Star Trek: Discovery

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star Trek: Discovery
Star Trek Discovery Logo.png
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017 – in produzione
Formato serie TV
Genere fantascienza
Stagioni 1 Modifica su Wikidata
Episodi 15 Modifica su Wikidata
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Dati tecnici rapporto: 2:1
Crediti
Ideatore Bryan Fuller, Alex Kurtzman
Soggetto Star Trek creato da Gene Roddenberry
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Bryan Fuller, Rod Roddenberry, Trevor Roth, Akiva Goldsman, Heather Kadin, Gretchen J. Berg, Aaron Harberts, Alex Kurtzman
Casa di produzione CBS Television Studios
Secret Hideout
Living Dead Guy Productions
Roddenberry Entertainment
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 24 settembre 2017
Al in corso
Distributore CBS (1x01)
CBS All Access
Distribuzione in italiano
Dal 25 settembre 2017
Al in corso
Distributore Netflix
Opere audiovisive correlate
Precedenti Star Trek: Enterprise
Seguiti Star Trek
Altre Serie televisive di Star Trek

Star Trek: Discovery è una serie televisiva statunitense di fantascienza ideata da Bryan Fuller e Alex Kurtzman per CBS All Access. Si tratta della prima serie del franchise di Star Trek dopo la conclusione di Star Trek: Enterprise nel 2005. Ambientata dieci anni prima degli eventi della serie originale di Star Trek, Discovery segue le avventure della nave stellare USS Discovery nel suo viaggio attraverso lo spazio alla ricerca di nuovi mondi e nuove civiltà. Gretchen J. Berg e Aaron Harberts sono gli showrunner della serie, con il supporto di Akiva Goldsman.

Sonequa Martin-Green è la protagonista della serie nei panni di Michael Burnham, ufficiale a bordo della Discovery. La serie venne annunciata nel novembre 2015 come prima serie a essere prodotta in esclusiva per il servizio di video on demand CBS All Access. Fuller venne annunciato come showrunner e produttore esecutivo nel febbraio 2016. Nicholas Meyer è consulente creativo della serie, mentre il figlio di Gene Roddenberry, Eugene, figura tra i produttori esecutivi. Nell'ottobre 2016 Fuller lasciò il ruolo di showrunner per via di difficoltà lavorative con la CBS, rimanendo come produttore esecutivo. Berg e Hartberts vennero nominati nuovi showrunner, continuando a sviluppare la mitologia e l'arco narrativo creato da Fuller.

La prima stagione di Star Trek: Discovery ha debuttato il 24 settembre 2017 sulla CBS per poi spostarsi su CBS All Access. La serie è stata accolta positivamente dalla critica, che ha lodato in modo particolare l'interpretazione di Martin-Green, la caratterizzazione dei personaggi e l'aspetto visivo della serie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata all'incirca dieci anni prima degli eventi della serie originale di Star Trek, la serie segue le avventure della USS Discovery nel suo viaggio nello spazio, alla scoperta di nuovi mondi e nuove civiltà.[1][2] Nella prima stagione l'equipaggio della Discovery si imbarca in una pericolosa missione per porre fine alla guerra tra la Federazione dei pianeti uniti e l'Impero Klingon.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 15 2017-2018 2017-2018

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Star Trek: Discovery.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 novembre 2015 la CBS annunciò una nuova serie di Star Trek per il gennaio 2017, in concomitanza con il cinquantesimo anniversario della serie originale nel 2016.[3] È la prima serie di Star Trek a essere prodotta dopo la fine di Star Trek: Enterprise nel 2005.[4] Alex Kurtzman, co-sceneggiatore di Star Trek e Into Darkness - Star Trek figura tra i produttori esecutivi della serie, prodotta specificatamente per il servizio on demand CBS All Access.[3]

Nel gennaio 2016, il presidente della CBS Glenn Geller rivelò che il network non sarebbe stato coinvolto nella produzione della serie, che è totalmente affidata a CSB All Access.[5] Il mese seguente Bryan Fuller, che cominciò la sua carriera scrivendo per Star Trek: Deep Space Nine e Star Trek: Voyager, venne annunciato come showrunner e co-creatore della serie insieme a Kurtzman.[6][7] Inoltre Nicholas Meyer, regista e sceneggiatore di Star Trek II - L'ira di Khan e Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto, si unì alla produzione come sceneggiatore e consulente creativo.[8] Nel marzo 2016 Eugene "Rod" Roddenberry, figlio del creatore di Star Trek Gene Roddenberry, e Trevor Roth della Roddenberry Entertainment si unirono alla serie come produttori esecutivi.[9]

Il co-creatore Bryan Fuller ha inizialmente lavorato come showrunner della serie, sviluppando la mitologia e l'arco narrativo della serie.

Fuller aveva per anni chiesto il ritorno di Star Trek in televisione, in modo particolare per via del suo impatto sulle minoranze, come affermato da Fuller stesso: "Non riuscivo a pensare a quante persone di colore fossero rimaste ispirate vedendo Nichelle Nichols sul ponte dell'astronave, [...] quanti asiatici siano rimasti affascinati da George Takei, e a quanta speranza per il futuro abbia dato loro. Volevo prendere parte a quella rappresentazione per le nuove generazioni".[10] Nel giugno 2016 Fuller annunciò che Vincenzo Natali avrebbe ricoperto il ruolo di direttore di produzione e rivelò che la prima stagione sarebbe stata composta da 13 episodi,[11] anche se ammise di voler limitare il numero degli a episodi a 10 per le stagioni future.[12] Fuller rivelò inoltre che la CBS aveva dato una certa libertà nella durata di ogni episodio, a differenza delle serie televisive tradizionali che hanno delle specifiche durate da rispettare.[11] Nel luglio 2016, in occasione del panel del cinquantesimo anniversario della serie al San Diego Comic-Con International, Fuller annunciò il titolo ufficiale della serie, e rivelò che la serie sarebbe stata ambientata nel cosiddetto "Universo Prime", comprendente le precedenti serie televisive e slegato dai film reboot prodotti a partire da Star Trek (2009).[13][14]

Sempre a luglio, la CBS vendette i diritti di distribuzione internazionale della serie a Netflix,[7] un accordo che avrebbe dovuto coprire l'intero budget della serie,[15] stimato inizialmente a $6-7 milioni a episodio.[16] A fine mese la CBS assunse David Semel, già sotto contratto presso il canale, per dirigere l'episodio pilota della serie.[17][10] Fuller non fu d'accordo con la scelta, definendo Semel "non adatto al lavoro"; lo showrunner voleva infatti un regista più visionario come Edgar Wright, che aveva contattato personalmente per proporgli la regia dell'episodio.[10] Nei mesi successivi, con l'avvio della pre-produzione della serie, Fuller e Semel si scontrarono spesso sulla direzione da dare alla serie, mentre il budget dei singoli episodi saliva sempre di più. Oltre a supervisionare le sceneggiature della serie, Fuller cercava di seguire il design dei set, dei costumi e degli alieni, e passava diverso tempo a occuparsi anche del suo ruolo di showrunner per un'altra serie, American Gods.[10][16] Il comportamento di Fuller cominciò a destare preoccupazione tra i dirigenti della CBS, che premevano per far debuttare la serie nel gennaio 2017.[10] Nell'agosto 2016 Fuller chiamò Gretchen J. Berg e Aaron Harberts per lavorare insieme a lui come showrunner della serie.[12] Il mese successivo Fuller e Kurtzman chiesero alla CBS di rinviare la serie, in modo da "poter soddisfare le aspettative nei confronti della serie, soprattutto per quanto riguarda gli effetti speciali".[18]

A fine ottobre 2016 la CBS chiese a Fuller di lasciare l'incarico di showrunner. Per permettere a Fuller di rimanere coinvolto nella serie, anche se non su base giornaliera, Berg e Harberts vennero nominati unici showrunner della serie, lavorando sull'arco narrativo e sulla mitologia sviluppata da Fuller; Kurtzman e Fuller vennero accreditati come produttori esecutivi, mentre Akiva Goldsman si unì alla produzione in un ruolo di supporto per aiutare gli showrunner e i produttori.[16] In un comunicato la CBS affermò di essere "estremamente soddisfatta" del lavoro svolto da Fuller e di voler continuare a sviluppare le sue idee.[16] Nel dicembre seguente Fuller affermò di non essere più coinvolto nella serie, definendo il suo abbandono "agrodolce" e affermando di essere curioso di vedere come sarebbe stato usato il materiale da lui sviluppato. Inoltre si disse disponibile a contribuire a una possibile seconda stagione.[19] Nel gennaio 2017 la CBS posticipò nuovamente la data di debutto della serie, spiegando: "Si tratta di un progetto ambizioso; saremo flessibili con la data di debutto se sarà un bene per lo show. Abbiamo detto sin dall'inizio che è meglio farlo nel modo giusto che farlo velocemente. Inoltre il debutto su CBS All Access ci permette di non essere legati alle première stagionali o a finestre di lancio prefissate".[20]

Nel febbraio 2017 il CEO dalla CBS Leslie Moonves affermò che la serie avrebbe debuttato "alla fine dell'estate, inizio autunno" del 2017.[21] Nel giugno 2017 Kurtzman spiegò che l'abbandono di Fuller non aveva condizionato lo sviluppo della serie, dal momento che lui e Fuller avevano parlato delle future stagioni di Discovery prima che quest'ultimo decidesse di lasciare la serie, e confermò che "in termini di ambientazioni, personaggi e storia" la serie si sarebbe attenuta a quanto deciso da loro due.[22] Nello stesso mese venne infine annunciata la data di debutto, fissata al 24 settembre 2017;[23] e Harberts e Berg spiegarono che il ritardo nel debutto della serie era dovuto principalmente al desiderio dei produttori di curare ogni dettaglio nei costumi e nella scenografia, in modo da poter creare qualcosa all'altezza delle aspettative dei fan.[24]

Nell'agosto 2017 venne rivelato che la prima stagione era costata $8-8.5 milioni a episodio, rendendo la serie una delle più costose mai prodotte insieme a serie televisive come Il Trono di Spade, Westworld - Dove tutto è concesso, Marco Polo e The Get Down. Questo aumento del budget superò l'accordo iniziale con Netflix, ma la CBS affermò che i costi sarebbero rientrati grazie anche al numero di nuovi iscritti a CBS All Access che la serie avrebbe portato.[25]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

« Il fattore distintivo della poetica di Roddenberry è la visione ottimista del futuro. Ha creato un mondo in cui tutte le specie e tutte le razze si uniscono non solo per rendere migliore il nostro mondo, ma per rendere migliore ogni mondo. Penso sia qualcosa che non deve mai andare perduto nella serie. Se si perde questa visione, si perde l'essenza di Star Trek. Detto questo... viviamo in tempi molto diversi. Ogni giorno guardiamo le notizie ed è difficile vedere quello che accade. Penso che ora più che mai Trek sia necessario come promemoria di quello che possiamo essere. [...] Star Trek è sempre stato uno specchio dei tempi e adesso la domanda è 'come si preserva e protegge quello che la Flotta Stellare rappresenta di fronte a una sfida come una guerra e tutte le cose che accadono in guerra - è una domanda molto interessante e sensibile. E sembra come una domanda molto attuale visto il mondo in cui viviamo oggi. »
(Il produttore esecutivo Alex Kurtzman, parlando del rapporto tra elementi classici di Star Trek ed elementi più attuali[26])

L'astronave della serie è chiamata Discovery in onore del Discovery One di 2001: Odissea nello spazio e dello space shuttle Discovery della NASA, e inoltre richiama "il senso di scoperta... quello che significa per il pubblico di Star Trek a cui Gene Roddenberry promise un futuro in cui l'umanità si unisce e va alla ricerca di nuovi mondi e nuove razze alieni per scoprire e collaborare con loro".[27] Inizialmente Fuller propose alla CBS una serie antologica con ogni stagione ambientata in una diversa epoca, partendo da un prequel della serie classica e "avanti fino a un tempo mai visto nell'universo di Star Trek". La CBS tuttavia chiese a Fuller di concentrarsi su una singola serie, così Fuller cominciò a sviluppare una serie ambientata prima della serie originale.[10] Fuller decise di approfittare della modalità di visione di CBS All Access e incentrare la prima stagione su un'unica storyline principale, che completò nel giugno 2016 insieme agli altri sceneggiatori. Fuller spiegò di aver sviluppato una storia che "si collega a tantissimi elementi dell'universo di Star Trek, prendendo alcuni episodi della serie originale e usando il loro "DNA" per trovare "lo spirito di quello che Star Trek offre, sia in termine di narrazione di fantascienza sia come bellissima metafora della condizione umana".[11] Fuller affermò inoltre che la serie, non essendo legata agli standard televisivi, avrebbe avuto la possibilità di affrontare tematiche più impegnate, con contenuti leggermente più grafici rispetto alle precedenti serie.[1]

Gli sceneggiatori decisero di non seguire la linea guida voluta da Roddenberry (linea guida che lo stesso Roddenberry non seguiva rigidamente) secondo la quale i membri della Flotta Stellare, in modo particolare i personaggi umani, dovevano essere rappresentati senza sentimenti negativi e non potevano entrare in conflitto l'uno con l'altro, così da trasmettere una visione del futuro ottimista e idilliaca.[28] Parlando della libertà avuta nella gestione dei personaggi, Harberts spiegò: "Vogliamo raccontare storie complesse, con personaggi con forti punti di vista e passioni". Harberts aggiunse inoltre che il modello di futuro voluto da Roddenberry sarebbe stato comunque rispettato, dal momento che "ciò che prendiamo da Roddenberry è il modo in cui risolviamo i conflitti. I nostri personaggi hanno un conflitto, sono in disaccordo tra loro, ma ci concentriamo sul modo in cui trovano una soluzione e risolvono i loro problemi.[28] Inoltre, dal momento che il formato narrativo di Discovery non prevede episodi auto-conclusivi in cui il conflitto viene scatenato da elementi esterni, ma un unico arco narrativo lungo le singole stagioni, gli autori poterono concentrarsi particolarmente sul rapporto tra i vari personaggi in modo da creare dei conflitti e degli attriti che risultassero reali e credibili.[28]

Vista la grande importanza nella serie dei Klingon e della loro cultura, i produttori decisero di far parlare i personaggi Klingon nella loro lingua madre.[29] Parlando della rappresentazione dei Klingon, che nella serie originale, nata nell'epoca della guerra fredda, rappresentavano l'Unione Sovietica, Harberts affermò che in Discovery avrebbero rappresentato insieme alla Flotta Stellare diverse fazioni degli Stati Uniti d'America moderni, spiegando che "quello che vogliamo davvero fare è comprendere due diversi punti di vista e mostrarli al meglio".[30] Berg aggiunse che uno dei temi al centro della serie "è universale ed è una lezione che noi esseri umani dobbiamo imparare ripetutamente", ovvero il fatto che "pensiamo di conoscere l'altro, ma non lo facciamo davvero. Bisogna in qualche modo rimodulare o deviare in modo cosciente dal proprio punto di vista per poter comprendere l'altro appieno. Bisogna dimenticare quello che sappiamo. Una delle grandi tappe in questo viaggio è capire sé stessi. Bisogna capire sé stessi prima di poter capire meglio gli altri. La serie si chiama Discovery ["scoperta"] per un motivo, perché i nostri personaggi si trovano in un viaggio di scoperta".[30]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Sonequa Martin-Green interpreta la protagonista Rainsford.

Nel giugno 2016 Fuller rivelò di aver incontrato diversi attori interessati a prendere parte alla serie.[11] Il mese seguente la produttrice esecutivo Heather Kadin rivelò che nella serie sarebbero stati presenti personaggi di diverse etnie e della comunità LGBTQ.[31] Fuller rivelò che la protagonista della serie sarebbe stata una donna tenente comandante, anziché un capitano come nelle precedenti serie di Star Trek, e che sarebbe stata interpretata da una donna di etnia non caucasica; rivelò inoltre di aver incontrato Mae Jemison, la prima donna di colore ad andare nello spazio, e di aver discusso con lei riguardo al casting della serie.[1]

Nell'agosto 2016 Fuller affermò che i primi annunci di casting sarebbero stati fatti nell'ottobre seguente.[12] In quel mese tuttavia non venne fatto alcun annuncio riguardante il cast, anche se venne riportato che la maggior parte dei ruoli principali erano stati assegnati, a eccezione del ruolo della protagonista.[16] A fine novembre Doug Jones e Anthony Rapp furono annunciati come primi membri del cast principale nei panni di Saru, un ufficiale medico appartenente ai Kelpien, una nuova razza aliena dell'universo di Star Trek,[32] e Stamets, un ufficiale medico e studioso di funghi e primo personaggio principale dichiaratamente omosessuale del franchise.[33] A metà dicembre, dopo una ricerca durata più di quattro mesi,[34] Sonequa Martin-Green venne scelta come protagonista principale della serie, chiamata Rainsford.[35][36] Il casting di Martin-Green venne confermato solo nell'aprile 2017, subito dopo la sua uscita dal cast della serie televisiva The Walking Dead, e venne rivelato che il nome del personaggio era Michael Burnham.[37] Nello stesso mese si aggiunse al cast Shazad Latif; inizialmente Latif avrebbe dovuto interpretare il Klingon Kol, ma in seguito gli venne affidata la parte di Ash Tyler.[38] Nel marzo 2017 entrarono nel cast Jason Isaacs nel ruolo del capitano Lorca,[39] e Mary Wiseman nel ruolo del cadetto Tilly.[40]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Mark Worthington è lo scenografo della serie, Gersha Phillips e Suttirat Anne Larlarb sono le costumiste, mentre Glenn Hetrick e Neville Page degli Alchemy Studios si occuparono dei trucchi prostetici, delle armature e degli oggetti di scena.[41][42] Il design della USS Discovery è basato su una concept art inutilizzata di Ralph McQuarrie per la USS Enterprise per il film mai realizzato Star Trek: Planet of the Titans.[14] Parlando dell'approccio generale al design della serie, Fuller spiegò di volere nuove creature e nuovi design per gli alieni già conosciuti, affermando: "Stiamo producendo lo show nel 2016. Dobbiamo aggiornare lo stile degli effetti, lo stile dei set, dei trucchi... le altre serie sono state prodotte in un periodo in cui non era possibile raggiungere certi risultati come oggi; stabiliremo un intero nuovo look per la serie - non solo per la serie, ma per tutto quello che vorremo fare con il franchise di Star Trek dopo questa serie".[1] Gli showrunner Harberts e Berg spiegarono di aver prestato particolare attenzione al design della serie, affermando che "in ogni oggetto di scena, in ogni costume e in ogni set c'è tantissima maestria e talento". Harberts spiegò che "ognuna di queste cose deve essere progettata e costruita. [...] Molti oggetti e uniformi sono stampati in 3D. La costruzione dei nostri set può durare anche oltre sei settimane". Berg aggiunse: "Non possiamo andare al risparmio, far sì che il 95% di ciò che appare sullo schermo sia completamente originale e unico e poi comprare il restante cinque percento in un negozio. Deve essere coeso –– e lo è".[24]

I tessuti delle uniformi della Flotta Stellare vennero tinti in Svizzera, mentre i costumi vennero cuciti e assemblati a Toronto da Phillips e dal suo reparto.[42] Le uniformi sono di un blu scuro creato specificamente per la serie, con delle decorazioni d'oro o d'argento a seconda del grado dell'ufficiale. Gli ufficiali medici indossano un'uniforme "bianco ospedale", sempre tinta in Svizzera.[42]

Per il design dei Klingon, Fuller e la produzione decisero di re-inventare da capo l'aspetto degli alieni; questa scelta venne spiegata dal fatto che la serie introduce diverse casate Klingon, ognuna con i suoi stili.[43] Per la casata del Klingon T'Kuvma, Hetrick e Page crearono armature a armi usando stampanti 3D e modelli creati a mano. Alcuni elementi, come gli elmetti, vennero disegnati con l'idea di modificarli tramite computer grafica. Il design delle armi, delle armature e degli elmetti dei Klingon venne basato su quello dei Klingon della serie originale, a sua volta influenzato dalle culture medio orientale, mongole e bizantine.[42]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese della serie cominciarono nel gennaio 2017,[44][41] con i titoli di lavorazione Green Harvest (un riferimento a Blue Harvest, titolo di lavorazione usato per Il ritorno dello Jedi) e Tennessee Honey.[45][46]

La serie è interamente girata in diversi teatri di posa ai Pinewood Studios di Toronto, tra cui il teatro di posa più grande del Nord America.[25] La costruzione dei set avrebbe dovuto cominciare nel luglio 2016,[11] con un periodo di riprese da settembre 2016 fino a marzo 2017, ma con il rinvio della serie venne riportato che la produzione non sarebbe partita prima di novembre 2016.[47][16] Parte delle riprese della prima stagione si tennero anche in Giordania.[48]

Per l'aspetto visivo della serie, Kurtzman spiegò che lo show doveva "giustificare il fatto di essere su un servizio di televisione a pagamento".[49] Gli showrunner furono influenzati dal film di Star Trek del 1979 e dai film della serie diretti da J. J. Abrams. La serie è girata in formato 2:1, definito da Harberts come un formato adatto a "raccontare la storia in modo molto poetico".[50] Insieme a Semel e al direttore della fotografia Guillermo Navarro, i produttori cercarono di rendere la serie più cinematografica possibile, ad esempio cercando di filmare il ponte di comando delle navi stellari in modo da non farlo sembrare un proscenio.[26]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche della serie sono composte da Jeff Russo.[51] Russo registrò le musiche della serie con un'orchestra di 60 elementi.[52] Il tema musicale della serie contiene una rielaborazione del tema originale di Star Trek composto da Alexander Courage.[52]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Gli showrunner e gli attori della serie al San Diego Comic-Con International 2017.

Nel luglio 2016, in occasione del panel del cinquantesimo anniversario della serie al San Diego Comic-Con International, venne pubblicato un video promozionale per mostrare il design della USS Discovery.[53] Nel maggio 2017 venne pubblicato il primo trailer ufficiale.[54][55]

Nel settembre 2016 la sceneggiatrice Kristin Beyer annunciò che la CBS era al lavoro con IDW Publishing e Simon & Schuster per realizzare nuovi prodotti legati a Discovery, tra cui almeno un romanzo e una serie a fumetti. Beyer, autrice di numerosi romanzi dedicati a Star Trek: Voyager, lavorerà con lo scrittore David Mack e il fumettista Mike Johnson per supervisionare il lavoro dei tre medium. L'uscita dei primi libri e fumetti avvenne nel settembre 2017, in concomitanza con il debutto della serie .[56]

After Trek[modifica | modifica wikitesto]

After Trek è un talk show condotto da Matt Mira e trasmesso in diretta da CBS All Access dopo ogni episodio di Discovery.[57] Lo show include diversi ospiti, tra cui membri del cast di Discovery ed ex attori di Star Trek, che discutono gli avvenimenti degli episodi di Discovery.[58][59] Internazionalmente lo show viene distribuito su Netflix in contemporanea con la pubblicazione degli episodi nei paesi anglofoni e il giorno seguente nei paesi non anglofoni.[60]

Trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Star Trek: Discovery ha debuttato il 24 settembre 2017 sulla CBS. Dal secondo episodio la serie è pubblicata in esclusiva negli Stati Uniti su CBS All Access.[23] La pubblicazione degli episodi è divisa in due parti: i primi nove episodi verranno pubblicati settimanalmente dal 24 settembre al 12 novembre 2017, mentre i restanti sette episodi verranno pubblicati da gennaio 2018.[61]

In Canada la serie è stata acquistata da Bell Media, che la trasmette sui canali Space (in lingua inglese) e Z (in francese). Negli altri paesi la serie è pubblicata in esclusiva su Netflix il giorno dopo la messa in onda statunitense.[7]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Il primo episodio della serie, trasmesso dalla CBS, venne visto da 9.5 milioni di telespettatori.[62] Nonostante la CBS non diffonda dati sul numero di iscritti a CBS All Access, venne riportato che con il debutto della serie il servizio aveva registrato un deciso aumento di iscrizioni, segnando un record per il maggior numero di iscrizioni in un giorno, in una settimana e in un mese.[61] L'azienda di web analytics riportò inoltre che in seguito al debutto della serie l'applicazione mobile di All Access aveva raddoppiato il numero di download e che i ricavi dall'applicazione erano raddoppiati rispetto ai ricavi medi del mese precedente.[63]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata accolta positivamente dalla critica televisiva. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento dell'87%, con un voto medio di 7.48 su 10 basato su 47 recensioni. Il commento del sito recita: "Nonostante necessiti di un episodio per prendere il lancio, Star Trek: Discovery costituisce un solido elemento del franchise per le nuove generazioni, audacemente capeggiato dalla carismatica Sonequa Martin-Green".[64] Su Metacritic la serie ha un voto medio di 74 su 100 basato su 19 recensioni.[65]

Recensendo il primo episodio, Scott Collura di IGN ha scritto che "con una scenografia raffinata, una trama complessa e diversi personaggi interessanti, Discovery parte con il piede giusto per trasformare Trek in TV per una nuova era"[66] Bill Keveney di USA Today ha dato alla serie due stelle e mezzo su quattro, lodando la qualità cinematografica della serie e l'attenzione per il dettaglio ma criticando alcuni aspetti della trama del primo episodio.[67] Alexander Zalben di TV Guide ha lodato la serie, scrivendo che "ciò che fa funzionare Discovery così bene è il modo in cui [...] rende omaggio a ogni aspetto del franchise, dalle serie televisive ai film, portando al tempo stesso Star Trek verso il presente della televisione".[68] Darren Franich di Entertainment Weekly ha lodato l'interpretazione di Martin-Green e ha apprezzato l'aspetto visivo, lamentando tuttavia una certa incoerenza nella narrazione dei primi tre episodi.[69]

Dan Fienberg di The Hollywood Reporter è stato più critico, scrivendo: "Discovery ha delle aspettative da mantenere e questo è un inizio disorientante [...] È tutto sulle spalle di Sonequa Martin-Green, e per quanto sia brava, non sono sicuro che possa reggere il peso".[70] Anche Brian Lowry della CNN non ha apprezzato la serie, affermando che "Discovery si rivela più debole nelle qualità fondamentali che hanno contraddistinto le migliori serie del franchise, vale a dire la forza delle interazioni tra i personaggi".[71]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) James Hibberd, Star Trek: Major details revealed about new TV show, su Entertainment Weekly, 10 agosto 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  2. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery first look at a groovy new transporter room, su Entertainment Weekly, 22 giugno 2017. URL consultato il 23 giugno 2017.
  3. ^ a b New Star Trek Series Premieres January 2017, su StarTrek.com, 2 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2015.
  4. ^ (EN) Dee Locket, A New Star Trek Series Has Been Ordered at CBS, su Vulture.com, 2 novembre 2015. URL consultato il 17 settembre 2016.
  5. ^ (EN) Fred Topel, CBS Broadcast Network Not Creatively Involved In New Star Trek Streaming Series, su /Film, 12 gennaio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  6. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Star Trek’ TV Series: Bryan Fuller To Serve As Showrunner, su Deadline.com, 9 febbraio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  7. ^ a b c (EN) Scott Roxborough, Netflix Scores Exclusive International Rights to CBS All Access 'Star Trek' Series, su The Hollywood Reporter, 18 luglio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  8. ^ (EN) Scott Collura, Wrath of Khan Director Nicholas Meyer Joins New Star Trek Show As Writer-Producer, su IGN.com, 26 febbraio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  9. ^ (EN) Graeme McMillan, CBS' New 'Star Trek' Adds Gene Roddenberry's Son as Exec Producer, su The Hollywood Reporter, 3 marzo 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  10. ^ a b c d e f (EN) James Hibberd, Bryan Fuller on his Star Trek: Discovery exit: 'I got to dream big', su Entertainment Weekly, 28 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  11. ^ a b c d e (EN) Matt Goldberg, Exclusive: New ‘Star Trek’ Showrunner Bryan Fuller on Progressiveness, Number of Episodes, Filming Details, and Much More, su Collider, 23 giugno 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  12. ^ a b c (EN) Exclusive: More Star Trek Discovery Scoop!! Lead Will Be Called ‘Number One’!! Nick Meyer Scripts Hour Two!! Bryan Fuller Hires Co-Showrunners!! More!!, su Ain't It Cool News, 28 agosto 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  13. ^ (EN) Star Trek: Discovery Announced As Name Of New Series, su CBS.com, 23 luglio 2016. URL consultato il 10 settembre 2016.
  14. ^ a b (EN) Katharine Trendacosta, Star Trek: Discovery Officially Takes Place in the Prime Universe, su io9, 23 luglio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  15. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Star Trek: Discovery’: Bryan Fuller Steps Down As Showrunner, su Deadline.com, 26 ottobre 2016. URL consultato il 1º agosto 2017.
  16. ^ a b c d e f (EN) Debra Birnbaum, Maureen Ryan, Cynthia Littleton, Bryan Fuller Stepping Back From Showrunner Role on ‘Star Trek: Discovery’ (EXCLUSIVE), su Variety, 26 ottobre 2016. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  17. ^ (EN) Nellie Andreeva, New ‘Star Trek’ Series: David Semel Set To Direct, su Deadline.com, 22 luglio 2016. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  18. ^ Andrea Francesco Berni, Star Trek: Discovery rinviato a maggio 2017 per “non compromettere la qualità della serie”, su BadTV.it, 14 settembre 2016. URL consultato il 15 settembre 2016.
  19. ^ (EN) Tufayler Ahmed, Exclusive: Producer Bryan Fuller on His 'Bittersweet' Departure from the New 'Star Trek' TV Series, su Newsweek, 2 dicembre 2016. URL consultato il 3 dicembre 2016.
  20. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Star Trek: Discovery' Delayed Again as Spock's Father Is Cast, in The Hollywood Reporter, 18 gennaio 2017. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  21. ^ (EN) Etan Vlessing, 'Star Trek: Discovery' to Premiere in Late Summer or Fall, CBS CEO Says, su The Hollywood Reporter, 27 febbraio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  22. ^ (EN) Steve Weintraub, Exclusive: Alex Kurtzman on ‘The Mummy’, Collaborating with Tom Cruise, and ‘Star Trek: Discovery’, su Collider, 13 giugno 2017. URL consultato il 19 giugno 2017.
  23. ^ a b (EN) Kate Stanhope, 'Star Trek: Discovery' Gets Premiere Date, Split First Season Rollout, su The Hollywood Reporter, 19 giugno 2017. URL consultato il 19 giugno 2017.
  24. ^ a b (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery showrunners explain show's delays, su Entertainment Weekly, 19 giugno 2017. URL consultato il 20 giugno 2017.
  25. ^ a b (EN) Daniel Halloway, Can ‘Star Trek: Discovery’ Help CBS Boldly Go Into a Streaming Future?, su Variety, 29 agosto 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  26. ^ a b (EN) Anthony Pascale, SDCC17: ‘Star Trek: Discovery’ Team Talk War, Roddenberry, Space Mushrooms, And A Reimagined Mudd, su TrekMovie.com, 23 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  27. ^ (EN) Katharine Trendacosta, Bryan Fuller Explains Why the New Show is Called Star Trek: Discovery, su io9, 3 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  28. ^ a b c (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery to ditch a long frustrating Trek rule, su Entertainment Weekly, 23 giugno 2017. URL consultato il 23 giugno 2017.
  29. ^ (EN) Kimberly Roots, Star Trek: Discovery @ Comic-Con: New Trailer and Sarek Secret Revealed, Stamets' Love Interest Cast and More, su TV Line, 22 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  30. ^ a b (EN) Kayla Iacovino, SDCC17 Interview: ‘Star Trek: Discovery’ Showrunners On Why The Klingons Aren’t The Russians Anymore, su TrekMovie.com, 24 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  31. ^ (EN) EXCLUSIVE: Star Trek: Discovery Producers on Ship’s Design, Show’s Themes, su TrekMovie.com, 24 luglio 2016. URL consultato il 17 settembre 2017.
  32. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery: Doug Jones breaks silence on show's new alien, su Entertainment Weekly, 19 luglio 2017. URL consultato il 26 luglio 2017.
  33. ^ (EN) Daniel Holloway, ‘Star Trek: Discovery’: Doug Jones, Anthony Rapp Join Michelle Yeoh in Cast, su Variety, 29 novembre 2016. URL consultato il 30 novembre 2016.
  34. ^ (EN) Elizabeth Wagmeister, Daniel Holloway, ‘Star Trek: Discovery’ Finds First Cast Member in Michelle Yeoh, su Variety, 23 novembre 2016. URL consultato il 24 novembre 2016.
  35. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Star Trek Discovery’: Sonequa Martin-Green Cast As The Lead, su Deadline.com, 14 dicembre 2016. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  36. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery casts Walking Dead actress as star — EXCLUSIVE, su Entertainment Weekly, 14 dicembre 2016. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  37. ^ (EN) Kimberly Roots, Star Trek: Discovery Reveals Name, Rank of Sonequa Martin-Green's Role, su TVLine, 3 aprile 2017. URL consultato il 4 aprile 2017.
  38. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery casts 3 actors as Klingons, su Entertainment Weekly, 12 dicembre 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  39. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Star Trek' Enlists Jason Isaacs as Discovery Captain, su The Hollywood Reporter, 7 marzo 2017. URL consultato il 7 marzo 2017.
  40. ^ (EN) Jason Isaacs And Mary Wiseman Cast In Star Trek: Discovery, su CBS.com, 7 marzo 2017. URL consultato il 31 marzo 2017.
  41. ^ a b (EN) John Duchka, “Star Trek: Discovery” to Begin Shooting on January 24th, su TrekMovie.com, 13 gennaio 2017. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  42. ^ a b c d (EN) Matt Wright, SDCC17: See The Federation and Starfleet Costumes and Props From ‘Star Trek: Discovery’, su TrekMovie.com, 20 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  43. ^ (EN) James HIbberd, Star Trek: Discovery producer explains why the Klingons changed, su Entertainment Weekly, 17 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  44. ^ (EN) Etan Vlessing, Surging Hollywood Shoots Force Hunt for New Toronto Soundstages, su The Hollywood Reporter, 30 aprile 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  45. ^ (EN) Charles Evans, Green Harvest, code name for new Star Trek series confirmed, su Red Shirt Always Die, 14 gennaio 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  46. ^ (EN) Kayla Iacovino, SDCC17: ‘Star Trek: Discovery’ Concept Art Details Klingon And Federation Ships, su TrekMovie.com, 20 luglio 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  47. ^ (EN) Debra Birnbaum, ‘Star Trek: Discovery’ Delayed on CBS All Access Until May, ‘Good Wife’ Spinoff Moved Up, su Variety, 14 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  48. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery reveals first photo of two cast members, su Entertainment Weekly, 17 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.
  49. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, How ‘Star Trek: Discovery’ EPs Kept Bryan Fuller’s Vision Alive After His Departure From Show – TCA, su Deadline.com, 1º agosto 2017. URL consultato il 7 settembre 2017.
  50. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery storyline revealed, su Entertainment Weekly, 26 giugno 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  51. ^ (EN) Philiana Ng, Comic-Con: 'Star Trek: Discovery' Goes All in With Gay Storyline -- and There's a 'Rent' Connection!, su ET Online, 22 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  52. ^ a b (EN) Dusty Stowe, Listen to the Star Trek: Discovery Theme Song, su Screen Rant, 12 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  53. ^ (EN) Max Evry, Star Trek Discovery Trailer is Here! New Trek Series Gets a Name, su ComingSoon.net, 23 luglio 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  54. ^ (EN) James Hibberd, Star Trek: Discovery epic first trailer released, su Entertainment Weekly, 17 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.
  55. ^ Andrea Francesco Berni, Star Trek: Discovery, ecco il primo trailer!, su BadTV.it, 18 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.
  56. ^ (EN) Katharine Trendacosta, Star Trek: Discovery Will Have Books and Comics Coming Out at the Same Time as the Show, su io9, 3 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  57. ^ (EN) Denise Petski, ‘Star Trek: Discovery’: Live After-Show Gets New Name; Matt Mira Set As Host, su Deadline.com, 22 settembre 2017. URL consultato il 24 settembre 2017.
  58. ^ (EN) EXCLUSIVE: A ‘Talking Dead’-Style STAR TREK ALL ACCESS Aftershow May Be In The Works, su TrekNews.net, 13 luglio 2016. URL consultato il 18 maggio 2017.
  59. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Star Trek: Discovery’ Gets Order Increase & Companion Aftershow On CBS All Access, su Deadline.com, 17 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017.
  60. ^ (EN) How To Watch ‘Star Trek: Discovery’ and ‘After Trek’, su TrekMovie.com, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  61. ^ a b (EN) [httphttps://trekmovie.com/2017/10/03/first-half-season-of-star-trek-discovery-extended-to-nine-episodes-breaks-new-all-access-record/ First Half-Season Of ‘Star Trek: Discovery’ Extended To Nine Episodes + Breaks New All Access Record], su TrekMovie.com, 3 ottobre 2017. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  62. ^ (EN) Rick Porter, ‘Celebrity Family Feud,’ ’60 Minutes’ and NFL adjust up: Sunday final ratings, su TV by the Numbers, 26 settembre 2017. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  63. ^ (EN) Janko Roettgers, ‘Star Trek: Discovery’ Almost Doubled CBS All Access Mobile Subscription Revenue (EXCLUSIVE), su Variety, 3 ottobre 2017. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  64. ^ (EN) tv/star_trek_discovery/s01 Star Trek: Discovery , in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. URL consultato il 6 ottobre 2017. Modifica su Wikidata
  65. ^ (EN) Star Trek: Discovery, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 6 ottobre 2017. Modifica su Wikidata
  66. ^ (EN) Scott Collura, Star Trek: Discovery - Serie Premiere Review, su IGN.com, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  67. ^ (EN) Bill Keveney, Review: 'Star Trek: Discovery' hits bumps but starts to find its flight path, su USA Today, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  68. ^ (EN) Alexander Zalben, Star Trek: Discovery Boldly Pays Tribute to the Franchise – While Blasting It Into the Future, su TV Guide, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  69. ^ (EN) Darren Franich, Sonequa Martin-Green gives Star Trek: Discovery its heart: EW review, su Entertainment Weekly, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  70. ^ (EN) Dan Fienberg, 'Star Trek: Discovery': TV Review, su The Hollywood Reporter, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.
  71. ^ (EN) Brian Lowry, 'Star Trek: Discovery' barely achieves liftoff, su CNN, 24 settembre 2017. URL consultato il 25 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]