Game & Watch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un Game & Watch: Donkey Kong II del 1983

I Game & Watch sono una serie di giochi elettronici portatili, ideati da Gunpei Yokoi (noto anche per l'invenzione della croce direzionale e del Game Boy) e prodotti da Nintendo tra il 1980 e il 1991.

Essi sono composti di un corpo di materiale plastico simile a quello di una calcolatrice in cui sono integrati lo schermo LCD e i tasti d'azione. L'apparecchio, oltre al gioco, è in grado di funzionare da orologio e sveglia (da cui il nome). Molti modelli sono dotati di due schermi, installati sulle due metà del supporto plastico che si apre nello stile di un portafogli verticale, come i moderni Nintendo 3DS e Nintendo DS.

Intorno al 1983 la Nintendo era probabilmente il maggior produttore mondiale di questo tipo di giochi, producendone circa 1 300 000 unità al mese, dei quali un quarto destinato al mercato giapponese e il resto all'esportazione; in particolare negli USA ne venivano esportati 5 000 000 all'anno e in Europa 1 300 000 all'anno[1].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

I Game & Watch vennero venduti in varie versioni che presentavano varie esperienze di gioco. Tra i giochi prodotti vi sono Chef, Fire, Greenhouse e Manhole, sviluppati unicamente in forma Game & Watch, ma ci furono anche adattamenti di alcuni giochi del NES o arcade, come Donkey Kong, The Legend of Zelda, Super Mario Bros. e Balloon Fight.

Come ogni fenomeno di massa, anch'essi furono soggetti a imitazioni, le più note sono quelle di Tiger Electronics, con la loro serie di giochi elettronici, e VTech con la loro serie Time & Fun, venduti in Italia dalla Polistil col nome di schiacciapensieri.

Al giorno d'oggi, essi sono ricercati da parecchi collezionisti di videogiochi nella loro versione originale, mentre per il grande pubblico sono state create conversioni per le varie incarnazioni del Game Boy e del Nintendo DS, dei più importanti Game & Watch nella serie Game & Watch Gallery, che oltre a includere una versione del gioco simile all'originale, ne offrono un'altra completamente riveduta sotto l'aspetto grafico e sonoro.

Serie[modifica | modifica wikitesto]

Octopus, resettato in modo da vedere tutte le possibili immagini
  • Silver (1980)
  • Gold (1981)
  • Widescreen (1981–1982)
  • Multiscreen (1982–1989): dotati di doppo schermo e apribili, solitamente in verticale
  • Tabletop (1983): più adatti a essere appoggiati al tavolo, dotati di joystick sporgente e forma che ricorda un mobile arcade
  • Panorama (1983–1984): apribili, con l'immagine visualizzata tramite uno specchio
  • New Widescreen (1982–1991)
  • Super Color (1984): caratterizzati da schermo lungo e stretto con fondo diviso in più colori
  • Micro Vs. System (1984): serie con modalità multigiocatore, dotati di due piccoli gamepad estraibili collegati da brevi cavi
  • Crystal Screen (1986): dotati di schermo trasparente, attraverso il quale si vede ciò che sta dietro al gioco, con le immagini che appaiono "sospese" in aria

I singoli giochi sono descritti in Lista di Game & Watch.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I giochi LCD alla conquista del mondo (JPG), in Videogiochi, nº 11, Milano, Gruppo Editoriale Jackson, gennaio 1984, p. 38, ISSN 0392-8918.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nintendo Portale Nintendo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nintendo