TGR

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da TG Regione)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi TGR (disambigua).
TGR
TGR logo.svg
Logo in uso dal 2016
Titolo originaleTG Regione
Altri titoli
  • TG3 Regione (1979-1986)
  • Rai Regione (1986-1991)
  • Telegiornale3 Regione (1999-2002)
  • TGR (1991-1999, dal 2002)

PaeseItalia
Anno1979 - in produzione
Generetelegiornale
Durata4-20 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreVari
Casa di produzioneRai
Rete televisivaRai 3

Il TGR (Telegiornale Regionale) è il notiziario regionale di Rai 3.

Nato il 15 dicembre 1979 come parte integrante del TG3, tra 1986 e il 1987 fu scorporato e divenne una testata autonoma con il nome di Rai Regione, che nel novembre 1991 divenne TGR. Dall'8 marzo 1999 al giugno 2002 il telegiornale si fuse nuovamente con il TG3. La TGR è la testata giornalistica più grande d'Europa, comprendendo circa 850 giornalisti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Antesignani dei notiziari regionali sono i gazzettini radiofonici introdotti dall'EIAR, come il Gazzettino di Roma e del Lazio, il Gazzettino Padano - l'unico ancora esistente (in pratica è il GR della Lombardia) - il Gazzettino del Piemonte, il Gazzettino di Sicilia, il Gazzettino della Toscana.

Il 15 dicembre 1979, a seguito della riforma della Rai del 1975, cominciano le trasmissioni della terza rete televisiva del servizio pubblico, ora denominata Rai 3, nonché quelle del TG3, che agli inizi era un notiziario a carattere prevalentemente regionale. La prima edizione del telegiornale viene trasmessa alle 19.00 e la seconda alle 22.00.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 1986, in concomitanza con la progressiva trasformazione del TG3 in una testata a carattere nazionale, la testata regionale trova una propria autonomia, assumendo il nome Rai Regione e mettendo in onda i propri notiziari territoriali in questi orari: il GR regionale su Rai Radio 1 intorno alle 7:15 e su Rai Radio 2 intorno alle 12:15 (ciò fino alla riforma di Rai Radio che trasforma Rai Radio 1 in una rete d'informazione all-news con il conseguente trasferimento del notiziario di mezza giornata da Radio 2 a Radio 1), mentre il TG Regione, va in onda alle 14.00, alle 19.30 e a mezzanotte circa su Rai 3.

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 1991 la testata Rai Regione cambia nome in TGR, analogamente a quella della TGS (Testata Giornalistica Sportiva, attualmente denominata Rai Sport), e alla TSP (Testata Servizi Parlamentari, l'attuale Rai Parlamento). A partire dall'8 marzo 1999, la TGR viene inglobata insieme al TG3 nella testata Telegiornale 3 e i notiziari regionali prendono il nome di T3 (dal 2000 come TG3).

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2002 la Rai decise di ridare autonomia ai notiziari regionali scorporandoli dal TG3 e rilanciò la TGR, affidando alla direzione all'ex conduttrice del TG1 Angela Buttiglione. Per un breve periodo, la sigla del telegiornale regionale è stata basata su quella del TG3 nazionale (con un jingle diverso, la R al posto del 3 e la scritta TG REGIONE al posto di TELEGIORNALE 3), per poi utilizzare una veste grafica completamente nuova a partire dal 23 settembre 2002.

Dal 15 ottobre 2008 al 4 luglio 2012, in occasione dello switch-over al digitale terrestre in Italia, i telegiornali regionali realizzano servizi o collegamenti dai centri di trasmissione Rai in tutta Italia.

Ogni edizione dei telegiornali regionali va in onda in simultanea dalle sedi regionali (oppure dai centri di produzione) della Rai: per esempio il TGR Lombardia va in onda dal centro di produzione Rai di Milano, il TGR Emilia-Romagna in onda dalla sede Rai di Bologna, il TGR Toscana viene trasmesso dalla sede Rai di Firenze, il TGR Sicilia dalla sede Rai di Palermo, il TGR Lazio prima dal centro di produzione Rai di Via Teulada, poi (dal 1991) dal centro di produzione Rai di Saxa Rubra, il TGR Puglia dalla sede Rai di Bari e così via. Fanno eccezione:

  • il TGR Trentino-Alto Adige, in onda da due sedi Rai, quella di Bolzano e quella di Trento; nell'edizione delle 14:00 il telegiornale è uguale per tutta la regione, in quella delle 19:35 differisce la chiusura, mentre nell'edizione della notte la trasmissione avviene in modalità separata: la redazione di Bolzano trasmette un proprio tg in tutto l'Alto Adige, mentre la redazione di Trento trasmette un proprio tg in tutto il Trentino;
  • il TGR Friuli-Venezia Giulia, in onda da Trieste con collegamenti dalle piccole redazioni di Udine, Pordenone e Gorizia. Rai Friuli-Venezia Giulia, inoltre, trasmette, in diretta alle 20:30, su una rete televisiva attiva solo in quella regione autonoma, chiamata Rai 3 BIS FJK, il TDD ossia il telegiornale regionale in lingua slovena dedicato alla minoranza slovena presente nel territorio locale. Il TDD FJK adotta sigla, grafica e studio identici al TGR italiano.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2014 inizia il processo di rinnovamento tecnologico della struttura. Il primo telegiornale regionale a passare al formato d'immagine in 16:9 è quello del Trentino-Alto Adige, al quale seguono, tra fine giugno e inizio luglio dello stesso anno, quelli delle altre regioni. Il processo di digitalizzazione parte invece il 25 luglio 2014 con il Molise, per riguardare successivamente la Lombardia (29 luglio), il Lazio (31 luglio), la Sicilia (18 dicembre), il Friuli Venezia Giulia (19 gennaio 2015) e così via. Nel 2017 viene completato il processo di digitalizzazione di tutti i telegiornali regionali, con l'abbandono definitivo dei vecchi supporti di registrazione e delle antiche tecnologie di produzione e trasmissione.

Dal 4 luglio al 21 settembre 2015 è avvenuto un graduale processo di rinnovamento degli studi, della veste grafica, della sigla, del logo e del sito, iniziato dal Lazio (4 luglio), proseguito con l'Abruzzo (15 luglio), la Lombardia (21 luglio), la Campania (27 luglio), la Puglia e la Liguria (30 luglio), la Valle d'Aosta (3 agosto), il Piemonte (4 agosto), il Molise (7 agosto), il Trentino-Alto Adige (sia Bolzano che Trento - 11 agosto), la Basilicata (12 agosto), le Marche (26 agosto), l'Umbria (1º settembre), il Veneto e la Calabria (7 settembre), il Friuli-Venezia Giulia, la Toscana e l'Emilia-Romagna (14 settembre), la Sardegna (17 settembre) e conclusosi con la Sicilia (21 settembre).

Il 16 dicembre 2019, in occasione del 40º anniversario, la TGR ha rinnovato la propria sigla e la veste grafica, anche se logo e studi sono rimasti invariati[1].

Anni duemilaventi[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 dicembre 2020, in occasione del passaggio in DVB-S2 satellitare dei canali RAI vengono inseriti tutti i TGR visibili su Tivùsat HD[2].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il TGR va in onda tutti i giorni con tre edizioni quotidiane: 14:00, 19:35 e 00:10 circa (in estate va in onda intorno alle 23:40). Al termine di ogni edizione va in onda il meteo (in quella notturna, invece, il meteo va in onda poco prima del termine della stessa).

Sul canale regionale Rai 3 BIS FJK (presente solo in Friuli-Venezia Giulia) va in onda il telegiornale regionale in lingua slovena (TDD), con edizione unica alle 20:30, replicata intorno alla mezzanotte su TV Koper-Capodistria (nell'ambito del progetto TV transfrontaliera) e in tarda serata da TVSLO3, terza rete tv della televisione pubblica slovena RTV Slovenija.

Le sedi regionali della Liguria, delle Marche, del Piemonte e della Campania propongono un prodotto noto come TG Itinerante (oppure Tg in Esterna): periodicamente (di solito una volta alla settimana) il telegiornale regionale viene trasmesso da una località nella regione, oppure effettua lunghi collegamenti in diretta.

Rubriche[modifica | modifica wikitesto]

NOTA: I nomi delle rubriche segnati con il doppio asterisco (**) sono quelle a diffusione regionale (tutte le altre sono a diffusione nazionale, compresa la rubrica L'Italia de il Settimanale).

Attuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Bellitalia: Dedicata al patrimonio artistico e culturale italiano, inizialmente nel 1987, era una rubrica del TG2 nota con il nome di Bella Italia. Attualmente va in onda su Rai 3.
  • Buongiorno Italia: Rotocalco prodotto a partire dal 2010 dalla Testata Giornalistica Regionale con una panoramica sui fatti italiani e uno sguardo ai quotidiani. In onda dal lunedì al venerdì, dalle 06:59 alle 07:39. In apertura e chiusura del programma vengono trasmesse le previsioni del tempo.
  • Buongiorno Regione **: prodotto dalla Testata Giornalistica Regionale della Rai, va in onda dal 14 gennaio 2009, dal lunedì al venerdì, dalle 07:40 alle 08:00. Il programma è prodotto autonomamente dalle sedi regionali della Rai, ma pur differenziandosi in ogni edizione regionale; la scaletta segue comunque un'impostazione comune: in apertura viene letto il bollettino meteorologico regionale, per poi passare agli approfondimenti legati all'attualità del territorio. A seguire vi è in genere una pagina culturale, mentre in conclusione viene riletto il bollettino meteorologico e vi sono varie rubriche locali.
  • Estovest: Le tematiche di questa rubrica riguardano solitamente le regioni dei Balcani e dell’Europa orientale.
  • Il Settimanale: Rotocalco che si occupa d’attualità. Inchieste e approfondimenti sui grandi temi sociali, economici, ambientali e culturali analizzati con la lente della 'periferia'. Le Redazioni regionali raccontano come eventi e storie che dominano la cronaca italiana si traducono nelle realtà locali.
  • L'Italia de Il Settimanale: Versione estiva della rubrica Il Settimanale che ripropone i migliori servizi dell'ultimo anno.
  • Leonardo: Dedicata alla scienza, alla tecnologia e all'ambiente, nel settembre 2016 ha assorbito le tematiche di Ambiente Italia e la sua durata è stata portata da 10 a 15 minuti. Va in onda dal 1991.
  • Mediterraneo: Rubrica con servizi realizzati nei vari angoli dei Paesi del bacino del Mediterraneo. Va in onda dal 1991.
  • Mezzogiorno Italia: In onda dal 2017, è simile alla rubrica Mediterraneo ma con servizi girati nel Sud Italia.
  • Officina Italia: In onda dal 2015, è dedicata alle industrie e alle attività produttive nelle regioni italiane.
  • Petrarca: Rubrica dedicata alla letteratura e alla cultura in generale.
  • Piazza Affari: Nata nel 2011, è un approfondimento economico, con collegamenti dalla Borsa di Milano.
  • Rai Meteo Regionale **: Trasmette le previsioni meteorologiche delle singole regioni, trasmesse subito dopo il telegiornale. È curato da Rai Meteo, dal 2018.
  • RegionEuropa: Dedicata al rapporto tra le regioni e l’Unione Europea, va in onda dal 2006.

Regionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Break in Libreria: Dal 2010 va in onda ogni sabato all'interno del TGR Puglia.
  • Calcio d'Angolo: È trasmessa dal 2016 all'interno del TGR Toscana.
  • Decameron: In onda dal 2016 all'interno del TGR Calabria.
  • Elzeviro: Rubrica di storia in onda dal 2016 all'interno del TG della Calabria.
  • Estate Decameron: Nata nell'estate 2016 all'interno dei TG della Calabria e Liguria, solo durante il periodo estivo.
  • Il nostro Weekend: In onda all'interno del TG del Lazio durante il periodo estivo.
  • Lo scaffale: Rubrica dedicata ai libri in uscita in libreria, in onda all'interno del TGR Marche e Campania.
  • Notti d'estate: È uno spazio all'interno del TG del Lazio in onda durante il periodo estivo.
  • Sportello Salute: In onda dal 2009 all'interno del TG del Lazio. è a cura di Paola Aristodemo.
  • TG Itinerante: In onda all'interno dei TG della Liguria, delle Marche, del Piemonte e della Campania.
  • TGR Sport: È andato in onda in tutti i TG regionali per moltissimi anni; dal 2016 va in onda solo nei TG della Calabria e della Campania con il nome di Sport Regione.

Cessate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tgr, nuovo look per i 40 anni di attività, su RAI Ufficio Stampa. URL consultato il 19 agosto 2020.
  2. ^ Tgr, elenco canali su TivùSat HD &/o 4K, su TivùSat.Tv. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  3. ^ Iervolino e Trombetti: non chiudete Neapolis (La Repubblica Napoli), su editoria.tv. URL consultato il 5 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2018).
  4. ^ La Rai vuole cancellare «Neapolis»? Redazione del Tgr in stato agitazione, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 5 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]