1292 Advanced Programmable Video System

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1292 Advanced Programmable Video System
console
Acetronic-MPU-1000.png
ProduttoreRadofin
TipoDa tavolo
GenerazioneSeconda
In vendita1978
Caratteristiche tecniche
Supporto di
memoria
Cartuccia
CPUSignetics 2650AI a 0,887 MHz
GPUSignetics 2636N a 3,58 MHz

La 1292 Advanced Programmable Video System è una console per videogiochi prodotta dalla Radofin nel 1978[1]. Fa parte di un gruppo di console dotate di software compatibile che include l'Interton VC4000 e il Voltmace Database. Il modello 1392 Advanced Programmable Video System include al suo interno l'alimentazione.

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Circuito stampato dell'Acetronic MPU-1000.

Grafica[modifica | modifica wikitesto]

  • Sprites: 4 sprite con singolo colore (combinandoli insieme se ne può ottenere 1 ad 8 colori)
  • 1 riga per la visualizzazione del punteggio a 4 cifre in formato Binary-coded decimal (BCD)
  • Lo sfondo consiste in una serie di linee alternate

Varie[modifica | modifica wikitesto]

  • Controller: 2 joystick con 12 bottoni e 2 assi
  • Alimentazione: Ingresso 250 V, 50 Hz; Uscita 9,5 V, 0,4 A e 15 V, 0,11 A

Programmazione da utente[modifica | modifica wikitesto]

Era disponibile un costoso (£49 sterline del Regno unito nel 1977) Hobby Module, che forniva 6.5 kb di memoria programmabile da parte dell'utente ed un connettore DIN a 5 pin che permetteva di salvare il software su un lettore a cassette. Questo convertiva l'unità in qualcosa che era a metà strada tra un home computer e un'ordinaria console di gioco.[3]

L'utente doveva aver familiarità con la programmazione della CPU Signetics 2650 in linguaggio assembly ed alla architettura dei suoi registri. Per esempio, sulla maggior parte dei processori, l'istruzione 0 indica "nessun operazione" (no-operation) mentre con il 2650 istruiva il processore ad eseguire un "Branch To Address In Immediate Register B" (salto ad un indirizzo in memoria presente nel registro B). Questo era sorgente di parecchi problemi di debug per i programmatori hobbisti non esperti.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un periodo di oltre quattro anni in cui il mercato fu dominato da varianti di Pong, con giochi preinstallati, nel 1978 ci fu una prima crisi del settore. Ormai l'interesse del pubblico si rivolgeva a sistemi più complessi dotati di cartucce intercambiabili, come Fairchild VES o Atari VCS. Tornava quindi in auge il principio già proposto con la Magnavox Odyssey nel 1972. La statunitense Radofin lanciò il primo di questi sistemi, il 1292 Advanced Programmable Video System, avviando il cosiddetto standard Radofin. Diversi produttori lanciarono vari sistemi compatibili, basati su uno stesso microprocessore semplificato e ottimizzato per i videogiochi. Si fece notare in particolare il sistema di produzione tedesca Interton VC 4000, tra i più diffusi in Europa, con un ricco parco titoli.[4]

Versioni prodotte[modifica | modifica wikitesto]

La console è stata prodotta da parecchie aziende, e venduta con differenti nomi.[5] Non tutte le versioni sono compatibili, a causa di differenze nelle forme e nelle dimensioni degli slot delle cartucce e delle console stesse (sono però software compatibili).[5] Qui sotto un elenco delle diverse console, divise in famiglie di compatibilità (a causa dei suddetti slot).

Nome Produttore Paese Famiglia di compatibilità Note Immagine
1292 Advanced Programmable Video System Radofin 1292 Advanced Programmable Video System Conosciuto come "Radofin Programmierbares Video System" in Germania (1978)
1392 Advanced Programmable Video System (1978)
HMG-1292 Advanced Programmable Video System Hanimex
HMG-1392 Advanced Programmable Video System Hanimex HMG Programmabile Video System.jpg
Force 2 Fountain
1292 Advanced Programmable Video System
1392 Advanced Programmable Video System
Advanced Programmable Video System Grandstand
Lansay 1392 Lansay
PP-1292 Advanced Programmable Video System Audiosonic
PP-1392 Advanced Programmable Video System
VC-6000 Prinztronic (1978)
Tournament
MPU-1000 Acetronic (1979) Acetronic-MPU-1000.jpg
MPU-2000 (1979)
Database Videomaster Database Voltmace Database System
Database Waddington/Voltmace Regno Unito
Television Computer System Rowtron Regno Unito Television Computer System
Television Computer System Teleng Regno Unito (1979) Teleng Television Computer System.jpg
OC-2000 OC Jeu Video TV Karvan Francia Video TV Game
OC-2000 Societe Occitane Electronique Francia (1979) SOC OC 2000.jpg
Video Ordinateur MPT-05 ITMC MPT-05 ITMC MPT-05.jpg
Super Play Computer 4000 Grundig Germania Interton VC-4000 Grundig Super Play Computer 4000.jpg
VC-4000 Interton VC-4000-Console-Set.jpg
Tele-Video-Computer TVC 4000 Körting/Neckermann
CX-3000 Data Bass Sistem Palson Spagna
Tele Computer Aureac Spagna Palson CX-3000 clone
Video Computer H-21 TRQ Spagna Interton VC-4000 (parzialmente) Le cartucce TRQ possono essere usate nell'Interton ma non il viceversa (non entrano)
Elektor TV Games Computer Elektor (1979) macchina per sviluppare i giochi per vc4000. Ha la sua ROM, 2K di RAM. No cartucce, no joystick ma interfaccia a cassette

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.igdb.com/platforms/1292-advanced-programmable-video-system
  2. ^ K. Maul: Der GRUNDIG Super Play Computer 4000. Grundig Technische Informationen, Heft 4/1979, S. 151.
  3. ^ Manuale dell'Hobby module, parte 1 (RAR), su amigan.yatho.com (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2016).
  4. ^ Interton Video Computer 4000, in Retrogame Magazine, n. 5, seconda serie, Cernusco sul Naviglio, Sprea, gennaio/febbraio 2018, pp. 88-89, ISSN 2532-4225 (WC · ACNP).
  5. ^ a b MAME source file, su github.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi