Chinolina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chinolina
formula di struttura
Nome IUPAC
1-azanaftalene
Nomi alternativi
1-benzazene

benzo[b]piridina
1-azanaftalene

Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C9H7N
Massa molecolare (u) 129,16
Aspetto liquido da incolore a bruno
Numero CAS [91-22-5]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,09
Solubilità in acqua 6 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione −15 °C (258 K)
Temperatura di ebollizione 237 °C (510 K)
Tensione di vapore (Pa) a 293 K 8
Indicazioni di sicurezza
Flash point 107 °C (380 K)
Limiti di esplosione 1,2 - 7% vol.
Temperatura di autoignizione 480 °C (753 K)
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine irritante pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 350 - 341 - 312 - 302 - 319 - 315 - 411
Consigli P 201 - 273 - 302+352 - 305+351+338 - 308+313 [1]

La chinolina è un composto chimico eterociclico aromatico. Come l'isochinolina, è una molecola isoelettronica del naftalene. È nota anche con i nomi di 1-benzazene, benzo[b]piridina, oppure 1-azanaftalene.

A temperatura ambiente si presenta come un liquido altobollente di colore giallo pallido.

Trova uso come solvente nelle reazioni di decarbossilazione di composti organici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della chinolina su IFA-GESTIS

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]