Game Boy Advance SP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Game Boy Advance SP
Game-Boy-Advance-SP-Mk1-Blue.jpg
Produttore Nintendo
Tipo console portatile a 32 bit
Generazione Sesta
In vendita 2003
Supporto di
memorizzazione
cartucce GBA, cartucce GBC e GB
Dispositivi
di controllo
integrato
Servizi online non presente
Unità vendute 21,42 milioni [1]
Gioco più diffuso Pokémon Rubino e Zaffiro
Predecessore Game Boy Advance
Successore Game Boy Micro (redesign)
Nintendo DS (successore)

Il Game Boy Advance SP (dove SP sta per Special Project, Progetto Speciale) non è altro che una versione migliorata del Game Boy Advance. Se si pensava che il GBA fosse piccolo, bisogna ricredersi: infatti lo schermo dell'SP, leggermente più grande di quello del GBA, è montato su uno sportellino richiudibile che rende ancora più comodo e meno ingombrante il trasporto. Inoltre il monitor è retroilluminato e la retroilluminazione può essere spenta quando non se ne ha più bisogno. Un'altra novità consiste nella presenza della batteria al litio ricaricabile, che libera finalmente dalla "schiavitù" delle pile AA consentendo fino a 10 ore consecutive di gioco con l'illuminazione attiva, 18 con l'illuminazione spenta. Game Boy Advance SP è retrocompatibile ed in grado di leggere i giochi di tutti i suoi predecessori. Nintendo ha creato anche nuovi giochi, tra cui Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia, che grazie a un sistema innovativo, chiamato Adattatore Wireless, permette a un giocatore di interagire con altri giocatori (purché giochino allo stesso gioco) senza collegare alcun cavo. Il tutto entro distanze di circa 3 metri da un dispositivo all'altro. È anche possibile giocare in modalità multigiocatore con un Nintendo Gamecube collegato a un GameBoy Player con un Adattore Wireless. Naturalmente sia l'Adattore Wireless sia la modalità multigiocatore funzionano su un Gameboy Advance.

  • Lunghezza: 84,6 mm
  • Larghezza: 82 mm
  • Altezza: 24,3 mm
  • Batteria: batteria al litio ricaricabile che permette una durata di 10 ore se si utilizza la retroilluminazione e fino a 18 ore se non si utilizza le retroilluminazione.

In un'intervista il presidente di Nintendo, Satoru Iwata, ha reso noto che nello sviluppo del Game Boy Advance SP fu provata la tecnologia del 3D stereoscopico che (seppur funzionante) venne poi abbandonata in quanto la bassa risoluzione non consentiva un effetto abbastanza d'impatto rispetto alla spesa prevista per implementare tale tecnologia. [2]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.nintendo.co.jp/ir/pdf/2007/070426e.pdf#page=21
  2. ^ Iwata Asks
Nintendo Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo