'Ndrina Molè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Famiglia Molè
Area di origineGioia Tauro Calabria
Aree di influenzaPiana di Gioia Tauro, Centro Italia, Nord Italia
Periodoanni '70 - in attività
AlleatiClan dei Casamonica di Roma
Attivitàtraffico di droga
riciclaggio di denaro
estorsione
usura
appalto pubblico
infiltrazioni nella Pubblica Amministrazione

Molè è una 'ndrina della piana di Gioia Tauro, un tempo alleata con i Piromalli.

I Molè tra gli anni '80 e '90 iniziano a gestire quasi interamente il traffico di droga della zona di Gioia Tauro, la Cannabis coltivata in loco, e la cocaina presa dai cartelli colombiani ma anche da altre 'ndrine della provincia reggina per avere contatti col resto d'Italia e paesi esteri come: l'Argentina, la Francia, la Germania e la Svizzera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anni '70 e '80[modifica | modifica wikitesto]

Anni '90[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 maggio 1990 viene ucciso il commerciante Ferdinando Caristena in quanto, come dichiarato dal killer pentito Annunziato Raso reo di avere una relazione con la sorella del cognato del boss Domenico Molè e di avere anche una presunta relazione omosessuale[1].

Il 2 giugno 1993 Scatta l'operazione Tirreno con raffiche di arresti e centinaia di persone coinvolte: la piana di Gioia Tauro viene colpita in ogni angolo, vengono arrestati capibastone delle famiglie dei Molè, Piromalli, Pesce, Bellocco, Mancuso, Ruggero base delle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Annunziato Raso. L'accusa gli contesta omicidi, tentati omicidi, traffico d'armi, di droga, rapine, estorsioni. Il processo a carico dei boss si conclude dopo centinaia di udienze e rinvii, le condanne che toccano il 90% delle persone con ergastoli e pene variabili dai 2 ai 30 anni di reclusione.

Anni 2000 - La scissione dai Piromalli[modifica | modifica wikitesto]

  • 12 gennaio 2008 vengono arrestate 33 persone per traffico di droga vicino alle famiglie Piromalli e Molè. Trovato anche un arsenale di armi.
  • Il 1º febbraio 2008 viene assassinato il capobastone Rocco Molè, ignoto il movente, si ipotizza una guerra fra cosche[2][3].
  • Il 12 luglio 2008 a El Mas Trader in Spagna viene arrestato dal ROS di Genova Ippolito Magnoli, esponente di rilievo dei Piromalli-Molè che gestiva il traffico di cocaina tra Colombia e Spagna, e in passato anche di Francia. Il Gip di Reggio Calabria emise ben 4 provvedimenti contro di lui in passato. Il 22 febbraio del 2008 furono arrestati i suoi fratelli Antonio e Luciano[4].
  • Il 22 dicembre 2009 i carabinieri di Reggio Calabria arrestano 26 persone per un traffico di merci contraffatte ad opera delle famiglie Pesce e Molè che agevolavano ditte cinesi tramite il pagamento di una tangente per fare arrivare la merce al porto di Gioia Tauro[6].
  • Il 25 marzo 2010 viene scoperto un sodalizio tra Pietro D'Ardes, Rocco Casamonica del clan dei Casamonica e affiliati alla 'Ndrangheta dei Piromalli-Molè e Alvaro per il riciclaggio dei proventi illeciti e costituzione di società (15 sequestrate) per la partecipazione ad appalti pubblici[7].

Fatti recenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 24 giugno 2014, nell'operazione “Mediterraneo” vengono arrestati 54 presunti affiliati accusati di associazione mafiosa, traffico di droga e di armi e intestazione fittizia di beni; sequestrati beni, quote di società e due cliniche private a Gioia Tauro e Terni, per un valore di 25 milioni di euro[10][11].
  • Il 3 agosto 2016 si conclude l'operazione Vulcano nei confronti di 12 presunti esponenti delle famiglie Piromalli, Molè, Alvaro e Pesce accusati di traffico internazionale di droga[12].
  • Il 23 maggio 2018 nel processo Breakfast entra una informativa della Direzione investigativa antimafia in cui il pentito Cosimo Virgiglio ed ex massone racconta che la 'ndrina dei Molé attraverso l'ex ministro della Repubblica Claudio Scajola voleva arrivare ad Impregilo. Racconta inoltre dei rapporti dei Molè con la loggia coperta di Ugolini Giacomo Maria alias Grande Oriente di San Marino[13].
  • L'11 luglio 2018 vengono arrestate a Rocca di Papa (Roma) 4 persone e sequestrati loro beni del valore di 4 milioni di euro in quanto accusati di intestazione fittizia di beni, trasferimento fraudolento di valori, finalizzato ad eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali. Sarebbero in relazione con i Molè[14][15].

Famiglie vicine ai Molè[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gioia Tauro, una via per Ferdinando Caristena, ucciso a 33 anni dalla 'ndrangheta e dai pregiudizi, in repubblica.it, 05-11-2017. URL consultato il 06-11-2017.
  2. ^ 'Ndrangheta, agguato a Gioia Tauro assassinato il boss Rocco Molè, in Repubblica.it. URL consultato l'08-10-2010.
  3. ^ 'Ucciso a Gioia il boss Molè, in Nuova Cosenza. URL consultato l'08-10-2010.
  4. ^ Latitante della ndrangheta catturato in Spagna, in Nuova Cosenza. URL consultato l'08-10-2010.
  5. ^ Arrestato dai ROS il boss Molè, in Nuova Cosenza. URL consultato l'08-10-2010.
  6. ^ 'Ndrangheta, 26 arresti per il porto di Gioia Tauro, in Repubblica.it.
  7. ^ Patto criminale tra Casamonica e 'ndrangheta le mani su appalti pubblici, miravano ai rifiuti, in Repubblica.it.
  8. ^ 'Ndrangheta in Toscana arresti e sequestro beni, in Gazzettadelsud.it. URL consultato il 09-10-2013.
  9. ^ 'Ndrangheta in Toscana: arrestate 5 persone sequestrati beni per 44 milioni di euro, in ilsole24ore.com. URL consultato il 09-10-2013.
  10. ^ 'Ndrangheta, blitz in varie regioni: 54 arresti, in fattoquotidiano.it, 24-06-2014. URL consultato il 24-06-2014.
  11. ^ 'Ndrangheta, blitz in varie regioni: 54 arresti, in repubblica.it, 24-06-2014. URL consultato il 24-06-2014.
  12. ^ ‘Ndrangheta, continua l’operazione Vulcano: Gdf arresta 15 persone per traffico internazionale di cocaina, in ilfattoquotidiano.it, 03-08-2016. URL consultato il 29-01-2017.
  13. ^ ‘Ndrangheta, massoneria e l’ex premier libanese: “Uno Stato parallelo dietro le latitanze gemelle di Dell’Utri e Matacena”, in ilfattoquotidiano.it, 23-05-2018. URL consultato il 31-05-2018.
  14. ^ ’Ndrangheta ai Castelli romani, tre arresti, in stampa.it, 11 luglio 2018. URL consultato l'11 luglio 2018.
  15. ^ Ndrangheta a Rocca di Papa: tre arresti nella cosca Molè.Ndrangheta ai Castelli: strutture ricettive in mano alla cosca Molè, sequestrati beni per 4 milioni di euro“, in romatoday.it, 11 luglio 2018. URL consultato l'11 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]