Gino Sansoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gino Sansoni (Rocca San Casciano, 4 settembre 1907Milano, marzo 1980) è stato un editore italiano, attivo a Milano fino agli anni Settanta del secolo XX.

Personaggio molto estroso, membro dell'informale "Club del Giovedì" che si riuniva intorno a Gianni Brera. Squadrista a quattordici anni, durante il regime fascista venne inviato al confino per contrasti con il partito. Nel dopoguerra non si interessò più alla politica attiva.[1]

Nella sua attività come editore ha usato vari marchi editoriali: come C.E.A. (Casa Edistrice Astoria), Gino Sansoni Editore, I.L.E. (Istituto Librario Editoriale), Astoria, Astor ed altri minori.[senza fonte] La casa editrice di Sansoni adottava il nome Astoria per alcune pubblicazioni mentre per altre, come il mensile a fumetti horror, venne impiegato la denominazione Gino Sansoni Editore.[2]

Proprietario della casa editrice Astoria con sede in piazza Cadorna a Milano[3] con la quale pubblicò alcune testate - definite “chiuse” in quanto per poterle leggere occorreva tagliare la copertina ed era quindi impossibile restituirle all'edicola - con le quali pubblicava foto e racconti erotici a volte ristampandoli semplicemente cambiandone i titoli e, nei fumetti, modificandone i disegni spogliando o rivestendo le protagoniste in funzione del momento e dell'attenzione della censura. Fra le pubblicazioni più vendute ci fu Parigi nuda, esordita in realtà nel 1955 come Pietà per i bambini grandi, racconto con una torbida vicenda amorosa che ottenne successo grazie all'idea di Sansoni di modificarne il titolo e la copertina e come Parigi nuda, venne ripubblicato per sedici anni senza sostanziali differenze.[1]

Ha pubblicato riviste di qualità, come il magazine a fumetti Horror e i “pocket”, di volumi cartonati a fumetti come il Pinocchio realizzato da Giovanni Manca, la collana Il Mistero e altre pubblicazioni di buon livello che non si limitavano a cavalcare l’onda delle mode delle tendenze del momento, ma innovando e cercando nuove strade. Oltre a queste pubblicò, sfruttando il successo che godeva negli anni sessanta la fantascienza, pubblicò alcune riviste come Superfantascienza illustrata (1961-62), più grandi scrittori del futuro (1962), I racconti del Terrore (1962-63).[1]

Nel 1963 fondò la rivista Forza Milan!.[1]

Sposato ad Angela Giussani (poi separato), il nome del personaggio dell'Ispettore Ginko (l'arcinemico di Diabolik) viene dal suo nome con l'aggiunta di una "k".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (IT) Diario Storico: Sansoni Editore - Fantasy & Fantascienza, in Fantasy & Fantascienza, 06 aprile 2017. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  2. ^ Carlo Scaringi, Il mito Diabolik, Gremese Editore, 2003, ISBN 9788884400888. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  3. ^ a b Così l'Angela del fumetto stregò tutti con il "diavolo", in ilGiornale.it. URL consultato il 25 gennaio 2018.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie