'Ndrina Varacalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I Varacalli sono una 'ndrina di Ciminà[1] Operano anche al nord nel torinese.

A Torino sono attivi nel traffico di stupefacenti.[2] Esistono affiliati anche a Biella.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Faida di Ciminà[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 4 giugno 1966 con l'omicidio di Francesco Barillaro, capobastone di Ciminà, scoppia la cosiddetta faida di Ciminà in cui vengono coinvolti anche i Varacalli. La faida ha visto contrapposte da una parte le famiglia dei Barillaro-Romano-Zucco e dall'altra i Polifroni-Franco-Varacalli. Una faida con circa 50 morti che arrivò fino a Torino con la decimazione della famiglia Zucco. L'8 luglio 1977, tre killer incappucciati e armati di lupara giustiziano, in un bar a Torino, Giuseppe Zucco[4]. Il 14 novembre 1981 è la volta del fratello Rocco. Per l'omicidio di Rocco Zucco, i killer imbottiscono di dinamite il furgone della vittima facendolo saltare per aria[5][6]. Il 19 ottobre 1982 viene assassinato Antonio Zucco, l'ultimo dei fratelli[7].

Esponenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]