Moby Duck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moby Duck
Le storie della baia.jpg
Moby Duck (a sinistra) nella copertina della Definitive Collection n. 13
UniversoDisney
Lingua orig.Inglese
AutoreVic Lockman
DisegniTony Strobl
EditoreWestern Publishing - Gold Key
1ª app.Marzo 1967
1ª app. inDonald Duck n. 112
Editore it.Arnoldo Mondadori Editore
app. it.15 ottobre 1967
app. it. inTopolino n. 620
Voce orig.Paul Frees
SpecieAnatra
SessoMaschio
ProfessioneMarinaio

Moby Duck è un personaggio immaginario dei fumetti Disney, ideato dallo sceneggiatore Vic Lockman e dal disegnatore Tony Strobl nella storia Paperino con Moby Duck (sulla scia d'una balena) (A Whale of an Adventure), pubblicata nel marzo 1967 su Donald Duck n. 112 e in Italia sette mesi dopo su Topolino n. 620.

Caratterizzazione e apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Parodia del romanzo Moby Dick di Herman Melville, Moby è un'anatra antropomorfa che lavora come marinaio. Energico e a volte maleducato, vive nella sua piccola baleniera ormeggiata nel porto di Paperopoli e molto raramente si spinge in città. Più spesso vaga per i mari e per gli oceani a caccia di cetacei o a pescare, accompagnato dal suo assistente un po' tonto Paperotto (Dimwitty Duck) e dal delfino ammaestrato Porpy. Spesso si ritrova ad aiutare Paperon de Paperoni contro la minaccia della Banda Bassotti.

Le storie della Baia[modifica | modifica wikitesto]

Ultimamente è apparso in una serie di episodi a fumetti a partire da Topolino n. 2380 intitolata Le storie della Baia. È uno dei protagonisti della saga, assieme con Paper Hoog (Paperoga) e il gabbiano Trippa.

Apparizioni nell'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 ottobre 1968 Moby Duck apparve per la prima volta in versione animata, come presentatore dell'episodio di Walt Disney's Wonderful World of Color "Pacifically Peeking". In tale occasione fu animato da Ward Kimball e doppiato da Paul Frees. Successivamente fece un breve cameo tra il pubblico nell'episodio di House of Mouse - Il Topoclub "House of Crime".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney