, Project management, E-Commerce, ecc. Sotto la categoria ERP possiamo trovare le classiche: contabilità, bilancio, controllo di gestione, magazzino, fornitori, clienti, produzione, vendite, marketing, personale, ecc. ossia tutti gli ambiti di gestione di una struttura operativa. Rientrano in questa categoria le cosiddette Applicazioni Web.

La nuova generazione di applicazioni per dispositivi mobili[modifica | modifica sorgente]

Recentemente ha iniziato a diffondersi una nuova generazione di applicazioni, quelle per dispositivi mobili. Caratterizzate da una netta semplificazione rispetto a quelle per i tradizionali dispositivi informatici, queste nuove applicazioni vengono identificate semplicemente come App.

Interfaccia grafica[modifica | modifica sorgente]

Tipicamente le applicazioni espongono i loro servizi all'utente attraverso un'interfaccia grafica dedicata composta tipicamente da un panel principale dell'applicazione e relative finestre ad interattività con l'utente tramite mouse e tastiera, pulsanti compresi in barre degli strumenti, barra dei menù, scrollbar ecc... variamente disposte e spesso anche personalizzabili.

Nei vecchi sistemi e per applicazioni semplici si usava invece direttamente la shell testuale a riga di comando.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Informatica