Anilina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anilina
formula di struttura
modello molecolare
Nome IUPAC
anilina
Nomi alternativi
fenilammina
amminobenzene
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H7N
Massa molecolare (u) 93,13
Aspetto liquido incolore (da giallo a bruno se impura)
Numero CAS [62-53-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,03
Costante di dissociazione basica a 293 K 3,81 × 10−10
Solubilità in acqua 36 g/l a 293 K
Temperatura di fusione −6,2 °C (267 K)
Temperatura di ebollizione 184 °C (457 K)
ΔebH0 (kJ·mol−1) 47,3
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) 31,6
C0p,m(J·K−1mol−1) 191,9
Indicazioni di sicurezza
Flash point 76 °C (349 K)
Limiti di esplosione 1,2 - 11% vol.
Temperatura di autoignizione 540 °C (813 K)
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta pericoloso per l'ambiente tossico a lungo termine corrosivo

pericolo

Frasi H 351 - 341 - 331 - 311 - 301 - 372 - 318 - 317 - 400
Consigli P 273 - 280 - 308+313 - 302+352 - 305+351+338 - 309+310 [1]

L'anilina (nota anche come fenilammina o amminobenzene) è un composto aromatico avente formula bruta C6H7N. È un'ammina primaria la cui struttura è quella di un benzene in cui un atomo di idrogeno è stato sostituito da un gruppo NH2. A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore quando è molto pura. Data la facilità con cui si ossida all'aria, l'anilina tende col tempo a scurirsi fino ad annerire.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'anilina fu isolata per la prima volta nel 1826 da Otto Unverdorben per distillazione dei prodotti di decomposizione dell'indaco. Fu inizialmente chiamata cristallina.

Nel 1834 F. Runge isolò dal catrame una sostanza capace di produrre un'intensa colorazione blu per trattamento con la calce e la battezzò cianolo.

Nel 1841 C. J. Fritzsche diede il nome di anilina all'olio ottenuto per trattamento dell'indaco con potassa caustica. Prese il nome dalla pianta di Indigofera anil, da cui l'indaco viene ricavato. A sua volta, anil deriva dal sanscrito nīla, blu scuro, e nīlā, la pianta dell'indaco. Più o meno nello stesso periodo il chimico russo Nikolaj Nikolaevič Zinin scoprì che per riduzione del nitrobenzene si ottiene un composto basico, che chiamò benzidam.

Fu infine August Wilhelm von Hofmann nel 1855 a dimostrare l'identità di questi preparati, tutti riconducibili ad un'unica sostanza, chiamata quindi anilina o fenilammina.

La prima produzione su scala industriale dell'anilina fu impiegata come intermedio della sintesi della mauveina, un colorante viola scoperto nel 1856 da William Henry Perkin. Viene utillizato anche per il "nero inferno", un colorante particolare usato dai calzolai per le pelli.

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

L'anilina può essere prodotta dal benzene in due passaggi. Dapprima il benzene viene nitrato, cioè fatto reagire con una miscela di acido nitrico e acido solforico concentrati per dare il nitrobenzene tramite una reazione di sostituzione elettrofila. Quindi il nitrobenzene viene ridotto ad anilina per reazione con diversi reagenti riducenti; tra essi l'idrogeno (in presenza di un catalizzatore) o un metallo (ferro, zinco o stagno) in presenza di acidi.

Molti derivati dell'anilina possono essere sintetizzati in modo simile.

Proprietà e reattività chimica[modifica | modifica wikitesto]

L'anilina è una sostanza con possibili effetti cancerogeni (frase di rischio R40) (cancerogena) e un veleno. È un liquido oleoso dall'odore caratteristico e dall'aspetto incolore, tuttavia nel tempo si ossida e produce impurezze resinose di colore rosso-bruno. Brucia facilmente con fiamma grande e fumosa. Dal punto di vista chimico è una base debole. Le ammine aromatiche come l'anilina sono in genere meno basiche delle ammine alifatiche, questo perché il doppietto elettronico dell'atomo di azoto è parzialmente condiviso con l'anello aromatico per risonanza ed è pertanto meno disponibile per essere ceduto a specie chimiche acide.

O=CH-CH=CH2 + C6H5-NH2 → C6H5-NH-CH2-CH=O

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

L'anilina ed i suoi sali possono essere identificati in una soluzione acquosa per aggiunta di poche gocce di soluzione satura di ipoclorito di calcio; si ottiene colorazione.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Il valore commerciale dell'anilina è legato alla sua versatilità come intermedio nelle sintesi chimiche industriali di prodotti quali farmaci, ausiliari e coloranti.

A partire dal 1858, l'anilina è stata la materia prima impiegata nella produzione di centinaia di sostanze coloranti, tra cui la fucsina, la safranina, l'indaco, il violetto di cobalto e molte altre.

Industrialmente, l'anilina è prodotta per riduzione del nitrobenzene con ferro e acido cloridrico, purificandola successivamente per distillazione in corrente di vapore.

Effetti per la salute[modifica | modifica wikitesto]

L'anilina è un cancerogeno riconosciuto per l'uomo. Provoca soprattutto tumori della vescica, ma anche tumori renali, cutanei, epatici e del sangue. Come molecola di per sé non è attiva, ma richiede previa metabolizzazione nel fegato attraverso processi di idrossilazione ad opera di enzimi dipendenti dal citocromo P450 (catena ossidativa dei microsomi). I principali derivati dell'anilina sono il para-ammino-fenolo e la 2,4-diossi-anilina; a loro volta, questi intermedi devono andare incontro a reazioni di ossido-riduzione per potersi trasformare nei loro rispettivi chinoni para-iminochinone e 2-idrossi-para-iminochinone.

Come tali queste molecole sono assai reattive (elettrofili) e reagiscono prontamente con specifici residui di proteine e con gli acidi nucleici instaurando un legame di tipo covalente. Nel caso delle proteine, se si tratta di enzimi questi possono essere permanentemente inattivati e devono essere degradati. Nel caso degli acidi nucleici (soprattutto il DNA) si verificano interazioni covalenti con le basi guanina ed adenina, che portano sia a legami crociati tra le eliche del DNA che a rotture delle stesse. A seconda dei geni, e della sede al loro interno, interessati si potranno avere variabili alterazioni del fenotipo cellulare (ad es. alterazioni in geni oncosoppressori possono rendere la cellula più soggetta a trasformazioni neoplastiche).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'anilina su IFA-GESTIS
  2. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "anilides"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia