Arnim Zola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arnim Zola
Arnim Zola (in alto) disegnato da John Romita Jr.
Arnim Zola (in alto) disegnato da John Romita Jr.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Autore Jack Kirby
Editore Marvel Comics
1ª app. aprile 1977
1ª app. in Captain America and the Falcon (Vol. 1[1]) n. 208
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 26 giugno 1978
app. it. in Thor & Capitan America n. 188
Interpretato da
Voci italiane
Specie androide
Sesso Maschio
Etnia italo-svizzero
Luogo di nascita Monte Weissmies, Svizzera
Abilità
Parenti
  • Ian Zola/Nomad (figlio)
  • Jet Zola/Jet Black (figlia)

Arnim Zola è un personaggio dei fumetti creato da Jack Kirby (testi e disegni) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Captain America and the Falcon[4] (Vol. 1[1]) n. 208 (aprile 1977).

Il dottor Zola è un macabro personaggio dal corpo robotico con un grosso schermo sul petto dove appare l'immagine del suo volto. Malvagio genio della genetica capace di creare in laboratorio creature mostruose manipolando il DNA degli esseri viventi, a differenza di altri supercriminali affronta raramente i propri nemici a viso aperto, preferendo rimanere dietro le quinte a tramare nell'ombra.

Nell'immaginario dell'universo Marvel, grazie ad Arnim Zola, Adolf Hitler è riuscito a sopravvivere fino all'epoca odierna nei panni del Seminatore d'odio.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Monte Weissmies, Svizzera, sul finire dell'ottocento, il geniale biochimico Arnim Zola diviene, nel corso della seconda guerra mondiale, una delle più spietate e brillanti menti al servizio del Terzo Reich nonché, dopo aver ritrovato alcuni documenti dei Devianti, il primo essere umano nella storia a compiere esperimenti nel campo dell'ingegneria genetica. Una delle sue principali creazioni è una macchina capace di replicare un tracciato cerebrale umano impiantandolo in un corpo clonato, cosa che permette a Adolf Hitler di sopravvivere alla guerra divenendo il Seminatore d'odio[5] e a Zola di trapiantare il proprio cervello in un androide con un grosso schermo sul petto nel quale compare il suo volto; aspetto grottesco e inumano che gli ha permesso di vincere lo scorrere del tempo rendendosi "immortale".

Lo scienziato collabora successivamente con il Teschio Rosso, principale finanziatore dei suoi mostruosi esperimenti, dando vita ad esseri come Primus, Doughboy e un uomo-pesce nella giungla del Centro America[6] mentre, in collaborazione col Barone Zemo, trasforma un ragazzo di colore nell'orribile uomo-topo Vermin[7], avversario ricorrente di Capitan America e dell'Uomo Ragno. Dopo i disordini causati da Onslaught, Zola rapisce una serie di adolescenti tra le macerie di New York e li sottopone a esperimenti genetici, una di essi sopravvive divenendo Jolt[8].

Il genetista svolge in seguito un nuovo esperimento unificando i DNA di Basilisk, Ben e May Parker, Bird-Man, Bucky, Cheetah, Cyclone, Gwen Stacy, Kangaroo, Mirage, Porcospino, Red Raven, Ringer, 5 dei Sette di Salem, Turner D. Century e Trottola in un esercito di supersoldati sconfitti poi da Deadpool[9]. Quando il gas che mantiene giovane il Teschio Rosso termina il suo effetto[10] inoltre, Zola clona Capitan America per impiantare in un corpo da supersoldato la coscienza del folle nazista[11].

Arnim Zola ricompare poi come uno dei nove geni supercriminali contattati dalla Bestia degli X-Men per invertire gli effetti della Decimazione[12].

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Civil War (fumetto).

Nell'immediato seguito della guerra civile dei superumani, Zola aiuta il Teschio Rosso a separare la propria coscienza dal corpo di Aleksander Lukin, nel mentre dell'operazione tuttavia, la loro base viene attaccata da una squadra dello S.H.I.E.L.D. guidata dalla Vedova Nera e da Falcon. Nello scontro che ne segue Teschio Rosso rimane bloccato in un corpo robotico simile a quello di Zola, mentre lo scienziato viene apparentemente ucciso dal Gran Direttore[13]. Sopravvissuto trasferendo la sua mente in un nuovo corpo meccanico, Zola si riunisce poi al Teschio e congiura col Dottor Destino per rapire Sharon Carter e riportare nel presente Capitan America, in realtà rimasto bloccato nel continuum spazio-temporale[14]. Il suo piano di trasferire la coscienza del suo capo nel corpo del Capitano tuttavia fallisce nel momento in cui questi riesce a espellerla; di conseguenza Zola è costretto a fuggire[15].

Dimensione Z[modifica | modifica wikitesto]

Rifugiatosi in una realtà parallela denominata "Dimensione Z", dove lo scorrere del tempo è maggiore che sulla Terra, Zola diviene il dominatore del mondo in testa ad un esercito di creature mostruose di sua creazione, inoltre si crea due "figli" geneticamente modificati: Ian e Jet. Quando Capitan America lo raggiunge nella suddetta dimensione, soccorre il piccolo Ian e lo cresce come figlio proprio finché non diviene abbastanza grande da guidare assieme a lui un movimento di rivolta contro la dittatura di Zola. Nel corso della battaglia che ne segue Ian perde la vita e Capitan America torna sulla Terra assieme alla redenta Jet[16], che tempo dopo affronta il "padre", a sua volta fuggito dalla Dimensione Z, insieme a Falcon distruggendo la sua fortezza volante[17].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Arnim Zola è uno dei più grandi geni di biochimica della Terra, specializzato in genetica e clonazione. Egli non solo è capace di creare cloni perfetti di qualsiasi essere vivente, ma addirittura può dar vita a mostri disumani condizionati per obbedire al suo volere.

La sua più grande opera è stata forse quella eseguita su se stesso: egli ha impiantato la sua mente in un corpo meccanico senza testa con uno schermo olografico sul torso in cui viene proiettata l'immagine della sua faccia; tale corpo da androide, oltre a conferirgli maggior forza e resistenza, è sormontato da un dispositivo chiamato "Scatola ESP", che gli conferisce limitati poteri di controllo mentale nonché la capacità di emettere scariche d'energia auto-difensive. Se il suo corpo meccanico viene in qualche modo danneggiato o distrutto, la coscienza di Zola è trasferita automaticamente all'interno di un altro corpo analogo, cosa che gli conferisce una virtuale immortalità[18].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

Nella realtà di Marvel Zombi, Zola è in un gruppo di zombie nazisti distrutti da Dum Dum Dugan con una bomba atomica[19].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimates.

Nell'universo Ultimate Arnim Zola è un perverso genio nazista sconfitto da Capitan America durante la seconda guerra mondiale il cui cervello viene clonato e ibernato dagli scienziati del O.S.S. (Office of Strategic Services) allo scopo di creare nuovi supersoldati[20]. Divenuto un'intelligenza artificiale, Zola torna tormentare il Capitano dopo la battaglia tra gli Ultimates e i Liberatori[21], allo scopo di trasferire la sua mente nel corpo del supersoldato, che riesce tuttavia a sconfiggerlo grazie all'aiuto dell'agente S.H.I.E.L.D. Sam Wilson/Falcon[21].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ a b Nick Fury (film)
  3. ^ a b Marvel Cinematic Universe
  4. ^ Inizialmente con il titolo Captain America (Vol. 1), dal n. 134 (febbraio 1971) la testata diventa Captain America and The Falcon, per tornare di nuovo Captain America (Vol. 1) dal n. 223 (luglio 1978).
  5. ^ Nick Fury, Agent of SHIELD (Vol. 1) n. 9-11, febbraio-aprile 1969.
  6. ^ Captain America (Vol. 1) n. 209, maggio 1977.
  7. ^ Captain America (Vol. 1) n. 272, agosto 1982.
  8. ^ Thunderbolts (Vol. 1) n. 1-4, aprile-luglio 1997.
  9. ^ Deadpool (Vol. 1) n. 0, gennaio 1998.
  10. ^ Captain America (Vol. 1) n. 293-300, maggio-dicembre 1984.
  11. ^ Captain America (Vol. 1) n. 350, febbraio 1989.
  12. ^ X-Men: Endangered Species (vol. 1) n. 1, agosto 2007.
  13. ^ Captain America (Vol. 5) n. 25-42, aprile 2007-novembre 2008.
  14. ^ Captain America (Vol. 1) n. 600, agosto 2009.
  15. ^ Captain America: Reborn (Vol. 1) n. 6, marzo 2010.
  16. ^ Captain America (Vol. 7) n. 1-10, gennaio-ottobre 2013.
  17. ^ Captain America (Vol. 7) n. 24, novembre 2014.
  18. ^ Captain America (Vol. 5) n. 38, luglio 2008.
  19. ^ Marvel Zombies Destroy! (Vol. 1) n. 5, settembre 2012.
  20. ^ Ultimates Annual (Vol. 1) n. 2, ottobre 2006.
  21. ^ a b Ultimates 2 n. 9, gennaio 2006.
  22. ^ Movieplayer.it - Toby Jones nemico di Capitan America, su movieplayer.it. URL consultato il 18 maggio 2010.