Klingon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la voce sulla lingua artificiale, vedi lingua klingon.
Klingon
gruppo
Klingon Empire Flag.svg
UniversoStar Trek
Lingua orig.Inglese
AutoreGene Roddenberry
1ª app.23 marzo 1967
1ª app. inTOS: Errand of Mercy
Ultima app. inStar Trek: Discovery
app. it.27 ottobre 1981
app. it. inTOS: Missione di pace
Luogo di nascitaQo'noS
Capo/leaderImperatore/
Alto Consiglio Klingon
AffiliazioneImpero Klingon

I Klingon (tlhIngan, in lingua klingon) sono una specie extraterrestre umanoide dell'universo fantascientifico di Star Trek, apparsi per la prima volta nell'episodio Missione di pace della serie originale.

I Klingon sono razza di guerrieri umanoidi originaria del pianeta Qo'noS (Kronos, pronunciato nella lingua klingon), la cui rappresentazione si è evoluta nei decenni, da iniziali avversari della Federazione dei pianeti uniti, come i sovietici per gli americani, fino alla versione più moderata di un popolo fiero con un'etica guerriera. Con il crescere della popolarità, l'attenzione dei produttori passò nello sviluppo di effetti di make-up migliori, di una lingua klingon ufficiale e nell'esplorazione delle varie sfaccettature della loro società.

Storia dei Klingon[modifica | modifica wikitesto]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la mitologia, i Klingon nascono con la creazione di Kotar e della sua compagna su un pianeta chiamato Qui'Tu, una sorta di Giardino dell'Eden. Kotar e la sua compagna causarono la distruzione degli dei, loro creatori (Star Trek V - L'ultima frontiera; DS9: Siete cordialmente invitati...; VOY: La barca dei morti). Nel 2369, prove scientifiche suggeriranno che molte delle razze umanoidi della galassia discendono da una singola razza, vissuta probabilmente 4,5 miliardi di anni prima e che ha disseminato parte del proprio DNA su vari mondi nella Via Lattea (TNG: Il segreto della vita).

Impero Klingon[modifica | modifica wikitesto]

L'Impero Klingon viene fondato nel IX secolo da Kahless l'Indimenticabile, dopo aver unificato le varie tribù ed essersi proclamato Imperatore, in seguito all'uccisione del tiranno Molor per mezzo della prima bat'leth, la Spada di Kahless. Esso verrà poi venerato quasi come una divinità, tanto che molti aspetti della loro cultura sono legati alla vita di Kahless stesso (TNG: Il ritorno di Kahless).

Nel XIV secolo, Qo'noS fu saccheggiato da una razza che loro chiamarono Hur'q, "stranieri". Questi erano una razza molto potente proveniente dal quadrante Gamma, probabilmente attraverso il wormhole bajorano. I razziatori se ne andarono dopo aver rubato molti tesori anche culturali, inclusa la Spada di Kahless (ENT: Virus letale; DS9: La spada di Kahless).

All'inizio del XVI secolo, la Seconda Dinastia prese il potere sull'Impero Klingon. La sua linea di sangue, cessò di esistere per mano del generale K'Trelan che assassinò l'Imperatore Reclaw e tutti i membri della sua famiglia. Nei dieci anni che seguirono, l'Impero venne governato da un consiglio eletto dal popolo e quest'epoca venne poi chiamata "epoca oscura", nonostante in questo periodo siano state varate importanti riforme. In seguito a questa breve fase di democrazia, un nuovo gruppo di Klingon, la Terza dinastia, ricevette i titoli e i nomi della Famiglia imperiale originaria, restaurando l'Impero con un senso di continuità con la discendenza di Kahless (DS9: Siete cordialmente invitati...).

Epoca spaziale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Quark, i Klingon raggiunsero la tecnologia della propulsione a curvatura non prima del 1947 e, per l'anno 2152, i loro vascelli potevano raggiungere il fattore di curvatura 6 (DS9: Gli omini verdi; ENT: Il processo).

Nel 2016, una nave stellare vulcaniana attraversò lo spazio klingon, nei pressi di H'atoria, venendo subito distrutta. I Vulcaniani da quel momento spararono per primi, quando incrociarono navi klingon, finché non furono stabilite relazioni diplomatiche formali tra le due razze (DIS: Un saluto vulcaniano).

L'etica del guerriero è stato un aspetto fondamentale della società klingon sin dall'epoca di Kahless, ma divenne ancor più dominante all'inizio del XXI secolo. Nel tempo la casta guerriera guadagnò importanza fino al punto che i Klingon iniziarono ad essere considerati una "razza guerriera" (ENT: Prima missione, Il processo). A metà dello stesso secolo, la monarchia imperiale giunse al termine quando l'ultimo Imperatore morì e il governo passò al Cancelliere dell'Alto Consiglio Klingon (TNG: Il ritorno di Kahless).

XXII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel XXII secolo, i Klingon erano oramai divenuti una potenza regionale, protetta dalle Forze Difensive Klingon (ENT: Virus letale, Divergenze). Periodicamente inviavano navi in saccheggi, finché una di esse non si avventurò nella Distesa Delfica, nel 2133. Quando riemerse il suo equipaggio era anatomicamente invertito e, da quel momento, l'Alto Consiglio proibì di entrare nella Distesa (ENT: Attacco alla Terra). Sempre in questo periodo, i Klingon incontrarono per la prima volta gli Organiani (ENT: Gli osservatori).

Tra gli anni '40 e '50, i Klingon furono impegnati in duri scontri interni che per poco non sfociarono in una vera e propria guerra civile. Diverse schermaglie ebbero luogo in tutto l'impero, diviso in varie fazioni, e che a loro insaputa erano state pilotate dalla Cabala sulibana, guidata da un individuo misterioso impegnato nella Guerra Fredda Temporale (ENT: Prima missione).

Il contatto con gli Umani e la crisi dei potenziati[modifica | modifica wikitesto]

Il primo contatto tra i Klingon e gli Umani avvenne nel peggiore dei modi, dopo l'incidente di Broken Bow, Oklahoma, in cui un Klingon si schiantò sulla Terra mentre era inseguito da due soldati sulibani. Sopravvissuto seppur ferito nello scontro con i due, il Klingon venne curato dagli Umani e il capitano Jonathan Archer lo ricondusse su Qo'noS, non comprendendo però che ciò era un grave insulto per i Klingon (ENT: Prima missione).

Nel 2154, i Klingon ebbero accesso al DNA di Umani potenziati - retaggio delle Guerre Eugenetiche - che usarono per provare a potenziare loro stessi. Inizialmente gli effetti erano quelli desiderati ma poi la rete neurale dei soggetti cominciò a degradarsi portandoli alla morte. Uno di essi soffrì dell'influenza levodiana che venne mutata dal DNA potenziato, dando vita ad una piaga che si diffuse in tutto l'Impero e che, nella prima fase, faceva assumere ai Klingon sembianze più umane. Con l'aiuto dello scienziato klingon Antaak, il dottor Phlox riuscì a realizzare una cura che fermava i cambiamenti nell'aspetto (ENT: Virus letale, Divergenze).

Un chonnaQ, noto come "grande bastone appuntito".

XXIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2223, le relazioni tra Federazione e Impero Klingon degenerarono fino all'ostilità, che durò per diversi decenni. (Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto; TNG: Primo contatto) Le tensioni tra le due fazioni continuarono a crescere, fino allo scontro diretto nella battaglia di Donatu V nel 2245, e nella battaglia alla stella binaria nel 2256, provocata da T'Kuvma, e che sfociò nella Guerra tra la Federazione e i Klingon (TOS: Animaletti pericolosi; DIS: Battaglia alla stella binaria).

Il conflitto si concluse rapidamente, tuttavia i trattati di pace proseguirono fino al 2267, quando fallirono, e la Federazione dichiarò ufficialmente guerra all'Impero. I Klingon lanciarono subito un assalto, occupando diversi mondi, in particolare il pianeta Organia. Gli Organiani rapidamente intervennero come mediatori e posero fine al conflitto dopo appena quattro giorni di combattimenti, stabilendo una zona neutrale e sovrintendendo agli accordi (ENT: Gli osservatori; TOS: Animaletti pericolosi, Missione di pace; DS9: Inizia l'apocalisse). Nei successivi decenni prese corpo una complessa fase di pace, spezzata solo da brevi e feroci schermaglie, in particolare negli anni '80, con la crisi del Progetto Genesis (Star Trek III - Alla ricerca di Spock; Star Trek V - L'ultima frontiera).

Le interazioni tra i Klingon e i Romulani invece furono estremamente rare. Nel 2268, un incrociatore da battaglia klingon venne usato dai Romulani, che lo modificarono con il loro dispositivo di occultamento (TOS: Incidente all'Enterprise), una tecnologia nuovissima per l'Impero (DS9: Morire da eroe). Nel 2271, Kor guidò i Klingon nella memorabile vittoria sull'Impero Stellare Romulano nella battaglia di Klach D'kel Brakt (DS9: Patto di sangue). Nei decenni successivi, i due imperi inizieranno a guardarsi come "nemici di sangue" (TNG: Successione).

Nel 2290, un criminale di nome "L'Albino" lanciò una serie di raid contro delle colonie klingon, costringendo l'Impero a inviare i generali Kor, Kang e Koloth a scovarlo. Essi riuscirono ad interrompere i raid, ma L'Albino non venne catturato e tempo dopo si vendicò sui tre comandanti uccidendone i primogeniti (DS9: Patto di sangue).

La pace con la Federazione[modifica | modifica wikitesto]

Le relazioni tra Impero Klingon e Federazione cambiarono significativamente dopo l'esplosione della luna Praxis nel 2293. Il disastro causò grossi problemi all'economia e al comparto militare klingon, oltre ad una crisi ecologica su Qo'noS. Il Cancelliere Gorkon ne approfittò per chiedere una pace totale. Tuttavia, mentre era in viaggio per incontrare il Presidente della Federazione, Gorkon venne assassinato da una cospirazione che aveva complici in entrambi gli schieramenti e anche tra i Romulani. La figlia di Gorkon, Azetbur, venne nominata nuovo cancelliere e, nonostante le pressioni contrarie, continuò il progetto del padre portandolo a compimento. La conseguente Conferenza di Khitomer portò alla firma degli Accordi di Khitomer, sempre nel 2293, un trattato che portò la pace totale tra la Federazione e l'Impero Klingon (Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto; TNG: Successione, Con gli occhi della mente).

XXIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante gli accordi siglati, le relazioni con la Federazione rimasero difficili e nuove negoziazioni iniziarono nel 2344. Quello stesso anno, un'azione di coraggio cambiò radicalmente la visione che i Klingon avevano della Federazione, quando questa rispose ad un segnale di soccorso inviato dall'avamposto klingon di Narendra III, attaccata dai Romulani. L'USS Enterprise-C accorse in aiuto e nello scontro che seguì venne distrutta (TNG: L'Enterprise del passato).

Due anni dopo, i Romulani attaccarono il pianeta Khitomer, uccidendo almeno 4 000 Klingon (TNG: La zona neutrale, I peccati del padre). Nel 2350, le forze romulane tentarono di abbordare la nave ammiraglia del generale ShiVang e, alla battaglia che seguì, prese parte anche Martok, futuro Cancelliere. Nello stesso anno, un attacco klingon costò le vite dei familiari del futuro Pretore romulano Neral (DS9: Morire da eroi, Inter Arma Enim Silent Leges).

Nel 2353, il Trattato di Alleanza venne firmato, stabilendo finalmente una ferma amicizia tra la Federazione e l'Impero Klingon, come predetto dagli Organiani (TNG: L'Enterprise del passato, Sarek; DS9: La via del guerriero; VOY: Alleanze).

La minaccia Borg[modifica | modifica wikitesto]

Poco prima della battaglia di Wolf 359 contro un cubo Borg, la Flotta Stellare richiese assistenza ai Klingon, ma pare che lo scontro sia avvenuto prima del loro arrivo (TNG: L'attacco dei Borg (seconda parte)). Il numero di droni Borg di origine Klingon incontrati dalla USS Enterprise-E e dalla USS Voyager suggeriscono che anche l'Impero era stato esposto all'aggressione del Collettivo Borg. Chakotay, durante un collegamento neurale con il Collettivo, scopre che era avvenuto almeno uno scontro tra i Klingon e un cubo Borg delle stesse dimensioni di quello incontrato vicino Wolf 359; sembra che i Klingon in questa battaglia se la siano cavata meglio della Federazione (Star Trek - Primo contatto; VOY: Unito, Regressione infinita, Unimatrice Zero (prima parte)).

La Guerra Civile e il ritorno dell'Imperatore[modifica | modifica wikitesto]

Durante il regno del cancelliere K'mpec, due fazioni rivali si formarono nell'Alto Consiglio Klingon; una di esse, guidata da Duras, alleato segretamente con i Romulani, voleva adoperare una politica indipendente ed aggressiva contro la Federazione. L'altra fazione, guidata da Gowron, era invece favorevole a mantenere le relazioni attuali e ricevette anche il supporto di Worf. Dopo la morte per avvelenamento di K'mpec, l'anno successivo, le due fazioni giunsero sull'orlo della guerra civile (TNG: I peccati del padre, Successione).

Dopo la morte di Duras per mano di Worf, le sorelle del primo, Lursa e B'Etor, continuarono la battaglia al posto del fratello. Poiché la maggior parte dell'Alto Consiglio era stata corrotta dal casato di Duras, molti consiglieri appoggiarono le sorelle e uscirono dal Consiglio quando l'Arbitro di Successione Jean-Luc Picard rigettò la pretesa di Toral, figlio illegittimo di Duras, rendendo così ufficiale la spaccatura nell'Impero (TNG: La via dei Klingon (prima parte)).

La guerra civile che ne seguì fu il più duro e sanguinoso conflitto della storia klingon. Nei primi tre scontri, le forze della famiglia di Duras sconfissero quelle di Gowron. Tuttavia, non era noto all'epoca che le forze di Duras stavano segretamente ricevendo aiuti dai Romulani. La Flotta federale, però, scoprì che i Romulani stavano interferendo nel conflitto e stabilirono un blocco sul confine tra i due imperi per impedire loro di inviare ulteriore aiuti. Quando il legame con i Romulani venne reso noto, i Klingon che appoggiavano la famiglia di Duras ritirarono il loro supporto e Gowron riuscì ad unire nuovamente l'Impero sotto la sua guida (TNG: La via dei Klingon (seconda parte), Il segreto di Spock (prima parte)).

Nel 2369, i sacerdoti di Boreth ottennero la tecnologia necessaria per ricreare un clone di Kahless l'Indimenticabile. L'intento era quello di opporsi alla corruzione e al disonore crescenti nell'Impero, restaurando la forte leadership dell'Imperatore. Per la stabilità dell'Impero si decise che il clone sarebbe divenuto Imperatore solo come leader morale dei Klingon e che Gowron rimanesse Cancelliere ed effettivo regnante (TNG: Il ritorno di Kahless).

I conflitti con la Federazione e i Cardassiani[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 2369, venne scoperto il wormhole bajorano che collegava il quadrante Alfa con il Gamma. I Klingon inviarono subito esploratori attraverso il tunnel. La IKS Toh'Kaht fu tra le prime navi ad attraversare il wormhole con l'intento di stabilire nuove colonie. Dopo che una spedizione vulcaniana scoprì il Velo che copriva la Spada di Kahless in un antico avamposto Hur'q nel 2372, Kor, Dax e Worf partirono con l'intento di recuperare la spada ma, capendo che il ritrovamento avrebbe gettato l'Impero nuovamente nel caos, decisero di non riportarla indietro (DS9: Per amore di Q, Dramma involontario, Colui che racconta, La spada di Kahless).

L'alleanza con la Federazione venne messa a dura prova negli anni '70 del XXIV secolo, con il primo contatto tra Federazione e Dominio. I leader del Dominio, i Fondatori, espressero subito l'intento di conquistare il quadrante Alfa, per prevenire un'interferenza con il Grande Legame (DS9: In cerca dei fondatori (seconda parte)). Alla fine del 2371, il Dominio catturò il generale Martok, divenuto un consigliere di Gowron, sostituendolo con un mutaforma (DS9: Inizia l'apocalisse, All'ombra del Purgatorio). Il finto Martok convinse Gowron che le recenti ribellioni nell'Unione Cardassiana erano parte del piano del Dominio per l'imminente invasione. Gowron lanciò quindi un massiccio assalto contro i Cardassiani all'inizio del 2372. Le proteste del Consiglio Federale contro le azioni klingon furono considerate da Gowron come un tradimento, così ritirò l'Impero dagli Accordi di Khitomer, prima di lanciare un attacco alla base federale Deep Space Nine, con l'intento di catturare i restanti membri del Consiglio Cardassiano. Durante la battaglia, Benjamin Sisko fece notare a Gowron che un conflitto tra le loro fazioni era esattamente ciò che il Dominio voleva; resosi conto di ciò, Gowron fermò l'attacco (DS9: La via del guerriero).

Negli anni successivi la tensione crebbe, con i Klingon che tentavano di ottenere una giustificazione politica all'offensiva contro i Cardassiani e la Federazione (DS9: I figli di Mogh, Le regole del combattimento). Alla fine del 2372, su suggerimento del finto Martok, Gowron pretese dalla Federazione diversi territori lungo il confine, nel settore Archanis, minacciando la guerra. Al rifiuto della Federazione, l'Impero Klingon iniziò un'invasione che condusse alle battaglie di Archanis IV, Ajilon Primo e Ganalda IV. Gowron stesso mise fine al conflitto quando la Flotta Stellare scoprì che Martok in realtà era un mutaforma del Dominio (DS9: Legame spezzato, Inizia l'apocalisse, Eroe per caso, Alla luce dell'inferno).

La Guerra del Dominio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Dominio.

Quando l'Unione Cardassiana fu annessa dal Dominio, a metà del 2373, i Klingon furono rapidamente sconfitti dai Jem'Hadar e respinti dai territori cardassiani. Prospettando una guerra contro un nemico molto più forte, Gowron accettò di firmare nuovamente gli Accordi di Khitomer e rinnovare l'alleanza con la Federazione. In aggiunta, un distaccamento di guerrieri klingon venne assegnato alla base Deep Space Nine, comandati dal vero Martok, salvato da un campo di internamento del Dominio (DS9: Alla luce dell'inferno). L'Impero e la Federazione combatterono fianco a fianco nella Guerra del Dominio (DS9: Chiamata alle armi, Il sacrifico degli angeli) e alla loro alleanza si unirono inaspettatamente i Romulani a metà del 2374. Nonostante Romulani e Klingon provavano ancora odio reciproco, riuscirono a mettere da parte i dissensi e combatterono assieme con successo (DS9: Le lacrime dei profeti).

Quando i Breen entrò in guerra alla fine del 2375 a fianco del Dominio, l'uso dell'arma di smorzamento dell'energia rese completamente inutile tutta la Flotta Stellare e le forze romulane. I Klingon furono gli unici ad adattarsi rapidamente ma si ritrovarono comunque in inferiorità numerica. Gowron ordinò quindi a Martok di lanciare un'offensiva su vasta scala contro il nemico, cercando di sfruttare l'effetto sorpresa (DS9: Quando piove...).

La speranza di Gowron era di ottenere una rapida vittoria contro il Dominio e reclamare la vittoria per il solo Impero Klingon. Il vero piano di Gowron però era molto più politico: temeva infatti la crescente popolarità di Martok, comandante delle forze Klingon. Gowron tentò quindi di recuperare popolarità, guidando egli stesso lo sforzo bellico dalla Deep Space Nine e inviando Martok in missioni senza speranza. Capiti i suoi intenti politici, Worf sfidò Gowron in duello, uccidendolo; Martok venne poi proclamato Cancelliere dell'Alto Consiglio Klingon (DS9: Navigando contro vento). Alla fine, l'Impero raggiunse la vittoria assieme alla Federazione e ai Romulani, resa definitiva dal Trattato di Bajor, dopo la sconfitta finale del Dominio nella battaglia di Cardassia, alla fine del 2375 (DS9: Quel che si lascia).

Universi paralleli[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo specchio, i Klingon e i Cardassiani fondarono l'Allenza Klingon-Cardassiana nel XXIII secolo per sconfiggere l'Impero Terrestre (DS9: Attraverso lo specchio).

Nel 2233 della realtà alternativa, l'equipaggio della USS Kelvin stava studiando una particolare tempesta luminosa vicino al confine con i klingon quando giunse il vascello minerario romulano Narada dall'universo primario. La Narada stessa successivamente distrusse 47 Sparvieri klingon nel 2258. In questa realtà alternativa i Klingon possedevano già la tecnologia dell'occultamento, in anticipo rispetto all'universo primario (Star Trek).

Al 2259 della realtà alternativa, dopo il primo contatto della Flotta Stellare con l'Impero, i Klingon avevano conquistato ed occupato due pianeti conosciuti alla Federazione e avevano aperto il fuoco su navi federali in una dozzina di occasioni. Nel 2259, prima di arrendersi alla Federazione, Khan Noonien Singh distrusse tre pattugliatori klingon di classe D4 su Qo'noS, uccidendo i loro equipaggi (Into Darkness - Star Trek).

Secondo il soldato temporale Daniels, i Klingon si uniscono alla Federazione entro il XXVI secolo in almeno una linea temporale (ENT: Azati primo).

Biologia e fisiologia dei Klingon[modifica | modifica wikitesto]

Cosplay di un Klingon.

Evoluzione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Come molte altre specie della Via Lattea, i Klingon condividono con le altre razze umanoidi un antenato comune, ossia un'antica razza che seminò il proprio DNA per la galassia, mescolandolo con specie non senzienti. Anche se ognuna di esse evolvette poi indipendentemente, il DNA in comune diede origine a razze pressoché simili e compatibili (TNG: Il segreto della vita, Genesi; VOY: L'origine della specie, Oltre il limite).

I progenitori dei Klingon erano abbastanza grandi e pesavano fino a duecento chilogrammi. Erano corazzati con un esoscheletro da cui partivano spine e piastre ossee sporgenti dai lati, dalla parte superiore delle braccia e dalla schiena; le braccia terminavano con tenaglie artigliate. Sulla loro faccia erano presenti sacche di veleno, un composto acido, e ghiandole sputanti poste all'interno della bocca, che venivano utilizzate per difesa e per marcare il territorio. Possedevano inoltre due mandibole posizionate sulla mascella inferiore (TNG: Genesi).

Anatomia e aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Internamente, gli organi presentano una ridondanza, un principio chiamato brak'lul, che permette ai Klingon di sopravvivere a gravi ferite subite in battaglia. Essi possiedono infatti ventitré costole, due fegati, un cuore a otto camere, tre polmoni e persino una funzione neurale ridondante, oltre a più stomaci (TNG: Questione di etica; VOY: Discendenza).

Il tratto fisico più distintivo dei Klingon è la cresta sagittale, che parte dalla fronte e spesso continua su tutto il cranio (Star Trek: The motion picture). La testa può avere caratteristiche differenti da individuo a individuo; in alcuni il capo si estende a forma di cono allungato (DIS: Un saluto vulcaniano, Scegli il tuo dolore, Toglie di senno fin anche i più saggi). Il cranio stesso è incassato in un esoscheletro, il quale possiede una conformazione nota come lobo tricipitale (TNG: Il ritorno dei Borg (prima parte)).

La metà inferiore della faccia tende a somigliare ad un viso umano, con creste meno pronunciate e che svaniscono nelle zone dove crescono i capelli. Le sopracciglia tendono a crescere in una direzione più diagonale rispetto agli Umani e possiedono anche creste diagonali suborbitali dove può crescere della peluria. Le orecchie Klingon sono formate principalmente da un padiglione esterno attaccato ad una lamina cartilaginea, come negli Umani. La struttura del padiglione tende ad essere arrotondata mentre la cartilagine tende ad estendersi verso il retro del capo. Nei Klingon della realtà alternativa, il padiglione somiglia per forma e dimensione alla lamina cartilaginea, con lievi creste lungo il bordo (Into Darkness - Star Trek).

Gli occhi in generale sono rotondi, di colori differenti su una sclera bianca, la quale può essere intensificata di colore per intimidire i propri rivali o nemici (TNG: Successione; DS9: Navigando contro vento). Alcuni Klingon possiedono una cornea più grande, una sclera rosa e una riflettività simile alle gemme (DIS: Un saluto vulcaniano e gli altri episodi della serie). Si dice che i Klingon non abbiano dotti lacrimali (Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto), tuttavia, è certo che Kurn produsse delle lacrime (TNG: La voce del sangue (seconda parte); DS9: I figli di Mogh).

I nasi klingon possono avere una serie di lievi creste orizzontali sulla sommità del naso, o una singola cresta verticale, o una serie di increspature dalla sommità alla punta del naso, il quale risulta essere quindi più ampio e piatto, quasi un tutt'uno con la fronte. Possono avere anche delle creste sulle narici, più grandi di queste e con la stessa forma; in tal caso, il naso tenderà ad essere più schiacciato e più grande (TNG: Cuore di Klingon; DIS: Un saluto vulcaniano).

La dentatura solitamente consiste di due zanne ben evidenti, i canini, assieme ad altri denti ricurvi e aguzzi, simili ai denti di squalo. Si dice che i Klingon si modifichino i denti in questo modo deliberatamente prima di andare in battaglia (VOY: Unimatrice Zero (prima parte); ENT: Prima missione; DS9: Inizia l'apocalisse). Altri individui invece possono avere labbra spesse con denti sempre aguzzi ma di dimensioni più grandi (DIS: Un saluto vulcaniano e gli altri episodi della serie).

I capelli, di solito, sono presenti in entrambi i sessi e i maschi possono avere la barba (TOS: La forza dell'addio; TNG: La via dei Klingon (prima parte)). I capelli vengono tenuti lunghi, ricci o ondulati, fini e lussureggianti (TNG: Sonni pericolosi). Durante la pubertà, o jak'tahla, vi è una accelerazione della crescita dei capelli, assieme a variazioni intense dell'umore e tendenze aggressive insolite (Star Trek - La nemesi) mentre, invecchiando, i capelli ingrigiscono (DS9: Siete cordialmente invitati...). Alcuni Klingon, invece, sono completamente calvi e privi di peli facciali (DIS: Un saluto vulcaniano e gli altri episodi della serie). Anche nella realtà alternativa, i Klingon sono sia calvi e privi di peli facciali, che con lunghi capelli e barbe (Into Darkness - Star Trek).

I Klingon possiedono delle guance molto più pronunciate e una cresta verticale che scende dal mento fino al collo dove si divide, continuando sulla parte superiore del petto, delle spalle e, nelle donne, anche tra i seni. Il collo può essere simile a quello umano oppure con affossamenti o strutture ossee che salgono ai lati del capo fino alla parte posteriore del cranio e alla spina dorsale. Il torace dei maschi sembra essere perlopiù liscio. La schiena è ampiamente coperta con creste da spalla a spalla e sulla parte inferiore della schiena; tutte si irradiano da una spina dorsale con creste spesse e ben definite. Anche la zona addominale, almeno per le donne, sembra avere creste ben visibili, simili per forma alle costole e anche nella regione delle natiche sono presenti delle creste (DIS: Un saluto vulcaniano, Battaglia alla stella binaria, Si vis pacem, para bellum, Nella foresta mi addentro).

Dopo la nascita, alcuni bambini mostrano una curvatura pronunciata alla spina dorsale, una forma di scoliosi, correggibile con la chirurgia. Questo "difetto" tende ha trasmettersi ereditariamente, in particolar modo per le bambine. I medici della Federazione garantirono una scelta di trattamento ulteriore, che prevedeva una modifica genetica del feto (VOY: Discendenza).

Il colore della pelle klingon può variare tra color oliva, marrone, nero, perlaceo, metallico, oltre a fucsia, rosa, bordeaux, giallo o arancio scuro, ambra, grigio, blu, verde scuro, nero carbone e bianco gesso. Per alcuni di loro, inoltre, la pelle ha una lucentezza semitrasparente lucida e scintillante (DIS: Battaglia alla stella binaria).

Essendo mammiferi, le donne Klingon allattano i figli (TNG: Questione d'onore) e i loro bambini crescono più rapidamente dei coetanei Umani. Passato un anno terrestre dalla nascita, un klingon ha l'aspetto di un bambino umano di quattro anni mentre, ad otto anni terrestri, ha raggiunto la maturità di un sedicenne (TNG: Successione; DS9: Figli).

Tendenzialmente, i Klingon possono superare i 150 anni di vita. Anche in età avanzata, sono forti abbastanza per combattere ma possono manifestare perdite di memoria (DS9: Patto di sangue, Morire da eroe). La loro forza fisica è mediamente superiore alla maggior parte delle specie ma sembra che riescano a tollerare poco il freddo (VOY: Lo zoo; DS9: Cuori Klingon).

Virus di potenziamento[modifica | modifica wikitesto]

I Klingon furono soggetti al virus di potenziamento, diffusosi con una mutazione dell'influenza levodiana. Questi Klingon persero le caratteristiche creste craniali e divennero nell'aspetto molto simili agli Umani (ENT: Virus letale). Nonostante infatti la cura per il virus fosse stata distribuita in tutto l'Impero, il DNA dei Klingon infetti era stato alterato irrimediabilmente dal virus e i tratti fisici più umani erano stati passati ai rispettivi discendenti. Per oltre un secolo, nell'Impero vissero quindi milioni di Klingon con apparenze umane (ENT: Divergenze; TOS: Missione di pace).

Gravidanze miste[modifica | modifica wikitesto]

Le gravidanze klingon normalmente durano trenta settimane, tuttavia con specie miste la gestazione è più breve (VOY: Discendenza). Si dice che i Klingon abbiano un numero diverso e non completamente compatibile di organi riproduttivi rispetto agli Umani (DIS: Scegli il tuo dolore). Tuttavia, le caratteristiche anatomiche rendono Umani e Klingon sessualmente compatibili (DIS: Nella foresta mi addentro).

Le probabilità di concepimento tra Umani e Klingon sono abbastanza elevate. In tal caso però metabolismi delle due specie vanno in contrasto, causando fluttuazioni biochimiche nella madre che possono portare a svenimenti. I tratti klingon rimangono dominanti per generazioni, di conseguenza un bambino con un solo nonno klingon avrà, ad esempio, le creste sulla fronte se ne possiede il gene (VOY: Discendenza).

Società dei Klingon[modifica | modifica wikitesto]

Il Jejtaj, un'arma klingon.

Prima del declino culturale visto a metà del XXII secolo e di nuovo alla fine del XXIII secolo, la società si basava su un sistema feudale organizzato in tradizionali Casate di sangue nobile. Seguendo la tradizione, queste Casate sono rappresentate nell'Alto Consiglio Klingon, guidato da un Cancelliere. Il declino della cultura klingon si manifestò portandoli a non occuparsi più delle proprie armi, a tal punto che le lasciarono arrugginire, e cessarono persino di interessarsi all'onore (ENT: I predoni, Il processo).

Gli uomini tradizionalmente dominano la vita pubblica dell'Impero, assumendo i ruoli di guide politiche e militari, con qualche rara eccezione (TNG: La via dei Klingon (prima parte)), come Azetbur, figlia di Gorkon, divenuta Cancelliere (Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto). Le donne, in compenso, governano gli affari della Casata e la gestione della famiglia (DS9: Siete cordialmente invitati...). Vengono inoltre considerate alla pari degli uomini, eccetto in politica e in materia di eredità. La legge proibisce loro di prendere il controllo delle Casate finché non abbiano guadagnato sufficiente denaro e se non vi è un possibile successore maschio. I Klingon sono estremamente territoriali e secondo il primo linguista klingon di cui si ha traccia, non vi è un "angolo insignificante nello spazio klingon" (ENT: La taglia).

Tradizione e rituali[modifica | modifica wikitesto]

La società klingon ha come base l'onore e la reputazione della famiglia. La tradizione è parte integrante della vita e non osservarla viene considerato un grave insulto alla società. La massima vergogna per un klingon è l'Esclusione, un atto dell'Alto Consiglio che priva un Klingon dell'onore proprio o familiare. Le linee di sangue e sono anch'esse prese molto in considerazione, poiché una parentela è molto più che un semplice legame familiare (TNG: L'onda soliton).

L'esercito è una parte importante della società, dato che dà l'opportunità ai guerrieri di morire in battaglia, un grande onore per i Klingon. Per tale motivo, l'Impero spesso cerca di espandersi attraverso la conquista. La disciplina è fondamentale e imposta senza restrizione ad ogni livello gerarchico, anche se i subordinati possono assassinare i propri superiori e prenderne il posto; ciò può avvenire solo in determinate condizioni, tra cui l'abbandono del dovere o la codardia, ed è rivolto solamente al proprio diretto superiore (TNG: Questione d'onore, I peccati del padre). I duelli vengono effettuati con la Bat'leth, la "Spada dell'Onore", arma tradizionale dei Klingon.

All'interno della tradizione vi sono diversi rituali. Uno di essi è il Rito di Successione, che un futuro leader dell'Impero deve completare con un valido Arbitro di Successione che deve sorvegliare il rituale. Prima che il rito possa cominciare, vi è un'altra elaborata cerimonia necessaria per confermare la morte del precedente leader, nota come cerimonia Sonchi (TNG: Successione). Un altro rituale importante è quello che coinvolge ogni giovane Klingon, ossia il Rito di Ascensione, che lo introduce alla vita adulta (TNG: Fattore Icaro). Se il casato a cui un Klingon appartiene si scioglie o cade in disgrazia, esso può essere adottato da un altro casato attraverso la cerimonia R'uustai che simbolicamente segna un'unione di parentela e fedeltà (TNG: Il vincolo; DS9: I figli di Mogh, Soldati dell'Impero, Figli).

Nel momento di scegliere un partner, è tradizione per una donna klingon mordere il viso del maschio, per assaggiare il suo sangue e decidere se può essere un buon compagno. Anche i maschi di solito mordono il viso della donna a cui sono interessati (VOY: La febbre del sangue, La profezia, Regressione infinita).

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante i Klingon non siano un popolo religioso, essi credono che in passato siano vissute delle divinità. Ritengono inoltre che i primi klingon uccisero i loro dei, ritenuti un problema e esseri non degni di venerazione (DS9: Il nemico tra noi).

Secondo la loro leggenda, il primo Klingon, Kortar, insieme alla sua compagna distrusse gli dei che li avevano creati. Tale leggenda, rievocata nella cerimonia nuziale tradizionale, narra che il primo cuore Klingon creato dagli dei fosse un maschio, estremamente forte e potente, ma triste; gli dei gli chiesero il perché della sua tristezza e questi rispose che si sentiva solo. Gli dei allora crearono un altro cuore Klingon, una femmina; questo secondo cuore era ancora più forte e fiero del primo e questo ne era geloso e l'attaccò, ma il secondo cuore era dotato anche della saggezza ed invitò il primo ad unirsi a lui per divenire invincibili. Quando i due cuori si unirono e cominciarono a battere all'unisono crearono un frastuono tale che spaventò gli dei loro creatori, che inutilmente cercarono la fuga. I primi due Klingon uccisero gli dei e diedero fuoco al cielo. Da quel giorno, conclude la leggenda, nessuno ha più osato opporsi a due cuori Klingon che battono all'unisono.

Almeno fino al XXIII secolo, alcuni Klingon seppellivano i loro morti in sarcofagi (DIS: Un saluto vulcaniano). Tuttavia, nel XXIV secolo, molti Klingon ritengono che quando si muore, lo spirito esca dal corpo, lasciandosi dietro un involucro senza valore da smaltire (VOY: Post mortem). Nel rituale della morte, è tradizione per i presenti urlare verso il cielo, in modo da avvertire l'aldilà che un guerriero klingon sta arrivando (TNG: Cuore di Klingon; DS9: Le lacrime dei profeti). In alcuni casi, viene eseguito un canto funebre in memoria del deceduto, oppure i suoi amici si siedono accanto al suo corpo per proteggerlo dai predatori, pratica nota come ak'voh (DS9: La nave).

I Klingon credono che un guerriero morto onorevolmente finirà nello Sto-Vo-Kor, dove ad attenderli vi è Kahless stesso. Coloro che muoiono in modo non onorevole, come assassinati in un'imboscata, possono accedere al Paradiso klingon se qualcuno gli dedica una battaglia, segno del rispetto ottenuto dai vivi (TNG: Cuore di Klingon, Il ritorno di Kahless; VOY: La barca dei morti; DS9: Ombre e simboli).

Chi muore nel disonore invece non avrà posto nello Sto-Vo-Kor, bensì vengono condotti dalla Barca dei morti, guidata da Kortar il primo Klingon, in quello che è considerato l'Inferno Klingon, il Gret'hor, dominio della bestia Fek'lhr, equivalente Klingon del Diavolo, anche se essi affermano che la loro tradizione non prevede una tale figura (TNG: Il diavolo; VOY: La barca dei morti; TOS: La forza dell'odio).

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

L'alimentazione klingon si compone principalmente di carne, il più delle volte cruda e a volte viva; di norma non si usano posate.

Cibi[modifica | modifica wikitesto]

Il Gagh è uno dei più noti cibi della cucina tradizionale klingon. Si compone di un verme servito rigorosamente vivo in una salsa chiamata "ghevili". I vermi vengono nutriti con sangue animale annacquato, dal quale la pietanza prenderà una parte importante del suo sapore. Prima di essere mangiati, i vermi vengono messi in una scodella piena della salsa sopra citata e di un'erba aromatica che divorano essi stessi prima di morire intossicati dalla pianta. È molto importante mangiarli prima che muoiano. Se non si riesce a mangiarli vivi allora possono essere stufati e mangiati in un secondo tempo. Ne esistono diverse qualità: il Torgud gagh (che si dimena), il Filden gagh (che si contorce), il Meshta gagh (che salta), il Bithool gagh (che ha le zampe), il Wistan gagh (che è servito nel sangue di targh), il Racht (i vermi sono molto più grandi del normale).

Altre pietanze tipiche:

  • Zampa di Pipius: zampa animale servita generalmente cruda.
  • Gladst: varietà di alghe simili a quelle terrestri.
  • Cuore di targh: cuore dell'animale servito crudo. Il targh è essenzialmente un cinghiale ma con il pelo più lungo e spesso; i denti canini dell'animale sono più lunghi e ricurvi. Nel complesso il targh appare come un grosso cinghiale di color grigio.
  • Torta di sangue di rokeg: torta di sangue e carne del rokeg.
  • Polmone di bregit: piatto "cucinato" con i polmoni dell'animale crudi solitamente accompagnati da Salsa Grapok (di color arancio).
  • Zilm'kach: frutto di Qo'nos simile ai datteri terrestri.
  • Pelle di Fuoco: i ritagli della pelle degli animali macellati vengono immersi nel Vino di Fuoco e poi passati alla fiamma. Preferibilmente mangiati bollenti e velocemente.

Bevande[modifica | modifica wikitesto]

  • Vino di sangue: molto alcolico, servito caldo.
  • Warnog: birra klingon, molto alcolica
  • Vino di Fuoco: anch' esso molto alcolico ma servito a temperatura ambiente.
  • Chech'tluth: bevanda assai alcolica.
  • Raktajino: caffè klingon, più forte di quello terrestre, servito bollente o ghiacciato.
  • Tè Klingon: altamente tossico per gli umani, usato raramente in riti tradizionali (paragonabile al rito del tè verde), può procurare malessere e allucinazione anche per i klingon.

Lingua klingon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lingua klingon.
Un esempio di alfabeto klingon

La lingua klingon (tlhIngan Hol) è una lingua artistica ideata da Marc Okrand per i film di Star Trek, dopo la serie classica, ed utilizzata in seguito in tutte le serie televisive in cui appaiono i Klingon.

Il linguaggio klingon contiene ottanta dialetti gutturali costruiti su una sintassi adattiva. Il primo essere umano a diventare fluente nella lingua klingon fu Hoshi Sato, che la imparò da un database linguistico vulcaniano (ENT: Prima missione). Il linguaggio klingon non è immutabile ma in costante cambiamento per andare incontro alle necessità e alle aspirazioni del popolo. Per esempio, nel XXIV secolo, la parola "conciliatore" appare per la prima volta nella lingua klingon dopo una negoziazione tra l'Impero e la Federazione (TNG: Rumoroso come un sussurro).

Navi stellari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Astronavi di Star Trek § Impero klingon.

La Marina Imperiale Klingon insieme alla Flotta Astrale e alla Flotta Imperiale Romulana è una delle più potenti flotte del quadrante Alfa. Conta su innumerevoli navi da battaglia di varie dimensioni.

Caratteristica comune delle navi stellari della Marina Imperiale Klingon del XXIV secolo è il dispositivo di occultamento, un sistema non in possesso della Federazione che permette di camuffare tutte le emissioni della nave e di deviare tutte le particelle anche energetiche, nascondendo la nave alla vista ed alla rilevazione dei sensori. Durante l'occultamento non vi è possibilità di usare le armi, sia i disgregatori che i siluri fotonici.

Nella storia canonica dell'Impero Klingon solo un Sparviero sperimentale è stato dotato della capacità di fare fuoco con i siluri mentre è in fase di occultamento, quello comandato dal generale Chang (Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto).

Klingon famosi[modifica | modifica wikitesto]

I più famosi personaggi Klingon apparsi nelle serie sono:

  • Kahless l'Indimenticabile: uccisore del tiranno Molor e primo Imperatore;
  • Worf Roženko: primo klingon ad entrare nella Flotta Stellare, imbarcato sulla nave stellare USS Enterprise (NCC-1701-D) nella serie Star Trek: The Next Generation; anche personaggio della serie Star Trek: Deep Space Nine;
  • Alexander Roženko: figlio di Worf e K'Ehleyr, per tre quarti klingon ed un quarto umano, ha sempre vissuto con la madre; dopo la morte di lei viene affidato al padre, sulla Enterprise, ma dopo qualche anno lo stesso Worf decide di affidarlo ai propri genitori adottivi sulla Terra. Durante la guerra del Dominio si arruola nella Marina Imperiale Klingon a bordo di un incrociatore.
  • B'Elanna Torres: metà umana e metà klingon, ingegnere capo della USS Voyager nella serie Star Trek: Voyager.
  • Chang: generale dell'Impero Klingon, antagonista principale del sesto film.
  • Duras: capofamiglia del Casato di Duras, fratello di Lursa e B'Etor, padre di Toral. Viene ucciso da Worf per vendicare la morte di K'Ehleyr.
  • Gorkon: Cancelliere dell'Impero Klingon, contemporaneo del capitano James T. Kirk, fautore dei rapporti di pace tra Impero Klingon e Federazione, ucciso durante un complotto nel sesto film.
  • Gowron: cancelliere dell'Impero ucciso in duello da Worf.
  • K'Ehleyr: metà klingon e metà umana, compagna di Worf, con il quale ha avuto un figlio; ambasciatrice della Federazione nell'Impero Klingon, uccisa da Duras.
  • Kor: il capitano dei primi klingon apparsi nelle serie; appare nella serie originale e in quella animata come un klingon senza cresta ossea frontale. Appare nella serie Star Trek: Deep Space Nine come un klingon normale con cresta ossea e muscolatura imponente, ma invecchiato avendo più di cento anni.
  • Kruge: ufficiale comandante dell'Impero Klingon, antagonista principale del terzo film.
  • Lursa e B'Etor: dopo la morte di Duras, le due sorelle divennero le capofamiglia del Casato di Duras, acerrime nemiche del Casato di Mogh e contro l'alleanza con la Federazione. Uccise in battaglia durante uno scontro con l'Enterprise.
  • Martok: Comandante in capo della Marina Imperiale, succede a Gowron nella carica di Cancelliere; amico fraterno di Worf.

Realizzazione dei Klingon[modifica | modifica wikitesto]

Serie originale[modifica | modifica wikitesto]

I Klingon furono introdotti nella serie originale, nell'episodio Missione di pace, che sarebbe dovuta essere la loro unica apparizione.[1] Lo scrittore dell'episodio, Gene Coon, fu il primo ad immaginare questa razza e la loro cultura[2] e li modellò politicamente a partire dai sovietici, in modo che Federazione e Klingon rappresentassero, rispettivamente, Stati Uniti e Unione Sovietica,[3] ispirandosi un po' anche alla Cina comunista e ai suoi alleati vietnamiti e nordcoreani.[4] Dopo averli ideati, Coon dovette pensare a come chiamarli: colse l'ispirazione sentendo il nome di un amico di Gene Roddenberry, il tenente della polizia di Los Angeles Wilbur Clingan.[5][6]

Nonostante vengano introdotti con caratteristiche somatiche "orientali" e descritti come individui "dalla faccia dura, in uniforme, pesantemente armati e che indossano quelli che sembrano essere dei gilet di maglia", nell'episodio in questione, appaiono molto simili a normali esseri umani. A parte il pesante trucco infatti, non vi era il tempo, il budget e i materiali necessari per creare un make-up elaborato.[7] Poiché nessuno sapeva all'epoca che aspetto dovesse avere un klingon, il truccatore Fred Philips chiese direttamente a John Colicos, interprete del comandante Kor, come volesse sembrare. Colicos rispose che voleva somigliare a Gengis Khan, dato che Kor era un ambizioso leader militare, e al personaggio immaginario Fu Manchu, ottenendo così un aspetto vagamente tartaro e un colorito marrone verde.[8] Le caratteristiche fisiche dei Klingon variarono poi da episodio ad episodio, mentre essi divenivano la razza antagonista della serie; in alcuni di essi vennero rappresentati molto simili agli esseri umani, con sopracciglia e pelle più chiare, come nell'episodio Animaletti pericolosi (TOS). Come giustificazione, anche riguardo alla futura decisione di creare Klingon con le creste craniali, Roddenberry affermò che, come per gli Umani, anche per i Klingon vi sono differenti etnie, con caratteristiche proprie.[4]

Roddenberry inoltre avrebbe voluto che i Klingon apparsi nella serie originale fossero più alieni di quanto non sembrassero, ma questo desiderio dovette scontrarsi con il budget a disposizione.[9] Inoltre, non fu nemmeno contento del modo in cui i Klingon furono ritratti, rendendosi sempre più conto quanto sembrassero delle teste di legno, rappresentati esclusivamente come dei nemici, in contrasto con l'idea dei creatori che differenti razze significasse diversi modi di vedere la verità e non semplicemente Bene contro Male.[10][11]

Primi film[modifica | modifica wikitesto]

Nella realizzazione del primo film, Star Trek - The Motion Picture, migliori tecniche di make-up, budget superiori e più tempo a disposizione portarono a ridisegnare l'aspetto dei Klingon, rendendoli molto più elaborati ed "alieni" rispetto alla serie originale.[12] Il nuovo aspetto includeva alcuni particolari del viso e dei capelli visti nella serie originale, ma aggiungeva la cresta ossea sul capo, che diverrà un segno distintivo della razza.[13] Questa cresta venne pensata prendendo come ispirazione un'opera non realizzata di Roddenberry, Planet Earth, in cui vi era un'altra razza aliena con strutture ossee sul capo.[14]

Per il terzo film, Star Trek III - Alla ricerca di Spock, venne realizzata la terza versione dei Klingon, le cui creste frontali furono rese meno pronunciate rispetto al primo lungometraggio. Questa scelta venne fatta per rendere i Klingon meno brutali e prominenti, in modo da poter meglio distinguere le singole facce dei personaggi e renderli più interessanti agli occhi del pubblico. In questa versione, per definire la lingua e i costumi klingon si trasse ispirazione dalla cultura del Giappone feudale, in modo da vedere i Klingon come dei guerrieri samurai autoritari.[15][16] Roddenberry non fu molto soddisfatto neppure dei Klingon di Star Trek III, poiché ai suoi occhi continuavano ad essere troppo simili ai Klingon delle versioni precedenti.[17]

Serie The Next Generation e opere successive[modifica | modifica wikitesto]

Per la serie Star Trek: The Next Generation inizialmente Gene Roddenberry era totalmente contrario alla presenza dei Klingon.[18] Non voleva infatti far riapparire questi ultimi, i Vulcaniani e i Romulani finché la serie non fosse stata accettata dal pubblico,[19] oltre al fatto che le molte storie già esistenti relative ai Klingon erano un potenziale ostacolo per le trame di The Next Generation.[20] Il produttore Robert Justman convinse Roddenberry proponendoli di inserire un personaggio klingon a bordo della Enterprise, suggerendo che le abilità militari della sua razza potessero essere adatte per un ruolo sulla nave stellare[21] e asserendo che l'ingresso dei Klingon nella Flotta era un segno di come l'umanità era cresciuta, confermando così la visione ottimistica che Roddenberry voleva per Star Trek.[20] Alla fine Roddenberry diede il suo assenso all'ideazione di un personaggio che poi sarebbe divenuto Worf,[22] ma si oppose con fermezza a qualunque storia di guerra relativa ai Klingon.[23]

L'aspetto dei Klingon in The Next Generation e nelle opere successive fu influenzato dalle precedenti caratteristiche facciali.[24] Michael Westmore ritenne che le protesi craniali erano insufficienti, volendo differenziare i Klingon di questa serie da quelli della serie originale e dei film.[25][26] Westmore si basò molto sul loro aspetto in The Motion Picture,[23] adattandolo per una serie televisiva.[24] Il tratto più distintivo fu il naso klingon che presentava una cresta in lattice. Questo naso sembrava unirsi con la fronte in una struttura unica, dove la cresta sul naso continuava lungo la fronte, come appariva nei precedenti Klingon,[26] ottenuta prendendo spunto da immagini di vertebre di dinosauri.[27] Un'altra novità fu l'elaborata dentatura: Westmore rese i denti klingon scoloriti, rotti e irregolari, coprendo la dentatura degli attori con dei tappi acrilici; una dentiera per ogni singolo attore.[28]

Uno degli episodi più significativi per i Klingon fu I peccati del padre (TNG), che esplorò la loro cultura[29] parlando ai fan per la prima volta dell'Alto Consiglio Klingon e dei pilastri fondanti del loro governo.[30] Ron Moore, che lavorò a questo episodio, trasse ispirazione dal romanzo Dune, per quanto riguarda il sistema di caste sociali,[31] passando però dall'analogia con i sovietici, ad una con i Samurai giapponesi e con i Vichinghi.[32][30]

Quando i tre comandanti Klingon, apparsi nella serie originale, riapparvero nell'episodio Patto di sangue (DS9), il loro aspetto viene adattato alle nuove caratteristiche facciali dei Klingon.[33] La giustificazione che venne data fu che i cambiamenti estetici erano legati all'invecchiamento dei personaggi.[34][35] Le stesse caratteristiche furono poi usate anche nella serie Star Trek: Voyager.

Serie Enterprise[modifica | modifica wikitesto]

Nel contestualizzare la serie Star Trek: Enterprise circa un secolo prima della serie originale, i suoi creatori, Rick Berman e Brannon Braga, ebbero l'opportunità di reinventare i Klingon. Essi tornarono così ad essere quella razza fiera e antagonista vista nella serie originale, priva della comprensione e distensione politica vista in The Next Generation, Deep Space Nine e Voyager.[36]

Venne presa inoltre la decisione di non tornare alla rappresentazione vista nella serie originale, ma di mantenere le caratteristiche facciali adottate per quindici anni, a partire da The Next Generation, non volendo modificare troppo l'aspetto dei Klingon e poi giustificarsi con cambiamenti dovuti all'evoluzione. Le uniche novità estetiche furono delle clavicole ossute ben distinte.[37]

Come avvenuto sempre per la serie originale, i Klingon prendono il ruolo degli "oppositori" dell'Occidente, nella visione dell'epoca in cui la serie venne realizzata. Nello specifico, i Klingon diventano i russi com'è intuibile, per esempio, nell'episodio Una nave alla deriva, che si ispira all'incidente del sottomarino russo Kursk.[38] L'idea di spiegare le mutazioni fisiche che porteranno a Klingon esteticamente più umani – quelli presenti nella serie originale – venne nell'ultima stagione di Enterprise dove, nell'episodio I potenziati, i Klingon ottengono il DNA di Umani potenziati.[39]

Realtà alternativa[modifica | modifica wikitesto]

Nella realtà alternativa dei film di J.J. Abrams, i Klingon compaiono brevemente solo nel film Into Darkness - Star Trek. Abrams volle che questa versione dei Klingon somigliasse ai soliti Klingon, ma avesse anche qualcosa di originale. Venne così accentuata la parte superiore del capo, con la cresta che cominciava dalla fronte e proseguiva fin dietro la testa e su cui vennero aggiunti dei piercing o delle scarificazioni, che rappresentavano le vittorie ottenute in battaglia dal Klingon. Abrams stesso afferma che, poiché nelle varie serie televisive essi avevano sempre caratteristiche diverse, anche in questo film dovevano avere qualcosa di originale.[40] Inoltre dice che non vi è un motivo preciso per cui appaiono in modo diverso rispetto alla serie originale, ma possiedono comunque tutte le caratteristiche per essere definiti Klingon.[41]

Serie Discovery[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie Discovery, venne deciso di rappresentare i Klingon privi di capelli, con delle cavità sensoriali simili a quelle dei pitoni che corrono dalla fronte fino al retro del capo, assieme ad una cresta ossea, pensati come un unico organo sensoriale sulla loro testa. I produttori vollero inoltre mostrare gli adattamenti di una razza divisa in ventiquattro Casate tramite una varietà di colori della pelle, diversi stili d'abbigliamento e variazioni nelle caratteristiche facciali.[42]

Alex Kurtzman spiegò che venne deciso di mostrare cosa volesse dire per i Klingon affrontare la Federazione, spostando così la prospettiva sul loro punto di vista e non relegandoli al solito ruolo di cattivi.[43]

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la loro prima apparizione, con gli anni, i Klingon assunsero sempre più popolarità tra il pubblico, nonostante nella serie originale siano comparsi solo otto volte.[44] Negli anni successivi all'andata in onda della serie originale, una parte dei fan era così appassionata dei Klingon, che un esteso universo di storie sui Klingon iniziò a formarsi, anche in assenza di serie televisive o film.[45] La risposta dei fan alla notizia che i Klingon non sarebbero stati inclusi in The Next Generation determinò un cambiamento di rotta da parte dei produttori[46] e, in seguito, il pubblico fu ancora più attratto dai Klingon nel vederli come alleati della Federazione che come nemici,[47] soprattutto grazie ai personaggi come Worf.[48]

Nonostante i cambiamenti nell'aspetto fisico, per la fine del Novecento persino molti di coloro che non erano fan di Star Trek avevano sentito parlare o conoscevano i Klingon, grazie anche all'avvento di internet,[49] e in un sondaggio della rivista Star Trek Magazine nel 2002 i votanti hanno decretato i Klingon come la loro seconda specie aliena preferita, dopo i Borg.[50] Nel 2007, parlando al Congresso degli Stati Uniti e riferendosi alla guerra in Iraq, il deputato David Wu paragonò lo staff del presidente Bush a dei Klingon, che però non avevano mai combattuto in prima persona, mentre, riguardo a questa affermazione, Judith Barad, professore di filosofia alla Indiana State University, affermò che lo staff di Bush somigliava più ai Cardassiani, a cui non importa nulla dell'onore né sono leali e solidali fra loro.[51] Per il 2010, i Klingon divennero la razza più popolare del franchise di Star Trek, superando persino i Vulcaniani.[52]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Star Trek Magazine, n.º 125, Titan Magazine, gennaio 2006, p. 37.
  2. ^ Solow, p. 136.
  3. ^ Block & Erdmann, p. 139.
  4. ^ a b (EN) Marc Cushman e Susan Osborn, These Are the Voyages: TOS Season One, Jacobs Brown Press, agosto 2013, ISBN 0989238113.
  5. ^ Block & Erdmann, p. 141.
  6. ^ Alexander, p. 131.
  7. ^ (EN) Documentario Starfleet Access, TOS Season 1, "Errand of Mercy", 28 aprile 2009.
  8. ^ Gross & Altman, p. 40.
  9. ^ (EN) Star Trek Monthly, n.º 93, Titan Magazine, 30 maggio 2002, p. 37.
  10. ^ (EN) Star Trek Monthly, n.º 10, Titan Magazine, 30 novembre 1995, p. 50.
  11. ^ Sackett & Roddenberry, pp. 215-216.
  12. ^ (EN) Star Trek: Communicator, n.º 104, ottobre-novembre 1995, p. 12.
  13. ^ Star Trek Magazine, p. 59.
  14. ^ (EN) Cinefantastique, Vol. 37, n.º 2, p. 40.
  15. ^ Judith e Garfield Reeves-Stevens, p. 226.
  16. ^ Vari autori, p. 52.
  17. ^ Shatner & Kreski, p. 289.
  18. ^ (EN) Star Trek Monthly, n.º 10, p. 50.
  19. ^ Nemecek, p. 6.
  20. ^ a b (EN) Star Trek: Communicator, n.º 114, dicembre 1997 - gennaio 1998, p. 56.
  21. ^ Judith e Garfield Reeves-Stevens, p. 15.
  22. ^ (EN) Cinefantastique, Vol. 32, N.º 4/5, p. 92.
  23. ^ a b Judith e Garfield Reeves-Stevens, p. 92.
  24. ^ a b Westmore, Sims, Look e Birnes, p. 59.
  25. ^ (EN) Star Trek Magazine, n.º 172, Titan Magazine, 16 maggio 2013, p. 61.
  26. ^ a b Star Trek: The Next Generation Makeup FX Journal, p. 28.
  27. ^ Star Trek: The Next Generation Makeup FX Journal, p. 30.
  28. ^ Star Trek: The Next Generation Makeup FX Journal, pp. 28-29.
  29. ^ Erdmann & Block, p. 170.
  30. ^ a b (EN) Star Trek: The Magazine, vol. 1, n.º 19, Fabbri Publishing, novembre 2000, pp. 64-66.
  31. ^ (EN) "Sins of the Father", nell'audio-documentario TNG Season 3, 30 aprile 2013.
  32. ^ (EN) Star Trek: Communicator, n.º 114, dicembre 1997 - gennaio 1998, p. 58.
  33. ^ (EN) The Official Star Trek: Deep Space Nine Magazine, n.º 15, p. 16.
  34. ^ Erdmann & Block, p. 131.
  35. ^ Westmore, Sims, Look e Birnes, p. 128.
  36. ^ Star Trek: The Official Starships Collection, n.º 41, p. 10.
  37. ^ (EN) Star Trek Monthly, Titan Magazines, n.º 98, 17 ottobre 2002, p. 45.
  38. ^ Star Trek: The Official Starships Collection, pp. 10-12.
  39. ^ Star Trek: The Official Starships Collection, n.º 53, pp. 14-15.
  40. ^ (EN) "The Klingon Homeworld" in Star Trek: The Compendium, Disco 4.
  41. ^ Star Trek Magazine, p. 63.
  42. ^ (EN) Bill Keveney, Klingons get expert makeover for 'Star Trek: Discovery', USA Today, 25 settembre 2017.
  43. ^ Emanuele Manco, Ceci n'est pas un Klingon: le polemiche su Star Trek Discovery, fantasymagazine.it, 10 ottobre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  44. ^ (EN) Star Trek: Communicator, n.º 139, Decipher, agosto-settembre 2002, p. 70.
  45. ^ (EN) Star Trek: Communicator, n.º 114, dicembre 1997-gennaio 1998, p. 26.
  46. ^ (EN) Star Trek Monthly, n.º 10, p. 50.
  47. ^ Block & Erdmann, p. 139.
  48. ^ (EN) Cinefantastique, vol. 28, no. 4/5, p. 48.
  49. ^ (EN) "The Sword of Colicos", Star Trek: Deep Space Nine - The Official Poster Magazine, Titan Magazine, settembre 1996 - ottobre 1997.
  50. ^ (EN) Star Trek Monthly, n.º 100, Titan Magazine, 12 dicembre 2002, p. 54.
  51. ^ George Bush è un Klingon, fantascienza.com, 24 gennaio 2007. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  52. ^ Block & Erdmann, p. 139.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Herbert F. Solow e Robert H. Justman, Inside Star Trek: The Real Story, Ed. Paperback, Pocket Books, 1º giugno 1997, ISBN 0671009745.
  • (EN) Paula M. Block e Terry J. Erdmann, Star Trek: The Original Series 365, Abrams Books, 1º settembre 2010, ISBN 9780810991729.
  • (EN) David Alexander, Star Trek Creator: The Authorized Biography of Gene Roddenberry, Roc Books, 1º giugno 1994, ISBN 0451454189.
  • (EN) Edward Gross e Mark A. Altman, Captains' Logs: The Unauthorized Complete Trek Voyages, Little Brown & Co., ottobre 1995, ISBN 0316329576.
  • (EN) Susan Sackett e Gene Roddenberry, The Making of Star Trek: The Motion Picture, Wallaby Books, marzo 1980, ISBN 0671791095.
  • (EN) Judith e Garfield Reeves-Stevens, The Art of Star Trek, Pocket Books, 28 novembre 1995, ISBN 0671898043.
  • (EN) Vari autori, The Making of the Trek Films, illustrato da Andrew Probert, 3ª Ed. Regno Unito, Edward Gross, febbraio 1995, ISBN 0752209736.
  • (EN) William Shatner e Chris Kreski, Star Trek Movie Memories, HarperCollins Publishers, novembre 1994, ISBN 0060176172.
  • (EN) Larry Nemecek, Star Trek: The Next Generation Companion, Pocket Books, novembre 1992, ISBN 0671794604.
  • (EN) Michael Westmore, Alan Sims, Bradley M. Look e William J. Birnes, Star Trek: Aliens & Artifacts, Pocket Books, ottobre 2000, ISBN 0671042998.
  • (EN) Star Trek: The Next Generation Makeup FX Journal, Titan Books, maggio 1994 [1992], ISBN 1852864915.
  • (EN) Terry J. Erdmann e Paula M. Block, Star Trek: Deep Space Nine Companion, illustrato da James Wang, Jim Martin e John Eaves, Pocket Books, 1º agosto 2000, ISBN 0671501062.
  • (EN) Star Trek: The Official Starships Collection, Eaglemoss Collections.
  • (EN) Star Trek Magazine, n.º 172, Titan Magazine, 13 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]