José Rui Lopes Águas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rui Águas
Nome José Rui Lopes Águas
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 179 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Attaccante)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
1972-1974 Benfica
1974-1977 C.A.C.
1977-1978 Sporting Lisbona
Squadre di club1
1980-1982 Sesimbra ? (?)
1982-1983 Atlético CP ? (?)
1983-1985 Portimonense 46 (10)
1985-1988 Benfica 74 (35)
1988-1990 Porto 64 (30)
1990-1994 Benfica 99 (42)
1994-1995 Estrela Amadora 9 (4)
1995 Reggiana 12 (0)
Nazionale
1985-1993 Portogallo Portogallo 31 (10)
Carriera da allenatore
1999-2001 Vitória Setúbal
2003-2006 Braga (Vice)
2014-2016 Capo Verde Capo Verde
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 maggio 2009

José Rui Lopes Águas, meglio conosciuto come Rui Águas (Lisbona, 28 aprile 1960), è un allenatore di calcio ed ex calciatore portoghese.

Anche suo padre José Águas, suo figlio Martim Águas e suo cugino Raul Águas sono o sono stati calciatori.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato con Sesimbra, Atletico de Portugal, Portimonense, Benfica, Porto, Estrela Amadora e Reggiana.

L'esperienza emiliana del portoghese fu particolarmente negativa: giunse ormai anziano e pieno di acciacchi, tant'è che a fine stagione, all'età di 35 anni, decise di ritirarsi[2].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha rappresentato dal 1985 al 1993 la Nazionale portoghese, segnando 10 reti in 31 partite.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha allenato Vitoria Setubal e Braga (da vice).Dal 2014 al 2016 e' stato c.t. della nazionale di calcio Capoverdiana.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Benfica: 1986-1987, 1990-1991, 1993-1994
Porto: 1989-1990
Benfica: 1985-1986, 1986-1987, 1992-1993
Benfica: 1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo su Calciozz.it
  2. ^ Cristian Vitali, Calciobidoni – Non comprate quello straniero, Piano B Edizioni, Giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]