Worf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Worf
Tenente Worf - Star Trek TNG.jpg
Worf nell'episodio Amnesia
UniversoStar Trek
Lingua orig.Inglese
EpitetoWorf, figlio di Mogh
Autori
1ª app.28 settembre 1987
1ª app. inTNG: Incontro a Fairpoint (prima parte)
Ultima app. inPRO: Kobayashi Maru
app. it.27 giugno 1991
app. it. inTNG: Incontro a Fairpoint (prima parte)
Interpretato daMichael Dorn (TNG, DS9, ST VII, ST VIII, ST IX, ST X, PIC)
Voce orig.Michael Dorn (PRO, videogiochi, I Griffin)
Voci italiane
SpecieKlingon
SessoMaschio
Luogo di nascitaQo'noS, Impero Klingon
Data di nascita9 dicembre 2340
Professione
  • Capo addetto alla sicurezza
  • Tenente
  • Comandante
  • Ambasciatore
Affiliazione

Worf (In klingon wo'rIv) è un personaggio immaginario dell'universo di Star Trek. Il suo nome legale è Worf Rozhenko, mentre tra i klingon è appellato come Worf, figlio di Mogh. Interpretato dall'attore Michael Dorn appare nelle sette stagioni della serie televisiva Star Trek: The Next Generation; dalla quarta stagione, in Star Trek: Deep Space Nine: nella terza stagione di Star Trek: Picard; oltre che nei quattro film di cui è protagonista l'equipaggio di TNG, Generazioni, Primo contatto, L'insurrezione e La nemesi. Il personaggio è inoltre presente in numerosi romanzi e videogiochi del franchise.

Worf è un ufficiale della Federazione di razza Klingon. Inizialmente come tenente, è addetto alla sicurezza a bordo della nave stellare USS Enterprise NCC-1701-D, prendendo il posto della deceduta Tasha Yar. In seguito viene promosso a comandante. In un videogioco viene detto essere diventato ambasciatore.

Worf è il primo Klingon a comparire come personaggio regolare in una serie di Star Trek ed è inoltre il personaggio che è apparso in un numero maggiore di episodi delle serie di Star Trek.

Storia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Worf è nato il 9 dicembre 2340 su Kronos (Qo'noS), nell'Impero Klingon, figlio di Mogh e nipote del colonnello Worf, inoltre ha un fratello di nome Kurn.[1] In data stellare 23059.7 (2346) i suoi genitori vengono uccisi nell'attacco all'avamposto di Khitomer da parte dei Romulani. Worf, che in quella data ha 6 anni, viene salvato dall'ufficiale della Flotta Stellare Sergej Rozhenko e adottato da lui e da sua moglie Helena Rozhenko,[1] che Worf lascia intuire essere originari di Minsk, nella Bielorussia.[2] Da allora il suo nome legale nella Federazione diviene Worf Rozhenko, sebbene lui non lo utilizzi abitualmente.

Worf è il primo Klingon a entrare nell'Accademia della Flotta Stellare nell'anno 2357 conseguendo il diploma nel 2361. Nel 2359 ha una relazione sentimentale con K'Ehleyr che però non dura e nel 2364 viene assegnato all'USS Enterprise (NCC-1701-D) come ufficiale al controllo delle armi e di volo con il grado di Tenente Junior Grade; verrà promosso a tenente nel 2366. In seguito alla morte del precedente Capo della Sicurezza Tasha Yar viene designato Capo della Sicurezza in data stellare 42901.3 (anno 2365)[3]

Nello stesso anno K'Ehleyr viene mandata sull'Enterprise per cercare un modo per fermare dei Klingon risvegliatisi da un sonno di ibernazione iniziato prima degli Accordi di Khitomer; durante la permanenza sull'astronave, lei e Worf rinverdiscono la loro relazione e concepiscono un figlio, del quale Worf rimane all'oscuro e ne verrà informato dalla klingon stessa nel 2367. Sempre nel 2367 si dimette da ufficiale della Flotta Stellare per poter combattere con suo fratello Kurn nella guerra civile Klingon.[4]

Nel 2368 (data stellare 45020) ritorno nella Flotta Stellare, sempre col grado di tenente[5]

Tre anni dopo, nel 2371, viene promosso a Tenente Comandante sull'astronave Enterprise. (Generazioni) e l'anno successivo viene trasferito alla divisione di comando della stazione spaziale Deep Space Nine sotto il comando di Benjamin Sisko e disconosciuto dal Cancelliere Klingon Gowron per aver rifiutato il supporto ai Klingon durante un loro attacco contro i Cardassiani.[6].

Secondo le usanze Klingon riottiene l'onore nel 2373 (tra le date stellari 50712.5 e 50814.2) in seguito all'essersi unito al casato di Martok.[7]

Su Deep Space Nine conosce la Trill Jadzia Dax, ufficiale scientifico della Flotta in servizio sulla stazione e il 1º aprile 2374 (data stellare 51247.5) si sposano[8], ma l'anno successivo Jadzia muore[9]; sopravvive solo il simbionte Dax che verrà impiantato in una nuova ospite la quale, secondo le leggi e usanze Trill, non può e non deve continuare la relazione sentimentale dell'ospite precedente.

Nel 2375 (in data stellare 52645.7) in seguito alla fine della guerra del Dominio, riceve l'incarico di ambasciatore della Federazione su Qo'noS.[10]

Infine, nel 2379 durante gli avvenimenti raccontati nel film Star Trek - La nemesi, Worf sospende temporaneamente la sua carica di ambasciatore per riunirsi all'equipaggio dell'Enterprise E come ufficiale tattico.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia Klingon[modifica | modifica wikitesto]

  • Colonnello Worf (Rotta verso l'ignoto), interpretato da Michael Dorn, doppiato in italiano da Sergio Matteucci.
    Il colonnello Worf è un antenato di Worf che difende James T. Kirk e Leonard McCoy durante il loro processo su Qo'noS, quando viene loro addossata la responsabilità della morte del cancelliere Gorkon e di alcuni ufficiali Klingon.
  • Mogh.
    Mogh è il padre di Worf, ucciso assieme alla moglie sull'avamposto di Khitomer da un attacco di Romulani, quando Worf aveva sei anni.
  • Kurn/Rodek (TNG, stagioni 3-5; DS9, stagione 4), interpretato da Tony Todd, doppiato in italiano da Dario Penne (TNG).[11]
    Klingon, Kurn è il fratello biologico di Worf, anch'egli figlio di Mogh, ma inizialmente Worf ignora di avere un fratello. Gli viene rivelato dallo stesso Kurn nell'episodio di TNG I peccati del padre, dove Kurn, Comandante delle Forze di Difesa Klingon, nel corso di un programma di scambio con la Flotta Stellare, viene assegnato temporaneamente all’Enterprise assumendo l'incarico di Primo Ufficiale. Lorgh, un amico di loro padre, lo aveva accolto nella sua famiglia e cresciuto come figlio proprio e solo dopo il raggiungimento dell'età dell'ascensione, gli venne rivelata la sua vera discendenza. Il personaggio appare in seguito anche in DS9. Fa parte dell'Alto Consiglio di Klingon, per poi venirne estromesso quando Worf viene esiliato per essersi opposto a Gowron. Perde interesse nel vivere e così Worf chiede al dottor Bashir di cancellargli la memoria, in modo che, risvegliandosi, gli si farà credere di essere Rodek, figlio di Noggra, un amico di Worf che lo accoglie nella sua casata. Nella serie serie di tre romanzi I.K.S. Gorkon[12][13][14] e nel romanzo Klingon Empire. A burning house[15], ambientati dopo che a Kurn è stata cancellata la memoria, descrivono la vita di Rodek servire l'impero Klingon a bordo di una nave delle Forze di Difesa Klingon di nome Cancelliere Gorkon.

Famiglia adottiva umana[modifica | modifica wikitesto]

  • Helena Rozhenko (TNG, stagioni 4-5), interpretata da Georgia Brown, doppiata in italiano da Cristina Grado (TNG).[11]
    Madre adottiva di Worf, per un periodo ha vissuto con il marito sulla colonia agricola di Gault, stabilendosi successivamente sulla Terra, dove si è presa cura del nipote Alexander.[16]
  • Sergey Rozhenko (TNG, stagione 4), interpretato da Theodore Bikel, doppiato in italiano da Renato Mori (TNG).[11]
  • Nikolai Rozhenko (TNG, stagione 7), interpretato da Paul Sorvino, doppiato in italiano da Michele Gammino (TNG).[11]
    Figlio biologico di Helena e Sergey Rozhenko, quindi fratello adottivo di Worf.
  • Jeremy Aster (TNG, stagione 3), interpretato da Gabriel Damon.
    Fratello adottivo di Worf.
  • Dobara (TNG, stagione 7), interpretata da Penny Johnson Jerald.
    Boraalan, nuora adottiva. Ha una relazione e si sposa, dopo esserne rimasta incinta, con Nikolai.

Altre relazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • K'Ehleyr (TNG, stagioni 2,4), interpretata da Suzie Plakson, doppiata in italiano da Paola Mannoni.[11]
    Per metà Umana, da parte di madre, e Klingon, da parte di padre, ha un carattere indipendente e poco attento alle tradizioni Klingon, tuttavia si sviluppa un'attrazione tra lei e Worf, che li porta ad avere un figlio, Alexander, e a sposarsi.
  • Alexander Rozhenko/K'Mtar, interpretato da Brian Bonsall (TNG, stagioni 4, 6 e 7, bambino),[11] doppiato in italiano da Ilaria Stagni; da James Sloyan (TNG, stagione 7, cinquantenne), doppiato in italiano da Dario Penne;[11] da Mark Worden (DS9, stagione 6, giovane), doppiato in italiano da Fabrizio Vidale.[17]
    È il figlio di Worf e di K'Ehleyr, nato il 43º giorno di Maktag (equivalente terrestre del 2366).[1]
  • Jadzia Dax (DS9, stagioni 1-6), interpretata da Terry Farrell, doppiata in italiano da Roberta Pellini (DS9).[17]
    Trill, Jadzia Dax è uno degli ufficiali della stazione spaziale Deep Space Nine. Tra i due si sviluppa una relazione che li porta a congiungersi in matrimonio.
  • Kela.
    Trill, suocero. È il padre di Jadzia.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Michael Dorn, interprete di Worf

Worf è interpretato dall'attore statunitense Michael Dorn, che lo impersona in 175 episodi di Star Trek: The Next Generation (1987-1994), 102 episodi di Star Trek: Deep Space Nine (1995-1999) e in Star Trek: Picard (2023), oltre che nei quattro film con protagonista l'equipaggio di TNG: Generazioni (1994), Primo contatto (1996), L'insurrezione (1998) e La nemesi (2002). Michel Dorn ha inoltre impersonato Worf anche nelle serie non appartenenti al franchise, quali: Webster (1989) e Internity (2016). Micheal Dorn presta inoltre la voce al personaggio nei due episodi della serie animata I Griffin (Family Guy) Il mio migliore amico (2005) e It's a Trap! (2011). Sempre con la voce di Dorn, Worf appare nei videiogiochi del franchise: Star Trek: The Next Generation - A Final Unity (1995), Generations (1997), Star Trek: Armada (2000), Star Trek: Invasion (2000), Star Trek: Deep Space Nine - The Fallen (2000), Star Trek: Away Team (2000), Star Trek Online (2010), oltre che nel videogioco del franchise I Griffin, Family Guy: The Quest for Stuff (2014). Inoltre Worf appare come ologramma della Kobayashi Maru, nell'episodio Kobayashi Maru della serie animata Star Trek: Prodigy, dove vengono utilizzate registrazioni d'archivio della voce di Michael Dorn.

Nell'edizione italiana delle opere del franchise di Star Trek, Worf viene doppiato da: Claudio Fattoretto (The Next Generation,[11] Primo contatto, L'insurrezione e La nemesi); Paolo Marchese (Deep Space Nine)[17]; Massimo Pizzirani (Generazioni)

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1988 la Galoob ha commercializzato alcune action figure da 3½" raffiguranti i personaggi principali di The Next Generation nella divisa tipo A, compreso Worf, che indossa l'uniforme rossa della prima stagione.[18]
  • Nel 2022 la Mego, celebre per le action figure da 8" durante gli anni settanta, compresa la serie classica di Star Trek, ha realizzato, in collaborazione con la Topps, un'action figure di Worf, con la II divisa di The Next Generation, per la sua linea Star Trek.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Giochi[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Worf, su Star Trek, CBS Entertainment. URL consultato il 25 aprile 2022.
  2. ^ Ira Steven Behr e Hans Beimler, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 7x25, Quel che si lascia [What You Leave Behind: Part 2], syndication, 2 giugno 1999.
  3. ^ Joseph Stefano (soggetto), Joseph Stefano e Hannah Louise Shearer (sceneggiatura), Star Trek: The Next Generation: episodio 1x23, La pelle del male [Skin of Evil], syndication, 25 aprile 1988.
  4. ^ Ronald D. Moore, Star Trek: The Next Generation: episodio 4x26, La via di Klingon (prima parte) [Redemption: Part 1], syndication, 17 giugno 1991.
  5. ^ Ronald D. Moore, Star Trek: The Next Generation: episodio 5x1, La via di Klingon (seconda parte) [Redemption: Part 2], syndication, 23 settembre 1991.
  6. ^ Ira Steven Behr e Robert Hewitt Wolfe, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 4x1, La via del guerriero (prima parte) [The Way of the Warrior: Part 1], syndication, 2 ottobre 1995.
  7. ^ Ronald D. Moore, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 5x21, Soldati dell'Impero [Soldiers of the Empire], syndication, 28 aprile 1997.
  8. ^ Ronald D. Moore, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 6x7, Siete cordialmente invitati... [You are Cordially Invited...], syndication, 10 novembre 1997.
  9. ^ Ira Steven Behr e Hans Beimler, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 6x26, Le lacrime dei Profeti [Tears of the Prophets], syndication, 17 giugno 1998.
  10. ^ Ira Steven Behr e Hans Beimler, Star Trek: Deep Space Nine: episodio 7x26, Quel che si lascia [What You Leave Behind], syndication, 2 giugno 1999.
  11. ^ a b c d e f g h Star Trek: The Next Generation, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net. URL consultato il 25 aprile 2022.
  12. ^ (EN) Keith R. A. DeCandido, I.K.S. Gorkon Book One. A Good Day to Die, in Star Trek, Pocket Books, 2003, ISBN 978-0-743457-15-6, OCLC 893684002.
  13. ^ (EN) Keith R. A. DeCandido, I.K.S. Gorkon Book Two. Honor Bound, in Star Trek, Pocket Books, 2003, ISBN 978-0-743457-16-3, OCLC 61423647.
  14. ^ (EN) Keith R. A. DeCandido, I.K.S. Gorkon Book Three. Enemy Territory, in Star Trek, Pocket Books, 2005, ISBN 978-1-416500-14-8, OCLC 680102099.
  15. ^ (EN) Keith R. A. DeCandido, Klingon Empire. A burning house, in Star Trek, Pocket Books, 2008, ISBN 978-1-416556-47-3, OCLC 426069320.
  16. ^ (EN) Helena Rozhenko, su Star Trek, CBS Entertainmen. URL consultato il 25 aprile 2022.
  17. ^ a b c Star Trek: Deep Space Nine, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net. URL consultato il 25 aprile 2022.
  18. ^ (EN) Star Trek Toys and Models - Galoob Toys, su Wikiban. URL consultato il 4 giugno 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]