Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Satoru Iwata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Satoru Iwata durante la Game Developers Conference del 2011.

Satoru Iwata (岩田 聡 Iwata Satoru; Sapporo, 6 dicembre 1959Kyoto, 11 luglio 2015) è stato un autore di videogiochi e imprenditore giapponese. Quarto presidente della società Nintendo, ha ricoperto il ruolo dal 2002 al 2015, succedendo il longevo predecessore Hiroshi Yamauchi. Precedentemente è stato responsabile della strategia di commercializzazione della console Nintendo GameCube.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Iwata nacque a Sapporo, nella prefettura di Hokkaidō, in Giappone. Dimostrò interesse nella creazione di videogiochi già in gioventù e, grazie alla programmazione di una calcolatrice programmabile Hewlett-Packard HP-65, iniziò a sviluppare videogiochi durante la scuola secondaria. Iwata diffuse i suoi giochi, tra cui Volleyball e Missile Attack, ai suoi compagni di classe.

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Una volta diplomatosi, nel 1978 Iwata fu ammesso al prestigioso Istituto di Tecnologia di Tokyo, dove si laureò in Informatica. Acquistò un Commodore PET ed iniziò a sviluppare software che veniva memorizzato su cassette. Grazie alle sue capacità tecniche, venne assunto come programmatore part-time di videogiochi presso la HAL Laboratory, mentre stava ancora terminando gli studi.

HAL Laboratory[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il college, nel 1982 viene assunto a tempo pieno da HAL Laboratory e, in seguito al lancio del Famicom, si dedica interamente allo sviluppo. Divenne il coordinatore allo sviluppo software nel 1983 e sotto la sua guida vengono prodotti numerosi videogiochi, spingendo Nintendo ad investire nella società.[1]

Nel 1992 tuttavia l'azienda si trova in difficoltà economiche e, dietro suggerimento del presidente della Nintendo Hiroshi Yamauchi, Iwata assume il controllo della società, continuando la collaborazione con Nintendo per lo sviluppo di giochi come Kirby's Dream Land e Super Smash Bros..

Nintendo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 Iwata entrò a far parte di Nintendo a capo della sua divisione di sviluppo. Quando Hiroshi Yamauchi, presidente della società dal 1949, si dimise il 31 maggio 2002, Iwata divenne il quarto presidente di Nintendo. Continuò ad aiutare lavorando per HAL Laboratory come artista e creando bozzetti di personaggi della serie Kirby da usare nei videogiochi. Il suo ultimo progetto fu Super Smash Bros. Melee.

Problemi di salute e morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 la Nintendo annunciò che Iwata non avrebbe partecipato all'Electronic Entertainment Expo 2015 per motivi di salute.[2][3] Il 13 luglio 2015 la società ne annunciò la morte, avvenuta l'11 luglio a causa di una neoplasia al sistema biliare.[4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN258571878