Luoghi immaginari di PK

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ducklair Tower)
Jump to navigation Jump to search

Elenco delle ambientazioni presenti nelle serie a fumetti di PK e DoubleDuck con protagonista Paperinik, pubblicate dalla della Disney Italia.

Luoghi di Paperopoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 00 Channel: è un'emittente televisiva; il network - spesso chiamato Canale 00 o Canale doppio zero nei dialoghi tra i personaggi - è il più importante di Paperopoli. È conosciuto fondamentalmente per il suo notiziario (chiamato 00 News) e per la soap opera Patemi.
  • La Century Ltd (o semplicemente Century) è un'immaginaria fabbrica abbandonata che appare nelle serie a fumetti PK² e PK - Pikappa. Si trova alla periferia di Paperopoli e appartiene a Lyonard D'Aq.Esiste da talmente tanto tempo che era già in rovina ai tempi in cui paperino era piccolo, come viene da lui detto in PK², in cui viene anche utilizzata da alcuni malviventi come "parcheggio" dei loro mezzi rubati.
  • Ducklair Tower: grattacielo di 150 piani, almeno ufficialmente. Infatti l'edificio, costruito dal genio miliardario Everett Ducklair, nasconde un ulteriore piano in superficie e numerosi piani sotterranei. Il 151º piano è sede dell'intelligenza artificiale Uno, compagna d'avventura di PK, si può trasformare in un'astronave. È accessibile da numerose entrate segrete poste per esempio nelle fogne, in dei silos per l'acqua sui tetti dei palazzi circostanti o nei tubi di scarico dell'astronave. I livelli sotterranei sono utilizzati come laboratori segreti, magazzini, ma soprattutto come parcheggi per i supermezzi di PK. Non vengono mai esplorati completamente dall'eroe mascherato. Il nome della torre è ispirata a quella della Wayne Tower di Batman.
  • Il Duckmall Center è un immaginario centro commerciale che appare nelle serie a fumetti di PK. Si trova a Paperopoli, e nella serie PKNA ha un ruolo marginale: fa la sua prima apparizione con questo nome solo in PKNA #14, nonostante anche in PKNA #13 appaia un centro commerciale simile chiamato però "Commercial Duckburg Center". L'edificio acquista invece maggiore importanza in PK², in quanto sede di lavoro per Paperino. Molti dei protagonisti di PK² lavorano al Duckmall: tra gli altri, troviamo, per esempio, i colleghi di Paperino: Mortimer Bloom, Rupert Potomac, la commessa Stella Nice, Tempest Gale e Fitzroy. La mascotte del Duckmall è un tondo pulcino rosa di nome Waldo, e il suo slogan è: "Se non c'è al Duckmall, non esiste".
  • Quacktico è un quartiere immaginario che appare nella serie a fumetti PKNA - Paperinik New Adventures. Appare per la prima volta in PKNA Speciale 97. Sede dell'ente fittizio PBI, si trova alla periferia di Paperopoli e il suo nome è un'evidente parodia di Quantico (Virginia) (sede dell'FBI).
  • Il Papersera è un giornale stampato e venduto a Paperopoli; per estensione, il nome indica anche il palazzo che ne è sede, situato nel centro di Paperopoli; tanto il palazzo quanto il giornale appartengono a Paperon de' Paperoni, e qui lavorano spesso Paperino e Paperoga, e più raramente Paperina, o magari anche Angus Fangus. Ideato negli Stati Uniti, compare in parecchie storie scritte in America ma anche in Italia e in Brasile.

Altri luoghi sul pianeta Terra[modifica | modifica wikitesto]

Altri pianeti[modifica | modifica wikitesto]

  • Armadha è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PK². Ha un ambiente molto inospitale, infatti vi si trovano due deserti di ghiaccio e due deserti di fuoco, e l'atmosfera è mantenuta artificialmente grazie a delle fabbriche d'aria. L'economia è basata sull'esportazione di mercenari, che costituiscono l'unica risorsa del luogo. La maggior parte della popolazione e delle infrastrutture si trova nella Darkstep Valley, unico polo tecnologico del pianeta, dove vengono prodotte e vendute (a prezzi esorbitanti) armi di ogni genere, impiegate dai mercenari di Armadha nei loro combattimenti. Da questo pianeta provengono il Colonnello Neopard e la sua fidanzata Dama Elenthari Lleyr Dalagh, in arte Capitana Alyonesse, oltre al sergente Q'wynkennon, fedele robot al servizio di Neopard.
  • Corona è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti di PK. Possiede cinque satelliti naturali, Nexor, Rigah, Leerah, Juniper e Korinna, e due artificiali, noti come Stazione Orbitante JK-1 e Stazione Orbitante JK-2. È raffigurato come un corpo celeste azzurro, mentre le sue lune sono di colori diversi: Juniper e Korinna sono rosse, Leerah è viola, Rigah è gialla e Nexor è verde chiaro. Qui scienza e natura hanno raggiunto l'equilibrio ideale, e tecnologia ed ecologia convivono in perfetta simbiosi, ma per raggiungere questo straordinario traguardo il popolo coroniano ha dovuto sacrificare le emozioni e i desideri del singolo individuo a favore della collettività, mediante un governo rigido e severissimo formato solo da individui di sesso femminile. Ogni abitante di Corona, infatti, ha poteri psichici più o meno sviluppati, ma le donne ne possiedono in misura nettamente maggiore e quindi sono più adatte a governare. Il governo ha sede nel palazzo dell'Alta Corte, alto centocinquantuno piani, all'ultimo dei quali si trova la Camera delle Delibere, il cui ingresso è regolato da uno scanner cerebrale che identifica i tracciati mentali degli eletti al rango di governatori, e attiva il teletrasporto collegato con l'interno, in modo da permettere l'accesso solo alle persone autorizzate. Durante gli eventi narrati nella seconda saga di PK, al governo di Corona c'è la regina Artana VI. È il pianeta d'origine di Everett Ducklair, Korinna Ducklair e Juniper Ducklair, nonché della loro madre Serifa, parlamentare rimasta su Corona durante le vicende di PK². Viene anche nominato in PK - Pikappa come pianeta d'origine dell'aliena Juniper, di cui non vengono però meglio specificati i legami parentali. Nella nuova serie PKNE - Paperinik New Era, si scopre che era governato anche sul pianeta dall'ex tiranno Moldrock, vecchio nemico di Everett.
  • Dundain è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PK - Pikappa. Si veda PK 006.
  • En'tomek è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PKNE - Paperinik New Era. Si veda PKNE #4.[4]
  • Evron: Planetoide artificiale mobile evroniano, viene visitato da PK solo in PKNA - Paperinik New Adventures

Curiosità: nella ministoria "Il giudizio", su PK - Pikappa, l'eroe mascherato viene costretto a fare da arbitro a un combattimento tra Gorthan e un altro generale

  • Il Pozzo è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PKNA - Paperinik New Adventures, PK - Pikappa e PKNE - Paperinik New Era. È un planetoide artificiale utilizzato come carcere dagli Evroniani: lì sono rinchiusi i più pericolosi criminali e mutanti che hanno osato opporsi all'Impero Evroniano (in questo senso ricorda molto il pianeta Kessel di Guerre stellari, o il pianeta Minaris di Topolino e i Signori della Galassia, a sua volta ispirato a Kessel, o ancora il planetoide Rura-Penthe, prigione dell'impero Klingon). È comandato dal controllore Raknar. Secondo Rankar, il nome "Pozzo" sarebbe stato inventato proprio dai prigionieri. Raknar ne spiega il motivo al capo-branca Gorthan: "Nessuno può uscirne da solo. Ma può capitare di venire tirati su... se l'Impero ha un lavoro troppo sporco. O troppo pericoloso.". Per sedare rivolte o reprimere attacchi, i guardiani evroniani adoperano un elaborato macchinario chiamato "il Castigatore", che appare in PKNA #10.
  • Ergon: Gli Ergoniani sono un'immaginaria razza extraterrestre che appare nella serie a fumetti PKNA - Paperinik New Adventures. Del loro pianeta d'origine non si sa niente, neanche il nome preciso (gli appassionati nelle loro fanfiction lo chiamano Ergon[5]), tranne il fatto che si trova nello stesso sistema planetario di Evron. L'unico ergoniano che appare nella serie è Tarkoz (in PKNA #25).
  • Soma-syntex è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PKNA - Paperinik New Adventures.
  • Valium è un pianeta immaginario che appare nella serie a fumetti PKNA - Paperinik New Adventures.
  • Xerba: La civiltà di Xerba, pianeta orbitante intorno a una cefeide azzurra, era principalmente basata sullo studio di ogni forma di scienza. Non ne conosciamo le caratteristiche fisiche, che comunque si suppone siano molto simili a quelle della Terra. Il centro urbano più importante è la città di Xaletra. Gli Xerbiani strinsero un accordo con il malvagio Impero Evroniano e permisero loro l'atterraggio. Ingannandoli, gli Evroniani distrussero il pianeta e coolflamizzarono tutti gli abitanti, tranne alcuni che riuscirono a fuggire a bordo di tre navi interstellari: la Xabra, la Xenia e la Antra. Una parte di colpa nell'invasione fu dalla dottoressa Xado, alias Xadhoom, che faceva parte del consiglio di governo xerbiano. Assorbita dai suoi esperimenti non si preoccupò di disporre una difesa preventiva. In PKNA ha una -per così dire- personale sottotrama arricchita dal personaggio di Xadhoom, che vuol dire creditore. Già, creditore, perché prima di mutare -in seguito ad un esperimento- la xerbiana in questione era la dottoressa Xado, ovvero colei che spinse gli xerbiani ad accogliere gli evroniani, considerandoli, seppur erroneamente, un popolo pacifico. In PK, invece, viene solo citato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Appare nei numeri PKNA #2 - Due PKNA Speciale 97 - Missing PKNA #38 - Nella nebbia PKNA #48 - Le parti e il tutto PKNA #49/50 - Se... PKNE #5 - Il marchio di Moldrock Episodio 1 del numero 3205. Episodio 2 del numero 3206. Episodio 3 del numero 3207. Episodio 4 del numero 3208.
  2. ^ Recensione di Fuoco incrociato in it.fan.pikappa
  3. ^ Appare nei numeri PKNA #21 - Tyrannic PKNA #42 - La sindrome di Ulisse PKNA #45 - Operazione Efesto DD #16 - Codice Olimpo Episodio 1 del numero 2954. Episodio 2 del numero 2955. Episodio 3 del numero 2956. Episodio 4 del numero 2957. DD #27 - Timecrime Episodio 1 del numero 3153. Episodio 2 del numero 3154.
  4. ^ Appare nei numeri PKNE #4 - Cronaca di un ritorno Episodio 1 del numero 3181. Episodio 2 del numero 3183. Episodio 3 del numero 3184. Episodio 4 del numero 3185.
  5. ^ Dal sito Pkers[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]