Giovan Battista Carpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carpi, a sinistra, stringe la mano a Will Eisner, a Lucca nel 1998. Sullo sfondo Gianfranco Goria e Luca Boschi

Giovan Battista Carpi (Genova, 16 novembre 1927Genova, 8 marzo 1999) è stato un fumettista e illustratore italiano ritenuto un maestro e uno dei massimi autori di fumetti italiani,[1][2][3][4][5] non solo della Disney, ideatore di personaggi storici del fumetto italiano come Geppo e Nonna Abelarda,[6][7][8][9] sviluppò uno stile personale che sarà ispirazione per molti altri artisti successivi.[7].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La prima volta che lo incontrai fu in occasione di una sua visita, negli studios di Burbank, parecchi anni fa. Mi colpirono la sua umiltà e gentilezza. Lo conobbi meglio in seguito e la parola che per me più gli si addice è "gentleman". Ma potrei anche definirlo "the master duck artist of Italy". (il maestro italiano dei paperi)
(Greg Crosby parlando di G.B.Carpi)

Nasce a Genova dove poi frequenta l'accademia di belle arti e lo studio del pittore Giacomo Picollo; esordì come disegnatore di fumetti nel 1945, pubblicando sul settimanale Faville storie della serie della famiglia Serafini. Inizia poi a collaborare con Lo Scolaro, la Gazzetta dei piccoli per la quale disegna "Sparagrosso, Cacciatore in Africa" ​e altre riviste.[10][1][7]

Due anni più tardi si trasferisce a Milano dove fa alcune esperienze nell'animazione presso lo studio dei fratelli Pagot[10] lavorando a I fratelli Dinamite, primo lungometraggio europeo a colori, e pubblicando la serie Celestino al centro della Terra, sulla rivista Giornalino del Carroccio, nel 1947, edita a puntate di una pagina ciascuna.[1][7] Continua a occuparsi di illustrazione e fumetti per ragazzi oltre che di vignette comiche e nel 1951 vincerà, per queste, il premio “Candido” per il disegno umoristico.[1] Inoltre lavora come illustratore per diverse case editrici, come De Agostini, Corticelli, Tipys e Messaggerie Musicali.[7]

La rivista Topolino, edita dalla Mondadori, a seguito del cambio di periodicità, da mensile a quindicinale, abbisognava di una maggiore produzione di storie a fumetti in quanto quelle che arrivavano dagli Stati Uniti iniziavano a non essere sufficienti e vennero ricercati nuovi autori per realizzarle direttamente in Italia[11] e così, nel 1953 venne quindi assunto come disegnatore.[1][7] In principio, dato che avrebbe voluto continuare a disegnare storie e personaggi suoi, propose a Mario Gentilini, direttore della testata, un alto stipendio per scoraggiarlo ma questi invece gli offrì il doppio;[senza fonte] 68Carpi accetta e il 18 ottobre, sul n. 42 degli Albi d'Oro, esordisce con la sua prima storia Disney, inchiostrata da Giulio Chierchini, Paperino e il suo fantasma, su testi di Guido Martina;[1] la prima storia con il personaggio di Topolino fu del 1954, “Topolino e il pesce cannibale”, pubblicata sul n. 14 degli Albi d'Oro del 1954 e realizzata sempre insieme a Chierchini con il quale collaborerà fino al 1955, per poi iniziare a inchiostrare da solo le sue tavole; “Paperino e la corsa del baleno” (Albi d'Oro n. 36 del 9 settembre 1956) è la prima storia che realizzò interamente da solo;[1] è il primo a disegnare Gambadilegno senza la tipica gamba di legno degli esordi[12]. Oltre a storie a fumetti, inizierà presto a realizzare anche copertine per le serie Albi d'Oro, Almanacco Topolino, I Classici di Walt Disney e molte altre pubblicazioni speciali. Dal 1969 realizza le illustrazioni della collana dei Manuali delle Giovani Marmotte,[13][1][14] che verrà tradotta in tutto il mondo, e poi anche quelle delle collane “Enciclopedia Disney”, “In giro per il mondo con Disney” e “Avventure nella natura”; disegna anche la copertina di Epoca per commemorare la scomparsa di Walt Disney nel 1966.[1] Nel 1968, durante un collegamento con gli stabilimenti Mondadori all'interno di una puntata di Canzonissima '68, Carpi - intervistato con Mario Gentilini da Luigi Silori - disegnò in diretta una tavola di Topolino e venne rivelato per la prima volta pubblicamente che le storie di Topolino erano realizzate in Italia nonostante la firma di Disney.[15][16]

Parallelamente agli impegni con la Mondadori, collabora con uno studio di Genova insieme a Giulio Chierchini ed Ernesto Piccardo, insieme ai quali realizza le storie di Geppo, Volpetto, Nonna Abelarda e altri come Soldino; i personaggi saranno protagonisti di storie pubblicate dalle edizioni Bianconi.[10][7][6] Seguiranno altri personaggi come la cornacchia Chico, il trapper Raviolo Kid, i girovaghi del medioevo Salvatore e Chitarrone, Beniamino Clorofilla e Zero, oltre al gigante Gargantua, ripreso da Carpi nel 1979, e a Dodo, realizzato per Airone Junior, rivista che poi prese il nome del suo personaggio principale.[17][10]

Lavora nel 1963 anche come disegnatore anche per la testata "Bertoldo", edita da Gino Sansoni, oltre a realizzare, dal 1965 al 1966, storie della serie tedesca Fix und Foxi edita da Kauka Verlag. Per Mondadori illustra anche serie non della Disney come "Pixi e Dixi" e "Yoghi" pubblicate su Braccobaldo alla fine degli anni sessanta.[7]

Nel 1969, da un'idea di Elisa Penna e su testi di Guido Martina, realizza la caratterizzazione del personaggio di Paperinik, alter ego di Paperino, e che rimarrà punto di riferimento degli altri disegnatori del personaggio. Ne disegna anche la storia di esordio, Paperinik il diabolico vendicatore, pubblicata sui numeri 706 e 707 di Topolino.[1][7] Realizza poi alcuni episodi della celebre saga a fumetti della Disney, Storia e gloria della dinastia dei paperi, alternandosi con Romano Scarpa, edita su Topolino nel 1970. Con Marco Rota e Luciano Bottaro realizza, nel 1972, la saga dell'Operazione Olimpiadi.

Una delle sue ultime creazioni fu "Gargantua", che apparve sulla rivista Smack del 1979.[7]

È noto anche per essere stato uno dei principali interpreti della serie di storie note come Parodie Disney, nella quale i personaggi Disney interpretano i capolavori della letteratura, del cinema e dell'opera come ad esempio Paperino fornaretto di Venezia del 1964, Paperino e il vento del Sud del 1982, Guerra e Pace del 1986, Il mistero dei candelabri del 1989, Paperina Butterfly del 1994.[1][18]

Negli anni ottanta disegna la saga di Messer Papero, (1983), sempre su testi di Martina, raccolta poi in volume nel 2004; nel 1986, la testata Topolino, in collaborazione con il Touring Club Italiano, organizza una vacanza-studio in Inghilterra che lo vede come insegnante della comitiva di ragazzi; l'anno dopo realizzerà una storia per celebrare il ripetersi dell'evento: Paperino, Paperone e i magnifici 95.

Con il passaggio delle testate Disney dalla Mondadori alla Disney Italia, nel 1988 lo incarica di fondare e dirigere una una scuola, l'Accademia Disney, dove crescere i nuovi autori - disegnatori, illustratori e sceneggiatori - della vasta produzione Disney.[1][7] Un gruppo di vari allievi dell'Accademia, nel 1992 realizza, seguendo i suoi layout, la storia Paperino e il mistero di Lucca.

La produzione più significativa di questo periodo è racchiusa nella collana “Walt Disney presenta” dove realizza opere dal taglio iperrealistico, coinvolgendo alcuni allievi dell'accademia; nel primo volume, Walt Disney presenta Topolino, del 1992, realizza, dopo i primi esperimenti di qualche anno prima, la serie delle “storie dipinte”, ovvero realizzate con particolari tecniche di colorazione, realizzando “Topolino e il mistero dell’Apprendista Stregone”.[1]

Disegnò praticamente fino alla conclusione della sua vita, lasciando un'incompiuta: Zio Paperone e il mistero della lira celtica le cui prime tavole vennero poi pubblicate postume su n.15 de I Maestri Disney.

Oltre alla serie di storie con Paperinik (del quale ha anche disegnato Paperinik e il ritorno a Villa Rosa) ha all'attivo storie di ambientazione fantascientifica (Zio Paperone e le guerre planetarie, Zio Paperone e la corona di luce, Paperino e il pianeta Esalion, Zio Paperone e la fattoria orbitale), spesso ispirate a saghe cinematografiche come Guerre stellari.

Morì a Genova l'8 marzo 1999.[10][7]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Giovan Battista Carpi, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 aprile 2019.
  2. ^ Mickey 90 - L'arte di un sogno • Sbam! Comics, su Sbam! Comics, 18 ottobre 2018. URL consultato il 24 aprile 2019.
  3. ^ Francesco Borgoglio, BadHITS: le 13 Signore del fumetto italiano, su BadComics.it, 28 dicembre 2015. URL consultato il 24 aprile 2019.
  4. ^ La Redazione, Notizie - Il magazine "Topolino" festeggia 70 anni, su Lo Spazio Bianco, 2 aprile 2019. URL consultato il 24 aprile 2019.
  5. ^ Topolino compie 90 anni: arriva una grande mostra a Desenzano del Garda – C4 Comic, su c4comic.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  6. ^ a b RW/Lineachiara: Nonna Abelarda • Sbam! Comics, su Sbam! Comics, 25 giugno 2015. URL consultato il 24 aprile 2019.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Giovan Battista Carpi, su lambiek.net. URL consultato il 19 aprile 2019.
  8. ^ Ettore Gabrielli, - Geppo: una vita d'inferno (Bianconi, Carpi), su Lo Spazio Bianco, 18 novembre 2002. URL consultato il 24 aprile 2019.
  9. ^ Michele Garofoli, - Novità da RW - Lineachiara: The Spirit, Superworld e Nonna Abelarda, su Lo Spazio Bianco, 2 aprile 2014. URL consultato il 24 aprile 2019.
  10. ^ a b c d e FFF - Giovan Battista CARPI, su www.lfb.it. URL consultato il 19 aprile 2019.
  11. ^ Andrea Tosti, Romano Scarpa, maestro dei Disney italiani, su Fumettologica, 30 novembre 2018. URL consultato il 24 aprile 2019.
  12. ^ Astralpippo n.9999!, su Topolino n. 234 e 235 del 1960
  13. ^ La Redazione, - Gli iBook de "Il Manuale delle Giovani Marmotte" e "Il Manuale di Nonna Papera", su Lo Spazio Bianco, 3 aprile 2014. URL consultato il 24 aprile 2019.
  14. ^ Il Manuale delle Giovani Marmotte, ai tempi dell'ebook, su Fumettologica, 4 aprile 2014. URL consultato il 24 aprile 2019.
  15. ^ Giovan Battista Carpi a Canzonissima 1968, intervistato da Luigi Silori
  16. ^ Quando gli autori Disney andarono in tv da Magalli, su Fumettologica, 21 agosto 2017. URL consultato il 24 aprile 2019.
  17. ^ "Dodo", periodico oggi scomparso un tempo edito dalla Giorgio Mondadori Editore (ex "Airone Junior"), su lucianobottaro.it. URL consultato il 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2010).
  18. ^ Andrea Bramini, Approfondimenti - Zio Paperone nelle parodie di G.B. Carpi, su Lo Spazio Bianco, 23 dicembre 2017. URL consultato il 24 aprile 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre agli albi de I Maestri Disney a lui dedicati (l'1, l'8, il 15, il 23), è da aggiungersi anche Topolino - 70 anni di carta (Tutto Disney n. 20 del novembre 2002), albo nel quale ci sono brevi informazioni anche su molti altri autori Disney.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31994066 · ISNI (EN0000 0000 5942 7608 · SBN IT\ICCU\CFIV\028506 · LCCN (ENnb2017009751 · BNF (FRcb118952814 (data)