Topolino alpinista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Topolino alpinista
Alpine Climbers.png
Titolo originale
Titolo originaleAlpine Climbers
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1936
Durata9 min
Rapporto1,37:1
Genereanimazione, commedia
RegiaDavid Hand
ProduttoreWalt Disney
Casa di produzioneWalt Disney Productions
Distribuzione (Italia)ENIC
MusicheAlbert Hay Malotte
AnimatoriNorman Ferguson, Dick Huemer, Grim Natwick, Bill Roberts
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
1º ridoppiaggio (1985)

2º ridoppiaggio (1990)

Topolino alpinista (Alpine Climbers) è un film del 1936 diretto da David Hand. È un cortometraggio d'animazione della serie Mickey Mouse, distribuito negli Stati Uniti dalla United Artists il 25 luglio 1936. L'anno seguente partecipò in concorso alla 5ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[1] Nel film appare per la prima volta un San Bernardo che, dopo essere riapparso pochi mesi dopo nel corto Gattini in festa,[2] fu impiegato nei fumetti come cane domestico di Paperino col nome di Bolivar. A partire dagli anni novanta, il cortometraggio è più noto col titolo Gli alpinisti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Topolino nella scena d'apertura

Topolino, Paperino e Pluto stanno facendo un'escursione in montagna. Paperino si mette a raccogliere stelle alpine, ma viene infastidito da una capretta di montagna. Topolino, invece, scopre un nido di aquila e comincia a prenderne le uova, ma viene attaccato dall'aquila madre. Per difendersi le tira addosso le uova, che si schiudono. Una di esse cade vicino a Pluto, e il cane, inseguendo l'aquilotto che ne esce, finisce congelato in un mucchio di neve. Bolivar gli fa bere del vino per riscaldarlo, ma Pluto ne resta ubriaco e comincia a infastidire il cagnolone. Nel frattempo Paperino se la deve vedere anche con il padre della capretta, ma riesce a batterlo. Poi corre a salvare Topolino, ancora attaccato dall'aquila, ma si attira addosso la furia dell'uccello. Infine i due atterrano nella cuccia di Bolivar, e vedono Pluto e il cagnolone, entrambi ubriachi, che ululano allegramente.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito in Italia nel 1939 in lingua originale.[3] Fu doppiato per la prima volta nel 1948 in occasione di una riedizione cinematografica (i dati di questo doppiaggio sono ignoti).[4] Altri due doppiaggi furono eseguiti dalla Royfilm per l'inclusione nelle VHS Cartoons Disney 4 dell'ottobre 1985[5] e Sono io... Topolino del marzo 1990 (quest'ultimo poi utilizzato in tutte le successive occasioni).[6] Non essendo stata registrata una colonna internazionale, in tutti i casi è stata alterata la musica presente durante i dialoghi.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord
  • Life with Mickey! (1985)
Italia
  • Cartoons Disney 4 (ottobre 1985)
  • Sono io... Topolino (marzo 1990)
  • Topolino apprendista scalatore (settembre 1994)
  • Topolino: un eroe... mille avventure (19 settembre 2000)[7]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Una volta restaurato, Topolino alpinista fu distribuito in DVD nel primo disco della raccolta Topolino star a colori, facente parte della collana Walt Disney Treasures e uscita in America del Nord il 4 dicembre 2001[8] e in Italia il 21 aprile 2004. In America del Nord fu incluso anche nel volume 3 della collana It's a Small World of Fun (uscito il 13 febbraio 2007), mentre in Italia è presente nei DVD 3, 2, 1... è Natale! del 4 dicembre 2002, Topolino: sole, sale e sport del 29 giugno 2006 e Paperino e i corti di Natale del 5 dicembre 2012 (in quest'ultimo caso con un nuovo restauro).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annali 1937 - USA, su asac.labiennale.org, ASAC. URL consultato l'11 agosto 2016.
  2. ^ (EN) Russell Merritt e J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies: A Companion to the Classic Cartoon Series, Gemona del Friuli, Cineteca del Friuli, 2006, pp. 184-185, ISBN 8886155271.
  3. ^ Scheda del nulla osta, su italiataglia.it. URL consultato il 16 agosto 2016.
  4. ^ Nicola de Pirro, Duplicato del nulla osta (PDF), su italiataglia.it, 15 novembre 1948. URL consultato il 17 agosto 2016.
  5. ^ Cartoons Disney 4, su VHS Walt Disney, 22 febbraio 2017. URL consultato il 24 febbraio 2017.
  6. ^ Sono Io…Topolino, su VHS Walt Disney, 8 dicembre 2016. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  7. ^ Allegata a Topolino n. 2338.
  8. ^ (EN) David Willis, Mickey Mouse in Living Color DVD Review, su dvdizzy.com, p. 1. URL consultato il 29 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]