'Ndrina Carelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Carelli" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Carelli (disambigua).
Famiglia Carelli
Area di origineCorigliano Calabro, Calabria
Aree di influenzaProvincia di Cosenza, Centro Italia, Nord Italia, Estero
Periodoanni '70 - in attività
BossSanto Carelli, Rocco Azzaro, Natale Perri
AlleatiCritelli, Abbruzzese
Attivitàtraffico di droga, riciclaggio di denaro, traffico di armi, estorsione, usura, racket, contrabbando, contraffazione, ricettazione, furto, rapina, truffa, evasione fiscale, appalto pubblico, gestione dei rifiuti, gioco d'azzardo, corruzione, omicidio, infiltrazioni nella pubblica amministrazione
PentitiGiorgio Basile

La 'ndrina Carelli è una cosca malavitosa o 'ndrina della ndrangheta calabrese di Corigliano Calabro. Hanno diramazioni soprattutto in Germania e sono attivi nel traffico di droga a Bochum e Münster e sono presenti anche a Francoforte, Berlino e Monaco[1]. Sono alleati con gli zingari di Lauropoli e con i Critelli di Cariati[2][3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, il killer Giorgio Basile arrestato da un anno dalla polizia tedesca decide di confessare e diventa un pentito. Successivamente in Germania diviene famoso per la pubblicazione del libro di Andreas Ulrich che racconta la storia della sua vita: Das Engelsgesicht. Die Geschichte eines Mafia-Killers aus Deutschland (Faccia d'angelo. La storia di un killer di mafia)[4]. Sempre in Germania nel 2012 uscirà il film tratto dal libro: Das Engelsgesicht del regista Oliver Hirschbiegel[5].

Il 7 ottobre 2008 vengono sequestrati beni per 500.000 euro a un presunto esponente dei Carelli[6].

Il 21 luglio 2010, durante l'operazione Santa Tecla vengono eseguiti in tutta Italia 67 arresti e sequestrati beni dal valore di 250 milioni di euro. Sono accusati di associazione mafiosa, estorsione e traffico di droga[7].

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Natale Perri[2]
  • Rocco Azzaro[2]
  • Santo Carelli, condannato all'ergastolo per omicidio nel 2010[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La vita del killer Basile diventa un best seller, in Corriere.it (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  2. ^ a b c d Corigliano. Operazione Santa Tecla, in Mediterraneo online (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2010).
  3. ^ http://www.coriglianocalabro.it/index.php/racconti-di-ndrangheta/2600-115-puntata.html
  4. ^ Das Engelsgesicht. Die Geschichte eines Mafia-Killers aus Deutschland di Andreas Ulrich, editore: Deutsche Verlags-Anstalt, pubblicazione: 7 settembre 2005 ISBN 978-3421058997
  5. ^ Angel Face, su imdb.com. URL consultato il 21 marzo 2011.
  6. ^ Ndrangheta: clan Carelli, sequestrati beni per 500mila euro, in Antimafia Duemila.
  7. ^ Maxiblitz contro la 'ndrangheta 67 arresti, 250 milioni di euro sequestrati, in Repubblica.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]