Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetti della Puglia centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dialetto apulo-barese)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetti della Puglia.

Dialetti della Puglia centrale
Parlato in Italia Italia
Regioni Puglia Puglia
Basilicata Basilicata
Locutori
Totale circa 2.400.000
Classifica non in top 100
Tassonomia
Filogenesi Indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Dialetti italiani meridionali

Dialetti della Puglia centrale

Statuto ufficiale
Ufficiale in -
Regolato da non ufficialmente da Distinzioni fonetiche nell'Italia Meridionale (Giovan Battista Mancarella)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Declarazióne universàle de le derìtte du òmmene - Art.1 Tùtte le crestiàne nàscene lìbbere e che le stèsse derìtte. Tènnene cervìdde e chescénze e s'hònne a chembertà ccóme ce fuéssere fràte iùne che l'alte.
Idioma apulo-barés.png
Distribuzione geografica del barese
Il dialetto barese (IIIc) nel sistema dei meridionali intermedi

Con dialetti della Puglia centrale[1] si intende una complessa varietà di dialetti la cui origine si è soliti indicare nella città di Bari, definizione in realtà erronea, in quanto essi sono accomunati da una serie di caratteristiche, ognuno con le proprie peculiarità, che li fanno rientrare in un gruppo ben preciso. Le aree interessate sono la zona della Città metropolitana di Bari, la provincia di Barletta-Andria-Trani, la provincia di Taranto e parzialmente la provincia di Brindisi, e nella parte nord-orientale della Basilicata, da 2.400.000 persone circa. A nord ha zone d'influenza nella provincia di Foggia, dove però si parlano i dialetti dauno-appenninici e garganici, che presentano influenze napoletane e abruzzesi.

I dialetti hanno come derivazione comune il latino, spesso nella forma volgarizzata (precursore dell'attuale italiano, con un precedente substrato illirico modificatosi via via nel tempo anche grazie agli apporti linguistici ricevuti dalle popolazioni straniere che si sono avvicendate nell'area geografica interessata: Svevi, Spagnoli, Francesi, Arabi, Greci (durante l'impero bizantino) e Germanici che hanno contribuito a caratterizzarne l'inflessione per molti incomprensibile, soprattutto in relazione al livello fonetico dell'analisi linguistica. È caratterizzato da variazioni percettibili per ogni comune (soprattutto per quanto concerne le vocali accentate e i dittonghi), essendo una varietà linguistica non standardizzata.

Estratti[modifica | modifica wikitesto]

Il Padre Nostro[modifica | modifica wikitesto]

Attàne Néste,
ca stà 'ngìle,
sandefecàte ié u nome tùe,
dange u Régne tùe,
sémbe ca è la volondà tùe,
ccòme 'ngìle acchessí 'ndérre.
Dange pure iòsce u ppàne néste .
e livenge le díbete néste,
come nú le llevàme à l'alde,
e non ne se enducénne 'ndendazióne,
ma líbberene d'o màle,
Amen.

L'Ave Maria[modifica | modifica wikitesto]

Ave Maríe,
chiéne de gràzie,
u Segnòre ié che tté.
Tu si benedétte 'mménze a le fémmene,
e benedétte ié u frutte de la venda toe,
Ggesù.
Sanda Maríe,
màmme de Die,
prìghe pe nú peccatùre,
fine a ll'òre de la morta noste,
Amen.

Diffusione e varianti[modifica | modifica wikitesto]

I dialetti pugliesi centrali comprendono la provincia di Bari e di Barletta-Andria-Trani. A sud viene parlato nella parte settentrionale della Provincia di Taranto (Castellaneta, Ginosa, Laterza, Palagiano, Palagianello, Mottola, Massafra e Crispiano) ed in Valle d'Itria (Fasano, Cisternino e Martina Franca). L'apulo-barese influenza, altresì, i dialetti, detti "di transizione", delle località site in prossimità della soglia messapica (una linea ideale che va da Taranto ad Ostuni passando per Villa Castelli e Ceglie Messapica): al di sotto della soglia messapica si parla il dialetto salentino, eccezion fatta per il dialetto tarantino parlato a Taranto. Influssi del barese sono avvertibili anche nella zona settentrionale della provincia di Potenza, precisamente in alcuni comuni del Vulture (Venosa, Rionero in Vulture, Atella, Melfi) e in quelli della zona ofantina (Lavello, Montemilone). Flebilissimi strati di barese si risentono anche nel Metapontino.

Come scrivere in apulo-barese[modifica | modifica wikitesto]

Per scrivere correttamente il dialetto apulo-barese si tiene conto di alcune indicazioni, conseguenti ad alcune considerazioni: come tutti i dialetti meridionali le vocali atone subiscono un affievolimento, mutando in un'unica e indistinta e muta. Questa vocale si scrive sempre sia perché sonorizza la consonante a cui si accompagna, sia perché la sua omissione molto spesso comporterebbe l'illeggibilità del termine o una parola dal significato diverso e che quindi si pronuncia in modo diverso, per esempio Bar (bar) e Bare (Bari) o rennenèdde (rondinella) e rn'nn'dd (?).

Gli accenti[modifica | modifica wikitesto]

In barese è d'obbligo l'uso degli accenti:

  • accento acuto, usato quando la vocale ha un suono chiuso: é, í, ó, ú;
  • accento grave, usato quando la vocale ha un suono aperto: à, è, ò;

I monosillabi non vanno mai accentati, eccetto alcune eccezioni: à (a, preposizione semplice), mà (mai, avverbio di tempo), ecc.

Gli accenti, inoltre, servono anche per distinguere parole scritte nello stesso modo, che però presentano pronunce diverse.

Dal latino all'apulo-barese[modifica | modifica wikitesto]

Vediamo le principali evoluzioni dal latino volgare al dialetto apulo-barese. È presa in considerazione la variante della città di Bari, tenendo conto che l'evoluzione dei dittonghi e delle vocali spesso sono anche molto diversi tra comuni limitrofi. Per le vocali si possono a grandi linee ritenere valide le seguenti:

  • ă > a (es.: ămylum > àmele, "contenitore di terracotta")
  • ā > á o é (es.: (ad)lixāre > allescià)
  • ĕ > é (es.: dĕcem > dèsce, "dieci") a volte i (es.: mĕdicus > mìdeche, "medico");
  • ē > e > é (es.: sēro > sére, "sera");
  • ĭ > i (es.: ĭmbricem > ìrgeme, "tegola");
  • ī > í (es.: īre > scí, "andare");
  • ŏ > (es.: fŏcus > fuéche, "fuoco"), meno di frequente o (es.: nŏvem > nóve, "nove");
  • ō > au > ó (es.: carbōnem > carvóne, "carbone");
  • ŭ > ù (es.: mŭstaceus > mustazzélle, "dolce tipico preparato con mosto")
  • ū > ú (es.: mus + trillus > mustrìlle, "trappola per topi").
  • ae / oe > gli esiti dimostrano che questi dittonghi vennero recepiti come ĕ (es.: coelum > cìle, "cielo");
  • au > tende a chiudersi in o (es.: aurum > òre, "oro");

I risultati riportati riguardano la maggior parte degli esiti, ma non sono comprensivi di eccezioni. Questi cambiamenti devono essere interpretati come occorrenti solo in sillabe toniche e non tengono conto degli svariati cambiamenti prodotti in quelle atone, che possono però riassumersi essenzialmente così:

  • tutte le vocali (compresi i dittonghi) diventano nella maggior parte dei casi un'indistinta e IPA: [ə] soprattutto in fine di parola;
  • la ŏ tende ad e muta (es.: *cond+sare > conzare > chenzà = "condire");
  • la ŭ tende a scomparire (es.: cicercŭla > *cicer-cl-a > cecérchie, "tipo di legume"; notare che il nesso latino cl passa sempre in ch, es. cl-avis (chiave) > chié);

L'evoluzione delle consonanti e dei nessi consonantici è più articolata e in alcuni casi, che saranno indicati, continuano tendenze già tipiche del latino. Per facilità i nessi saranno trattati a parte:

  • b > resta b quando seguita da consonante o semiconsonante (es.: blancus > biánghe o viánghe, "bianco");
  • c > davanti ai suoni /a/, /o/ ed /u/ e consonantici resta c (es.: casa > càse, "casa"); davanti ai suoni /e/, /i/ ed /ə/ si palatalizza con esiti diversi tra c e sc (es.: macinula > macélene; lucem > lusce, "luce");
  • d > di solito resta d indipendentemente da cosa segua (es.: *diaboliculus > diauìcchie, "peperoncino"), mentre tende ad assimilarsi in n quando preceduta da un'altra n (es.: quando > quanne, "quando"). Solitamente dopo la consonante l e prima di una e muta o di una consonante r si pronuncia desonorizzata (es.: solidus > sòlde, "soldo"), ma nella scrittura non si differenzia questa variazione di suono;
  • f > resta f in tutte le posizioni (es.: frixorium > fresóle, "padella");
  • g > a differenza di moltri altri suoni consonantici, molto frequente nella zona murgiana, in particolare nei comuni di Altamura e Gravina in Puglia, dal latino possiamo sottolineare il nesso gl seguito da a che si trasforma in gn (es.: *glandula > gnàgnele, "ghianda"); nel barese l'esito resta tale, come in italiano (es. *ghianda > ghiande).
  • h > si perde completamente (es.: hora > ore, "ora");
  • j > laddove in latino compariva una i semiconsonantica (j in latino volgare) abbiamo in barese una g o sc (es.: iovis dies > giovedì, "giovedì"), ma la questione è controversa, perché il fatto che spesso tale evoluzione riguarda anche la ī vocalica (es.: gītus/jitus > sciúte, "andato") potrebbe essere indice del fatto che in realtà nel dialetto ci si sia rifatti a espressioni italiane anche volgari come giovedì e gito;
  • l > è una delle consonanti più instabili nel passaggio, i suoi esiti sono tre e tutti estremamente diversi tra loro: l (es.: lingua > lènghe/lèngue, "lingua"), d (es.: caballus > cavádde, "cavallo"). Resta l se iniziale o assieme ad altre consonanti, quando doppia ed intervocalica, soprattutto nei suffissi -allus, -ellus, -illus, -ollus ed -ullus, tende a d nel singolare e a r nel plurale (es.: *anillus > anìdde, "anello");
  • m > non subisce particolari variazioni (es.: moribundus > marabbónne, "campana che suona durante la celebrazione di un funerale");
  • n > come per la m, non subisce alterazioni consistenti, ma nei nessi consonantici genera trasformazioni varie;
  • p > resta di solito p (es.: patiens > pacce, "pazzo");
  • q > non subisce particolari trasformazioni;
  • r > resta praticamente invariata (es.: rex > , "re");
  • s > di solito rimane s (es.: sartaginem > sartàscene, "padella", nei dialetti della zona murgiana); la s finale cade (es.: cras > cré, "domani");
  • t > resta tale , ma spesso muta la sua pronuncia sonorizzandosi. Ciò avviene soprattutto dopo la l (es.: Altus Murus > Ialtamuéure, "Altamura"); segue l'italiano nella trasformazione in precise condizioni in z (es.: amicitia > amecízie, "amicizia");
  • v > gli esiti più evidenti sono v e f.

Differenze tra italiano e apulo-barese[modifica | modifica wikitesto]

In genere le parole che passano dall'italiano al barese tendono a semplificare la loro pronuncia. Questa semplificazione passa anche attraverso l'utilizzo di un suono introduttivo che è quasi sempre i (es.: erba > iérve) e che si usa in moltissime parole che iniziano per vocale. Questa semivocale cade nel momento in cui la parola viene preceduta da un articolo (es.: l'erba > l'érve) e le parole che cominciano per i non subiscono il fenomeno (es.: imbricem > ìrgeme [termine della zona murgiana e non presente nel barese puro]). In alcuni casi, comunque solo se la parola comincia per vocale, può capitare che non venga preceduta da i e che trasformi la sua vocale iniziale in a.

Segue un breve elenco delle maggiori trasformazioni dall'italiano al barese, escludendo come per il paragrafo precedente eccezioni e casi particolari:

  • aio/aia > ère (es.: notaio > nutére), in realtà è stato l'italiano a perdere la r originaria latina;
  • cce/cci > zze (es.: salsiccia > salzìzze);
  • g > quando iniziale diviene spesso i (es.: gamba > iàmme). Davanti ai dittonghi ua e ue cade (es.: guerra > uérre), ma questo può essere anche effetto della provenienza germanica di queste parole (si confronti guerra con war inglese e uèrre barese). Spesso g(g) diventa sc (es.: leggere > lésce). Il gruppo gli diventa gghie (es.: aglio > uàgghie);
  • i > tende a cadere quando iniziale (es.: imparare > mbará o mbaré; innamorato > nnammuráte o nnamuréte);
  • p > spesso invariata, si sonorizza dopo nasale (es.: impossibile > mbossìbbele).

I nessi consonantici in apulo-barese[modifica | modifica wikitesto]

I nessi consonantici che vengono affrontati in questo paragrafo sono considerati indipendentemente dalla loro provenienza latina o italiana.

  • il nesso cl > chi (es.: *cicercla > cecérchie);
  • i nessi nb e np > mb (es.: in braccio > 'mbrazze o nvrazze; in piedi > nbite);
  • il nesso nd > nn (es.: quando > quanne);
  • i nessi ng e nq > ng(u) (es.: in cielo > ngile; in corpo > nguérpe);
  • i nessi nf e nv > mb (es.: inferno > mbirne; invece > mbésce);
  • il nesso nm > mm (es.: in mezzo > nmènze);
  • il nesso ns > nz (es.: *in sursum > nzuse);
  • il nesso nt > nd (es.: quanto > quande);
  • il nesso pl (latino) / pi (italiano) > chi (es.: pluvere / piovere > chiòve);
  • il nesso tl > cl.

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Gli articoli determinativi e indeterminativi[modifica | modifica wikitesto]

Gli articoli: determinativi e indeterminativi
Maschile singolare Femminile singolare Plurale
determinativi u, lu, l' 'a, la, l' i, li, le, l'
indeterminativi nu, n' na, n'

Il plurale[modifica | modifica wikitesto]

Molti sostantivi sono invariabili: (cambia solo l'articolo)

  • u cane [il cane] - le cane [i cani]
  • la cerase [la ciliegia] - le cerase [le ciliegie]

Altri formano il plurale in -re:

  • case [casa] - casere [case]
  • iarve [albero] - iàrvele [alberi]

Altri plurali sono metafonetici:

  • mése [mese] - mise [mesi]
  • uagnone [ragazzo] - uagnune [ragazzi]

Altri ancora sono sia metafonetici che con il finale in -re:

  • sóre [sorella] - serure [sorelle]
  • paise [paese] - paiésere [paesi]

Il femminile[modifica | modifica wikitesto]

Per il femminile molti aggettivi e sostantivi mutano le vocali interne, altri restano invariati:

  • russe [rosso] - rosse [rossa]
  • serùche [suocero] - seròche [suocera]
  • gnure [nero] - gnore [nera]

Il vocativo[modifica | modifica wikitesto]

Per i nomi esiste una distinzione a due casi: nominativo (soggetto) e vocativo (complemento di vocazione).

Per formare il vocativo, il barese tronca la parola al nominativo singolare o, in rari casi, la altera, o adopera l'articolo determinativo preposto al vocativo, e.g. la nò 'nonna!'. Il vocativo plurale, invece, è quasi sempre identico al nominativo plurale.

Mamma:

Caso Singolare Plurale
Nominativo màmme màmmere
Vocativo

Ragazzo:

Caso Singolare Plurale
Nominativo uagnòne uagnùne
Vocativo uagliò uagnù

Nonna:

Caso Singolare Plurale
Nominativo nònne nònnere
Vocativo

Zio:

Caso Singolare Plurale
Nominativo ziàne ziàne
Vocativo zzì

I pronomi[modifica | modifica wikitesto]

I dimostrativi: aggettivi e pronomi
Maschile singolare Femminile singolare Plurale
Questo/a/i/e cusse chésse/chéssa chisse
Quello/a/i/e cudde chédde/chédda chidde
Pronomi personali soggetto, complemento, termine, misti e di vocazione
Caso 1a persona sing. 2a persona sing. 3a persona sing. m. 3a persona sing. f. 1a persona plur. 2a persona plur. 3a persona plur.
Nominativo tu iìdde iédde lore
Accusativo tonico me te se, ù se, la ce ve se
Accusativo atono me te le le ce ve le
Dativo atono me te ce, nge ce, nge ce ve ce, nge
Dativo+Accusativo m'ù (me u)) t'ù(te u) s'ù(se u), ch'ù(che u), ng'ù(nge u) s'ù(se u), che la, nge la ch'ù(che u) v'ù(ve u) s'ù(se u)
Genitivo - - ne ne - - ne
Strumentale - - nge nge - - nge
Vocativo - a tté / a tte - - - a vvù -

Come forma di cortesia, per esempio quando ci si trova di fronte a una persona più anziana alla quale bisogna dare rispetto, si utilizza il sostantivo u méste/mé' (signore) se ci riferiamo ad un uomo o la signó/la signóre/la segnó se ci riferiamo ad una donna. Alcune volte anche utilizzato in tono scherzoso.

I pronomi relativi sono:

  • ce [chi];
  • ca [il quale, la quale, i quali, le quali, di cui, a cui].

Per esempio:

  • Ce ssi ttu? [chi sei?];
  • La segnore ca so acchiàte aiíre [la signora che ho visto ieri];
  • Le libbre ca tu me si parlàte [i libri di cui mi hai parlato].

I possessivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli aggettivi possessivi e i pronomi possessivi sono questi elencati nella seguente tabella:

Possessivi
Persona Maschile singolare Femminile singolare Plurale indistinto Forma enclitica
1a singolare mìe/mi mìe/mi -me
2a singolare tù tò/tò -te
3a singolare sùie/su sòie/so sùie, sòie/sù, sò' -se
1a plurale nèste/nuste nostre nèste/nuste -
2a plurale véste vostre vuéste -
3a plurale llore llore llore -se

In dialetto barese l'aggettivo possessivo va sempre dopo il nome al quale si riferisce.

  • la màchen'a mé [la mia automobile] (si noti che per vocalizzazione dell'articolo femm. la in 'a, esso si pone sistematicamente in fine di parola (sempre al femminile, al maschile non accade) al fine di ribadire l'oggetto, quindi come traduzione letterale avremo la macchina quella mia che in barese risulta in la machen'a; stessa cosa per gli altri possessivi, ad esempio la pentola tua=sost. sartàscene [lat. sartago, -ginis], > la sartàscene > la sartàscen'a tò/tòie).

Altra caratteristica di questo dialetto è anche la forma enclitica del possessivo tramite suffissi, che però è limitata solamente alle persone:

  • attàne-me [mio padre];
  • màme-te [tua madre];
  • sòre-te [tua sorella];
  • fràt-te [tuo fratello];

e via dicendo.

Preposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le preposizioni semplici sono:

  • de [di];
  • à [a];
  • da [da];
  • iìnde ('nde; 'n) [in];
  • che [con];
  • suse/sope [su];
  • pe [per];
  • 'mménze, ndra [tra, fra].

Possono fare anche da preposizioni:

  • sotte [sotto];
  • abbàsce/sotte [sotto, giù].
Preposizioni articolate
u la le
de d'u de la de le
á o' à lla à lle
da d'u da lla da lle
iìnde iìnde u/nde u iìnde la/nde a lla iìnde le/iìnde à lle/nde à lle/nde le
che c'u che lla che lle
suse suse u/sus'u suse á/sus'á suse le
pe' pe u pe lla pe lle

Le principali locuzioni prepositive sono:

  • da ddo, da ddè > di qua, di là;
  • nzime cche, nzime à > insieme a;
  • fine à/finghe à > fino a;
  • sènze > senza (anche se non è una locuzione);
  • pe ccolpe de > a causa di.

Ca e Che[modifica | modifica wikitesto]

Ca (lat. quia) può avere valore di:

  • preposizione relativa: vogghe a accàtte u prime ca iàcchie. [comprerò il primo che trovo];
  • congiunzione:
    • nella proposizione dichiarativa: u sacce ca ié nu buéne uagnóne. [so che è un bravo ragazzo];
    • nella preposizione consecutiva: téne nu sàcche de llibbre ca la casa sò pare na bibliotéche. [ha tanti libri che la sua casa sembra una biblioteca];
  • introdurre il secondo termine di paragone: iéve chiú la fòdde ca u rèste. [era più la folla che il resto].
  • preposizione troncata: tagghià ch'u chertídde. [tagliare col coltello] (troncato)

Che (lat. quem) può avere valore di:

  • nelle proposizioni finali: veléve che iére chiú iàlte [avrei voluto essere più alto];
  • nelle proposizioni concessive: bàste ca pàghe [basta che paghi];

Il partitivo in barese non esiste, e per tradurlo vengono adoperate due forme:

  • nu picche [un poco];
  • à mmuzze [a morsi "mozzichi", un poco];
  • do [due].

Nella zona murgiana si registrano tali forme:

  • nu mùrse/nu muérse de (lett. un morso di, trad. un po dì)

Congiunzioni, negazioni ed affermazioni[modifica | modifica wikitesto]

Segue l'elenco delle principali congiunzioni del barese:

  • e, "e(d)";
  • o, "o(ppure)";
  • ma, "ma";
  • pérò, "però";
  • ca, "che";
  • ce/si, "se";
  • percé/peccé, "perché";
  • come/accóme, "come";
  • acchessí, "così";
  • abbàste ca po, "purché";
  • abbàste ca nan, "purché non";
  • tande ... ca ..., "tanto ... che ...".

Qui troviamo le principali negazioni e affermazioni:

  • none, "no";
  • nan/non, "non" (la n finale modifica in alcuni casi l'iniziale della parola successiva per un fenomeno di sandhi, es.: nan pozze > nan bozze);
  • mè/mà, "mai";
  • sí/sine, "sì";
  • cèrte, "certo";
  • securaménde, "sicuramente";
  • sènze méne, "certamente".

Comparativo di maggioranza, minoranza e uguaglianza[modifica | modifica wikitesto]

  • Comparativo di maggioranza: Soggetto + verbo essere + chiù + aggettivo + de + ...

Es.: Te véde chiù nzìste de cudde ppe ffatié. (Ti vedo più adatto rispetto a codesto per lavorare).

  • Comparativo di minoranza: Soggetto + verbo essere + méne + aggettivo + de + ...

Es.: Maríe ié mméne gròsse de Nenétte. (Maria è meno grossa di Antonietta).

  • Comparativo di ugualianza: Soggetto + verbo essere + aggettivo + come + ...

Es.: Ziànete ié bbélle come a la mì. (Tua zia è bella come la mia).

Verbi[modifica | modifica wikitesto]

Prima coniugazione: verbo mangiare

Variante del sud-est barese

MANGIÈ
presente imperfetto perfetto presente

continuato

finito

presente

continuato

non finito

imperfetto

continuato

finito

imperfetto

continuato

non finito

passato

compiuto

futuro proibitivo
mangeche mangiàie mangíbbe stoche a mmangeche voche mangianne stè mmangiàie sciàie mangiànne hé mangéte hé mmangé / égghie a mmangé -
mange mangive mangíste stè mmange vè mangianne stè mmangive scive mangianne ha mangéte ha mmangé nan sí mmangianne
Iídde

Iédde

mange mangiàie mangí sté mmange vé mangiànne sté mmangiàie sciàie mangianne ho mangéte ho mmangé / hove a mmangé nan scésse mangianne
mangéme mangéreme mangémme sté mmangéme sciéme mangiànne sté mmangéreme scéreme mangiànne ame mangéte ame a mmangé nan sime mangiànne
mangète mangíreve mangísteve sté mmangéte sciéte mangiànne sté mmangíreve scíreve mangiànne hate mangiéte hate a mmangè nan site mangiànne
Lóre màngene mangévene mangérene stonne a mmàngene vonne mangiànne sté mmangèvene scévene mangianne honne mangéte honne a mmangé nan scéssere mangiànne

Dialetto barese

MANGIÀ
presente imperfetto futuro
mànge mangiàve hi a mangià
tu mange mangiàve hade a mmangià
iìdde/iédde mange mangiàve have a mangià
mangiàme' mangiàveme avime a mangià
mangiàte mangiàve avite a mangià
lore màngiene mangiàvene hanne a mangià
Seconda coniugazione: verbo sentire

Variante del sud-est barese

SÈNDE
presente imperfetto perfetto presente

continuato

finito

presente

continuato

non finito

imperfetto

continuato

finito

imperfetto

continuato

non finito

passato

compiuto

futuro proibitivo
sèndeche sendai sendíbbe stoche a ssèndeche voche sendènne stè ssendai sciai sendènne è sendute è ssènde / ègghje a ssènde -
sínde sendive sendíste stè ssínde vè sendènne stè ssendive scive sendènne a sendute a ssènde nan sí sendènne
Iídde

Iédde

sènde sendai sendí stè ssènde vè sendènne stè ssendai sciai sendènne o sendute o ssènde / ove a ssènde nan scèsse sendènne
sendime sendèreme sendèmme stè sendime scème sendènne stè ssendèreme scèreme sendènne ame sendute ame a ssènde nan sime sendènne
sendite sendíreve sendísteve stè ssendite scète sendènne stè ssendíreve scíreve sendènne ate sendute ate a ssènde nan site sendènne
Lóre sèndene sendèvene sendèrene stonne a ssèndene vonne sendènne stè ssendèvene scèvene sendènne onne sendute onne a ssènde nan scèssere sendènne

Variante della città di Bari

SÈNDE
presente imperfetto futuro
sènde sendéve hi a sènde
Tu sínde sendéve hade a sènde
Iìdde/iédde sènde sendéve have a sènde
sendime sendéveme avíme a sènde
sendite sendíve avíte a sènde
lore sèndene sendévene hanne a sènde

In barese i verbi si differenziano in quattro coniugazioni: , -è, -ì, -e. Nella zona murgiana, però, i verbi di prima coniugazione escono spesso in -è.

Modo indicativo[modifica | modifica wikitesto]

Le desinenze per formare l’indicativo presente sono:

  • prima coniugazione: -eche, -e, -e, àme/éme, -àte/éte, -ene;
  • seconda coniugazione: -echee, -e, -e, -íme, -íte, -ene.

Il presente continuato nei dialetti apulo-baresi si forma con l'indicativo presente del verbo stare + a + verbo all'infinito (che può assomigliare alle forme del presente, per esempio fernésce).

  • stogghe a ffà - sto facendo

Tuttavia, a Bari e, in diverse misure, nei dialetti dell'hinterland, si è affermato il costrutto stare + a + verbo all'indicativo presente (più comune nella seconda e terza persona singolare a nord della zona apulo-barese, mentre viene usato in più persone grammaticali nei dialetti più a sud).

  • stà a stùdie - sta/stai studiando
  • stà (a) sséne - stai suonando
  • stà (a) ssòne - sta suonando

Nell’imperfetto troviamo le seguenti desinenze:

  • prima coniugazione: -àve, -àve, -àve, -àme, -àte, -àvene
  • seconda coniugazione: -éve, -éve, -éve, -èmme, -íve, -èvene

Il passato prossimo presenta la formazione seguente: ausiliare èsse/avé al presente + participio passato del verbo.

  • accattá/é (comprare): iì sò accattàte, tu si accattàte, ìidde/iédde hav'accattàte, nú sime accattàte, vú site accattàte, lore sònde accattàte.

Lo stesso accade per trapassato prossimo e trapassato remoto. Esempio:

  • iì avéve acchiàte - avevo trovato
  • iì fuébbe mbregghiáte - ebbi imbrogliato

Per il tempo perfetto le desinenze sono:

  • prima coniugazione: -éve, -àste, -ò, -àmme, -àste, -àrene;
  • seconda coniugazione: -íve, -íste, -í, -èmme, -íste, -érene.

Per formare il futuro bisogna ricorrere all'ausiliare avé (avere, dovere) al futuro. Verbo avé al futuro + à + verbo all'infinito.

  • canòsce (conoscere): iì hì à ccanósce, tu hadde a ccanósce, iìdde/iédde have a ccanòsce, nú avíme à ccanósce, vú avíte à ccanósce, lore hanne à ccanósce.

Modo congiuntivo[modifica | modifica wikitesto]

Il congiuntivo imperfetto ha delle desinenze proprie:

  • prima coniugazione: -àsse, -àsse, -àsse, -àmme, -àste, -àssere;
  • seconda coniugazione: -èsse, -èsse, -èsse, -èmme, -íste, -èssere.

Modo condizionale[modifica | modifica wikitesto]

Il modo condizionale, inesistente, viene sostituito con l'uso dell’imperfetto indicativo o dell’imperfetto congiuntivo.

  • Veléve scí o cineme - Vorrei andare al cinema;
  • Velésse vené pure iì - Vorrei venire anche io.

Nei dialetti murgiani si può presentare anche sotto la forma vulàie o vulisse.

Modo imperativo[modifica | modifica wikitesto]

L'imperativo è formato semplicemente con l'aggiunta della desinenza -e per la seconda persona singolare, -àme o -íme per la prima persona plurale, e -àte o -íte per la seconda persona plurale davanti all'infinito del verbo: chiamínde! - guarda!

  • sciàme! - andiamo! (viene molte volte usato anche sciamanínne / andiamocene)
  • venite! - venite!

Modo proibitivo[modifica | modifica wikitesto]

Il proibitivo è utilizzato per vietare un'azione o anche in forma di semplice negazione. Viene utilizzato per la seconda persona singolare e per la prima e seconda persona plurale. Si ottiene con la forma nan + indicativo presente del verbo essere + verbo al gerundio. Ad esempio:

  • Nan si scénne - non andare
  • Nan site scénne - non andate
  • Nan sime scénne - non andiamo

Modo gerundio[modifica | modifica wikitesto]

Il gerundio si ottiene dall'aggiunta della desinenza -ànne per i verbi del primo gruppo e -ènne per i verbi del secondo davanti alla forma infinita del verbo:

  • ndrepequànne - cadendo
  • fescénne - correndo
  • sendénne - sentendo
  • senànne - suonando

Modo participio[modifica | modifica wikitesto]

Il participio passato è formato con l'aggiunta del suffisso -àte per i verbi appartenenti al primo gruppo e del suffisso -úte per i verbi appartenenti al secondo. Tuttavia vi sono anche participi passati uscenti in -ste:

  • viste - visto
  • arremàse - rimasto
  • sciúte - andato

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

In particolare in ambito poetico ci sono autori che hanno prodotto opere di pregio in dialetto barese; tra questi spiccano Francesco Saverio Abbrescia, Antonio Nitti, Davide Lopez e, più recentemente, Alfredo Giovine, Vito Maurogiovanni.[2]

Varianti locali[modifica | modifica wikitesto]

In provincia esistono numerose varianti locali che, allontanandosi gradualmente dal capoluogo, presentano mutamenti fonetici e nella costruzione sintattica della frase, a volte anche netti, con inflessioni dovute al contatto con altri dialetti: si definiscono tali come dialetti di transizione, ne sono esempi i dialetti dell'entroterra murgiano, o della fascia confinante con la provincia tarantina. Eccone alcuni esempi.

Chi è?

Che vuoi?

Come te lo devo dire?

Hai comprato la frutta?

Ce ne andiamo in villa?

  • Barese: ' 'Nge n'amme a sscí à lla ville?
  • Acquavivese: N'amme a scì ò giardine? (ad Acquaviva delle Fonti si utilizza la parola "giardino" (giardini pubblici) per riferirsi alla villa)
  • Coratino e Turese: N'amme à sscí à lla ville?
  • Altamurano: N'amme a ggì 'mmènze à lla ville?
  • Andriese: N'amme a sciòie à lla vélle?
  • Barlettano: ' 'Nge n'amme a sscí à vville?
  • Biscegliese: N'émme a sscé à la ville (palazzìne)?
  • Bitettese: N'amme a ssciàie à lla ville?
  • Bitontino: N'amme a ssciòie 'nd'à lla ville?
  • Canosino: N'amme a sscí nde à lla ville?
  • Conversanese: 'Nge n'amme a sscí nde a lla ville?
  • Coratino: N'amme a sscí nde a la ville?
  • Giovinazzese: N'amme a sscé 'nville?
  • Gravinese: N'amme a sscí mménze à la ville?
  • Grumese: N'amme a sscí (e)n ville?
  • Minervinese: N'imme a scéie à lla ville? (ma a Minervino Murge non si utilizza il termine villa, bensì Faro, da cui: N'ìmme a sscéie o' fàre?)
  • Molese: N'amme a sscé à lla vélle?
  • Molfettese: N'amme a sciàie à lla ville?
  • Nocese: N'ame a sscí en vílle?
  • Palese: N'amme a sciòie à lla ville?
  • Polignanese: N'amm'à sciú 'mminze 'a cchiazze?
  • Putignanese: Amme a scéie mmìnze o còrse? (a Putignano si è soliti passeggiare su Corso Umberto I)
  • Rutiglianese: Ma scí sotte 'a ville?
  • Ruvese: Ne ssciòme à lla ville?
  • Sammichelino: Ne amme a sscí nde a vville?/N'amme a sscí (e)n ville?
  • Santermano: Ma scí abbasc'a ville?" o "N'ma scí abbasc'a ville? (a Santeramo si dice correntemente "giù in villa" per riferirsi alla villa comunale)
  • Terlizzese: N'amme a scéie mménze a vélle?
  • Tranese: 'Nge n'amme a sscé nde a la ville?

Non si vede il treno

C'è solamente una padella

Avverbi di luogo[modifica | modifica wikitesto]

  • do', "qui"
  • dà / dè, "là";
  • addove / addó, "dove";
  • abbàsce / ndérre, "giù";
  • sotte, "sotto";
  • fòre / lla ffòre, "fuori" (ma anche "in campagna");
  • nnanze / da nànze, "davanti";
  • de rembétte, /de fronde, mbacce, "di fronte";
  • apprísse, "appresso";
  • ndràte, "indietro";
  • vecìne, "vicino";
  • lendàne, "lontano";
  • atterne, "attorno".
  • mmére, "dalle parti di..."

Avverbi di tempo[modifica | modifica wikitesto]

  • iosce, "oggi";
  • aìre, "ieri";
  • nustérze (variante murgiana) "avantieri"
  • la iòsce, "pomeriggio";
  • crà, "domani";
  • pescrà, "dopodomani";
  • poscrà, "il giorno successivo a dopodomani";
  • de matíne, "di mattina";
  • de di, "di giorno";
  • de sére, "di sera";
  • de notte, "di notte";
  • sémbe, "sempre";
  • mo', "ora, adesso";
  • po', "poi";
  • mo ppùnde, "proprio ora";
  • sùbete, "subito";
  • tarde, "tardi";
  • angóre, "ancora";
  • tanne/quanne iére u timbe, "allora, all'epoca";
  • mbríme, "prima";
  • da mo nanze, "da adesso in avanti";
  • mo iéve, "ne è passato di tempo"

Avverbi di quantità[modifica | modifica wikitesto]

  • assà / assé, "molto";
  • chiú, "più";
  • méne, "meno";
  • troppe, "troppo";
  • picche, "poco";
  • n'ogne, "un poco"
  • nudde, "niente";
  • pe nnudda nudde, "nient'affatto".

Locuzioni avverbiali[modifica | modifica wikitesto]

  • da ssòpe / pure u rréste amme a

avé, "per giunta";

  • à ttutte vanne, "dovunque";
  • come à nna saiétte, "velocemente";
  • o scure , "senza luce, al buio";
  • non zia mà , "non sia mai";
  • mo mo, "or ora";
  • à 'mmane à 'mmane , "man mano";
  • bélle bélle, "pian piano";
  • fescénne fescénne, "in fretta e furia";
  • a ccuérte a ccuérte, "per la via più breve".
  • a dritte e a térte , "bene o male"

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Vocaboli di origine araba[modifica | modifica wikitesto]

  • uagliò > ualad [ragazzo]

Vocaboli di origine greca[modifica | modifica wikitesto]

  • cùchele > κυκλος (kyklos) [focaccia di forma circolare, appunto "ciclo"]; anche nel dialetto lucano.
  • àmele > αμυλον (amylon) [contenitore di terracotta]
  • dò, addò > εδω (edò) [qui];
  • remmàte > απορρηματα (aporrìmata) [immondizia];
  • cèndre > κέντρον (kèntron) [chiodo];
  • ceràse > κεράσιον (keràsion) [ciliegia];
  • amínue > αμυγδαλο [mandorla];
  • pedresíne > πετροσελινον (petroselinon) [prezzemolo]
  • Nà! > Να! [ecco!]

Vocaboli di origine latina[modifica | modifica wikitesto]

  • scí > latino ire, italiano volgare gire
  • cícere > cicer [cece];
  • crà > cras [domani];
  • díscete > digitum [dito];
  • descetà > oscitare [svegliare];
  • mò > mox [adesso, subito];
  • pescrà > post cras [dopodomani];
  • prévete > presbiter [prete];
  • fasúle > phaseolus [fagiolo]
  • mestàzze/mustàzze > mystax [baffi];
  • accattà/é > accaptare [comprare];.

Vocaboli di origine francese[modifica | modifica wikitesto]

  • palde/palte > poche [tasca];
  • tirabusciò > Tire-bouchon [cavatappi];
  • buatta > Boîte [barattolo di latta].

Vocaboli - Espressioni di origine spagnola[modifica | modifica wikitesto]

  • vràzze > bràzo (vràso) [braccio];
  • criatùre > criatura [figlio, prole, creatura];
  • amménde > almendra [mandorla];
  • auànde > aguantar [prendere, mantenere];
  • recchiò > maricòn [omosessuale];
  • suste > susto [angoscia];
  • marànge > naranja [arancia].
  • strepiàte > estropeado [rotto, danneggiato];
  • sparatràppe > esparadrapo [cerotto];
  • "stogghe de féste" > estar de fiesta [in entrambi in casi vuol dire festività importante,in paese o in famiglia]
  • aìre > ayer [ieri]
  • tavúte > gr. vb. thàpto - seppellire;

Lemmi[modifica | modifica wikitesto]

Apulo-barese Italiano Provenienza Lingua d'origine
Abbàsce giù abajo / a baix (pron. a bash) / abaixo spagnolo / catalano / portoghese
muíne adulazione amoïnar catalano
Alla ppéte a piedi a pé portoghese
Acídde uccello augellum latino
Aíre ieri ayer spagnolo
Buàtte barattolo boîte francese
Cape de zzì Vengìnze nullatenente caput sine censu latino
Papàle papàle camminata lenta παπελε παπελε (papel papel=un passo dopo l'altro) Greco antico
Cazítte calza chaussette francese
Cceràse ciliegia cerasum latino
Checchiàre cucchiaio cuchara spagnolo
Fenéstre finestra fenestra latino
Allassà lasciare laxare latino
Lénghe lingua lengua spagnolo
Mesàle tovaglia da tavolo mesa spagnolo
Mestazze baffi mystax latino
Pedresíne prezzemolo petroselinum latino
Arellògge orologio reloj / rellotge spagnolo / catalano
Semàne settimana semaine (pron. seméne) francese
Séggie sedia silla spagnolo
Sparatràppe cerotto esparadrapo
sparadrap
esparadrap
spagnolo
francese
catalano
Sparàgne risparmio épargne francese
Tavúte bara ataùd

taut
θάπτω

spagnolo

arabo
greco

Tirabbusciò cavatappi tire-bouchon francese

Influenze latine[modifica | modifica wikitesto]

La quasi totalità dei vocaboli presenti nel barese, in quanto lingua romanza, è di origine latina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Giacinto Spagnoletti, La Puglia e i suoi poeti dialettali, su bpp.it. URL consultato il 14 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Loporcaro, Grammatica storica del dialetto di Altamura, Pisa, Ist. Editoriali e Poligrafici, 1988.
  • Bari fra dialetto e poesia, Caratù Pasquale, Daniele M. Pegorari, Rubano Anna, Palomar, 2008.
  • Vocabolario dialettale barese, Barracano Vito, Adda, 2000.
  • D'Amaro, Sergio. "Apulia"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Puglia