HYDRA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HYDRA
gruppo
Stemma dell'HYDRA.
Stemma dell'HYDRA.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. agosto 1965
1ª app. in Strange Tales (Vol. 1[1]) n. 135
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 6 maggio 1971
app. it. in l'incredibile Devil n. 27
Formazione vedi sotto
« Heil Hydra! »
(Motto dell'HYDRA[2])

L'HYDRA è un'organizzazione terroristica immaginaria dei fumetti creata da Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni), pubblicata dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Strange Tales (Vol. 1[1]) n. 135 (agosto 1965).

Organizzazione criminale acerrima nemica dello S.H.I.E.L.D., fondata durante la seconda guerra mondiale e determinata a conquistare il mondo tramite attività terroristiche e sovversive su vari fronti al fine di instituire un nuovo ordine mondiale di stampo fascista. Nel corso della sua vita editoriale l'HYDRA ha collaborato con diversi supercriminali e dato origine, tramite la scissione di alcune sue branche, a organizzazioni indipendenti quali l'A.I.M.[3][4] e l'Impero Segreto[3][5], entrambe comunque sue affiliate.

Nonostante il nome sia generalmente indicato in caratteri maiuscoli, non è un acronimo ma un riferimento alla mitologica Idra di Lerna[6], come indicato anche dalla versione estesa del loro motto, che recita: «Taglia una testa, altre due prenderanno il suo posto» ("Cut off a head, two more will take its place").

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

L'HYDRA esordisce su Strange Tales n. 135, edito nell'agosto 1965, come una società segreta fondata e diretta da un anonimo uomo d'affari miliardario e, originariamente, il suo ruolo avrebbe dovuto esaurirsi sei numeri dopo, nel febbraio 1966, quando, sulle pagine di Strange Tales n. 141, il suo leader viene smascherato come Arnold Brown e ucciso in uno scontro con lo S.H.I.E.L.D. che, apparentemente, distrugge l'organizzazione. Non molto tempo dopo, tuttavia, l'HYDRA ricompare[7] e le sue origini vengono alterate rivelando sia nata durante la seconda guerra mondiale ad opera del Barone Strucker con il supporto del Teschio Rosso[8], evento che segna una delle prime manovre di ret-con dell'Universo Marvel.

Stranamente, l'inno recitato dagli agenti dell'HYDRA su Strange Tales n. 135, risulta leggerermente diverso da quello divenuto celebre e adottato in tutte le successive versioni, in quanto anziché "head" ("testa") viene detto "limb" ("zampa")[2]:

(EN)

« Hail, Hydra! Immortal Hydra! We shall never be destroyed! Cut off a limb, and two more shall take its place! We serve none but the Master—as the world shall soon serve us! Hail Hydra! »

(IT)

« Hail, Hydra! L'Hydra è immortale! Noi non saremo mai distrutti! Taglia una zampa, altre due prenderanno il suo posto! Noi serviamo solo il padrone—come il mondo presto servirà noi! Hail Hydra! »

Nel maggio 1973, sul terzo numero della rivista Crypt of Shadows, viene ristampata una storia dell'editore Atlas Comics tratta da Menace n. 10 e datata marzo 1954, con una modifica nei dialoghi che ha portato a credere erroneamente tale pubblicazione fosse la prima menzione dell'HYDRA, dato che nella ristampa l'agente segreto che avvicina il dottore protagonista del racconto per comprare la lui una bomba al cobalto, anziché dichiararsi parte di un'inprecisata organizzazione anti-governativa come nell'edizione originale, si dichiara un membro dell'HYDRA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'antesignana dell'HYDRA è una società segreta originatasi nell'Antico Egitto dopo aver respinto un'invasione aliena[9] e che ha fatto perdere ogni traccia di sé durante il Rinascimento[10] per rimanere nell'ombra fino allo scoppio della seconda guerra mondiale quando, approfittando del clima politico, una cabala di giapponesi ultranazionalisti ne assume il controllo formando un'alleanza con la setta ninja della Mano nella speranza di rovesciare l'Impero giapponese instaurando un regime anticomunista[11]; tuttavia il barone Strucker, rifugiatosi in Giappone in quanto condannato a morte dalla Gestapo per i suoi fallimenti[12], assassina il loro leader per poi usurparne il ruolo[11], spostarne le operazioni su un'isola del Pacifico[13], aumentarne le ricchezze tramite il suo bottino nazista e altre razzie[14], incrementarne il livello tecnologico uccidendo e derubando una razza extraterrestre empatica[15], plagiandola sulla base degli ideali nazisti e indirizzandola verso l'obbiettivo del dominio del mondo fondando così l'HYDRA.

Per decenni Strucker ha gestito l'HYDRA da dietro le quinte tramite la facciata di Arnold Brown, presidente delle Imperial Industries usato dal barone come leader fantoccio dell'organizzazione[16], che nel frattempo inizia a scontrarsi sempre più assiduamente con lo S.H.I.E.L.D. e il suo direttore Nick Fury[2] (vecchio nemico di Strucker[17]) il quale riesce a smascherare Brown uccidendolo e portando all'apparente scioglimento dell'organizzazione[16], che tuttavia tempo dopo ritorna a colpire l'agenzia d'intelligence[7] portando a un secondo epocale scontro in cui l'ex-gerarca nazista viene scoperto come vero leader dell'organizzazione e, apparentemente, ucciso[18]. Nonostante ciò, l'HYDRA torna a colpire e, sotto la guida di Madame Hydra, organizza un agguato a Capitan America riuscendo, apparentemente, a ucciderlo[19] sebbene poi, durante il funerale, questi riveli di essere sopravvissuto e riesca ad impedire alla donna e ai suoi agenti di catturare i Vendicatori, Nick Fury e Sharon Carter[20]. Inoltre, varie fazioni differenti si organizzano attaccando separatamente, sia tramite agenti normali che dotati di superpoteri, il governo statunitense, sempre senza successo, e la stessa Donna Ragno (Jessica Drew) inizia a lavorare con loro facendo il triplo gioco con S.H.I.E.L.D. e Vendicatori[21][22][23]. Dopo che il Teschio Rosso resuscita Strucker, questi riassume il controllo dell'organizzazione[15].

Successivamente l'HYDRA stringe un'alleanza con la Mano per uccidere vari supereroi resuscitandoli tramite un processo mistico che li renda assassini ai loro ordini, riuscendo, come prima mossa a fare il lavaggio del cervello a Wolverine[24], che tuttavia riesce infine a ritornare in sè[25] e, grazie all'aiuto di Elektra, vanifica i loro piani e uccide Gorgon[26], usurpatore del ruolo di Strucker che ha, apparentemente, assassinato. A colmare il vuoto lasciato ai vertici dell'organizzazione è Edgar Lascombe, che si mette alla guida di un manipolo di quattro cloni di supereroi (Iron Man, Capitan America, Thor e Occhio di Falco) per assaltare l'immensa falda acquifera di Ogallala venendo tuttavia fermato dall'Uomo Ragno e dai Nuovi Vendicatori[27]. Poco dopo una sottosezione dell'HYDRA contatta la seconda Vedova Nera, l'ex-spia russa Yelena Belova modificandola geneticamente per trasformarla in un Super-Adattoide e inviarla contro i Nuovi Vendicatori[28][29].

Durante la guerra civile dei superumani, approfittando dei disordini nella comunità supereroistica, l'HYDRA offre a Jessica Drew la leadership dell'organizzazione, ma questa si rifiuta unendosi alla fazione anti-registrazione di Capitan America[30], quando si scopre che la supereroina è in realtà stata precedentemente sostituita da un'agente Skrull (addirittura la regina Veranke) in vista della loro invasione segreta[31], il vuoto di potere venutosi nuovamente a creare ai vertici dell'HYDRA peggiora notevolmente e, approfittando di ciò, il giovane membro dell'Iniziativa Hardball, segretamente affiliato all'organizzazione[32], ne assume il comando con un colpo di stato uccidendo il solo membro di alto rango ancora in vita, Arthur Woodman, di fronte ai suoi uomini[33]; la sua leadership ha tuttavia breve durata in quanto, poco dopo, viene arrestato e imprigionato nella Zona Negativa[34].

Strucker, fatto intanto ritorno dopo un lungo periodo passato nell'ombra, riassume il controllo dell'HYDRA si allea con l'H.A.M.M.E.R. dando luogo ad una violenta guerra spionistica con Leviathan e i Secret Warriors[35], che ne escono vincitori sgominando entrambe le organizzazioni terroristiche mentre Fury si occupa personalmente di assassinare Strucker[36]. In seguito è nuovamente Madame Hydra a prendere le redini dell'organizzazione entrando alle dipendenze dell'H.A.M.M.E.R.[37] fino alla caduta di Norman Osborn, dopodiché si appropria dei suoi uomini e delle sue risorse ristabilendo la forza dell'organizzazione[38].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti dell'HYDRA sono suddivisi in una scala gerarchica che va da semplice agente fino a Supremo Hydra, per gli uomini, e Madame Hydra, per le donne. Il massimo organo di comando dell'organizzazione è il Consiglio dell'HYDRA[39], mentre il suo supremo leader e fondatore è il Barone Strucker[13]. Oltre a comuni esseri umani, l'HYDRA si compone anche da numerosi individui con superpoteri, esegue spesso esperimenti genetici sui suoi stessi agenti per potenziarli[40] e collabora di frequente con supercriminali o altre organizzazioni criminose. La divisa caratteristica dei membri dell'HYDRA è una tuta verde, con due bande e una cintura gialle che formano una vistosa "H" sul torace, e una maschera verde con lenti rosse che lascia scoperti solo bocca e mento[2]. Il loro grido di battaglia nonché saluto tipico (ispirato all'Hitlergruß) si esegue sollevando entrambe le braccia ed esclamando: «Heil Hydra!» (in tedesco: "Viva l'Hydra").

I soli requisiti richiesti per diventare un membro dell'HYDRA sono essere un adulto consenziente disposto a sottomettersi a un esame approfondito della storia personale da parte del richiedente e a giurare di rimanere fedele fino alla morte all'organizzazione e ai suoi principi. Pur servendosi spesso di isole[13][41] e strutture volanti[42][43], come quartier generali, l'HYDRA, agendo su scala mondiale, dispone di una vasta quantità di basi in tutto il mondo, inoltre, sotto il loro controllo hanno varie armi viventi create biogeneticamente e note come "Predatori X"[44].

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio dell'HYDRA[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio dell'HYDRA è formato da cinque individui[39]:

Agenti[modifica | modifica wikitesto]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Amalgam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Amalgam Comics.

Nell'universo Amalgam, l'HYDRA è guidata da Lex Luthor (Teschio Verde) e presenta un'uniforme pressoché identica a quella originale, eccetto che le lenti della maschera sono nere invece che rosse[45].

Exiles[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Exiles (Marvel Comics).

In una delle dimensioni alternative visitate dagli Exiles (Terra 1720), l'HYDRA, comandata da Susan Storm (Madame Hydra) e dal suo amante, Wolverine, è riuscita nell'intento di conquistare il mondo e tra i suoi agenti figurano superumani quali Capitan Hydra e Slaymaster[46].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo Ultimate l'HYDRA è un'organizzazione antigovernativa di schieramento politico imprecisato che, tra i suoi affiliati, conta anche Modi (figlio di Thor). Quando Marvin Flumm diviene il nuovo direttore dello S.H.I.E.L.D.[47], essi tentano di controllare mentalmente quest'ultimo affinché uccida il Presidente degli Stati Uniti, e Cassie Lang affinché attacchi Spider-Man[48]; i loro piani vengono tuttavia fermati sia dallo S.H.I.E.L.D. che dagli Ultimates[49] e, successivamente, Nick Fury si infiltra al loro interno con l'alias di "Scorpio"[50].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ a b c d Strange Tales (Vol. 1) n. 135, agosto 1965.
  3. ^ a b Strange Tales (Vol. 1) n. 142, marzo 1966.
  4. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 146, luglio 1966.
  5. ^ Tales to Astonish (Vol. 1) n. 81, luglio 1966.
  6. ^ Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 1) n. 5, maggio 1983.
  7. ^ a b Strange Tales (Vol. 1) n. 150, novembre 1966.
  8. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 156-157, maggio-giugno 1967.
  9. ^ S.H.I.E.L.D. (Vol. 1) n. 1-6, giugno 2010-aprile 2011.
  10. ^ Secret Warriors (Vol. 1) n. 1, aprile 2009.
  11. ^ a b Captain Savage and his Leatherneck Raiders (Vol. 1) n. 2-4, marzo-luglio 1968.
  12. ^ Sgt Fury and his Howling Commandos (Vol. 1) n. 28-29, marzo-aprile 1966.
  13. ^ a b c Strange Tales (Vol. 1) n. 156, maggio 1967.
  14. ^ Uncanny X-Men (Vol. 1) n. 161, settembre 1982.
  15. ^ a b Nick Fury, Agent of S.H.I.E.L.D. (Vol. 3) n. 4, novembre 1989.
  16. ^ a b Strange Tales (Vol. 1) n. 141, febbraio 1966.
  17. ^ Sgt. Fury and his Howling Commandos (Vol. 1) n. 5, gennaio 1964.
  18. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 158, luglio 1967.
  19. ^ Captain America (Vol. 1) n. 111, marzo 1969.
  20. ^ Captain America (Vol. 1) n. 113, maggio 1969.
  21. ^ Marvel Spotlight (Vol. 1) n. 32, febbraio 1977.
  22. ^ Spider-Woman (Vol. 1) n. 1, aprile 1978.
  23. ^ Giant-Size Spider-Woman (Vol. 1) n. 1, settembre 2005.
  24. ^ Wolverine (Vol. 3) n. 20-21, dicembre 2004.
  25. ^ Wolverine (Vol. 3) n. 27, giugno 2005.
  26. ^ Wolverine (Vol. 3) n. 30, settembre 2005.
  27. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 521-524, agosto-novembre 2005.
  28. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 6, giugno 2005.
  29. ^ New Avengers Annual (Vol. 1) n. 1, giugno 2006.
  30. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 23, ottobre 2006.
  31. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 42, agosto 2008.
  32. ^ Avengers: The Initiative Annual (Vol. 1) n. 1, gennaio 2008.
  33. ^ Avengers: The Initiative Special (Vol. 1) n. 1, gennaio 2009.
  34. ^ Avengers: The Initiative (Vol. 1) n. 24, luglio 2009.
  35. ^ Secret Warriors (Vol. 1) n. 2-5, maggio-agosto 2009.
  36. ^ Secret Warriors (Vol. 1) n. 27, luglio 2011.
  37. ^ New Avengers (Vol. 2) n. 18-19, gennaio-febbraio 2012.
  38. ^ Avengers (Vol. 4) n. 24, maggio 2012.
  39. ^ a b Secret Warriors (Vol. 1) n. 2, maggio 2009.
  40. ^ Secret Warriors (Vol. 1) n. 12, marzo 2010.
  41. ^ Heroes for Hire (Vol. 1) n. 12, giugno 1998.
  42. ^ Avengers: The Initiative (Vol. 1) n. 2, luglio 2007.
  43. ^ Captain America (Vol. 6) n. 6, febbraio 2012.
  44. ^ Astonishing Tales (Vol. 2) n. 1-6, aprile-settembre 2009.
  45. ^ Super-Soldier (Vol. 1) n. 1, aprile 1996.
  46. ^ Exiles (Vol. 1) n. 91-94, aprile-luglio 2007.
  47. ^ Ultimate Comics Ultimates (Vol. 1) n. 6, marzo 2012.
  48. ^ Ultimate Comics: Spider-Man (Vol. 2) n. 16, dicembre 2012.
  49. ^ Ultimate Comics: Ultimates (Vol. 1) n. 18, gennaio 2013.
  50. ^ Ultimate Comics: Ultimates (Vol. 1) n. 20-21, marzo-aprile 2013.
  51. ^ (EN) Red Skull's Escape Vehicles (2011), MonsterMinions, 22 luglio 2011. URL consultato il 1º agosto 2011.
  52. ^ (EN) Rebecca Maksel, Captain America and the Horten Brothers, National Air and Space Museum-Smithsonian Institution, 9 agosto 2011. URL consultato il 15 agosto 2011.
  53. ^ (EN) Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., su ABC Studios, 6 aprile 2013. URL consultato il 6 aprile 2013.
  54. ^ (EN) Nellie Andreeva, ABC Greenlights ‘S.H.I.E.L.D’ Marvel Pilot, Joss Whedon To Co-Write & Possibly Direct, su Deadline.com, 28 agosto 2012. URL consultato il 28 agosto 2012.
  55. ^ (EN) Aldrin Calimlim, Thumbs Up, Soldier! Captain America Enters The Avengers Initiative, su AppAdvice, 13 dicembre 2012. URL consultato il 15 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]